44.194.970
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DRAGHI PENSA DI SALVARE L'ECONOMIA EUROPEA CON ACQUISTI DI BOND INVECE DEVE SVALUTARE L'EURO DEL 15% (PROF. FELDSTEIN)

lunedì 5 maggio 2014

Nonostante la recente ripresa in alcuni dei suoi paesi membri, l'economia della zona euro rimane in stasi, con il tasso complessivo di crescita annuale del PIL che quest'anno rischia di essere solo di poco superiore all'1%. Anche il tasso di crescita della Germania è inferiore al 2%, mentre il PIL è ancora in calo in Francia, Italia e Spagna. E questo lento tasso di crescita ha mantenuto il tasso di disoccupazione totale della zona euro ad un penosamente alto 12%. 

La crescita e l'alta disoccupazione non sono i soli problemi della zona euro. Il tasso annuo di inflazione, allo 0,5%, è ora così vicino allo zero che anche un piccolo shock potrebbe spingerlo in territorio negativo e innescare una spirale al ribasso dei prezzi. La deflazione indebolirebbe la domanda aggregata aumentando il valore reale (al netto dell'inflazione) del debito di privati e aziende e aumentando i tassi di interesse reali. La minore domanda potrebbe causare, a sua volta, un'accelerazione nel calo dei prezzi, avviando la dinamica dei prezzi in una spirale pericolosa.

In economia esistono pochi toccasana, o nessuno addirittura. Ma un forte calo del tasso di cambio dell'euro - diciamo del 15 % - sarebbe un rimedio a molti degli attuali problemi economici della zona euro. Un euro più debole potrebbe aumentare il costo delle importazioni e dei prezzi potenziali delle esportazioni, spingendo così in alto il tasso di inflazione complessivo della zona euro. La svalutazione farebbe anche da stimolo alla crescita media del PIL della zona euro, favorendo le esportazioni e incoraggiando gli europei a sostituire gli articoli importati con beni e servizi di produzione nazionale. Anche se la competitività all'interno della zona euro rimarrebbe inalterata, un euro più debole migliorerebbe in modo significativo l'equilibrio esterno con il resto del mondo, che rappresenta circa la metà del commercio della zona euro.

Il presidente della Banca Centrale Mario Draghi ha sottolineato la sua preoccupazione sul fatto che l'apprezzamento dell'euro negli ultimi tre anni ha aumentato il rischio di deflazione. Ma è stata la sua famosa dichiarazione nel luglio 2012, quella secondo cui la BCE avrebbe fatto "tutto il possibile" per preservare l'euro, che, per quanto efficace nel ridurre i tassi di interesse nei paesi in difficoltà della periferia dell'eurozona, ha anche contribuito all'attuale forza dell'euro.

Oggi, né le recenti dichiarazioni di Draghi né la prospettiva di un programma in stile americano di grandi acquisti di asset (conosciuto come quantitative easing, QE) sono riusciti ad indebolire l'euro o a far tornare indietro il tasso di inflazione verso il livello target del 2%. Quindi, operativamente, la domanda è come ridurre il valore relativo dell'euro, riuscendo a mantenere la percezione di stabilità che Draghi ha contribuito a creare nel 2012.

Poichè il quantitative easing della BCE è stato proposto come un modo per indebolire l'euro, vale la pena di esaminare l'impatto del suo utilizzo da parte della Federal Reserve sul valore del dollaro e sul tasso di inflazione negli Stati Uniti.

La risposta breve è che il QE non ha influenzato molto nessuno dei due. Il reale valore ponderato del dollaro è ora allo stesso livello al quale si trovava nel 2007, prima dell'inizio della Grande Recessione. E' salito un po' durante il picco della crisi del 2008, poichè gli investitori globali hanno cercato un rifugio sicuro nelle attività denominate in dollari, ma nel corso del 2009 è tornato  al livello precedente. Il valore del dollaro poi è rimasto relativamente stabile durante più di tre anni di quantitative easing - e in realtà è aumentato nel corso del 2013, quando gli acquisti di asset della Fed hanno raggiunto il massimo di oltre 1 trilione di dollari.

Naturalmente, anche altri fattori hanno influenzato il valore del dollaro durante questo periodo. Tuttavia, il comportamento del tasso di cambio del dollaro durante il periodo di quantitative easing non offre alcun sostegno alla proposta di grandi acquisti di asset da parte della BCE come modo per provocare la svalutazione dell'euro.

Il quantitative easing della Fed, inoltre, non ha causato un aumento del tasso di inflazione. L'indice dei prezzi al consumo è aumentato dell' 1,6 % nel 2010, all'inizio del quantitative easing, poi è aumentato un po' più rapidamente nel 2011 e 2012, prima di cadere di nuovo ad 1,5 % nel 2013, l' anno del picco negli acquisti di asset.

Se la BCE vuole ridurre il valore dell'euro e aumentare il tasso di inflazione a breve termine della zona euro, l'unico modo affidabile per farlo può essere un intervento diretto nel mercato delle valute - vale a dire, vendere euro e acquistare un paniere di altre valute. Anche se un intervento diretto ad indebolire l'euro creerebbe problemi in altre parti del mondo, i politici negli Stati Uniti e in altri Paesi dovrebbero riconoscere l'importanza di un euro più competitivo per il futuro dell'economia europea.

Articolo scritto da Martin Feldstein - professore di Economia ad Harvard e tradotto da Voci dall'Estero - che ringraziamo.  


DRAGHI PENSA DI SALVARE L'ECONOMIA EUROPEA CON ACQUISTI DI BOND INVECE DEVE SVALUTARE L'EURO DEL 15% (PROF. FELDSTEIN)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Martin Feldstein   Harvard   professore   economia   Draghi   BCE   euro   svalutazione    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'INGHILTERRA SENZA L'EURO E CONTRO LA UE, OGGI E' UNA DELLE PIU' FORTI ECONOMIE DEL MONDO: BATTE GERMANIA E STATI UNITI

L'INGHILTERRA SENZA L'EURO E CONTRO LA UE, OGGI E' UNA DELLE PIU' FORTI ECONOMIE DEL MONDO: BATTE
Continua

 
''LA SITUAZIONE E' ESPLOSIVA: LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE SONO FALLITE DEUTSCHE BANK E' ZEPPA DI TITOLI TOSSICI'' (BARNARD)

''LA SITUAZIONE E' ESPLOSIVA: LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE SONO FALLITE DEUTSCHE BANK E' ZEPPA DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!