71.089.884
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DER SPIEGEL: ''L'ATTUALE CAMBIO EURO-DOLLARO PER LA GERMANIA E' PERFINO DEBOLE. MA PER SALVARE L'EURO DEVE CALARE A 1,18''

mercoledì 16 aprile 2014

Straordinario articolo del settimanale tedesco Der Spiegel con il quale la grande stampa della Germania indica a Draghi la via da percorrere: deve svalutare l'euro fino al cambio 1,18 sul dollaro USA, che è il cambio adatto all'Italia, altrimenti - conclude lo Spiegel - la catena dell'euro si spezza! Ovviamente, questa indicazione è un boccone avvelenato: se Draghi solo accennasse a farlo, sarebbe la Germania a lasciare l'euro.

Leggiamo.

BERLINO - Al momento, Mario Draghi le sta provando tutte per abbassare il valore dell’euro e rovinare la vita agli investitori. Nel fine settimana, al meeting annuale del fondo monetario internazionale (FMI) a Washington, il Presidente della Banca centrale europea (BCE) ha minacciato di aggiustare ulteriormente la politica monetaria per reagire al rafforzamento del tasso di cambio.

Si è trattato di un segnale per gli investitori: se continuerete a spingere il tasso di cambio dell’euro verso l’alto, vi rovineremo l’investimento con bassi tassi di interesse.

Ciò che inizialmente sembra un altro capitolo nella battaglia globale della valuta, è in verità un cambio di strategia totale. Questo è ancor più vero se si pensa che Draghi lo ha dichiarato al meeting del FMI – un’istituzione che rifiuta con decisione qualsiasi manipolazione del tasso di cambio, come ha lasciato intendere il direttore generale Christine Lagarde in un’occasione simile, quando ha maledetto la politica giapponese di svalutazione dello yen.

Ma questa volta LaGarde non dovrebbe avere alcun problema con l’annuncio di Draghi. “La BCE ha ricevuto il via libera per indebolire l’euro”, dice Hans Redeker della banca Morgan Stanley. La situazione in Europa sembra essere così seria, che può essere risolta solo con misure estreme.

Anzi, forse il più grande problema dell’euro al momento è proprio la sua forza. A metà 2012, il tasso di cambio con il dollaro stava rotolando verso quota 1,20 $, ed ora sta nuovamente toccando quota 1,40 $.

In un primo momento suona molto bene, ma in realtà è piuttosto pericoloso. Perché il corso è chiaramente troppo alto per l’economia della maggior parte dei paesi dell’area euro. A causa di una moneta forte, i loro prodotti diventano troppo costosi all’estero e quindi vengono venduti con molta più difficoltà.

Ciò accade soprattutto a quei paesi che si trovano in crisi da anni, e che stavano per compiere qualche piccolo progresso: la Spagna per esempio, il Portogallo e la Grecia. Ma accade anche a due pesi massimi dell’economia dell’eurozona, che ultimamente stanno sprofondando nella miseria: Italia e Francia.

Per la maggior parte dei Paesi, l’euro è troppo caro

Redeker, economista di Morgan Stanley, ha calcolato quale tasso di cambio si adatterebbe specificamente ai singoli Paesi dell’Unione, in modo da non rischiare di mettere in pericolo la propria competitività. Per fare ciò, ha preso il costo del lavoro per unità di prodotto come misura, in pratica il costo del lavoro in relazione al PIL. Il risultato è allarmante: un cambio dell’euro a 1,38 dollari sarebbe del 8% troppo alto per la Spagna, del 11% per la Francia, del 15% per l’Italia e di un incredibile 26% per la Grecia. 

Per la Germania l’euro è addirittura troppo debole. Appena ad un cambio di 1,52 $, le esportazioni locali inizierebbero ad avere problemi. La vede allo stesso modo anche Volker Treier, vice capo esecutivo dell’associazione tedesca delle camere dell’industria e del commercio (DIHK). “Per l’economia tedesca, l’attuale tasso dell’euro non è un problema,” dice Treier. Sulle merci tedesche che più vengono esportate, come per esempio le macchine d’alta qualità, “i costi incidono molto di meno rispetto alla promessa di qualità”. Diversa è la situazione in paesi come Spagna, Italia e Portogallo, che esportano molti alimenti o prodotti tessili, dove i costi hanno un’importanza maggiore.

Per le aziende di questi paesi, la ritrovata fiducia dei mercati finanziari e la concomitante ascesa del prezzo dell’euro, è il vero problema – o come ha detto Treier: “tutto il bene porta con se un po’ di male”.

Questo potrebbe sembrare un eufemismo, se non fosse che dietro i rischi di un aumento del tasso di cambio si annida un problema ben più grave: la deflazione. In alcuni paesi dell’eurozona, i prezzi stanno già calando. Se quei paesi dovessero affrontare anche un tasso di cambio che rimanga elevato troppo a lungo, ciò frenerebbe ulteriormente l’economia. Si rischia una spirale di minori investimenti e diminuzione dei salari, da cui se ne esce con molta difficoltà. “Se non si sta attenti”, avverte Redeker, “si avrà da subito un cambiamento duraturo del comportamento economico.”

Questo rischio è ben chiaro anche al governatore della BCE Mario Draghi, quando annuncia misure per contrastare il forte tasso di cambio dell’euro. Se bastino parole, o se Draghi debba effettivamente passare ai fatti, non è ancora chiaro. Nel corso della riunione del Consiglio direttivo della BCE ai primi di aprile, il governatore si è dichiarato pronto per un possibile programma di acquisto di titoli di Stato (QE), che abbasserebbe i tassi di interesse e rendere l’euro meno attraente.

Ma fino a quanto dovrebbe scendere il tasso di cambio, al fine di evitare in modo certo la deflazione? “La BCE dovrebbe basarsi sull’anello attualmente più debole, fra quelli più importanti, della catena: l’Italia”, dice il banchiere Redeker. “In caso contrario, esiste il rischio che la catena si spezzi.”

Articolo di Stephan Kaiser dallo Spiegel - Traduzione di Matteo Thormann - che ringraziamo.


DER SPIEGEL: ''L'ATTUALE CAMBIO EURO-DOLLARO PER LA GERMANIA E' PERFINO DEBOLE. MA PER SALVARE L'EURO DEVE CALARE A 1,18''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Der Spiegel   svalutare l'euro   Europa   BCE   Draghi   Italia   FMI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RENZI FORMA I GRUPPI AUTONOMI ALLA CAMERA E AL SENATO? CONTE-DI MAIO-M5S E QUEL RESTA DEL PD FINISCONO NEL TRITACARNE

RENZI FORMA I GRUPPI AUTONOMI ALLA CAMERA E AL SENATO? CONTE-DI MAIO-M5S E QUEL RESTA DEL PD

lunedì 16 settembre 2019
Oggi hanno "giurato" i sottosegretari del governo Conte, domani Renzi annuncerà la scissione del Pd. Cornuto e mazziato. Sembra la trama di un filmetto anni Settanta con la Fenech e Pozzetto,
Continua
 
NUOVO COMMISSARIO ALLA GIUSTIZIA DELLA COMMISSIONE UE E' SOTTO INDAGINE PER CORRUZIONE E RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO

NUOVO COMMISSARIO ALLA GIUSTIZIA DELLA COMMISSIONE UE E' SOTTO INDAGINE PER CORRUZIONE E

lunedì 16 settembre 2019
LONDRA - Se il buongiorno si vede dal mattino allora per il presidente della commissione europea Ursula Von der Leyen i prossimi mesi saranno pieni di guai. Infatti pochi giorni fa e' emerso che il
Continua
BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E CONTE? VEDE DI MAIO

BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E

giovedì 12 settembre 2019
La BCE ha deciso di far ripartire gli acquisti del suo Quantitative Easing: infatti nella riunione del Consiglio Direttivo della Banca centrale europea che si è appena conclusa è stato
Continua
 
E' UFFICIALE, LA GERMANIA ENTRA IN RECESSIONE E LA MERKEL AVVISA PARITA' DI BILANCIO NON SI TOCCA (QUINDI TAGLI E TASSE)

E' UFFICIALE, LA GERMANIA ENTRA IN RECESSIONE E LA MERKEL AVVISA PARITA' DI BILANCIO NON SI TOCCA

mercoledì 11 settembre 2019
 "La Germania e' sull'orlo della recessione". L'allarme e' dell'Ifw che ha tagliato dallo 0,4% allo 0,2% le stime di crescita per quest'anno e dall'1,6 all'1% quelle per il prossimo. Molto
Continua
M5S CANCELLA MOVI-FEST PIEMONTE ''CLIMA DI SCONFORTO E DEMOTIVAZIONE SERPEGGIA TRA GLI ATTIVISTI PER L'ALLEANZA COL PD''

M5S CANCELLA MOVI-FEST PIEMONTE ''CLIMA DI SCONFORTO E DEMOTIVAZIONE SERPEGGIA TRA GLI ATTIVISTI

lunedì 9 settembre 2019
Dal Corriere Piemonte: "«Causa crisi di governo» - questa la motivazione ufficiale - i 5 Stelle torinesi salteranno il loro consueto appuntamento con il «MoviFest». La festa
Continua
 
SALVINI: POSSONO SCAPPARE DAL VOTO, MA NON PER SEMPRE. SE RIAPRONO I PORTI E RIMETTONO LA LEGGE FORNERO SARANNO CACCIATI

SALVINI: POSSONO SCAPPARE DAL VOTO, MA NON PER SEMPRE. SE RIAPRONO I PORTI E RIMETTONO LA LEGGE

lunedì 9 settembre 2019
"Il 19 ottobre sarà una giornata nazionale di liberazione del governo delle poltrone senza bandiere di partito aperta a tutti i cittadini, quindi chi non c'è oggi ha un mese di tempo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INASPETTATO / ANCHE PER DRAGHI, L'EURO COSI' NON VA BENE: E' TROPPO FORTE (MA NON HA VERI STRUMENTI PER INDEBOLIRLO)

INASPETTATO / ANCHE PER DRAGHI, L'EURO COSI' NON VA BENE: E' TROPPO FORTE (MA NON HA VERI STRUMENTI
Continua

 
L'ANALISI / LA BORSA ITALIANA E' GONFIA COME UNA ZAMPOGNA E POTREBBE ESPLODERE DA UN MOMENTO ALL'ALTRO. (USCITENE)

L'ANALISI / LA BORSA ITALIANA E' GONFIA COME UNA ZAMPOGNA E POTREBBE ESPLODERE DA UN MOMENTO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!