69.266.861
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

BLOCCO STIPENDI PUBBLICI: ALTI UFFICIALI FORZE ARMATE E DIRIGENTI FORZE DI POLIZIA RICORRONO ALLA CORTE DI STRASBURGO!

lunedì 5 maggio 2014

Roma  - Il blocco degli stipendi per le Forze armate finisce davanti alla Corte di Strasburgo. Un centinaio di dirigenti (soprattutto colonnelli e generali) delle Forze armate e delle Forze di polizia ad ordinamento militare, cioe' la Guardia di Finanza e l'Arma dei carabinieri, hanno infatti presentato ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo contro il blocco di tutti gli incrementi retributivi per il periodo 2011-2014. La misura era entrata in vigore il primo gennaio del 2011 a seguito del decreto legge numero 78 del 2010 (cioe' il decreto su misure urgenti di stabilizzazione finanziaria che conteneva il congelamento per tre anni degli stipendi dei dipendenti pubblici), recentemente prorogato dal governo Pd con regolamento fino a fine 2014.

Del blocco che riguarda, ricorda una nota, non soltanto gli scatti automatici, ma anche l'adeguamento Istat e gli aumenti legati alla progressione di carriera, sono stati vittime gli appartenenti alle Forze armate al pari di tutti gli altri pubblici dipendenti non contrattualizzati, con la sola eccezione dei magistrati "i quali continuano a fruire di tutti gli automatismi stipendiali grazie ad una pronuncia resa dalla Corte costituzionale alla fine del 2012 in nome della tutela dell'indipendenza della magistratura".

In particolare gli ufficiali delle Forze armate, rappresentati dai legali Andrea Saccucci e Guerino Fares, hanno denunciato dinanzi alla Corte di Strasburgo la violazione del diritto al rispetto dei beni (in cui rientra anche la legittima aspettativa al conseguimento degli aumenti stipendiali previsti per legge) e del divieto di discriminazione per effetto del blocco.

Due i profili di discriminazione lamentati nel ricorso: il primo riguarda la disparita' di trattamento subita dai militari rispetto ai magistrati, nei cui riguardi il blocco degli automatismi e' stato dichiarato costituzionalmente illegittimo; il secondo riguarda gli effetti "gravemente discriminatori che il blocco ha prodotto all'interno delle stesse Forze armate, ponendo i ricorrenti in una condizione di irragionevole svantaggio, a parita' di funzioni e responsabilita', rispetto a tutti coloro che, invece, hanno potuto giovarsi dell'incremento stipendiale previsto per legge, avendone maturato i presupposti anche soltanto un giorno prima del blocco".

Come spiega Saccucci, professore di diritto internazionale, 'e' assurdo e irragionevole che un colonnello promosso nel 2011 debba subire una sostanziale decurtazione del proprio trattamento retributivo, mentre il collega che ha conseguito la medesima promozione nel 2010 (magari soltanto qualche giorni prima) sia totalmente esentato dalle misure straordinarie finalizzate al contenimento della spesa pubblica.

Cosi' come e' assurdo e irragionevole che chi abbia conseguito la promozione dal 2011 in poi riceva la stessa retribuzione di chi, invece, tale promozione non ha conseguito nel medesimo arco temporale, nonostante l'assunzione di superiori e piu' gravose responsabilita' di comando'. Molti ufficiali delle Forze armate si erano gia' rivolti al tar del Lazio, assistiti dai legali Guido Corso e Guerino Fares, nella speranza di ottenere il rinvio degli atti alla Corte costituzionale.

Nel frattempo, la Corte si e' gia' pronunciata su ricorsi analoghi presentati dai diplomatici e dai docenti universitari, ritenendo costituzionalmente legittime le norme. Come spiega Fares 'il prossimo 7 maggio, si terra' l'udienza di discussione davanti al tar del Lazio e noi insisteremo affinche' la questione sia rimessa al vaglio della Corte costituzionale in ragione delle specificita' proprie della carriera militare. Qualora il tar del Lazio dovesse ritenere di non procedere in tal senso, sara' la Corte di Strasburgo a dire l'ultima parola'. 

 


BLOCCO STIPENDI PUBBLICI: ALTI UFFICIALI FORZE ARMATE E DIRIGENTI FORZE DI POLIZIA RICORRONO ALLA CORTE DI STRASBURGO!




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA VERITA' INTERVISTA IL VICE PREMIER DI MAIO: ''LO SCANDALO CSM E' LA P2 DEL PD''

LA VERITA' INTERVISTA IL VICE PREMIER DI MAIO: ''LO SCANDALO CSM E' LA P2 DEL PD''

martedì 18 giugno 2019
Il ministro del Lavoro, nonche' vicepremier e capo politico del M5S, Luigi Di Maio, in una intervista a "La Verita'" parla di 'toghe sporche'. "Sconcertante. Sto leggendo come tutti le
Continua
 
ALLARME ROSSO: DEUTSCHE BANK HA UN ''PROBLEMA SERIO'' DA 50 MILIARDI DI EURO DI DERIVATI E TENTA DI CREARE UNA BAD BANK

ALLARME ROSSO: DEUTSCHE BANK HA UN ''PROBLEMA SERIO'' DA 50 MILIARDI DI EURO DI DERIVATI E TENTA DI

lunedì 17 giugno 2019
Se una notizia del genere avesse riguardato una banca italiana, dalla Bce sarebbe arrivato un allarme rosso con commissariamento dell'istituto di credito, ma trattandosi di una banca tedesca, la Bce
Continua
INCHIESTA / MALAFEDE DELLA COMMISSIONE UE: ATTACCA L'ITALIA E TACE SU GERMANIA FRANCIA SPAGNA  PORTOGALLO (ECCO I DATI)

INCHIESTA / MALAFEDE DELLA COMMISSIONE UE: ATTACCA L'ITALIA E TACE SU GERMANIA FRANCIA SPAGNA

lunedì 17 giugno 2019
L’ormai rantolante commissione ue capitanata da mister “gin” Claude Junker (a proposito, c’è ancora qualche sinistrino che crede davvero che il lussemburghese non abbia
Continua
 
LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE RISERVATE'': E' UNA NUOVA P2

LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE

giovedì 13 giugno 2019
Luca Lotti voleva silurare il pm che indagava sulla famiglia Renzi. E' l'elemento che emerge dall'inchiesta di Perugia, contenuto in un servizio pubblicato dalla 'Verità', da cui risulta che
Continua

GIULIO CENTEMERO REPLICA PUNTO PER PUNTO A REPORT: ''RICOSTRUZIONE TANTO LONTANA DALLA REALTA' E'

martedì 11 giugno 2019
"Nella serata di ieri, in una breve pausa dai lavori sul ddl Crescita, ho avuto la riprova che alcune cose in Italia non cambieranno mai. I primi a non riuscire a cambiare, a crescere direi, sono i
Continua
 
INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO DEL DEBITO PUBBLICO

INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO

lunedì 10 giugno 2019
Negli scorsi giorni, la Camera dei deputati all’unanimità ha approvato i cosiddetti minibot. Una volta tanto i sinistrati del piddì ne hanno fatto una giusta, salvo poi rendersi
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SOLO I MITOMANI DELL'EURO, UNA PATETICA MINORANZA CHE GOVERNA ADESSO L'ITALIA, NON AMMETTONO CHE L'EURO SIA UN DISASTRO

SOLO I MITOMANI DELL'EURO, UNA PATETICA MINORANZA CHE GOVERNA ADESSO L'ITALIA, NON AMMETTONO CHE
Continua

 
GIORGIO LA MALFA: ''PADOA SCHIOPPA MI DISSE: CREDI CHE NON SAPPIAMO CHE L'EURO NON PUO' FUNZIONARE? SERVE PER ALTRO''.

GIORGIO LA MALFA: ''PADOA SCHIOPPA MI DISSE: CREDI CHE NON SAPPIAMO CHE L'EURO NON PUO' FUNZIONARE?
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!