46.370.541
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

EVANS PRITCHARD DEL TELEGRAPH METTE IN GUARDIA I RISPARMIATORI: ''IL MERCATO DEI TITOLI DI STATO E' LETTERALMENTE FOLLE''

mercoledì 7 maggio 2014

LONDRA - i mercati dei debiti sovrani della zona euro sono "letteralmente impazziti". Siamo ancora una volta all'interno di una colossale bolla. Con questa premessa Ambrose Evans Pritchard sul Telegraph sottolinea come la situazione economica attuale sia peggiore di quella del 2008, analizzando diversi indicatori. Non vi è dubbio poi che l'epicentro del problema è oggi il debito sovrano, soprattutto di quei paesi che non hanno una propria Banca centrale.

Andrew Lapthorne di Societe Generale ha tracciato un grafico da questo punto di vista emblematico: il prodotto nominale nel mix classo di diversi asset detenuti dai fondi, il cosiddetto Indice di Qualità di SG, è vicino al record negativo di 2,4%.

Lo stesso, prosegue Evans-Pritchard, è quello che ha voluto indicare Neil Mellor della Banca di New York. Mellon in una nota della scorsa settimana, segnala che i mercati dei debiti sovrani della zona euro sono "letteralmente impazziti", se si considera ad esempio che i titoli a 10 anni irlandesi hanno rendimenti vicini a quelli del Tesoro americano e quelli spagnoli non sono così lontani. (come se fossero equivalenti le economie di Spagna e Irlanda con quella degli Stati Uniti)

E, prosegue Mellor, il tutto sapendo che la Germania ha escluso cogni prospettiva di una futura unione fiscale della zona euro e sapendo che la protezione di Draghi per i titoli italiani e spagnoli (OMT) è stata considerata una violazione dei trattati e propbabilmente ultra vires da parte della Corte Costituzionale tedesca.

Il clima di deflazione/bassa inflazione sta erodendo le dinamiche del debito dei paesi del Club Med: "Il Giappone ha gestito un simile scenario per anni ma solo per l'attiva connivenza di una Banca centrale e la monetizzazione costante del suo debito – qualcosa che non accade nella area euro", ha dichiarato Mellon, che ha poi concluso come non sia difficile concludere che i mercati dei titoli obbligazionari dell'area euro sono sotto la presa delle forze speculative.

"La Grecia è il microcosmo dell'area euro: la sua crescita rimane anemica, la disoccupazione immensa con una generazione di giovani distrutta strutturalmente e con un debito ormai al 175% del suo Pil rendono chiaro come il paese non possa ripagare da solo i suoi debiti e avrà bisogno di futura assistenza. Ma, nonostante queste profonde incertezze il governo recentemente è ritornato sui mercati e nonostante numerosi defaults negli anni recenti, e riuscito a sottoscrivere tutte le allocazioni": semplicemente senza senso? No. 

Prima di bandire banchieri e hedge fund, prosegue Evans-Pritchard, bisogna comprendere come la causa sottostante a questa apparente follia è il surplus di capitali nel sistema finanziario globale – si è registrato un record di risparmio pubblico del 25% del Pil mondiale e che sta crescendo - che deve trovare una collocazione.

Ognuno ha la sua teoria sulle cause:

· Disuguaglainza sociale causata da tasse regressive.

· I risparmi dell'Asia, che hanno condotto la Cina ad avere investimenti al 48% del Pil e secondo la Banca mondiale in una quantità maggiore di quelli combinati di Usa e Europa, eccedendo il mondo per capacità eccessiva.

· i 12 trilioni di accumulazione di riserve da parte delle banche centrali globali, principalmente asiatiche, e altri trilioni da parte dei fondi sovrani

A meno che non si abbia però una soluzione a tutti questi problemi contemporaneamente e non si può averne una, "devi scegliere il tuo veleno", conclude il Columnist del Telegraph: una recessione stazionaria e disoccupazione di massa, o una perma-bolla, champagne, e incrociare le dita. A meno che il Cigno Nero non arrivi e elimini anche questa capacità di scelta. 

Articolo originale scritto da Evans Pritchard per The Telegraph. 


EVANS PRITCHARD DEL TELEGRAPH METTE IN GUARDIA I RISPARMIATORI: ''IL MERCATO DEI TITOLI DI STATO E' LETTERALMENTE FOLLE''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Evans Pritchard   The Telegraph   titoli di Stato   bond   Germania   Spagna   Irlanda   zona euro    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI DETENZIONE IN FRONTIERA

PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI

lunedì 24 aprile 2017
LONDRA - Nei mesi scorsi l'Ungheria e' stata fortemente criticata per aver creato campi in cui tenere immigrati e richiedenti asilo ma il governo ungherese non si e' fatto intimidire e ha continuato
Continua
 
E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E PIANI CRIMINALI

E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E

venerdì 21 aprile 2017
Le principali ONG impegnate nel traffico di africani verso l'Italia sono: Moas, Jugend Rettet, Stichting Bootvluchting, Médecins sans frontières, Save the children, Proactiva Open Arms,
Continua
FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE OMBRA PANAMENSI.

FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE

venerdì 21 aprile 2017
Gli sbarchi, certo, con i numeri che parlano di "un record senza precedenti" visto che "in poco piu' di 72 ore circa 8mila migranti sono approdati in Sicilia dopo una lunga traversata in mare", ma,
Continua
 
L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI TEMPORANEI (EUROPEI)

L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI

giovedì 20 aprile 2017
Al contrario dell'Italia l'Australia fa di tutto per proteggere i propri confini tant'e' che e' uno dei pochi se non l'unico paese ad essere riuscito a fermare l'arrivo di barconi carichi di
Continua
QUATTRO CARDINALI SI RIBELLANO A PAPA BERGOGLIO, SABATO A ROMA PRENDE FORMA LA RIVOLTA: CONVEGNO PUBBLICO DEI RIBELLI

QUATTRO CARDINALI SI RIBELLANO A PAPA BERGOGLIO, SABATO A ROMA PRENDE FORMA LA RIVOLTA: CONVEGNO

mercoledì 19 aprile 2017
ROMA - Dopo i dubbi (in latino, "dubia") che quattro cardinali gli hanno indirizzato in una lettera - privata ma poi pubblicata - la ribellione a Papa Francesco prende la forma di un convegno a due
Continua
 
L'EURO-MARCO E' IL TRIONFO DEL PIANO DI WALTER FUNK, GOVERNATORE BUNDESBANK CON HITLER: SI CHIAMAVA ''MONETA-GENERALE''

L'EURO-MARCO E' IL TRIONFO DEL PIANO DI WALTER FUNK, GOVERNATORE BUNDESBANK CON HITLER: SI CHIAMAVA

martedì 18 aprile 2017
“La Germania dovrebbe, visto che è divenuta pacifica e ragionevole, prendersi tutto ciò che l’Europa e il mondo intero le ha negato in due grandi guerre, una sorta di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ECONOMISTA ZINGALES TERRORIZZA LETTORI (DI REPUBBLICA E WALL STREET ITALIA) CON LA BUFALA ''DISASTRO USCITA DALL'EURO''

L'ECONOMISTA ZINGALES TERRORIZZA LETTORI (DI REPUBBLICA E WALL STREET ITALIA) CON LA BUFALA
Continua

 
DIBATTITI / IL PROFESSOR CLAUDIO BORGHI AQUILINI SPIEGA PERCHE' BISOGNA VOTARE PER RECIDERE IL CANCRO CHIAMATO EURO.

DIBATTITI / IL PROFESSOR CLAUDIO BORGHI AQUILINI SPIEGA PERCHE' BISOGNA VOTARE PER RECIDERE IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!