50.764.817
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''LA TAV E' INUTILE'' STUDIO DELL'UNIVERSITA' DI INNSBRUCK LO DIMOSTRA (NE 2006) E IL GOVERNO ITALIANO LO HA NASCOSTO

venerdì 2 maggio 2014

La TAV Brennero è inutile. E' quanto emerge da uno studio dell'Università di Insbruck, datato 2006 ma reso pubblico soltanto oggi. Per 8 anni il governo e il Ministero dei Trasporti italiano hanno secretato i documenti, rifiutandosi di renderli pubblici. Il deputato della Südtiroler Volkspartei, Manfred Schullian, aveva provato più volte a metterci le mani e lo ha fatto anche qualche giorno fa, ma ha incontrato sempre gli stessi ostacoli. Ora, però, i documenti sono stati resi pubblici, grazie a Riccardo Fraccaro, deputato trentino del M5S, che ha intercettato e pubblicato una copia dello studio. E il resoconto è tutt'altro che positivo, poiché dimostrerebbe l'inutilità di questa importante opera pubblica. 

La relazione, composta da circa 1000 pagine, è stata scritta nel 2006 da Peter Lercher, professore dalla Facoltà di Medicina dell'Università austriaca di Innsbruck. All'epoca lo studio era stato commissionato dalla BBT (Brenner Basistunnel), la società italo-austriaca incaricata di costruire il tunnel ferroviario di 56 km, dalla città di Innsbruck alla città di Fortezza (Bolzano), nell'ambito del progetto TAV Brennero. Gli obiettivi dello studio erano diversi. Prima di tutto si voleva capire l'impatto dell'opera sulla popolazione e sull'ambiente, tentando di individuare eventuali benefici in termini di salute. Un altro obiettivo era invece legato al trasporto delle merci, così da valutare se l'utilizzo della TAV fosse stato più efficiente rispetto ai mezzi di trasporto comuni, ossia rispetto agli autocarri sull'autostrada A22 o ai treni merci sui tracciati ferroviari tradizionali.

I risultati dello studio non sono certamente quelli sperati dai sostenitori della TAV. Non è difficile capire perché la politica abbia secretato questi documenti per 8 anni. Prima di tutto perché la tesi maggiormente consolidata dai sostenitori della TAV, sarebbe prontamente smontata. Lo studio, infatti, dichiara che ci sarebbero "effetti positivi trascurabili" sull'ambiente. Motivo? Non è vero che la TAV abbasserebbe il trasporto su gomma. Sembra strano da credere, ma secondo lo studio, pur disponendo di un trasporto ad Alta Velocità, il traffico di autocarri sull'A22 rimarrebbe lo stesso.

A dire la verità, il trasporto su gomma è diminuito, ma non è servita la costruzione di alcun tunnel. Colpa della crisi economica, della riduzione dei consumi. Secondo le previsioni dello studio, nel 2012 circa 41 tonnellate di merci avrebbero viaggiato sull'A22, ridotte a 32 tonnellate grazie all'ipotetico utilizzo del tunnel TAV. Quante sono state alla fine realmente? Meno di 29 tonnellate. Ciò significa che, anche senza TAV, il trasporto su gomma si è notevolmente abbassato e questo perché i fattori che possono incidere sono tra i più vari.

A proposito: a che punto è l'opera? I lavori preliminari sono fermi da oltre 2 anni e il ritardo è davvero enorme. Nonostante la speranza in molti di vedere il tunnel funzionante dal 2015, l'opera sembra destinata a rimanere bloccata ancora per tanto tempo. Eppure non ci sono proteste e ostacoli come in Val di Susa. Qual è il motivo allora? Il problema è che nessuno ancora sa quanto costino veramente questi lavori. In Italia, il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture continua a dire che l'opera costerà circa 8 miliardi di euro. Secondo la Corte dei Conti austriaca, invece, la spesa non sarà inferiore ai 24 miliardi, cifra che al momento Vienna non ha intenzione di spendere, tanto da dichiarare che non inizierà a scavare prima del 2016.

Un'altra tesi dei Pro-TAV verrebbe smentita da questo studio: non è vero che il tunnel abbasserà il tasso di rumorosità. Il rumore, soprattutto nelle ore notturne, è uno dei problemi più importanti della zona interessata (Alta Valle Isarco), poiché inciderebbe negativamente sulla salute e sul sonno degli abitanti (bambini compresi), diffondendo depressione, ansia e ipertensione. I sostenitori della TAV avevano quindi pubblicizzato l'opera come un'operazione che avrebbe ridotto il rumore degli autocarri, a beneficio della salute. Ma così, a quanto pare, non sarà. Lo scienziato Lercher ha infatti individuato nei treni merci il maggior nemico della quiete pubblica, e non nei TIR. Dato che i normali treni merci continuerebbero a viaggiare comunque, il rumore rimarrebbe lo stesso.

Come scritto, il trasporto su gomma non diminuirebbe in maniera importante, quindi l'inquinamento ambientale rimarrebbe pressoché invariato. In particolar modo, le emissioni inquinanti dei TIR (ossidi di azoto, polveri sottili Pm10, anidride carbonica, monossido di carbonio etc.) si ridurrebbero soltanto del 6-12%. Tra l'altro, per gli studiosi austriaci, questa riduzione non sarebbe frutto della TAV ma della prevedibile evoluzione tecnologica dei camion. Quindi, l'unica soluzione per ridurre il traffico di autocarri è aumentare i pedaggi dell'A22, ben più bassi rispetto ad altri varchi alpini e quindi più "attraenti" per i trasportatori. E per fare ciò, non serve nessun tunnel.

Riassumendo: la costruzione del tunnel per la TAV Brennero è opera incerta e "inutile". L'inquinamento rimarrebbe lo stesso, il rumore anche, ma soprattutto ancora non si hanno dati certi sui costi effettivi. Lo studio austriaco poteva quindi fungere da stimolo per trovare dei correttivi, per diminuire l'incertezza attorno ad un'opera miliardaria. E invece si è preferito ignorarlo, tenerlo chiuso in un cassetto e secretarlo. Non proprio un gesto di responsabilità.

Articolo scritto da Davide Iandiorio per it.ibtimes.com - che ringraziamo. 

NOTA.

L'Università di Innsbruck è una delle più prestigiose al mondo, e vi hanno insegnato ben quattro professori insigniti del Nobel (tre per la Vhimica, uno per la Fisica) 

Per informazioni vedi link: http://www.informagiovani-italia.com/universita_innsbruck.htm 

 


''LA TAV E' INUTILE'' STUDIO DELL'UNIVERSITA' DI INNSBRUCK LO DIMOSTRA (NE 2006) E IL GOVERNO ITALIANO LO HA NASCOSTO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Tav   inutile   studio   Università   Innsbruck    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'FMI DARA' I 17 MILIARDI DI DOLLARI ALL'UCRAINA ''SE NON PERDERA' IL CONTROLLO DELLE REGIONI DELL'EST'' (QUINDI, GUERRA)

L'FMI DARA' I 17 MILIARDI DI DOLLARI ALL'UCRAINA ''SE NON PERDERA' IL CONTROLLO DELLE REGIONI
Continua

 
''GLI STATI UE RESPONSABILI DELLA DESTABILIZZAZIONE DELL'UCRAINA AGISCANO PER FERMARE LA GUERRA CIVILE'' (JACQUES SAPIR)

''GLI STATI UE RESPONSABILI DELLA DESTABILIZZAZIONE DELL'UCRAINA AGISCANO PER FERMARE LA GUERRA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!