48.285.712
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FREGATI / L'AUMENTO IN BUSTA DI 80 EURO DEGLI INSEGNANTI ''E' IPOTETICO, CHI VUOLE PUO' PRECEDERE GIA' ORA ALLA RINUNCIA''

sabato 24 maggio 2014

Oggi il Ministero dell’Economia ha comunicato che l’aumento corrisposto con le buste paga del mese di maggio è solo ipotetico, perche il credito si determina sul reddito presunto e non effettivo. A fine anno in migliaia saranno così chiamati a restituire i soldi sulla base dell’imponibile reale. Tanto è vero che lo stesso Mef avverte: chi vuole può procedere sin d’ora alla rinuncia dell’attribuzione del credito.

Marcello Pacifico (Anief-Confedir): alla fine della fiera appena il 40% degli insegnanti percepirà l’aumento. Su 735mila prof in servizio solo 300mila. E per tanti sarà anche inferiore a quanto strombazzato dall’Esecutivo. Tutti gli altri continueranno a percepire stipendi da fame, superati negli ultimi due anni pure dall’inflazione.

Per la maggior parte del personale che lavora nella scuola italiana, in particolare per gli insegnanti, gli 80 euro di aumento previsti dal Governo si stanno rivelando una polpetta avvelenata. Non solo al 60% dei docenti, che ha oltre 50 anni e uno stipendio medio lordo superiore al “tetto” dei 26mila euro indicati nell’art. 1 del D.L. 66 del 24 aprile 2014 sulla riduzione del cuneo fiscale per i lavoratori dipendenti, non andrà nulla: ora si scopre, attraverso una comunicazione odierna del Ministero dell’Economia, che l’aumento corrisposto con le buste paga del mese di maggio è solo ipotetico, perche il credito è stato determinato sul reddito presunto e non effettivo. A fine anno, in fase di conguaglio, sarà poi determinata l'effettiva spettanza in base al reddito complessivo reale e ai giorni lavorati.

Per migliaia di insegnanti che percepiscono redditi al limite della soglia prevista dal beneficio fiscale, si sta quindi profilando la concreta possibilità che i benefici acquisiti in busta paga nei prossimi otto mesi vengono poi restituiti a fine 2014. Tanto è vero, comunica il Mef, che “sul portale NoiPA sarà disponibile a breve un’apposita funzione self service che consentirà agli amministrati di comunicare direttamente al sistema la rinuncia all’attribuzione del credito”.

Vale la pena ricordare che solo per l’anno 2014, l’articolo 1 del D.L. 66/2014 riconosce - ai titolari di reddito di lavoro dipendente e di taluni redditi assimilati (quindi anche le indennità e la tredicesima), la cui imposta lorda sia superiore alle detrazioni da lavoro loro spettanti – un credito così articolato: per i possessori di reddito complessivo non superiore a 24mila euro, il bonus è pari a 640 euro; in caso di superamento del limite di 24mila euro, il credito decresce fino ad azzerarsi al raggiungimento di un livello di reddito complessivo pari a 26mila euro. Poiché un questa fascia si collocano tantissimi insegnanti, viene da sé che per loro la detrazione sarà inferiore ai tanto decantati 80 euro.

L’azzeramento è invece praticamente scontato per il 60% degli insegnanti. Al di sotto della soglia dei 1.500 euro netti di stipendio si collocano gli assistenti amministrativi e tecnici, oltre che i collaboratori scolastici. Stiamo parlando orientativamente di 200mila unità di personale. A beneficiare del bonus saranno infatti all’incirca la metà dei 330mila maestri d’infanzia e dei docenti della scuola primaria. E poco più del 30% degli insegnanti della secondaria di primo grado (170 mila) e di secondo grado (235 mila). Su 935mila docenti in servizio quest’anno nella scuola pubblica, percepiranno il bonus quindi mezzo milione di dipendenti. Tra i prof solo 300mila su 735mila totali: quindi, complessivamente, solo quattro su dieci.

Ma la beffa non finisce qui. Perché ai docenti che lavorano come supplenti, riporta la rivista on line Orizzonte Scuola, l’aumento sarà “commisurato al periodo di effettiva prestazione lavorativa”. Così, “saranno penalizzati proprio quei precari che lavorano fino al 30 giugno, che percepiranno, rispetto ai più ‘fortunati’ colleghi con contratto al 31 agosto, circa 160 euro in meno, che significa 480 euro invece di 640. Insomma, a prendere di meno saranno i più deboli”. Ora, siccome tanti di loro “non percepiscono lo stipendio da Febbraio e sono costretti a chiedere prestiti a famiglie e conoscenti per potersi recare a lavoro” un gruppo “dei precari salernitani, ATA e docenti, hanno deciso di consegnare simbolicamente (dato che di stipendio non c'è l'ombra) gli 80 euro promessi da Renzi”. La morale, conclude la rivista specializzata, è che “la vicenda del bonus ai dipendenti che non finisce di regalare sorprese al mondo della scuola”.

“È la riprova – commenta Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir – che alla scuola si è cercato di dare davvero un ‘contentino’. Mentre per adeguare lo stipendio agli altri Paesi, visto che i nostri insegnanti percepiscono buste paga superate di 4 punti dall’inflazione e vengono collocati in pensione con circa 8mila euro in più l’anno dei colleghi Ocde, occorrono soldi veri emessi con le Finanziarie: solo così sarà possibile sovvertire un trend già segnato, con l’indennità di vacanza contrattuale bloccata fino al 2017 ai valori del costo della vita di cinque anni fa”.

Articolo pubblicato da orizzontescuola.it - che ringraziamo. 


FREGATI / L'AUMENTO IN BUSTA DI 80 EURO DEGLI INSEGNANTI ''E' IPOTETICO, CHI VUOLE PUO' PRECEDERE GIA' ORA ALLA RINUNCIA''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Anief   insegnanti   80 euro   falso   da rendere    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,

mercoledì 21 giugno 2017
ROMA - L'aula della Camera ha approvato in via definitiva, dopo il precedente sì del Senato, la proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul
Continua
 
INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI

lunedì 19 giugno 2017
I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in. Il ministro delle
Continua
SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...

lunedì 19 giugno 2017
LONDRA - I parassiti di Bruxelles sono bravissimi a sprecare il denaro da loro estorto ai contribuenti Ue per progetti faraonici e quindi non deve sorprendere se adesso vogliono demolire il palazzo
Continua
 
MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E

giovedì 15 giugno 2017
PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le
Continua
DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI, STATO DI INSOLVENZA

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI,

martedì 13 giugno 2017
NEW YORK - Alitalia ha fatto ricorso presso il tribunale fallimentare di New York, in base alle procedure concorsuali internazionali Usa per il fallimento. Lo riporta il Wall Street Journal,
Continua
 
LA UE SI SPACCA SUI MIGRANTI: POLONIA, UNGHERIA, SLOVACCHIA E REPUBBLICA CECA SI ALLEANO CONTRO LE MINACCE DI BRUXELLES

LA UE SI SPACCA SUI MIGRANTI: POLONIA, UNGHERIA, SLOVACCHIA E REPUBBLICA CECA SI ALLEANO CONTRO LE

lunedì 12 giugno 2017
Il ministro dell'Interno polacco, Mariusz Blaszczak, ha annunciato che i governi di Polonia, repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria, hanno rifiutato qualsiasi sanzione imposta da Bruxelles ai Paesi
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
VIOLENTI SCONTRI TRA OPERAI DELL'ORTOMERCATO DI TORINO E LA POLIZIA: PROTESTAVANO CONTRO LICENZIAMENTI E LAVORO IN NERO.

VIOLENTI SCONTRI TRA OPERAI DELL'ORTOMERCATO DI TORINO E LA POLIZIA: PROTESTAVANO CONTRO
Continua

 
MATTEO SALVINI: ''LA LEGA E' TORNATA A VOLARE!'' (E HA RAGIONE LA LEGA SI PUO' DIVENTARE ORA IL ''FRONT NATIONAL'' ITALIANO)

MATTEO SALVINI: ''LA LEGA E' TORNATA A VOLARE!'' (E HA RAGIONE LA LEGA SI PUO' DIVENTARE ORA IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!