50.836.717
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''I LEADER EUROPEI CONSIDERANO L'EURO TROPPO GRANDE PER FALLIRE? SI SBAGLIANO: E' GIA' FALLITO'' (THE GUARDIAN)

mercoledì 21 maggio 2014

“Esiste un'alternativa a questo scenario deprimente. Ammettere che adottare l'euro come un modo per promuovere la causa di un'unione sempre più stretta è stato un errore di proporzioni storiche. Se si accetta questo, sarà possibile evitare che l'Europa diventi il nuovo Giappone”.

Sul Guardian, Larry Elliot sostiene come una crisi della zona euro sia tutt'altro che finita e i membri più deboli della zona euro - Grecia, la Spagna e l'Italia - sono riusciti fino ad ora a vendere le loro obbligazioni a tassi di interesse più bassi “ma questo è stato in gran parte dovuto alla generosità della Federal Reserve, che ha inondato di dollari l'economia globale tramite il suo programma di quantitative easing”, permettendo alla Bce di Draghi di  dire che avrebbe fatto “qualsiasi cosa” - con i dollari immessi nel sistema finanziario globale - per salvare l'euro, senza la necessità di far seguire alle parole i fatti.

Si è preso tempo in questo modo, ma non si è risolto il principale problema dell'unione monetaria: i paesi periferici non crescono a sufficienza per evitare che i loro debiti vadano fuori controllo. L'austerità generalizzata e la mancanza di una politica compensativa della Bce hanno fatto peggiorare le cose e aperto ad una nuova crisi. Per questo ignnorare le prossime elezioni europee sarebbe un errore fatale...

Potrebbe accadere una di queste due cose. L'euro potrebbe essere radicalmente riformato secondo le linee proposte da Charles Grant, direttore del Centre for European Reform. Ciò comporterebbe di ridurre velocemente l'austerità, creare un'unione bancaria, fare le riforme strutturali in paesi come l'Italia per renderli più competitivi, e riconvertire l' economia tedesca per renderla meno concentrata sull'export, oltre a una ristrutturazione parziale del debito per i membri dell'eurozona più pesantemente indebitati.

L' alternativa è quella di rompere il vincolo della moneta unica, restituire il potere alle singole nazioni o gruppi di Stati con economie convergenti, e ricominciare. Questo non accadrà, almeno non ancora. L'euro simboleggia l'unione sempre più stretta sognata dai fondatori dell'Europa negli anni '50. La Germania è la più forte economia dell'Europa e il suo ufficiale pagatore, per cui l'euro viene gestito secondo le direttive tedesche.

A quanto sostiene l'economista Roger Bootle nel suo nuovo libro,The Trouble with Europe : "L'euro è stato un disastro economico, imposto all'Europa per ragioni politiche. Ironia della sorte, si pensava che nonostante i suoi costi economici, alla fine avrebbe portato l'Europa a unirsi politicamente. Ciò può ancora accadere, ma potrebbe anche rivelarsi ciò che spinge l'Europa a dividersi. Dal punto in cui mi trovo, la seconda sembra più probabile."

Bootle ha proprio ragione. L'euro infatti è stato proprio il disastro economico che alcuni prevedevano si sarebbe verificato quando è stato creato, alla fine degli anni '90 . A quel tempo ci sono stati dei segnali che la moneta unica avrebbe potuto rivelarsi una macchina che distrugge il lavoro. Ci sono stati anche degli avvertimenti che molti dei paesi riuniti insieme non erano pronti per un'unica politica monetaria valida per tutti.

Quel che è successo, in breve, è questo. L'euro ha significato un tasso di interesse unico e un tasso di cambio unico. Il tasso di interesse era troppo basso per alcuni paesi, come l'Irlanda e la Spagna, che erano in rapida crescita. Era troppo alto per paesi come la Germania e la Francia, che crescevano meno rapidamente. In periferia, bassi tassi di interesse incoraggiavano la speculazione immobiliare e hanno portato alle condizioni per un'inflazione superiore a quella del centro.

Prima della creazione dell'euro, questi paesi avrebbero lasciato deprezzare le loro monete per compensare. Ora questo era impossibile, così questi paesi sono diventati meno competitivi in un momento in cui la Germania era impegnata a rendersi più competitiva. Per un decennio, i lavoratori tedeschi hanno avuto aumenti salariali al di sotto del livello di inflazione per vendere le loro merci a prezzi bassi nei mercati europei. Questo è stato un grande successo, fino a un certo punto. Il surplus commerciale della Germania è aumentato, ma il rovescio della medaglia è che i deficit commerciali in paesi come la Spagna, la Grecia e l'Italia sono peggiorati.

Negli anni precedenti la crisi, il sistema continuava ad andare perché la Germania esportava capitali verso i paesi della periferia per consentire loro di acquistare merci tedesche. Poi è arrivata la crisi. La Germania ha insistito che se i paesi erano in difficoltà, era perché avevano vissuto oltre le proprie possibilità. Un po'eccessivo, dato che la Germania era stata complice nel permettere loro di farlo.

Berlino ha detto che avrebbe aiutato i paesi in difficoltà, ma solo alle sue condizioni, secondo le quali tutti i paesi dovevano replicare la Germania, comprimendo la domanda interna e promuovendo le esportazioni rendendole più competitive. Questo era chiaramente un'impossibilità logica perché il surplus di un paese è il deficit di un altro paese. I paesi non potevano diventare più competitivi attraverso la svalutazione, così hanno dovuto farlo tramite l'austerità, tagliando i salari e la spesa pubblica in modo aggressivo. Su insistenza della Germania, per le banche non c'è stata nessuna austerità.

I leader europei considerano l'euro troppo grande per fallire. Si sbagliano. E' già fallito. E' fallito perché non riesce a dare la prosperità economica promessa e non riesce a portare l'Europa a unirsi politicamente. L'euro è come il gold standard, ma peggio, è per questo che sarebbe un errore di proporzioni storiche ignorare le elezioni di questa settimana. Sappiamo come finisce questo film ....

Articolo originale scitto da Larry Elliot per The Guardian - Londra. - Che ringraziamo. 


''I LEADER EUROPEI CONSIDERANO L'EURO TROPPO GRANDE PER FALLIRE? SI SBAGLIANO: E' GIA' FALLITO'' (THE GUARDIAN)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI ITALIANI'' L'AMATA UE

DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI

domenica 20 agosto 2017
Siete ancora in vacanza o siete già tornati? Non ci siete andati? Tutto ciò è irrilevante, perchè c'è un gigantesco debito che vi aspetta a settembre sull'uscio di
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ECCO COSA PENSA IL PARTITO ''ALTERNATIVA PER LA GERMANIA'': L'EURO VA DIVISO, PER NOI E' DEBOLE, PER VOI E' TROPPO FORTE.

ECCO COSA PENSA IL PARTITO ''ALTERNATIVA PER LA GERMANIA'': L'EURO VA DIVISO, PER NOI E' DEBOLE,
Continua

 
FRANCIA / TUTTI CONCORDANO: VINCERA' LE EUROPEE MARINE LE PEN E SARA' TERREMOTO POLITICO (HOLLANDE POTREBBE DIMETTERSI)

FRANCIA / TUTTI CONCORDANO: VINCERA' LE EUROPEE MARINE LE PEN E SARA' TERREMOTO POLITICO (HOLLANDE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!