44.284.156
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA STAMPA TEDESCA DIVULGA NOTIZIE MOLTO ALLARMANTI SUL SISTEMA BANCARIO DELLA GERMANIA (GIGANTE COI PIEDI D'ARGILLA)

martedì 27 maggio 2014

BERLINO - A tre giorni dalle elezioni europee, la stampa tedesca ha iniziato a lanciare delle informazioni che il governo tedesco avrebbe preferito non uscissero nell'immediato. La prima riguarda le difficoltà del sistema bancario tedesco. 

Sembra che le banche tedesche siano molto più fragili di quanto si pensasse: la banca pubblica HSH Nord Bank è in grande difficoltà e avrà bisogno di aiuti di stato più importanti del previsto: almeno 1,3 miliardi di euro. Questa banca è uno dei principali operatori nel finanziamento del trasporto marittimo.

Per i tedeschi è la prima sorpresa: 1,3 miliardi di aiuti di Stato vogliono dire 1,3 miliardi di tasse in più. L'opinione pubblica è allergica al deficit pubblico, è allergica alla spesa pubblica non finanziata dalla pressione fiscale. Pertanto, non si discute su un finanziamento degli aiuti che non siano entrate fiscali supplementari. Per i tedeschi, è molto difficile da digerire. Anzi, impossibile.

Ma la seconda sorpresa è che, insieme a questa delusione, i tedeschi hanno anche scoperto il vero bilancio di HSH, un bilancio pieno zeppo di titoli di stato. E di quali stati? La banca è piena zeppa di titoli di debito spagnoli, greci, italiani e francesi. E questo sì cha sta spaventando la gente.

Terza sorpresa, la stampa tedesca ormai spiega che anche molte altre banche tedesche hanno comprato forti quantità di debito europeo, ed è forse per questo motivo che, ogni volta, la Germania è venuta in soccorso degli stati in difficoltà. I tedeschi scoprono questa realtà e la digeriscono male. Che la Germania resti nella zona euro passi, ma non a qualsiasi prezzo!

Il governo, le imprese e i sindacati tedeschi hanno spiegato all'opinione pubblica che la zona euro era diventata un grande mercato per le imprese tedesche, e che quindi bisognava rimanere nell'euro. Ma ora, è stato detto ai tedeschi che i loro risparmi sono intrappolati nel debito degli stati del sud (incapaci di gestirsi in  modo corretto, naturalmente). Quando è troppo, è troppo! Il governo non ha più nemmeno il coraggio di spiegare i benefici di una solidarietà finanziaria su scala europea. Ciò spiega la forte flessione di consensi alla Merkel (che ha perso l'8-9% dalle politiche) alle elezioni di domenica. E spiega anche il clamoroso successo di Alternativa per la Germania, partito anti-euro che ha superato il 7%.

E c'è di più.

La seconda notizia divulgata dalla stampa tedesca si riferisce alle 35 ore. La maggioranza dei tedeschi sarebbe d'accordo a lavorare 35 ore alla settimana (o meno), a fronte delle 40 ore settimanali attuali. Sogniamo, o siam desti? In realtà, i tedeschi ne hanno abbastanza di essere presi per i banchieri d'Europa e per i fornitori dell'area dell'euro.

A tre giorni dalle elezioni europee, il 70 % dei tedeschi ci viene a dire che preferirebbe lavorare solo 35 ore, perché anche gli altri lo fanno. Nella grande industria automobilistica, dove si lavora 40 ore o più, la prospettiva di un RTT (recupero del tempo lavorativo, ndt) alla francese ha fatto l'effetto di una burrasca.

Tutto questo non è quello che si potrebbe chiamare delle buone notizie.

Se i tedeschi lavorano solo 35 ore, gli altri paesi della zona euro non avrebbero più motivo di fare il minimo sforzo. Questa prospettiva allontana di parecchio il momento in cui la Francia si sentirà pronta a ritornare indietro su questa riforma che ha affossato la sua competitività.

Articolo originale pubblicato da Atlantico.fr e tradotto da Voci dall'Estero - che ringraziamo.

Link originale: http://www.atlantico.fr/decryptage/allemands-decouvrent-realite-europeenne-et-cela-ne-enchante-pas-1573700.html 


LA STAMPA TEDESCA DIVULGA NOTIZIE MOLTO ALLARMANTI SUL SISTEMA BANCARIO DELLA GERMANIA (GIGANTE COI PIEDI D'ARGILLA)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua
 
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente
Continua
TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO FA TANTA PAURA ALLA UE

TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO

giovedì 23 febbraio 2017
"Il presidente Trump riafferma il primato della politica sulla finanza". A dirlo in un'intervista con Labitalia Maurizio Primanni, ceo di Excellence Consulting, società di consulenza nel
Continua
 
SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE DIVENTARE SUBITO PRESIDENTE)

SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE

giovedì 23 febbraio 2017
PARIGI - Crescono del 2,5 per cento rispetto a inizio febbraio per il leader del partito Front National, Marine Le Pen, le possibilita' di vincere al primo turno le elezioni presidenziali
Continua
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MOSTRUOSO / LA UE COSTA ALL'ITALIA 5,5 MILIARDI DI EURO L'ANNO! (15 MILIONI DI EURO AL GIORNO!) PIU' SPRECHI PAZZESCHI!

MOSTRUOSO / LA UE COSTA ALL'ITALIA 5,5 MILIARDI DI EURO L'ANNO! (15 MILIONI DI EURO AL GIORNO!)
Continua

 
FMI E TROIKA EUROPEA SONO PASSATI DA CECITA' (POLITICHE ECONOMICHE ERRATE) A SCHIZOFRENIA (LO AMMETTONO MA INSISTONO)

FMI E TROIKA EUROPEA SONO PASSATI DA CECITA' (POLITICHE ECONOMICHE ERRATE) A SCHIZOFRENIA (LO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!