68.696.435
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''ITALIA PIU' POVERA, PIU' VIOLENTA, PIU' VECCHIA''. ECCO COM'E' DIVENTATA GRAZIE ALL'EURO E ALLA UE (RICERCA CNA)

venerdì 2 maggio 2014

Piu' povera. Piu' violenta. Piu' vecchia. E inutilmente piu' istruita. E' l'immagine dell'Italia dopo sei anni di crisi economica, politica e sociale nella fotografia scattata dal Centro Studi della CNA. "In questo arco di tempo il nostro Paese ha visto crescere in maniera travolgente le persone a rischio poverta' ed esclusione sociale - sottolinea la CNA -.

Ormai sono oltre 18 milioni, quasi tre milioni in piu' del 2007, e rappresentano il 14,8% di tutti gli europei emarginati economicamente. Si tratta di persone costrette a vivere in famiglie con entrate inferiori al 60% del reddito medio, che non possono permettersi un pasto adeguato almeno ogni due giorni e, se lavorano, lo fanno in maniera ridotta.

Peggio dell'Italia nell'Unione europea solo la Grecia e sette Paesi ex-comunisti.

Dal 2007 la percentuale di italiani che non possono sostenere una spesa imprevista, pagare le bollette, riscaldare la casa, nutrirsi come si deve e' schizzata dal 6,8 al 14,5%. Nel Vecchio Continente il disagio e' cresciuto di piu' solo in Grecia. Colpa della crisi, e' vero. Ma negli stessi anni in Germania il numero di tedeschi emarginati e' diminuito. Anche la crisi, evidentemente, non e' uguale per tutti in Europa.

E in Italia crea un ulteriore elemento di allarme sociale: il boom degli sfratti per morosita'. Nel 2012 se ne contano oltre 60mila, che aggiungono disagio a disagio". 

Tra il 2007 e il 2012 il nostro Paese e' diventato anche piu' insicuro. In questi anni, informa il Centro Studi della CNA, i reati sono cresciuti dell'8,7%. In forte aumento risultano soprattutto i reati contro il patrimonio, che principalmente possono essere ricondotti alla caduta delle attivita' economiche: i furti sono saliti del 32,5%, le truffe e le frodi informatiche del 21,8%. La crisi spinge le famiglie a guardare sempre di meno alla qualita' e la criminalita', anche internazionale, ne approfitta.

Si spiega cosi' la crescita esponenziale dei reati di contraffazione di marchi e prodotti industriali, piu' che quadruplicata. Ma la crisi ha finito per turbare e impoverire anche i rapporti tra le persone, come dimostra l'incremento degli episodi di violenza personale, dalle percosse alle lesioni. L'incertezza economica e sociale si riverbera, inevitabilmente, sul dato demografico: non si fanno piu' figli. Negli anni della crisi il tasso di natalita', gia' basso, in Italia e' calato ulteriormente, da 9,7 a 8,9 nuovi nati ogni mille abitanti. L'eta' media e' salita da meno di 43 a 44 anni.

E il peso della popolazione anziana e' aumentato.

Ormai gli ultra 65enni sono una volta e mezza i ragazzi sotto i 15 anni e quasi un terzo (il 32,7%) della popolazione in eta' lavorativa. E' il livello piu' alto in Europa. E rappresenta un segnale inquietante. Questo indicatore, infatti, misura la capacita' potenziale del sistema di provvedere al pagamento delle pensioni. Una bomba a orologeria. Eppure, anche perche' non si trova occupazione, tra il 2007 e il 2013 si e' incrementato il grado di istruzione della popolazione. Sono aumentati del 23,9% i laureati e dell'11,9% i diplomati.

Cosi' da portare al 47,4% degli italiani i possessori di un diploma o di una laurea. Ma l'istruzione non ha garantito una occupazione, anzi. Se, infatti, prima della crisi il diploma assicurava un inserimento sul mercato del lavoro simile, in pratica, a quello della laurea, oggi la probabilita' di disoccupazione di un diplomato e' prossima a quanti posseggono solo la licenza media.

Si spiega anche con questi numeri, sottolinea l'indagine del Centro Studi della CNA, l'esplosione del fenomeno Neet, i giovani tra i 15 e i 34 anni che non lavorano, non studiano, non svolgono attivita' di formazione, saliti in sette anni di oltre 750mila unita', arrivando a quasi 3,6 milioni. Il 27,3% dei Neet sono diplomati (erano il 17% nel 2007), il 21,7% laureati, contro il 15,9 per cento all'inizio della crisi.

L'euro avrebbe dovuto portare benessere, pace sociale, sviluppo e lavoro. Invece, questo è il quadro desolante che ha prodotto. 

Redazione Milano. 


''ITALIA PIU' POVERA, PIU' VIOLENTA, PIU' VECCHIA''. ECCO COM'E' DIVENTATA GRAZIE ALL'EURO E ALLA UE (RICERCA CNA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ricerca   CNA   Italia   devastata   via dall'euro   via dalla UE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
JOE BIDEN DA VICE DI OBAMA ''INTERVENNE'' IN UCRAINA PER FAR CACCIARE IL GIUDICE CHE STAVA INDAGANDO SU SUO FIGLIO

JOE BIDEN DA VICE DI OBAMA ''INTERVENNE'' IN UCRAINA PER FAR CACCIARE IL GIUDICE CHE STAVA

martedì 21 maggio 2019
NEW YORK - L'ex vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden, che ha formalizzato la propria candidatura in vista delle elezioni presidenziali 2020, e appare ad oggi il candidato di punta del Partito
Continua
 
NORDAFRICANO CLANDESTINO DA' FUOCO AL COMANDO DEI VIGILI DI MIRANDOLA: DUE MORTI, VENTI FERITI TRA CUI SEI MINORI

NORDAFRICANO CLANDESTINO DA' FUOCO AL COMANDO DEI VIGILI DI MIRANDOLA: DUE MORTI, VENTI FERITI TRA

martedì 21 maggio 2019
MIRANDOLA - Due morti, una signora 84enne italiana costretta a letto per le precarie condizioni di salute e la sua badante ucraina di 74 anni, e 20 feriti, tra cui il marito della vittima e altre tre
Continua
L'ITALIA STA CAMBIANDO PER IL BENE DI TUTTI IL GOVERNO HA DIRITTO DI CONTINUARE ATTACCHI DA OGNI DOVE, MA NON VINCERANNO

L'ITALIA STA CAMBIANDO PER IL BENE DI TUTTI IL GOVERNO HA DIRITTO DI CONTINUARE ATTACCHI DA OGNI

lunedì 20 maggio 2019
MILANO - La bacchetta magica non esiste, e men che meno in mano a chi governa un Paese. Tuttavia, dopo più di un anno dalle elezioni politiche in Italia che hanno decretato la vittoria della
Continua
 
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
 
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
VISTA DA VICINO / LA PUPILLA DI DE MITA, LA SIGNORINA PICIERNO, QUELLA DELLA SPESA CON 80 EURO PER DUE SETTIMANE

VISTA DA VICINO / LA PUPILLA DI DE MITA, LA SIGNORINA PICIERNO, QUELLA DELLA SPESA CON 80 EURO PER
Continua

 
PADOAN: ''ESCLUDO CHE L'ITALIA CERCHERA' DI RINEGOZIARE IL FISCAL COMPACT  E OGNI ALTRO TRATTATO ECONOMICO UE''

PADOAN: ''ESCLUDO CHE L'ITALIA CERCHERA' DI RINEGOZIARE IL FISCAL COMPACT E OGNI ALTRO TRATTATO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!