47.309.973
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA REALTA' ITALIANA POSSIEDE IL BRUTTISSIMO DIFETTO DI CONTRADDIRE LA PROPAGANDA DI RENZI: ECCO I DATI E LA BUGIE.

martedì 22 aprile 2014

In questi giorni i media italiani fanno a battaglia tra di loro per lodare il “grande lavoro” svolto da questo governo a favore degli italiani: ci riferiamo ovviamente agli 80 euro in più in busta paga, al taglio del 10% dell’IRAP ed al tetto agli stipendi dei dipendenti pubblici (leggasi taglio).

E’ tutto oro quello che luccica e, soprattutto, sono manovre sostenibili nel lungo periodo? 

La risposta è un secco e sonoro no a tutti e tre i quesiti. Tradotto: il primo ministro ha solo fatto della gran propaganda senza incidere minimamente sulla situazione reale. Vediamo perché.

Gli 80 euro in più in busta paga, vero biglietto da visita dell’ex sindaco di Firenze ed attuale premier non eletto (sempre meglio ricordarlo, giusto per rispetto alla democrazia), sono un semplice specchietto per le allodole. In primis perché non finiscono nelle tasche dei meno abbienti, i cosiddetti “incapienti”, coloro che hanno un reddito talmente basso da essere esentati addirittura dalle tasse e che, quindi, avrebbero maggior bisogno di un incremento del loro reddito. In seconda battuta, avendo acconsentito all’introduzione della TASI ed all’aumento delle sue aliquote, questi 80 euro sono destinati in larghissima parte a svanire. Qualcuno potrebbe obiettare che senza questi 80 euro, la situazione sarebbe stata ancora più drammatica. La risposta è: no. Se per dare 80 euro in più devo aumentare le tasse, allora tanto vale che non le aumenti, in tal modo risparmierò comunque ai cittadini trafile burocratiche. A meno che non si considerino i cittadini talmente stupidi da non rendersi conto che il saldo è nullo, se non negativo.

E il fatto che gli 80 euro possano in realtà diventare un esborso maggiore non è così peregrina: infatti il buon premier non eletto ha pensato bene di aumentare la tassazione sulle rendite finanziarie al 26%. Qualcuno potrebbe obiettare che in tal modo si colpiscono i “ricchi” operando una redistribuzione del reddito. Niente di più falso: l’aumento della tassazione sulle rendite finanziare va a colpire in modo molto pesante proprio il ceto medio basso, quelli che una volta erano chiamati BOT People e che avendo poche risorse si vedono erodere i loro guadagni ben oltre il 26% (siamo nell’ordine di un 36% reale) sbandierato dal governo per effetto delle imposte in cifra fissa che, ovviamente, impattano molto di più, in percentuale, sulle piccole somme che non sui grandi patrimoni.

Quindi, come vediamo, il “mito” degli 80 euro è stato ampiamente smentito dai fatti.

Ed il taglio del 10% dell’IRAP? Immediatamente mangiato dalla rivalutazione dei beni aziendali che, oltretutto, dovrà essere saldata in una sola rata anziché in tre, come previsto inizialmente.

Non parliamo poi del tetto e del taglio dei super stipendi pubblici, che cozza contro una sentenza della corte costituzione del 2012: il signor Renzi, quindi, riesce a promulgare pure leggi incostituzionali sbandierandole per grandi conquiste. Tale riforma, tuttavia, potrebbe essere una polpetta avvelenata: per aggirare i rilievi della corte costituzione che vertono sull’uguaglianza di tutti i cittadini, il buon Renzi potrebbe pensare di estendere tetto e tagli alle retribuzioni a tutta la popolazione, mettendo così in atto uno dei “suggerimenti” della Troika, già applicato in Grecia con le conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti: il taglio lineare del reddito di tutti i cittadini.

Oltretutto, queste azioni del governo sono sostenibili nel lungo periodo? La risposta è no. Non sono sostenibili neppure nel brevissimo periodo, dato che dal prossimo anno l’italico stivale dovrà ridurre di un ventesimo l’anno il proprio debito che, a numeri attuali, corrisponde a qualcosa come 60 miliardi di euro oltre le tasse che già paghiamo.

Ora, il signor Renzi, come pensa di ottemperare ad un simile impegno se il suo ministro delle finanze è dovuto andare col cappello in mano davanti alla commissione ue per chiedere di arrivare al pareggio di bilancio nel 2016 e non nel 2015 come previsto? A tale domanda, secondo quanto circola a Bruxelles e ben documentato dal Financial Times, verrà opposto un cortese ma fermo rifiuto. A giugno, naturalmente, dopo le elezioni europee.

Ovviamente il signor Renzi dovrà procedere il prossimo anno ad atti di autentica macelleria sociale, con tagli forsennati su sanità, istruzione e, naturalmente, con una patrimoniale “monstre” della durata di 20 anni.

Esatto: 60 miliardi di riduzione del debito all’anno significa un “contributo” di 1.000 euro per ogni cittadino italiano, neonati e moribondi compresi. Ogni anno, per vent’anni, oltre tutto quello che già si paga oggi di tasse. Come pensa il signor Renzi di reperirli, se già i famosi 80 euro gli costano lo sforamento degli accordi presi con la commissione ue?

Ovviamente su questi quesiti fondamentali i media nazionali tacciono sonoramente: le elezioni europee sono imminenti e quindi non si può rischiare che i cittadini votino in massa per i movimenti che vogliono l’uscita dall’euro e da questa ue sempre più simile per arroganza e potenza distruttiva del benessere al terzo reich nazista o all’URSS staliniana.

Noi, la domanda al signor Renzi la poniamo e chiediamo cortesemente riposta: come pensa di ridurre il debito pubblico di 60 miliardi l’anno negli anni a venire?  E non risponda con l’aumento del PIL perché fior di economisti hanno già sbugiardato simile teoria.

Come dicevano i nostri nonni: domandare è lecito, rispondere è cortesia. Confidiamo quindi in una pronta risposta dell’inquilino, non eletto, di Palazzo Chigi.

Autore dell'articolo: Luca Campolongo


LA REALTA' ITALIANA POSSIEDE IL BRUTTISSIMO DIFETTO DI CONTRADDIRE LA PROPAGANDA DI RENZI: ECCO I DATI E LA BUGIE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Renzi   governo   verità   Irpef   tasse   80 auro   IRAP   bugie   inganni   campagna elettorale  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO DEBITO-PIL AL 2,4%)

GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO

mercoledì 24 maggio 2017
LONDRA - In diverse occasioni abbiamo parlato di miracolo economico ungherese perche', al contrario delle nazioni dell'area euro, l'Ungheria ha ridotto le tasse e le bollette di luce, acqua, gas e
Continua
 
VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA LE ALTRE DUE KAPUTT

VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA

mercoledì 24 maggio 2017
La vicenda delle tre banche italiane da salvare, MPS, BPVI e VenetoBanca sembra assumere sempre più i contorni della farsa se non della tragedia. Mentre i tedeschi hanno sistemato le loro
Continua
LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA'

lunedì 22 maggio 2017
LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul
Continua
 
CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE DALLO STATO NEL 2016

CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE

sabato 20 maggio 2017
La gravissima mancanza di liquidità, ovvero di denaro,  i ritardi burocratici, l'inefficienza di molte amministrazioni a emettere in tempi ragionevolmente brevi i certificati di pagamento
Continua
SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI HOLLANDE E SARKOZY

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI

venerdì 19 maggio 2017
PARIGI - Contrariamente alla tradizione, il neo presidente Emmanuel Macron ed il suo primo ministro Edouard Philippe non godranno di un periodo di "luna di miele" presso l'opinione pubblica francese:
Continua
 
ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6% (+44,4 MLD IN 12 MESI)

ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6%

martedì 16 maggio 2017
Il Pil italiano ristagna allo 0,2% nel primo timetre 2017 con una proiezione annua da incubo, allo 0,6%. L'eurozona nel medesimo trimestre ha segnato +0,5%. Nella classifica degli Stati membri
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ECONOMIST PUBBLICA UNA VERITIERA QUANTO SPIETATA ANALISI DEL ''PROGRAMMA DI ANNUNCI'' DI MATTEO RENZI (E LO SCHIANTA)

L'ECONOMIST PUBBLICA UNA VERITIERA QUANTO SPIETATA ANALISI DEL ''PROGRAMMA DI ANNUNCI'' DI MATTEO
Continua

 
GRANDE LEZIONE D'ECONOMIA DI MARTIN WOLF DEL FINANCIAL TIMES: STAMPARE MONETA NON PRODUCE IPERINFLAZIONE (BCE AVVISATA)

GRANDE LEZIONE D'ECONOMIA DI MARTIN WOLF DEL FINANCIAL TIMES: STAMPARE MONETA NON PRODUCE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!