50.672.625
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

REPORTAGE / ECCO COME E' STATO ORGANIZZATO IL REFERENDUM PER LA SECESSIONE DELLE REGIONI DELL'EST UCRAINA

domenica 11 maggio 2014

Si vota da questa mattina in Ucraina dell'est per il controverso referendum sullo status delle 'oblast' (regioni) di Donetsk e Lugansk, da settimane teatro di scontri tra le cosiddette milizie separatiste e le truppe fedeli a Kiev. Per il referendum - bollato dagli Usa come "illegale" e che per l'Occidente rischia di portare il Paese alla guerra civile - si potra' votare fino alle 22 ora locale (le 21 in Italia). Unica eccezione Slavyansk - la citta' assediata delle forze di Kiev e controllata dai filo-russi - dove per motivi di sicurezza si votera' fino alle 18 (le 17 in Italia), come riferisce l'agenzia statale russa Ria Novosti.

Per il timore di nuovi attacchi da parte delle truppe di Kiev, invece, sono iniziate sabato le operazioni di voto a Mariupol, teatro di scontri in cui sono morte 21 persone. "Siete favorevoli alla proclamazione di indipendenza, delle repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk?" e' la domanda a cui sono chiamati a rispondere oltre tre milioni di elettori della regione del Donbass, roccaforte del deposto capo di Stato, Viktor Yanukovich. Secondo quanto riferito dal presidente della commissione elettorale locale, Roman Liaghin, nella 'Repubblica popolare di Donetsk' sono stati allestiti 1.500 seggi elettorali. Altri 1.600 a Lugansk. 

Non e' chiaro se il referendum riuscira' a coprire tutto il territorio delle due regioni: le 'milizie popolari' che hanno organizzato il voto - e ritenute da Kiev "terroristi" - controllano solo alcune zone, mentre rimane incerta la posizione delle autorita' nelle altre citta' e nei villaggi. Inizialmente, il referendum doveva riguardare il rango della lingua russa e la proposta di riforma in senso federale dell Ucraina, promossa con forza da Mosca. Come successo in Crimea a marzo, gli organizzatori del voto hanno poi optato per il quesito secco sull'autodeterminazione.

Il Cremlino non si e' ancora espresso sul riconoscimento del voto, contro il quale si sono, invece, schierati Usa ed Europa. L'appello, lanciato mercoledi' dal presidente russo, Vladimir Putin, ai "sostenitori delle federalizzazione" affinche' posticipassero la consultazione popolare e' stato accolto solo dalla regione di Kharkiv. Donetsk e Lugansk hanno rifiutato il rinvio, dichiarandosi intenzionate a rispettare la "decisione del popolo del Donbass". Costato poco piu' dell'equivalente di 1200 euro, almeno a sentire i separatisti, il plebiscito e' organizzato sulla base di elenchi elettorali vecchi di oltre due anni, non sara' monitorato da alcun osservatore internazionale e la sua validita' non e' legata a un'affluenza minima. I risultati del voto sono previsti tra domani e martedi', al massimo.

E nonostante l'appello del presidente russo Vladimir Putin a rinviare il controverso referendum sull'autodeterminazione delle regioni orientali ucraine, gli abitanti delle autoproclamate 'repubbliche popolari' di Dontesk e Lugansk oggi possono votare anche Mosca. In via Kievskaya, nei pressi della metro Studencheskaya, e' stato allestito allestito un seggio elettorale, aperto fino alle 20 ora locale (le 18 in Italia), riferisce il sito di informazione Censor.net Presso il Fondo di cultura e letteratura slava, vicino alla galleria Tetriakovskaya, e' stata convocata invece una conferenza stampa con "rappresentanti" delle due regioni, come si legge sul sito dell'organizzazione dove nelle ultime settimane si sono svolti diversi eventi in sostegno alla popolazione del sud-est ucraino. Tra questi, il mese scorso, una tavola rotonda tra 'attivisti' filorussi dell'Est ucraino e deputati della Duma, in cui si parlava del rischio "genocidio" e si chiedeva l'intervento di Mosca in difesa della popolazione russofona. (AGI)

 


REPORTAGE / ECCO COME E' STATO ORGANIZZATO IL REFERENDUM PER LA SECESSIONE DELLE REGIONI DELL'EST UCRAINA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Referendum popolare   indipendenza   da Kiev   Russia   Ucraina   Mosca   gente    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DA MARINE LE PEN A NIGEL FARAGE, DAGLI INDIPENDENTISTI VENETI A QUELLI SCOZZESI, TUTTI D'ACCORDO: CON LA RUSSIA DI PUTIN

DA MARINE LE PEN A NIGEL FARAGE, DAGLI INDIPENDENTISTI VENETI A QUELLI SCOZZESI, TUTTI D'ACCORDO:
Continua

 
AL REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA NELLE REGIONI RIBELLI EST UCRAINE HA VOTATO IL 75% DEI CITTADINI E HA VINTO LA LIBERTA'

AL REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA NELLE REGIONI RIBELLI EST UCRAINE HA VOTATO IL 75% DEI CITTADINI E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!