80.606.322
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA UE / GERMANIA E INGHILTERRA A CONFRONTO: LA MIGLIORE DELL'EUROZONA NON VALE UN TERZO DELLA GRAN BRETAGNA

lunedì 12 maggio 2014

Inghilterra batte Germania 3,4 a 1,1 (tendenziale 0,9). Non stiamo parlando di una partita di calcio, nonostante gli imminenti mondiali e la storica rivalità tra le due nazioni, ma della crescita del prodotto interno lordo.

La Perfida Albione, che si guarda bene dall’adottare la moneta unica e che, anzi, sta sempre più orientandosi verso l’uscita totale dalla ue, straccia pesantemente l’armata teutonica paladina dell’euro e della grande austerità quale via di salvezza.

I territori di Sua Maestà stanno dimostrando come la sovranità monetaria ed un’attenta politica della banca centrale volta a sostenere l’economia siano decisamente maggiormente premianti delle manovre recessive imposte dalla troika bce-fmi-ue alle nazioni “malate” dell’eurozona e volute fortissimamente dalla Germania.

Come era facilmente prevedibile, il “cane” tedesco è finito per mordersi la coda. Le cosiddette riforme “Hartz” dal nome del ministro del lavoro ex manager Volskwagen, con il forte taglio alla capacità di reddito dei cittadini tedeschi ha sì spinto al massimo le esportazioni teutoniche a danno di tutte le altre nazioni, ma hanno sostanzialmente congelato i consumi interni, che sono stagnanti da anni.

La crescita del PIL tedesco e della produzione industriale, quindi, è stata attuata in Germania grazie alla svalutazione interna (oltre 7,5 milioni di tedeschi lavorano per stipendi di 450 euro al mese) puntando sulle esportazioni e quindi su una ricchezza concentrata e non diffusa tra la popolazione.

Tale ricetta è stata poi imposta obtorto collo a Italia, Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda, che difatti hanno visto crollare PIL e domanda interna.

Questo giochino ha fatto comodo alla Germania, che così ha eliminato concorrenti dai mercati e ha acquistato aziende sane a buon mercato. Tuttavia il meccanismo si è inceppato, in quanto se strangoli la maggior parte dei mercati (per colpa del super euro voluto da Merkel tutta Europa è in stagnazione) e quelli che reputi profittevoli (come la Cina) rallentano, ovviamente ne risentirai pesantemente, non potendo contare sulla domanda interna. E difatti la produzione industriale ha visto un bel segno meno davanti, con i dati sugli ordinativi ancora peggiori.

L’Inghilterra, al contrario della Germania, ha, come dicevamo, deciso di sostenere i consumi interni, che difatti sono costantemente in aumento e ciò ha fatto sì che la crescita del PIL stia superando di slancio il 3% annuo contro, ad esempio, un asfittico 0,1 italico grazie alle politiche economiche volutamente distruttive del professor Monti, del suo degno emulo Letta e del buon terzo Renzi e di un comunque misero 1,1 tedesco.

E’ opportuno ricordare che perché la disoccupazione si riduca, è necessario che il PIL cresca più del 2% annuo. Difatti, mentre in Inghilterra i senza lavoro stanno diminuendo costantemente, in Germania sono stabili ed in Italia sono divenuti letteralmente un esercito.

E l’inflazione? Il tanto temuto mostro da combattere ad ogni costo che secondo molti economisti divorerebbe ogni cosa al di fuori dell’euro? Ebbene, nonostante le ingenti quantità di sterline stampate dalla Banca d’Inghilterra, essa è rimasta assolutamente sotto controllo e, anzi, è in fase di diminuzione.

La stessa cosa si può dire per i rendimenti del debito a 10 anni che per quello inglese sfiora, senza superare, il 3% di rendimento, nonostante il rapporto debito/PIL sia passato dal 44,% del 2008 all’89,1% del 2013. Ma come? Con un raddoppio del debito, non siamo ancora in presenza di una situazione da allarme rosso con gli elicotteri della troika pronti ad atterrare a Buckingham Palace o al numero 10 di Downing Street?

Ovviamente no, perché la Banca d’Inghilterra funge da prestatore di ultima istanza, e quindi il governo ha libertà di manovra, senza essere schiavo delle banche come accade, invece, nell’eurozona, dove la BCE non può acquistare titoli di stato. E non è certo un caso che durante la crisi del 2008 il governo di Sua Maestà abbia salvato le banche in difficoltà nazionalizzandole e rivendendole poi una volta risanate, guadagnandoci pure sopra. Nei paesi dell’eurozona, invece, le banche sono state salvate distruggendo volutamente pensioni, sanità, occupazione, con danni che forse richiederanno generazioni per essere sanati ed a patto di invertire drasticamente le politiche economiche.

In ultima analisi, appare del tutto evidente come l’euro sia stato usato dalla Germania come arma per distruggere il continente europeo ed assoggettarlo, complice una classe politica continentale del tutto incapace ed inadeguata, ai suoi interessi e che tale arma ora le si stia ritorcendo contro, lasciando l’intera Europa in un cumulo di macerie peggio che se si fosse combattuta una guerra con armi vere. Una guerra che per l’ennesima volta la Germania, dopo gli iniziali e fatui successi, sta andando a perdere.

E per l’ennesima volta la perderà grazie all’Inghilterra, la cui economia e quindi benessere, dimostra senza ombra di dubbio come non esistano scelte: l’euro e questa ue targata Germania devono finire il prima possibile.

Per il bene di tutti, tedeschi compresi, anche se ovviamente non se ne renderanno mai conto, alla pari di certi economisti e politici di casa nostra.

Luca Campolongo

consulenza@sosimprese.info

www.sosimprese.info

Dati statistici: tradingeconomics.com


INCHIESTA UE / GERMANIA E INGHILTERRA A CONFRONTO: LA MIGLIORE DELL'EUROZONA NON VALE UN TERZO DELLA GRAN BRETAGNA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Germania   Inghilterra   tasse   valute   sterlina   euro   Londra Berlino   Pil   UE   Zona euro   via dall'euro   via dalla UE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA STAMPA BRITANNICA RIPORTA LA NOTIZIA CHE IL 65% DEGLI ITALIANI DISPREZZA LA UE. LA STAMPA ITALIANA LA CENSURA

LA STAMPA BRITANNICA RIPORTA LA NOTIZIA CHE IL 65% DEGLI ITALIANI DISPREZZA LA UE. LA STAMPA

lunedì 25 maggio 2020
  LONDRA - Alcuni giorni fa, in molti sono rimasti sorpresi dal fatto che George Soros si sia mostrato preoccupato per il fatto che l'Italia potrebbe presto uscire dall'Unione Europea e come
Continua
 
CI SIAMO: MULTINAZIONALE BRITANNICA ASTRAZENECA PREPARA 400.000.000 DI DOSI DEL VACCINO ANTI COVID. CONSEGNE A SETTEMBRE

CI SIAMO: MULTINAZIONALE BRITANNICA ASTRAZENECA PREPARA 400.000.000 DI DOSI DEL VACCINO ANTI COVID.

giovedì 21 maggio 2020
LONDRA - Ci siamo, il vaccino è pronto e la produzione su scala planetaria è al via. La multinazionale Astrazeneca ha concluso i primi accordi per la produzione di almeno 400 milioni di
Continua
GIAPPONE HA DECISO DI TRASFERIRE IN PATRIA TUTTE LE PRODUZIONI INDUSTRIALI DELOCALIZZATE IN CINA: GLOBALIZZAZIONE ADDIO

GIAPPONE HA DECISO DI TRASFERIRE IN PATRIA TUTTE LE PRODUZIONI INDUSTRIALI DELOCALIZZATE IN CINA:

martedì 12 maggio 2020
La battaglia intrapresa dal Giappone contro il coronavirus ha acceso a Tokyo un campanello d'allarme in merito alla dipendenza del sistema paese dalle catene di fornitura della Cina. Gia' da alcuni
Continua
 
COL GOVERNO CONTE L'ITALIA VA IN ROVINA: HA SOLO PROPOSTO AGLI ITALIANI DI FARE DEBITI IN BANCA E ADESSO VUOLE IL MES

COL GOVERNO CONTE L'ITALIA VA IN ROVINA: HA SOLO PROPOSTO AGLI ITALIANI DI FARE DEBITI IN BANCA E

lunedì 11 maggio 2020
Mentre l’Italia prova a ripartire con la Fase2, riprendiamo i nostri interventi e lo facciamo analizzando cosa ha fatto o meglio, cosa non ha fatto il governo pentapiddino per tenere a galla
Continua
IL 70% DELLE IMPRESE ITALIANE DA' UN GIUDIZIO MOLTO NEGATIVO SUL GOVERNO E 95% ATTENDE RISPOSTA DALLE BANCHE PER CREDITO

IL 70% DELLE IMPRESE ITALIANE DA' UN GIUDIZIO MOLTO NEGATIVO SUL GOVERNO E 95% ATTENDE RISPOSTA

martedì 5 maggio 2020
Ricavi quasi dimezzati nel 2020 con il turismo che prevede una contrazione del 66,3%, giudizi in grande prevalenza negativi sui provvedimenti finora adottati dal governo per contrastare la crisi
Continua
 
RIVOLTA DEI TITOLARI DI BAR RISTORANTI GELATERIE ABBIGLIAMENTO PARRUCCHIERI ESTETISTI! 3.000 DANNO CHIAVI NEGOZI A SALA!

RIVOLTA DEI TITOLARI DI BAR RISTORANTI GELATERIE ABBIGLIAMENTO PARRUCCHIERI ESTETISTI! 3.000 DANNO

mercoledì 29 aprile 2020
MILANO - Regole chiare su come riaprire. Questo chiedono, oltre alla riduzione delle tasse locali, i commercianti milanesi. Tremila di loro, per lo piu' titolari di bar, ristoranti e gelaterie, ma
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''ITALIANI, VI DICONO CHE DEVONO TAGLIARE LA SPESA PUBBLICA PER COLPA DELLA CRISI. MENTONO, NON E' VERO'' (PAUL KRUGMAN)

''ITALIANI, VI DICONO CHE DEVONO TAGLIARE LA SPESA PUBBLICA PER COLPA DELLA CRISI. MENTONO, NON E'
Continua

 
ISTITUTO D'ANALISI TEDESCO (IFO): ''LA UE HA FALSIFICATO I DATI DELLA GRECIA IN VISTA DELLE ELEZIONI EUROPEE''

ISTITUTO D'ANALISI TEDESCO (IFO): ''LA UE HA FALSIFICATO I DATI DELLA GRECIA IN VISTA DELLE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

ZAIA: ''L'APP IMMUNI HA GRANDI LIMITI, IMPOSSIBILE GESTIRLA''

3 giugno - VENEZIA - ''L'app immuni ha due grandi limiti, uno legato alla privacy e
Continua

NELLO SCORSO MESE DI APRILE, PERSI IN ITALIA 274.000 POSTI DI LAVORO

3 giugno - ROMA - Una perdita di 274 mila posti di lavoro in un solo mese, quello
Continua

LA BANCA D'INGHILTERRA INVITA LE BANCHE INGLESI A PREPARARSI ALLA

3 giugno - LONDRA - Il governatore della Bank of England (BoE), Andrew Bailey ha
Continua

SENATRICE ELENA TESTOR ADERISCE ALLA LEGA ED ENTRA NEL GRUPPO AL

3 giugno - La senatrice Elena Testor ha lasciato Forza Italia e ha aderito
Continua

IN SPAGNA LA CATASTROFE DEL CORONAVIRUS HA CANCELLATO 133.000

3 giugno - La crisi scatenata dal coronavirus ha provocato in Spagna la scomparsa
Continua

LA POLIZIA DELLA DITTATURA COMUNISTA CINESE SPARA SULLA FOLLA A

27 maggio - La polizia agli ordini della dittatura comunista cinese che a Hong Kong
Continua

MINACCE DI MORTE AL GOVERNATORE FONTANA: ADESSO E' SOTTO SCORTA

27 maggio - Da due giorni il presidente della Regione Lombardia, Attilio FONTANA, e'
Continua

L'IMPATTO DEL COVID SULL'ECONOMIA DELL'EUROZONA SARA' IL DOPPIO DEL

27 maggio - FRANCOFORTE - La Bce ha preparato diverse stime sull'impatto della crisi
Continua

SUPER FLOP DEI TEST COVID: ALLA PROVA DEI FATTI, SOLO IL 25% HA

26 maggio - Tutta questa ''corsa'' (e polemiche di ogni genere) a fare test
Continua

FRANCIA SE NE FREGA DELLA UE: MASSICCI AIUTI DI STATO ALLE AZIENDE

26 maggio - PARIGI - Addio libero mercato, addio regole e regoline della Ue che
Continua

LEGA: LA UE DEVE IMPORRE SANZIONI AL REGIME COMUNISTA CINESE!

26 maggio - ''L'Europa non può essere silente davanti a quanto sta succedendo ad
Continua

INSEGNANTI PRECARI ILLUSI E TRADITI DAL GOVERNO CONTE, TUTTO

25 maggio - ''Polpetta avvelenata di Conte a Pd e LeU durante la trattativa sul
Continua

FONTANA:ZERO DECESSI IN LOMBARDIA E' DATO POSITIVO MA NON

25 maggio - MILANO - ''La cosa che mi rasserena e' il numero dei nuovi contagiati
Continua

L'ACQUISTO DI BTP ''ITALIA'' DEDICATI AI RISPARMIATORI PRIVATI HA

19 maggio - Gli ordini del retail per il nuovo BTp Italia hanno superato i 4
Continua

SALVINI: 120 NAZIONI DEL MONDO CHIEDONO SPIEGAZIONI ALLA CINA, E

19 maggio - ''Ci sono 120 paesi al mondo, in tutto il mondo, in tutti i continenti,
Continua

FONTANA: D'ACCORDO CON ZAIA, ABBIAMO DOVUTO FARE DA SOLI CONTRO IL

19 maggio - MILANO - Il governatore lombardo Attilio Fontana, in collegamento su Rai
Continua

IERI VENDUTI 4 MILIARDI DI BTP ''ITALIA'' AI RISPARMIATORI OGGI 1

19 maggio - MILANO - Parte forte anche la seconda giornata di collocamento, sempre
Continua

SALVINI: AVEVO RAGIONE, ALTRO CHE MES, BOOM ACQUISTI DEGLI ITALIANI

18 maggio - Il leader della Lega, Matteo Salvini, commenta la partenza ''a razzo''
Continua

TOTI: LIGURIA NON HA MAI CHIUSO, ADESSO RIAPRIRE I CONFINI

18 maggio - GENOVA - ''La Liguria non ha mai chiuso: i suoi porti hanno sempre
Continua

PERQUISIZIONI IN CORSO DEL ROS DEI CARABINIERI NELLA SEDE ONLUS

15 maggio - FANO - Perquisizioni in corso, da questa mattina, da parte dei
Continua
Precedenti »