43.297.175
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''GLI STATI UE RESPONSABILI DELLA DESTABILIZZAZIONE DELL'UCRAINA AGISCANO PER FERMARE LA GUERRA CIVILE'' (JACQUES SAPIR)

sabato 3 maggio 2014

I drammatici eventi che si sono verificati ieri Venerdì 2 maggio nella parte orientale dell'Ucraina rappresentano indiscutibilmente un'accelerazione del processo che porta alla guerra civile e, alla fine, alla divisone del paese. L'Accordo di Ginevra sta affondando, e con esso il futuro di un'Ucraina indipendente. 

Accanto al "fronte" di Slavjansk, dove le forze del governo provvisorio hanno tentato di ridurre gli insorti, non senza perdite da entrambe le parti (due elicotteri di Kiev distrutti, e un totale di 5 morti), ora tutti gli occhi sono puntati su Odessa. In questa città scontri tra sostenitori del governo e insorti filo-russi hanno provocato almeno 3 morti, mentre un incendio criminale, che ancora non sappiamo ancora da chi è stato provocato, ha ucciso circa quaranta persone. Già entrambe le parti contendenti respingono l'una sull'altra la responsabilità delle vittime.

Tuttavia, ci sono dei fatti indiscutibili, che sono riconosciuti dalla maggior parte degli osservatori:

1. L'Ucraina orientale è in uno stato di insurrezione. Ai militanti partigiani di un'unione con la Russia si uniscono degli ucraini che esprimono la loro profonda sfiducia verso il governo di Kiev e i suoi sostenitori. Una parte significativa della popolazione ha difeso i sostenitori di un'unione con la Russia, mentre qua e là delle parti più o meno importanti delle forze di sicurezza (polizia ed esercito) hanno preso posizione a favore di questi attivisti o si rifiutano di agire contro di loro. La versione ufficiale diffusa a Kiev o nelle capitali europee, secondo la quale si tratterebbe solo di poche decine di agitatori pagati da Mosca, diventa insostenibile ed è moralmente scandalosa.

2 . In queste condizioni, la volontà del governo provvisorio di portare avanti quella che viene chiamata "operazione anti-terrorismo", è diventata la principale causa delle mortali violenze. E' urgente che il Governo ribadisca alle sue forze di sicurezza che la violenza non solo non risolve nulla, ma di ora in ora peggiora la situazione. Solo un immediato ritiro delle forze del governo provvisorio è in grado di riportare la calma.

3. Questo governo de facto persiste in un atteggiamento suicida: esso pretende di essere l'unico a poter decidere sul compromesso costituzionale indispensabile per un ritorno alla stabilità, ma si comporta in modo tale che oramai sta rapidamente perdendo la sua autorità e legittimità nelle regioni orientali dell'Ucraina. E chi sarà d'accordo e accetterà di negoziare con un governo che ormai ha le mani macchiate di sangue? Questo è possibile solo se il governo provvisorio cambia il suo atteggiamento. Ma dopo quello che è successo oggi, sarà costretto a fare concessioni importanti.

4 . I governi dei paesi dell'Unione europea, ma anche gli Stati Uniti e il FMI, sono chiusi in una negazione della realtà che sta diventando sempre più preoccupante. Concentrano la loro attenzione sulla Russia, cosa che non corrisponde alla situazione. Ripetiamo: non siamo in presenza di "alcuni agitatori", ma di un movimento insurrezionale. Questa realtà deve essere accettata. Inoltre, si fanno dei castelli in aria con un piano di stabilizzazione finanziaria, mentre il paese sta scivolando sempre più rapidamente verso la guerra civile.

E' quindi importante, se vogliamo evitare il peggio, e supponendo che siamo ancora in tempo, cosa che è in dubbio dopo gli eventi di oggi, capire che c'è una soluzione alla situazione dell'Ucraina solo a tre condizioni :

1 . Una dichiarazione congiunta da parte degli Stati Uniti, dei principali paesi dell'Unione europea e della Russia su una futura Ucraina indipendente, in cui si deve precisare che questo paese non intende aderire, neanche da lontano, all'UE o alla NATO. Il corollario di questa affermazione è che la sfilza di sanzioni contro la Russia dovrebbe cessare il più presto possibile.

2 . Il futuro istituzionale dell'Ucraina dovrebbe riconoscere il dualismo tra la parte Occidentale e la parte Orientale del paese. La forma precisa, federalismo o confederazione, deve essere decisa solo dagli ucraini, nel quadro di una Assemblea Costituente o di una commissione di riconciliazione nazionale.

3 . Ma, soprattutto, è importante fermare le violenze e per far ciò è indispensabile che il governo provvisorio richiami tutte le forze, esercito e guardia nazionale, che sono attualmente schierate nel paese. Da parte sua, la Russia deve impegnarsi a non intervenire, né direttamente né indirettamente.

Forse è possibile fermare l'ingranaggio infernale della guerra civile. Ora la responsabilità è dei paesi dell'Unione europea, che agiscano in tal senso. La responsabilità davanti alla Storia dell'UE e di alcuni dei paesi membri per la destabilizzazione dell'Ucraina impone loro moralmente di agire per evitare la catastrofe. Ma dobbiamo agire in fretta. Potrebbe già essere troppo tardi.

Articolo scritto da Jacques Sapir per Russeurope e tradotto da Voci dall'Estero - che ringraziamo.


''GLI STATI UE RESPONSABILI DELLA DESTABILIZZAZIONE DELL'UCRAINA AGISCANO PER FERMARE LA GUERRA CIVILE'' (JACQUES SAPIR)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Ucraina   guerra civile   responsabilità UE   Germania   USA   Nato   Russia   esercito   rivoluzione   Jacques Sapir   Russeurope    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione
Continua
 
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni
Continua
LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE DAL PESCECANE SOROS

LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE

lunedì 16 gennaio 2017
Mentre gli ultimi giorni della presidenza Obama consegneranno alla storia il peggior presidente che gli U.S.A. abbiano mai avuto, essendo impegnato allo spasimo a creare tensioni in mezzo mondo e
Continua
 
WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO IMMAGINARIO MAI ESISTITO''

WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO

lunedì 16 gennaio 2017
WASHINGTON - "Le elezioni presidenziali statunitensi coincidono assai di rado con una svolta permanente dell'ordine politico in quel paese - scrive l'editorialista John Steel Gordon sul Wall Street
Continua
DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA BIANCA (TENETEVI FORTE)

DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA

lunedì 16 gennaio 2017
La Brexit "una gran cosa" e con la Gran Bretagna Donald Trump vuole firmare un accordo commerciale vantaggioso per entrambi i Paesi, mentre l'Ue perderà altri pezzi e questo principalmente a
Continua
 
IL PARTITO NAZIONALSITA OLANDESE ''FREEDOM PARTY'' IN TESTA A TUTTI I SONDAGGI E IL 15 MARZO 2017 ELEZIONI POLITICHE!

IL PARTITO NAZIONALSITA OLANDESE ''FREEDOM PARTY'' IN TESTA A TUTTI I SONDAGGI E IL 15 MARZO 2017

lunedì 19 dicembre 2016
LONDRA - Come nell'ex Unione Sovietica anche nell'Unione Europea le autorita' si servono della magistratura per perseguitare chi osa opporsi alle loro politiche migratorie e mondialiste e la lista di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''LA TAV E' INUTILE'' STUDIO DELL'UNIVERSITA' DI INNSBRUCK LO DIMOSTRA (NE 2006) E IL GOVERNO ITALIANO LO HA NASCOSTO

''LA TAV E' INUTILE'' STUDIO DELL'UNIVERSITA' DI INNSBRUCK LO DIMOSTRA (NE 2006) E IL GOVERNO
Continua

 
IL MASSACRO DI ODESSA: 38 PERSONE BRUCIATE VIVE DENTRO LA CAMERA DEL LAVORO DA MILIZIE NAZISTE AGLI ORDINI DI KIEV

IL MASSACRO DI ODESSA: 38 PERSONE BRUCIATE VIVE DENTRO LA CAMERA DEL LAVORO DA MILIZIE NAZISTE AGLI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua

PRIMO MINISTRO BRITANNICO: ''MODELLO UE INCOMPATIBILE CON LA NOSTRA

17 gennaio - LONDRA - Il modello dell'Ue e delle istituzioni sovranazionali ''non era
Continua

THERESA MAY: ''VIA DAL MERCATO UNICO E DA CORTE DI GIUSTIZIA E

17 gennaio - LONDRA - L'atteso di scorso di Theresa May sulla Brexit è arrivato ed
Continua

TAJANI PUO' FARCELA, DOPO LA CAPRIOLA DEI LIBERALI CHE HANNO

17 gennaio - BRUXELLES - ''Da Grillo a Berlusconi in meno di una settimana'': i
Continua
Precedenti »