50.690.777
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

DER SPIEGEL: ''L'ATTUALE CAMBIO EURO-DOLLARO PER LA GERMANIA E' PERFINO DEBOLE. MA PER SALVARE L'EURO DEVE CALARE A 1,18''

mercoledì 16 aprile 2014

Straordinario articolo del settimanale tedesco Der Spiegel con il quale la grande stampa della Germania indica a Draghi la via da percorrere: deve svalutare l'euro fino al cambio 1,18 sul dollaro USA, che è il cambio adatto all'Italia, altrimenti - conclude lo Spiegel - la catena dell'euro si spezza! Ovviamente, questa indicazione è un boccone avvelenato: se Draghi solo accennasse a farlo, sarebbe la Germania a lasciare l'euro.

Leggiamo.

BERLINO - Al momento, Mario Draghi le sta provando tutte per abbassare il valore dell’euro e rovinare la vita agli investitori. Nel fine settimana, al meeting annuale del fondo monetario internazionale (FMI) a Washington, il Presidente della Banca centrale europea (BCE) ha minacciato di aggiustare ulteriormente la politica monetaria per reagire al rafforzamento del tasso di cambio.

Si è trattato di un segnale per gli investitori: se continuerete a spingere il tasso di cambio dell’euro verso l’alto, vi rovineremo l’investimento con bassi tassi di interesse.

Ciò che inizialmente sembra un altro capitolo nella battaglia globale della valuta, è in verità un cambio di strategia totale. Questo è ancor più vero se si pensa che Draghi lo ha dichiarato al meeting del FMI – un’istituzione che rifiuta con decisione qualsiasi manipolazione del tasso di cambio, come ha lasciato intendere il direttore generale Christine Lagarde in un’occasione simile, quando ha maledetto la politica giapponese di svalutazione dello yen.

Ma questa volta LaGarde non dovrebbe avere alcun problema con l’annuncio di Draghi. “La BCE ha ricevuto il via libera per indebolire l’euro”, dice Hans Redeker della banca Morgan Stanley. La situazione in Europa sembra essere così seria, che può essere risolta solo con misure estreme.

Anzi, forse il più grande problema dell’euro al momento è proprio la sua forza. A metà 2012, il tasso di cambio con il dollaro stava rotolando verso quota 1,20 $, ed ora sta nuovamente toccando quota 1,40 $.

In un primo momento suona molto bene, ma in realtà è piuttosto pericoloso. Perché il corso è chiaramente troppo alto per l’economia della maggior parte dei paesi dell’area euro. A causa di una moneta forte, i loro prodotti diventano troppo costosi all’estero e quindi vengono venduti con molta più difficoltà.

Ciò accade soprattutto a quei paesi che si trovano in crisi da anni, e che stavano per compiere qualche piccolo progresso: la Spagna per esempio, il Portogallo e la Grecia. Ma accade anche a due pesi massimi dell’economia dell’eurozona, che ultimamente stanno sprofondando nella miseria: Italia e Francia.

Per la maggior parte dei Paesi, l’euro è troppo caro

Redeker, economista di Morgan Stanley, ha calcolato quale tasso di cambio si adatterebbe specificamente ai singoli Paesi dell’Unione, in modo da non rischiare di mettere in pericolo la propria competitività. Per fare ciò, ha preso il costo del lavoro per unità di prodotto come misura, in pratica il costo del lavoro in relazione al PIL. Il risultato è allarmante: un cambio dell’euro a 1,38 dollari sarebbe del 8% troppo alto per la Spagna, del 11% per la Francia, del 15% per l’Italia e di un incredibile 26% per la Grecia. 

Per la Germania l’euro è addirittura troppo debole. Appena ad un cambio di 1,52 $, le esportazioni locali inizierebbero ad avere problemi. La vede allo stesso modo anche Volker Treier, vice capo esecutivo dell’associazione tedesca delle camere dell’industria e del commercio (DIHK). “Per l’economia tedesca, l’attuale tasso dell’euro non è un problema,” dice Treier. Sulle merci tedesche che più vengono esportate, come per esempio le macchine d’alta qualità, “i costi incidono molto di meno rispetto alla promessa di qualità”. Diversa è la situazione in paesi come Spagna, Italia e Portogallo, che esportano molti alimenti o prodotti tessili, dove i costi hanno un’importanza maggiore.

Per le aziende di questi paesi, la ritrovata fiducia dei mercati finanziari e la concomitante ascesa del prezzo dell’euro, è il vero problema – o come ha detto Treier: “tutto il bene porta con se un po’ di male”.

Questo potrebbe sembrare un eufemismo, se non fosse che dietro i rischi di un aumento del tasso di cambio si annida un problema ben più grave: la deflazione. In alcuni paesi dell’eurozona, i prezzi stanno già calando. Se quei paesi dovessero affrontare anche un tasso di cambio che rimanga elevato troppo a lungo, ciò frenerebbe ulteriormente l’economia. Si rischia una spirale di minori investimenti e diminuzione dei salari, da cui se ne esce con molta difficoltà. “Se non si sta attenti”, avverte Redeker, “si avrà da subito un cambiamento duraturo del comportamento economico.”

Questo rischio è ben chiaro anche al governatore della BCE Mario Draghi, quando annuncia misure per contrastare il forte tasso di cambio dell’euro. Se bastino parole, o se Draghi debba effettivamente passare ai fatti, non è ancora chiaro. Nel corso della riunione del Consiglio direttivo della BCE ai primi di aprile, il governatore si è dichiarato pronto per un possibile programma di acquisto di titoli di Stato (QE), che abbasserebbe i tassi di interesse e rendere l’euro meno attraente.

Ma fino a quanto dovrebbe scendere il tasso di cambio, al fine di evitare in modo certo la deflazione? “La BCE dovrebbe basarsi sull’anello attualmente più debole, fra quelli più importanti, della catena: l’Italia”, dice il banchiere Redeker. “In caso contrario, esiste il rischio che la catena si spezzi.”

Articolo di Stephan Kaiser dallo Spiegel - Traduzione di Matteo Thormann - che ringraziamo.


DER SPIEGEL: ''L'ATTUALE CAMBIO EURO-DOLLARO PER LA GERMANIA E' PERFINO DEBOLE. MA PER SALVARE L'EURO DEVE CALARE A 1,18''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Der Spiegel   svalutare l'euro   Europa   BCE   Draghi   Italia   FMI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INASPETTATO / ANCHE PER DRAGHI, L'EURO COSI' NON VA BENE: E' TROPPO FORTE (MA NON HA VERI STRUMENTI PER INDEBOLIRLO)

INASPETTATO / ANCHE PER DRAGHI, L'EURO COSI' NON VA BENE: E' TROPPO FORTE (MA NON HA VERI STRUMENTI
Continua

 
L'ANALISI / LA BORSA ITALIANA E' GONFIA COME UNA ZAMPOGNA E POTREBBE ESPLODERE DA UN MOMENTO ALL'ALTRO. (USCITENE)

L'ANALISI / LA BORSA ITALIANA E' GONFIA COME UNA ZAMPOGNA E POTREBBE ESPLODERE DA UN MOMENTO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!