42.261.667
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''GLI STATI UE RESPONSABILI DELLA DESTABILIZZAZIONE DELL'UCRAINA AGISCANO PER FERMARE LA GUERRA CIVILE'' (JACQUES SAPIR)

sabato 3 maggio 2014

I drammatici eventi che si sono verificati ieri Venerdì 2 maggio nella parte orientale dell'Ucraina rappresentano indiscutibilmente un'accelerazione del processo che porta alla guerra civile e, alla fine, alla divisone del paese. L'Accordo di Ginevra sta affondando, e con esso il futuro di un'Ucraina indipendente. 

Accanto al "fronte" di Slavjansk, dove le forze del governo provvisorio hanno tentato di ridurre gli insorti, non senza perdite da entrambe le parti (due elicotteri di Kiev distrutti, e un totale di 5 morti), ora tutti gli occhi sono puntati su Odessa. In questa città scontri tra sostenitori del governo e insorti filo-russi hanno provocato almeno 3 morti, mentre un incendio criminale, che ancora non sappiamo ancora da chi è stato provocato, ha ucciso circa quaranta persone. Già entrambe le parti contendenti respingono l'una sull'altra la responsabilità delle vittime.

Tuttavia, ci sono dei fatti indiscutibili, che sono riconosciuti dalla maggior parte degli osservatori:

1. L'Ucraina orientale è in uno stato di insurrezione. Ai militanti partigiani di un'unione con la Russia si uniscono degli ucraini che esprimono la loro profonda sfiducia verso il governo di Kiev e i suoi sostenitori. Una parte significativa della popolazione ha difeso i sostenitori di un'unione con la Russia, mentre qua e là delle parti più o meno importanti delle forze di sicurezza (polizia ed esercito) hanno preso posizione a favore di questi attivisti o si rifiutano di agire contro di loro. La versione ufficiale diffusa a Kiev o nelle capitali europee, secondo la quale si tratterebbe solo di poche decine di agitatori pagati da Mosca, diventa insostenibile ed è moralmente scandalosa.

2 . In queste condizioni, la volontà del governo provvisorio di portare avanti quella che viene chiamata "operazione anti-terrorismo", è diventata la principale causa delle mortali violenze. E' urgente che il Governo ribadisca alle sue forze di sicurezza che la violenza non solo non risolve nulla, ma di ora in ora peggiora la situazione. Solo un immediato ritiro delle forze del governo provvisorio è in grado di riportare la calma.

3. Questo governo de facto persiste in un atteggiamento suicida: esso pretende di essere l'unico a poter decidere sul compromesso costituzionale indispensabile per un ritorno alla stabilità, ma si comporta in modo tale che oramai sta rapidamente perdendo la sua autorità e legittimità nelle regioni orientali dell'Ucraina. E chi sarà d'accordo e accetterà di negoziare con un governo che ormai ha le mani macchiate di sangue? Questo è possibile solo se il governo provvisorio cambia il suo atteggiamento. Ma dopo quello che è successo oggi, sarà costretto a fare concessioni importanti.

4 . I governi dei paesi dell'Unione europea, ma anche gli Stati Uniti e il FMI, sono chiusi in una negazione della realtà che sta diventando sempre più preoccupante. Concentrano la loro attenzione sulla Russia, cosa che non corrisponde alla situazione. Ripetiamo: non siamo in presenza di "alcuni agitatori", ma di un movimento insurrezionale. Questa realtà deve essere accettata. Inoltre, si fanno dei castelli in aria con un piano di stabilizzazione finanziaria, mentre il paese sta scivolando sempre più rapidamente verso la guerra civile.

E' quindi importante, se vogliamo evitare il peggio, e supponendo che siamo ancora in tempo, cosa che è in dubbio dopo gli eventi di oggi, capire che c'è una soluzione alla situazione dell'Ucraina solo a tre condizioni :

1 . Una dichiarazione congiunta da parte degli Stati Uniti, dei principali paesi dell'Unione europea e della Russia su una futura Ucraina indipendente, in cui si deve precisare che questo paese non intende aderire, neanche da lontano, all'UE o alla NATO. Il corollario di questa affermazione è che la sfilza di sanzioni contro la Russia dovrebbe cessare il più presto possibile.

2 . Il futuro istituzionale dell'Ucraina dovrebbe riconoscere il dualismo tra la parte Occidentale e la parte Orientale del paese. La forma precisa, federalismo o confederazione, deve essere decisa solo dagli ucraini, nel quadro di una Assemblea Costituente o di una commissione di riconciliazione nazionale.

3 . Ma, soprattutto, è importante fermare le violenze e per far ciò è indispensabile che il governo provvisorio richiami tutte le forze, esercito e guardia nazionale, che sono attualmente schierate nel paese. Da parte sua, la Russia deve impegnarsi a non intervenire, né direttamente né indirettamente.

Forse è possibile fermare l'ingranaggio infernale della guerra civile. Ora la responsabilità è dei paesi dell'Unione europea, che agiscano in tal senso. La responsabilità davanti alla Storia dell'UE e di alcuni dei paesi membri per la destabilizzazione dell'Ucraina impone loro moralmente di agire per evitare la catastrofe. Ma dobbiamo agire in fretta. Potrebbe già essere troppo tardi.

Articolo scritto da Jacques Sapir per Russeurope e tradotto da Voci dall'Estero - che ringraziamo.


''GLI STATI UE RESPONSABILI DELLA DESTABILIZZAZIONE DELL'UCRAINA AGISCANO PER FERMARE LA GUERRA CIVILE'' (JACQUES SAPIR)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Ucraina   guerra civile   responsabilità UE   Germania   USA   Nato   Russia   esercito   rivoluzione   Jacques Sapir   Russeurope    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
NAZIONALIZZARE, SALVARE E RIVENDERE MPS, CARIGE, BANCHE VENETE, BANCA ETRURIA & SORELLE E' UN GRANDE AFFARE PER L'ITALIA

NAZIONALIZZARE, SALVARE E RIVENDERE MPS, CARIGE, BANCHE VENETE, BANCA ETRURIA & SORELLE E' UN

martedì 6 dicembre 2016
Ricordate le previsioni degli analisti “qualificati” prima del referendum qualora avesse vinto  il NO? Crollo della borsa, spread alle stelle, siccità, carestia, morte dei
Continua
 
DIMISSIONI? SOLO DI FACCIATA: LA CERCHIA RENZIANA DEL PD CONFERMA CHE IL CAPO VUOLE RESTARE AL POTERE, DIMISSIONI BUFALA

DIMISSIONI? SOLO DI FACCIATA: LA CERCHIA RENZIANA DEL PD CONFERMA CHE IL CAPO VUOLE RESTARE AL

lunedì 5 dicembre 2016
ROMA -  Da stentare a crederci, eppure è quanto rilanciano le agenzie:"Resta in campo e dara' battaglia. Di fatto questo referendum si e' trasformato in una vera e propria elezione
Continua
LA NUOVA STELLA DEL FIRMAMENTO REPUBBLICANO SI CHIAMA TOMI LAHREN, UNA RAGAZZA CHE FARA' MOLTA STRADA

LA NUOVA STELLA DEL FIRMAMENTO REPUBBLICANO SI CHIAMA TOMI LAHREN, UNA RAGAZZA CHE FARA' MOLTA

mercoledì 30 novembre 2016
Nella galassia dei repubblicani e' nata una nuova stella: Tomi Lahren, giornalista e opinionista politica, e' una donna di 24 anni che al fascino estetico combina doti oratorie e di persuasioni che
Continua
 
DONALD TRUMP OTTIENE CHE LE GRANDI FABBRICHE NON SCAPPINO DAGLI USA: SALVATI 1.400 POSTI (E SIAMO SOLO ALL'INIZIO)

DONALD TRUMP OTTIENE CHE LE GRANDI FABBRICHE NON SCAPPINO DAGLI USA: SALVATI 1.400 POSTI (E SIAMO

mercoledì 30 novembre 2016
STATI UNITI - Il presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, visitera' Indianapolis in Indiana nella giornata di domani, e annuncera' pubblicamente di aver raggiunto un accordo con il
Continua
SI SCRIVE MPS MA SI LEGGE PD & RENZI: LA BANCA SENESE STA PER FALLIRE PER COLPA DEL PD(DS-PDS-PCI) IN OGNI CASO.

SI SCRIVE MPS MA SI LEGGE PD & RENZI: LA BANCA SENESE STA PER FALLIRE PER COLPA DEL PD(DS-PDS-PCI)

martedì 29 novembre 2016
Ad un passo dal baratro. Con queste poche parole potrebbe essere riassunta la situazione attuale di MPS, una situazione che nulla ha a che vedere con il referendum di domenica prossima, nonostante il
Continua
 
IL GRUPPO AUTOMOBILISTICO JAGUAR LAND ROVER ANNUNCIA 10.000 NUOVI POSTI DI LAVORO IN GRAN BRETAGNA GRAZIE AL BREXIT

IL GRUPPO AUTOMOBILISTICO JAGUAR LAND ROVER ANNUNCIA 10.000 NUOVI POSTI DI LAVORO IN GRAN BRETAGNA

lunedì 28 novembre 2016
LONDRA - A sentire i giornali di regime l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea avrebbe avuto effetti catastrofici condannando il paese d'Oltremanica a decenni di poverta' e
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''LA TAV E' INUTILE'' STUDIO DELL'UNIVERSITA' DI INNSBRUCK LO DIMOSTRA (NE 2006) E IL GOVERNO ITALIANO LO HA NASCOSTO

''LA TAV E' INUTILE'' STUDIO DELL'UNIVERSITA' DI INNSBRUCK LO DIMOSTRA (NE 2006) E IL GOVERNO
Continua

 
IL MASSACRO DI ODESSA: 38 PERSONE BRUCIATE VIVE DENTRO LA CAMERA DEL LAVORO DA MILIZIE NAZISTE AGLI ORDINI DI KIEV

IL MASSACRO DI ODESSA: 38 PERSONE BRUCIATE VIVE DENTRO LA CAMERA DEL LAVORO DA MILIZIE NAZISTE AGLI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SARDEGNA, LA GIUNTA REGIONALE VA IN PEZZI, TRAVOLTA DAL COLOSSALE

7 dicembre - CAGLIARI - Il Pd si sgretola in Sardegna. ''L'assessora regionale
Continua

IL TESORO SBUGIARDA (BUFALA) DELLA STAMPA DI TORINO: NIENTE FONDO

7 dicembre - ''Smentiamo che sia in preparazione una richiesta di prestiti al Fondo
Continua

LA LEGA CHIEDE UFFICIALMENTE CHE LA CORTE COSTITUZIONALE ANTICIPI

6 dicembre - ROMA - PARLAMENTO - La Lega - riunita con il segretario Matteo Salvini -
Continua

RENZI HA NOMINATO LA COMANDANTE DEI VIGILI DI FIRENZE ''CONSIGLIERE

6 dicembre - Nonostante il crollo del governo, ha una sorta di assicurazione a vita
Continua

CORTE COSTITUZIONALE: UDIENZA SU ITALICUM IL 24 GENNAIO (ADDIO

6 dicembre - La Corte costituzionale ha fissato per l'udienza del 24 gennaio 2017 la
Continua

SALVINI: ANDIAMO A COSTRUIRE UNA GRANDE ALLEANZA PER SCONFIGGERE

6 dicembre - ''Con Forza Italia ci sono stati contatti positivi. Noi andiamo a
Continua

''EFFETTO SCHIANTO RENZI'' COME ''EFFETTO BREXIT'': LA BORSA VOLA,

6 dicembre - MILANO - BORSA - Ora si può parlare apertamente di ''effetto Renzi''
Continua

LO SPREAD NON CRESCE, AL CONTRARIO CROLLA: OGGI A 158 PUNTI (1,92%)

6 dicembre - Altro sbugiardamento delle ''fosche previsioni'' dei soliti ''analisti''
Continua

LA MERKEL: ANCHE IN PROFUGHI VERRANNO RISPEDITI A CASA LORO (IN

6 dicembre - BERLINO - ''Non tutti'' i profughi entrati in Germania potranno
Continua

PROPOSTA M5S: APPLICHIAMO L'ITALICUM ANCHE AL SENATO E POI SUBITO

5 dicembre - ''Ora ci troviamo con due leggi elettorali tra Camera e Senato molto
Continua
Precedenti »