72.429.893
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DER SPIEGEL: ''L'ATTUALE CAMBIO EURO-DOLLARO PER LA GERMANIA E' PERFINO DEBOLE. MA PER SALVARE L'EURO DEVE CALARE A 1,18''

mercoledì 16 aprile 2014

Straordinario articolo del settimanale tedesco Der Spiegel con il quale la grande stampa della Germania indica a Draghi la via da percorrere: deve svalutare l'euro fino al cambio 1,18 sul dollaro USA, che è il cambio adatto all'Italia, altrimenti - conclude lo Spiegel - la catena dell'euro si spezza! Ovviamente, questa indicazione è un boccone avvelenato: se Draghi solo accennasse a farlo, sarebbe la Germania a lasciare l'euro.

Leggiamo.

BERLINO - Al momento, Mario Draghi le sta provando tutte per abbassare il valore dell’euro e rovinare la vita agli investitori. Nel fine settimana, al meeting annuale del fondo monetario internazionale (FMI) a Washington, il Presidente della Banca centrale europea (BCE) ha minacciato di aggiustare ulteriormente la politica monetaria per reagire al rafforzamento del tasso di cambio.

Si è trattato di un segnale per gli investitori: se continuerete a spingere il tasso di cambio dell’euro verso l’alto, vi rovineremo l’investimento con bassi tassi di interesse.

Ciò che inizialmente sembra un altro capitolo nella battaglia globale della valuta, è in verità un cambio di strategia totale. Questo è ancor più vero se si pensa che Draghi lo ha dichiarato al meeting del FMI – un’istituzione che rifiuta con decisione qualsiasi manipolazione del tasso di cambio, come ha lasciato intendere il direttore generale Christine Lagarde in un’occasione simile, quando ha maledetto la politica giapponese di svalutazione dello yen.

Ma questa volta LaGarde non dovrebbe avere alcun problema con l’annuncio di Draghi. “La BCE ha ricevuto il via libera per indebolire l’euro”, dice Hans Redeker della banca Morgan Stanley. La situazione in Europa sembra essere così seria, che può essere risolta solo con misure estreme.

Anzi, forse il più grande problema dell’euro al momento è proprio la sua forza. A metà 2012, il tasso di cambio con il dollaro stava rotolando verso quota 1,20 $, ed ora sta nuovamente toccando quota 1,40 $.

In un primo momento suona molto bene, ma in realtà è piuttosto pericoloso. Perché il corso è chiaramente troppo alto per l’economia della maggior parte dei paesi dell’area euro. A causa di una moneta forte, i loro prodotti diventano troppo costosi all’estero e quindi vengono venduti con molta più difficoltà.

Ciò accade soprattutto a quei paesi che si trovano in crisi da anni, e che stavano per compiere qualche piccolo progresso: la Spagna per esempio, il Portogallo e la Grecia. Ma accade anche a due pesi massimi dell’economia dell’eurozona, che ultimamente stanno sprofondando nella miseria: Italia e Francia.

Per la maggior parte dei Paesi, l’euro è troppo caro

Redeker, economista di Morgan Stanley, ha calcolato quale tasso di cambio si adatterebbe specificamente ai singoli Paesi dell’Unione, in modo da non rischiare di mettere in pericolo la propria competitività. Per fare ciò, ha preso il costo del lavoro per unità di prodotto come misura, in pratica il costo del lavoro in relazione al PIL. Il risultato è allarmante: un cambio dell’euro a 1,38 dollari sarebbe del 8% troppo alto per la Spagna, del 11% per la Francia, del 15% per l’Italia e di un incredibile 26% per la Grecia. 

Per la Germania l’euro è addirittura troppo debole. Appena ad un cambio di 1,52 $, le esportazioni locali inizierebbero ad avere problemi. La vede allo stesso modo anche Volker Treier, vice capo esecutivo dell’associazione tedesca delle camere dell’industria e del commercio (DIHK). “Per l’economia tedesca, l’attuale tasso dell’euro non è un problema,” dice Treier. Sulle merci tedesche che più vengono esportate, come per esempio le macchine d’alta qualità, “i costi incidono molto di meno rispetto alla promessa di qualità”. Diversa è la situazione in paesi come Spagna, Italia e Portogallo, che esportano molti alimenti o prodotti tessili, dove i costi hanno un’importanza maggiore.

Per le aziende di questi paesi, la ritrovata fiducia dei mercati finanziari e la concomitante ascesa del prezzo dell’euro, è il vero problema – o come ha detto Treier: “tutto il bene porta con se un po’ di male”.

Questo potrebbe sembrare un eufemismo, se non fosse che dietro i rischi di un aumento del tasso di cambio si annida un problema ben più grave: la deflazione. In alcuni paesi dell’eurozona, i prezzi stanno già calando. Se quei paesi dovessero affrontare anche un tasso di cambio che rimanga elevato troppo a lungo, ciò frenerebbe ulteriormente l’economia. Si rischia una spirale di minori investimenti e diminuzione dei salari, da cui se ne esce con molta difficoltà. “Se non si sta attenti”, avverte Redeker, “si avrà da subito un cambiamento duraturo del comportamento economico.”

Questo rischio è ben chiaro anche al governatore della BCE Mario Draghi, quando annuncia misure per contrastare il forte tasso di cambio dell’euro. Se bastino parole, o se Draghi debba effettivamente passare ai fatti, non è ancora chiaro. Nel corso della riunione del Consiglio direttivo della BCE ai primi di aprile, il governatore si è dichiarato pronto per un possibile programma di acquisto di titoli di Stato (QE), che abbasserebbe i tassi di interesse e rendere l’euro meno attraente.

Ma fino a quanto dovrebbe scendere il tasso di cambio, al fine di evitare in modo certo la deflazione? “La BCE dovrebbe basarsi sull’anello attualmente più debole, fra quelli più importanti, della catena: l’Italia”, dice il banchiere Redeker. “In caso contrario, esiste il rischio che la catena si spezzi.”

Articolo di Stephan Kaiser dallo Spiegel - Traduzione di Matteo Thormann - che ringraziamo.


DER SPIEGEL: ''L'ATTUALE CAMBIO EURO-DOLLARO PER LA GERMANIA E' PERFINO DEBOLE. MA PER SALVARE L'EURO DEVE CALARE A 1,18''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Der Spiegel   svalutare l'euro   Europa   BCE   Draghi   Italia   FMI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua
 
CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA FINANZIARIA...

CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA

mercoledì 20 novembre 2019
Chi propone la reintroduzione dello scudo penale per l'Ilva, chi chiede l'abolizione di Quota 100, chi sollecita interventi per il recupero di Venezia e chi misure per il sostegno dei neonati e della
Continua
DER SPIEGEL SCHIANTA IL GOVERNO CONTE: FA MORIRE L'INDUSTRIA ITALIANA MINISTRI INCAPACI E NON C'E' CERTEZZA DEL DIRITTO

DER SPIEGEL SCHIANTA IL GOVERNO CONTE: FA MORIRE L'INDUSTRIA ITALIANA MINISTRI INCAPACI E NON C'E'

lunedì 18 novembre 2019
BERLINO - Terza economia dell'Eurozona, l'Italia vede la propria industria "morire in bellezza". E' quanto afferma il settimanale tedesco "Der Spiegel", commentando la decisione del gruppo
Continua
 
VIKTOR ORBAN: ''NEL 1989 I CITTADINI DELL'EUROPA CENTRALE FURONO COSI' FORTI DA CAMBIARE IL FUTURO DEL CONTINENTE''

VIKTOR ORBAN: ''NEL 1989 I CITTADINI DELL'EUROPA CENTRALE FURONO COSI' FORTI DA CAMBIARE IL FUTURO

lunedì 18 novembre 2019
PRAGA - Nel 1989, i cittadini dell'Europa centrale "furono cosi' forti da cambiare il futuro del continente". Lo ha dichiarato il primo ministro ungherese Viktor Orban, in occasione della
Continua
AFFOLLATISSIMO COMIZIO A BOLOGNA DI PRESENTAZIONE UFFICIALE DELLA CANDIDATURA DI LUCIA BORGONZONI

AFFOLLATISSIMO COMIZIO A BOLOGNA DI PRESENTAZIONE UFFICIALE DELLA CANDIDATURA DI LUCIA BORGONZONI

venerdì 15 novembre 2019
 Matteo Salvini ha iniziato il suo intervento al PalaDozza di Bologna criticando la stampa. "Fatemi ringraziare i giornalisti: di voi qui riuniti non c'e' una foto sulle homepage dei due
Continua
 
IN FINLANDIA TRIONFA NEI CONSENSI IL PARTITO SOVRANISTA ANTI IMMIGRAZIONE SELVAGGIA: TRUE FINNS PRIMO NEI SONDAGGI

IN FINLANDIA TRIONFA NEI CONSENSI IL PARTITO SOVRANISTA ANTI IMMIGRAZIONE SELVAGGIA: TRUE FINNS

lunedì 11 novembre 2019
LONDRA - Ogni mese in Finlandia viene fatto un sondaggio sulla popolarita' dei suoi  partiti politici e anche questo mese il partito anti-immigrati dei True Finns ha visto la sua popolarita'
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INASPETTATO / ANCHE PER DRAGHI, L'EURO COSI' NON VA BENE: E' TROPPO FORTE (MA NON HA VERI STRUMENTI PER INDEBOLIRLO)

INASPETTATO / ANCHE PER DRAGHI, L'EURO COSI' NON VA BENE: E' TROPPO FORTE (MA NON HA VERI STRUMENTI
Continua

 
L'ANALISI / LA BORSA ITALIANA E' GONFIA COME UNA ZAMPOGNA E POTREBBE ESPLODERE DA UN MOMENTO ALL'ALTRO. (USCITENE)

L'ANALISI / LA BORSA ITALIANA E' GONFIA COME UNA ZAMPOGNA E POTREBBE ESPLODERE DA UN MOMENTO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

GIUDICE CAFIERO DE RAHO: ROMA CENTRO INVESTIMENTI DELLA MAFIA DA

22 novembre - ''La mafia a Roma e' presente da decenni. Roma e' il centro del
Continua

SALVINI: IL MES E' UN TRATTATO PER FAR SALTARE I RISPARMI DEGLI

22 novembre - Il Mes è ''un trattato che rischia di far saltare i risparmi degli
Continua

BERLUSCONI: L'ESERCITO E' L'UNICO DETERRENTE CONTRO L'INVASIONE DI

21 novembre - Occorre ''avere una capacita' di potenza militare anche per difenderci
Continua

LA CASSAZIONE DA' IL VIA LIBERA AL REFERENDUM SUL MAGGIORITARIO

21 novembre - Con ordinanza depositata ieri l'ufficio centrale della Cassazione ha
Continua

CONSIGLIERI M5S DI REGIONE EMILIA ROMAGNA IN RIVOLTA: SONDAGGIO

21 novembre - BOLOGNA - ''Tutta questa operazione e' una presa in giro inaccettabile
Continua

PD-M5S-LEU CANCELLANO ESENZIONE TASSA IMU SU CASE COLPITE DA

20 novembre - ''Incomprensibile la bocciatura dell'attuale maggioranza all'emendamento
Continua

R.LOMBARDIA TICKET SANITARI A ZERO PER FORZE DELL'ORDINE VV.FF. E

20 novembre - Via libera della commissione lombarda Sanita' al bilancio di previsione
Continua

MATTEO SALVINI: NON AVEVO PAURA DEI CASAMONICA, FIGURIAMOCI DELLE

20 novembre - Paura delle 'sardine'? ''Non avevo paura dei Casamonica figuriamoci se
Continua

FDI: CONTE VENGA SUBITO IN PARLAMENTO A RIFERIRE CHE HA COMBINATO

20 novembre - ''Insieme al capogruppo alla Camera di Fratelli d'Italia, Lollobrigida,
Continua

ZAIA: BASTA INSULTI AI VENETI, QUERELIAMO.

20 novembre - ''Basta insulti ai Veneti, mio compito è difendereli, quereliamo'' ''Ne
Continua

ARRESTATO UNO DEI MANDANTI DELL'OMICIDIO DELLA GIORNALISTA CARUANA

20 novembre - LA VALLETTA - Poche ore dopo la promessa di grazia garantita dal premier
Continua

SALVINI: SCUDO ARCELORMITTAL NOI AL GOVERNO L'AVEVAMO RIMESSO,

19 novembre - La questione dello 'scudo' per ArcelorMittal ''era uno dei motivi delle
Continua

M5S SI RIBELLA A CONTE E INTIMA A DI MAIO DI CONVOCARE VERTICE DI

19 novembre - ''Il Parlamento aveva dato un preciso mandato al Presidente del
Continua

IN ARRIVO ALTA MAREA ECCEZIONALE A VENEZIA: 160 CENTIMETRI ALLARME

15 novembre - VENEZIA - L'ultimo bollettino (ore 8:15) del Centro maree di Venezia ha
Continua

DI MAIO HA PAURA E MINACCIA I SUOI: ''CHI FA POLEMICHE SE NE VADA''

14 novembre - Il capo politico dell'M5s sente odore di scissione e attacca: ''Chi fa
Continua

GOVERNATORE FONTANA: BRUTTO EPISODIO CHE NON RAPPRESENTA LA REALTA'

14 novembre - MILANO - ''Non sono preoccupato, perche' non credo che esista questo
Continua

SONDAGGI/ SUPERMEDIA YOUTREND: CENTRODESTRA 50,6% CON LEGA 33,5%

14 novembre - Buona la performance di Fratelli d'Italia che sfiora il 10%, salendo al
Continua

PIL TERZO TRIMESTRE 2019 EUROZONA: GERMANIA E ITALIA APPAIATE NEL

14 novembre - BRUXELLES - Nel terzo trimestre 2019 il Pil e' salito dello 0,2%
Continua

LAURA COMI E PAOLO ORRIGONI AI DOMICILIARI, ZINGALE IN CARCERE

14 novembre - VARESE - I finanzieri del Nucleo Polizia economico-finanziaria di Milano
Continua

SONDAGGIO: CENTRODESTRA AL 50,2% LEGA AL 33%

14 novembre - Secondo un sondaggio EMG Acqua presentato oggi ad Agora', il programma
Continua
Precedenti »