44.315.936
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

EVANS PRITCHARD DEL TELEGRAPH METTE IN GUARDIA I RISPARMIATORI: ''IL MERCATO DEI TITOLI DI STATO E' LETTERALMENTE FOLLE''

mercoledì 7 maggio 2014

LONDRA - i mercati dei debiti sovrani della zona euro sono "letteralmente impazziti". Siamo ancora una volta all'interno di una colossale bolla. Con questa premessa Ambrose Evans Pritchard sul Telegraph sottolinea come la situazione economica attuale sia peggiore di quella del 2008, analizzando diversi indicatori. Non vi è dubbio poi che l'epicentro del problema è oggi il debito sovrano, soprattutto di quei paesi che non hanno una propria Banca centrale.

Andrew Lapthorne di Societe Generale ha tracciato un grafico da questo punto di vista emblematico: il prodotto nominale nel mix classo di diversi asset detenuti dai fondi, il cosiddetto Indice di Qualità di SG, è vicino al record negativo di 2,4%.

Lo stesso, prosegue Evans-Pritchard, è quello che ha voluto indicare Neil Mellor della Banca di New York. Mellon in una nota della scorsa settimana, segnala che i mercati dei debiti sovrani della zona euro sono "letteralmente impazziti", se si considera ad esempio che i titoli a 10 anni irlandesi hanno rendimenti vicini a quelli del Tesoro americano e quelli spagnoli non sono così lontani. (come se fossero equivalenti le economie di Spagna e Irlanda con quella degli Stati Uniti)

E, prosegue Mellor, il tutto sapendo che la Germania ha escluso cogni prospettiva di una futura unione fiscale della zona euro e sapendo che la protezione di Draghi per i titoli italiani e spagnoli (OMT) è stata considerata una violazione dei trattati e propbabilmente ultra vires da parte della Corte Costituzionale tedesca.

Il clima di deflazione/bassa inflazione sta erodendo le dinamiche del debito dei paesi del Club Med: "Il Giappone ha gestito un simile scenario per anni ma solo per l'attiva connivenza di una Banca centrale e la monetizzazione costante del suo debito – qualcosa che non accade nella area euro", ha dichiarato Mellon, che ha poi concluso come non sia difficile concludere che i mercati dei titoli obbligazionari dell'area euro sono sotto la presa delle forze speculative.

"La Grecia è il microcosmo dell'area euro: la sua crescita rimane anemica, la disoccupazione immensa con una generazione di giovani distrutta strutturalmente e con un debito ormai al 175% del suo Pil rendono chiaro come il paese non possa ripagare da solo i suoi debiti e avrà bisogno di futura assistenza. Ma, nonostante queste profonde incertezze il governo recentemente è ritornato sui mercati e nonostante numerosi defaults negli anni recenti, e riuscito a sottoscrivere tutte le allocazioni": semplicemente senza senso? No. 

Prima di bandire banchieri e hedge fund, prosegue Evans-Pritchard, bisogna comprendere come la causa sottostante a questa apparente follia è il surplus di capitali nel sistema finanziario globale – si è registrato un record di risparmio pubblico del 25% del Pil mondiale e che sta crescendo - che deve trovare una collocazione.

Ognuno ha la sua teoria sulle cause:

· Disuguaglainza sociale causata da tasse regressive.

· I risparmi dell'Asia, che hanno condotto la Cina ad avere investimenti al 48% del Pil e secondo la Banca mondiale in una quantità maggiore di quelli combinati di Usa e Europa, eccedendo il mondo per capacità eccessiva.

· i 12 trilioni di accumulazione di riserve da parte delle banche centrali globali, principalmente asiatiche, e altri trilioni da parte dei fondi sovrani

A meno che non si abbia però una soluzione a tutti questi problemi contemporaneamente e non si può averne una, "devi scegliere il tuo veleno", conclude il Columnist del Telegraph: una recessione stazionaria e disoccupazione di massa, o una perma-bolla, champagne, e incrociare le dita. A meno che il Cigno Nero non arrivi e elimini anche questa capacità di scelta. 

Articolo originale scritto da Evans Pritchard per The Telegraph. 


EVANS PRITCHARD DEL TELEGRAPH METTE IN GUARDIA I RISPARMIATORI: ''IL MERCATO DEI TITOLI DI STATO E' LETTERALMENTE FOLLE''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Evans Pritchard   The Telegraph   titoli di Stato   bond   Germania   Spagna   Irlanda   zona euro    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua
 
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente
Continua
TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO FA TANTA PAURA ALLA UE

TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO

giovedì 23 febbraio 2017
"Il presidente Trump riafferma il primato della politica sulla finanza". A dirlo in un'intervista con Labitalia Maurizio Primanni, ceo di Excellence Consulting, società di consulenza nel
Continua
 
SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE DIVENTARE SUBITO PRESIDENTE)

SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE

giovedì 23 febbraio 2017
PARIGI - Crescono del 2,5 per cento rispetto a inizio febbraio per il leader del partito Front National, Marine Le Pen, le possibilita' di vincere al primo turno le elezioni presidenziali
Continua
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ECONOMISTA ZINGALES TERRORIZZA LETTORI (DI REPUBBLICA E WALL STREET ITALIA) CON LA BUFALA ''DISASTRO USCITA DALL'EURO''

L'ECONOMISTA ZINGALES TERRORIZZA LETTORI (DI REPUBBLICA E WALL STREET ITALIA) CON LA BUFALA
Continua

 
DIBATTITI / IL PROFESSOR CLAUDIO BORGHI AQUILINI SPIEGA PERCHE' BISOGNA VOTARE PER RECIDERE IL CANCRO CHIAMATO EURO.

DIBATTITI / IL PROFESSOR CLAUDIO BORGHI AQUILINI SPIEGA PERCHE' BISOGNA VOTARE PER RECIDERE IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!