50.803.452
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''NON COMPRATE CASE IN FRANCIA: PREZZI -31% NEL 2016, SPAGNA -10%, ITALIA -16%. E' DEFLAZIONE'' (PRITCHARD - TELEGRAPH)

giovedì 1 maggio 2014

LONDRA - "State attenti se avevate in mente di acquistare una casa in Francia. Gli stress test per le banche rilasciati oggi si aspettano una diminuzione del valore immobiliare dell'1,6% quest'anno e un altro 1% nel 2015". Con questa premessa Ambrose Evans-Pritchard precisa poi come lo "scenario avverso", il peggiore possibile analizzato, arriva anche a un possibile crollo del 31% per la fine del 2016, come riflesso delle preoccupazione dei regolatori francesi che hanno inviato i dati alla nuova autorità bancaria europea - EBA (European Authority Bank).

L'Italia è leggermente meno volatile: con i prezzi delle proprietà in calo del 3,4% quest'anno, lo 0,7% il prossimo, e il 16% tendenziale alla fine del 2016. Per la Spagna è previsto un crollo del 4,3% per quest'anno e poi una ripresa. Il peggior scenario è meno 10.4% fino al 2015 e una ripresa nel 2016. Ma, prosegue Evans-Pritchard, i regolatori spagnoli sono ottimisti come sempre, come se vivessero in un universo parallelo. E così anche se lo schock globale per l'EBA dovesse avvenire – prosegue il columnist del Telegraph - ci stanno dicendo che Madrid potrebbe schivare il proiettile abbastanza agevolmente. E questo con due milione di case sfitte sui bilanci delle banche: una voragine nei conti di cui non si vede il fondo!

La domanda è: quanto sono credibili questi test dell'EBA dopo quelli precedenti ai limiti della commedia e del farsesco, superati dagli eventi di una crisi dei titoli di stato che ha azzerato ogni previsione?

Lo scenario avverso dell'inflazione in crescita, ad esempio, è stimato all'1% per quest'anno. I dati rilasciati dalla BCE mostrano che l'offerta di moneta M3 sta diminuendo, contraendosi di 26 miliardi di euro a marzo. La crescita annuale è diminuita dell'1,1%. Il credito privato addirittura del 2,2%. Come ci ha ricordato il FMI, prosegue Evans-Pritchard, il tasso d'inflazione è cruciale per le dinamiche del debito in Italia, Spagna, Francia, Portogallo, Irlanda e Grecia. E anche per l'Olanda.Un tasso di bassa inflazione dello 0,5% per questi paesi – che stanno già sperimentando uno anche inferiore – li soffoca attraverso il cosiddetto effetto denominatore, un crescente tasso d'interesse sull'indebitamento rispetto a un Pil nominale in diminuzione.  

Le previsioni della BCE mostrano che il tasso d'inflazione della Spagna sarà dello 0.3% quest'anno e lo 0.4% il prossimo nel peggiore dei scenari. "Non scherziamo" sostiene Evans-Pritchard era -0,2% a marzo e il governo spagnolo sta già usando un -0,4% di deflatore per calcolare il Pil  

Il test della BCE presuppone poi che in Italia i tassi a 10 anni sui titoli cresceranno del 5.5% e in Spagna del 5.6% nel peggiore dei scenari possibili. Non c'è dubbio che confidano sull'impegno di  "do-whatever-it-takes di Draghi", ma la corte costituzionale tedesca ha già emesso una sentenza preliminare che afferma in un linguaggio molto chiaro e diretto di considerare questa prassi una violazione dei trattati europei e probabilmente “Ultra Vires”. Il peggiore scenario possibile ignora l'elefante che già si è posizionato al centro della stanza. 

La Bce continua a insistere nell'inseguire un'inesistente inflazione, quando invece il pericolo mortale della deflazione in Europa c'è ed è - appunto - grande come un elefante. D'altra parte, la BCE se dovesse ammettere la minaccia deflattiva dovrebbe assieme rivedere in modo radicale la propria politica monetaria. La BCE dovrebbe creare denaro e metterlo a disposizione degli Stati dell'eurozona, ma non può farlo. La deflazione è utile alla Germania, azionista di controllo della BCE. E quindi, l'elefante si fa finta non ci sia.

Fonte notizia L'Antidiplomatico.it - Articolo originale scritto da Evans Pritchard per The Telegraph - che ringraziamo. 

 


''NON COMPRATE CASE IN FRANCIA: PREZZI -31% NEL 2016, SPAGNA -10%, ITALIA -16%. E' DEFLAZIONE'' (PRITCHARD - TELEGRAPH)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Evans   Pritchard   Telegraph   prezzi   case   deflazione   banche   stress test   EBA   Spagna   Italia   Francia   euro   via dall'euro   Londra   BCE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI ITALIANI'' L'AMATA UE

DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI

domenica 20 agosto 2017
Siete ancora in vacanza o siete già tornati? Non ci siete andati? Tutto ciò è irrilevante, perchè c'è un gigantesco debito che vi aspetta a settembre sull'uscio di
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
MATTEO SALVINI E UMBERTO BOSSI TROVANO ''LA QUADRA'' PER DARE A LEGA E CENTRODESTRA LA SPERANZA DI VINCERE LE ELEZIONI

MATTEO SALVINI E UMBERTO BOSSI TROVANO ''LA QUADRA'' PER DARE A LEGA E CENTRODESTRA LA SPERANZA DI

domenica 30 luglio 2017
"Oggi dico che ha ragione Berlusconi: il partito della nostra coalizione che raccogliera' alle urne piu' voti avra' diritto di prelazione. Non e' piu' tempo delle punture di spillo tra gli alleati:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ALLARME DEFAULT DELLE BANCHE ITALIANE: HANNO RESO SOLO IL 20% DEI SOLDI PRESTATI DALLA BCE (SE LO FANNO, FALLISCONO)

ALLARME DEFAULT DELLE BANCHE ITALIANE: HANNO RESO SOLO IL 20% DEI SOLDI PRESTATI DALLA BCE (SE LO
Continua

 
L'INGHILTERRA SENZA L'EURO E CONTRO LA UE, OGGI E' UNA DELLE PIU' FORTI ECONOMIE DEL MONDO: BATTE GERMANIA E STATI UNITI

L'INGHILTERRA SENZA L'EURO E CONTRO LA UE, OGGI E' UNA DELLE PIU' FORTI ECONOMIE DEL MONDO: BATTE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!