67.619.830
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA REALTA' ITALIANA POSSIEDE IL BRUTTISSIMO DIFETTO DI CONTRADDIRE LA PROPAGANDA DI RENZI: ECCO I DATI E LA BUGIE.

martedì 22 aprile 2014

In questi giorni i media italiani fanno a battaglia tra di loro per lodare il “grande lavoro” svolto da questo governo a favore degli italiani: ci riferiamo ovviamente agli 80 euro in più in busta paga, al taglio del 10% dell’IRAP ed al tetto agli stipendi dei dipendenti pubblici (leggasi taglio).

E’ tutto oro quello che luccica e, soprattutto, sono manovre sostenibili nel lungo periodo? 

La risposta è un secco e sonoro no a tutti e tre i quesiti. Tradotto: il primo ministro ha solo fatto della gran propaganda senza incidere minimamente sulla situazione reale. Vediamo perché.

Gli 80 euro in più in busta paga, vero biglietto da visita dell’ex sindaco di Firenze ed attuale premier non eletto (sempre meglio ricordarlo, giusto per rispetto alla democrazia), sono un semplice specchietto per le allodole. In primis perché non finiscono nelle tasche dei meno abbienti, i cosiddetti “incapienti”, coloro che hanno un reddito talmente basso da essere esentati addirittura dalle tasse e che, quindi, avrebbero maggior bisogno di un incremento del loro reddito. In seconda battuta, avendo acconsentito all’introduzione della TASI ed all’aumento delle sue aliquote, questi 80 euro sono destinati in larghissima parte a svanire. Qualcuno potrebbe obiettare che senza questi 80 euro, la situazione sarebbe stata ancora più drammatica. La risposta è: no. Se per dare 80 euro in più devo aumentare le tasse, allora tanto vale che non le aumenti, in tal modo risparmierò comunque ai cittadini trafile burocratiche. A meno che non si considerino i cittadini talmente stupidi da non rendersi conto che il saldo è nullo, se non negativo.

E il fatto che gli 80 euro possano in realtà diventare un esborso maggiore non è così peregrina: infatti il buon premier non eletto ha pensato bene di aumentare la tassazione sulle rendite finanziarie al 26%. Qualcuno potrebbe obiettare che in tal modo si colpiscono i “ricchi” operando una redistribuzione del reddito. Niente di più falso: l’aumento della tassazione sulle rendite finanziare va a colpire in modo molto pesante proprio il ceto medio basso, quelli che una volta erano chiamati BOT People e che avendo poche risorse si vedono erodere i loro guadagni ben oltre il 26% (siamo nell’ordine di un 36% reale) sbandierato dal governo per effetto delle imposte in cifra fissa che, ovviamente, impattano molto di più, in percentuale, sulle piccole somme che non sui grandi patrimoni.

Quindi, come vediamo, il “mito” degli 80 euro è stato ampiamente smentito dai fatti.

Ed il taglio del 10% dell’IRAP? Immediatamente mangiato dalla rivalutazione dei beni aziendali che, oltretutto, dovrà essere saldata in una sola rata anziché in tre, come previsto inizialmente.

Non parliamo poi del tetto e del taglio dei super stipendi pubblici, che cozza contro una sentenza della corte costituzione del 2012: il signor Renzi, quindi, riesce a promulgare pure leggi incostituzionali sbandierandole per grandi conquiste. Tale riforma, tuttavia, potrebbe essere una polpetta avvelenata: per aggirare i rilievi della corte costituzione che vertono sull’uguaglianza di tutti i cittadini, il buon Renzi potrebbe pensare di estendere tetto e tagli alle retribuzioni a tutta la popolazione, mettendo così in atto uno dei “suggerimenti” della Troika, già applicato in Grecia con le conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti: il taglio lineare del reddito di tutti i cittadini.

Oltretutto, queste azioni del governo sono sostenibili nel lungo periodo? La risposta è no. Non sono sostenibili neppure nel brevissimo periodo, dato che dal prossimo anno l’italico stivale dovrà ridurre di un ventesimo l’anno il proprio debito che, a numeri attuali, corrisponde a qualcosa come 60 miliardi di euro oltre le tasse che già paghiamo.

Ora, il signor Renzi, come pensa di ottemperare ad un simile impegno se il suo ministro delle finanze è dovuto andare col cappello in mano davanti alla commissione ue per chiedere di arrivare al pareggio di bilancio nel 2016 e non nel 2015 come previsto? A tale domanda, secondo quanto circola a Bruxelles e ben documentato dal Financial Times, verrà opposto un cortese ma fermo rifiuto. A giugno, naturalmente, dopo le elezioni europee.

Ovviamente il signor Renzi dovrà procedere il prossimo anno ad atti di autentica macelleria sociale, con tagli forsennati su sanità, istruzione e, naturalmente, con una patrimoniale “monstre” della durata di 20 anni.

Esatto: 60 miliardi di riduzione del debito all’anno significa un “contributo” di 1.000 euro per ogni cittadino italiano, neonati e moribondi compresi. Ogni anno, per vent’anni, oltre tutto quello che già si paga oggi di tasse. Come pensa il signor Renzi di reperirli, se già i famosi 80 euro gli costano lo sforamento degli accordi presi con la commissione ue?

Ovviamente su questi quesiti fondamentali i media nazionali tacciono sonoramente: le elezioni europee sono imminenti e quindi non si può rischiare che i cittadini votino in massa per i movimenti che vogliono l’uscita dall’euro e da questa ue sempre più simile per arroganza e potenza distruttiva del benessere al terzo reich nazista o all’URSS staliniana.

Noi, la domanda al signor Renzi la poniamo e chiediamo cortesemente riposta: come pensa di ridurre il debito pubblico di 60 miliardi l’anno negli anni a venire?  E non risponda con l’aumento del PIL perché fior di economisti hanno già sbugiardato simile teoria.

Come dicevano i nostri nonni: domandare è lecito, rispondere è cortesia. Confidiamo quindi in una pronta risposta dell’inquilino, non eletto, di Palazzo Chigi.

Autore dell'articolo: Luca Campolongo


LA REALTA' ITALIANA POSSIEDE IL BRUTTISSIMO DIFETTO DI CONTRADDIRE LA PROPAGANDA DI RENZI: ECCO I DATI E LA BUGIE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Renzi   governo   verità   Irpef   tasse   80 auro   IRAP   bugie   inganni   campagna elettorale  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LEGA AL GOVERNO HA CANCELLATO L'INVASIONE DI ORDE AFRICANE IN ITALIA DALLA LIBIA: ARRIVI CALATI DEL 96% DA GENNAIO 2018

LEGA AL GOVERNO HA CANCELLATO L'INVASIONE DI ORDE AFRICANE IN ITALIA DALLA LIBIA: ARRIVI CALATI DEL

mercoledì 13 febbraio 2019
La pacchia sembra davvero finita, per chi lucra "sull'accoglienza" degli africani in Italia e per chi organizzava le orde dalla Libia, complici le navi Ong, alleate delle mafie degli
Continua
LA RIVOLTA DEI PASTORI SARDI DILAGA IN TUTTA ITALIA E IL MINISTRO SALVINI: ''LAVORO PER RISOLVERE IL PROBLEMA IN 48 ORE''

LA RIVOLTA DEI PASTORI SARDI DILAGA IN TUTTA ITALIA E IL MINISTRO SALVINI: ''LAVORO PER RISOLVERE

martedì 12 febbraio 2019
Le immagini del latte gettato per strada sono diventate virali e tutti i media ne parlano. Perché i pastori sardi buttano il latte? Perché ai pastori
Continua
 
MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA  LUI) SALVATO MACRON POTRA' AIUTARLO?

MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA LUI) SALVATO

mercoledì 12 dicembre 2018
BRUXELLES - Per tentare di soddisfare le rivendicazioni dei gilet gialli e provare a porre fine alla loro protesta,Macron è stato costretto, pena una vera "rivoluzione" di piazza in tutta la
Continua
DIE WELT: ''MACRON S'E' RIMPICCIOLITO IN UN RENZI ITALIANO. LA FRANCIA POTREBBE  PRENDERE LA STRADA DEL FALLIMENTO''

DIE WELT: ''MACRON S'E' RIMPICCIOLITO IN UN RENZI ITALIANO. LA FRANCIA POTREBBE PRENDERE LA STRADA

martedì 11 dicembre 2018
BERLINO - Sic transit fortuna mundi, si potrebbe dire. Ma di sicuro Macron questa fucilata alle spalle non l'aveva prevista, sparata dal chi l'aveva sempre sostenuto, e cioè la Germania: "La
Continua
 
IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON DEVE PIU' ACCADERE

IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON

mercoledì 5 dicembre 2018
ROMA -  Il governo italiano è pronto a dare l'alt all'operazione Sophia. Il piano operativo lanciato dall'Unione europea all'indomani dei naufragi avvenuti nell'aprile 2015 con lo scopo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ECONOMIST PUBBLICA UNA VERITIERA QUANTO SPIETATA ANALISI DEL ''PROGRAMMA DI ANNUNCI'' DI MATTEO RENZI (E LO SCHIANTA)

L'ECONOMIST PUBBLICA UNA VERITIERA QUANTO SPIETATA ANALISI DEL ''PROGRAMMA DI ANNUNCI'' DI MATTEO
Continua

 
GRANDE LEZIONE D'ECONOMIA DI MARTIN WOLF DEL FINANCIAL TIMES: STAMPARE MONETA NON PRODUCE IPERINFLAZIONE (BCE AVVISATA)

GRANDE LEZIONE D'ECONOMIA DI MARTIN WOLF DEL FINANCIAL TIMES: STAMPARE MONETA NON PRODUCE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »