68.734.263
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

UCRAINA / COLONNA CORAZZATA DI KIEV DISERTA E PASSA CON I SECESSIONISTI DELL'EST, SOLDATI PRIGIONIERI, ESERCITI IN CAMPO

mercoledì 16 aprile 2014

Odessa - Gli attivisti filo-russi hanno proclamato la "Repubblica Popolare di Odessa" nell'omonima regione dell'Ucraina sud-occidentale: l'annuncio e' giunto sul sito on-line della comunita' russofona. E' la prima volta che un'iniziativa del genere viene intrapresa nel sud della repubblica ex sovietica. "A partire dalla giornata odierna, la regione di Odessa si dichiara una Repubblica Popolare, nella quale il potere e' esclusivamente nelle mani del popolo che vive sul suo territorio", recita il comunicato. Palese la volonta' di emulare la proclamazione della Repubblica di Donetsk, il 7 aprile scorso, da parte della ben piu' folta comunita' russofona di quella regione orientale

E intanto, una formazione corazzata dell'esercito ucraino avrebbe fatto defezione e si sarebbe unita ai separatisti filorussi nella citta' orientale di Kramatorsk. La notizia arriva dal portale dell'emittente ucraina espreso.tv, che ha diffuso immagini dell'unita', di cui fanno parte almeno 10 mezzi blindati, mentre attraversa la citta' sventolando bandiere russe. "Ora la Repubblica popolare di Donetsk ha il suo esercito, i suoi para'", ha dichiarato uno dei leader del locale movimento filorusso, Miroslav Rudenko. Secondo l'emittente una parte delle forze dispiegate da Kiev nel quadro dell'operazione antiterrorismo nell'est del paese sarebbero passate dall'altra parte.

Una ventina di separatisti filo-russi armati con fucili kalashnikov hanno fato irruzione nell'ufficio del sindaco di Donetsk, nell'est dell'Ucraina, e l'hanno occupato. I miliziani, che non hanno incontrato alcuna resistenza dalle guardie che presidiavano l'edificio, hanno spiegato che la loro unica richiesta e' che si tenga un referendum nella regione russofona per trasformare il Paese in una federazione che assicuri maggiori poteri alle amministrazioni locali. 

Due militari ucraini, un ufficiale e un soldato, sono stati presi in ostaggio da separatisti filo-russi a Krasny Luch, nella regione orientale di Lugansk, una trentina di chilometri a nord della frontiera con la Russia: lo ha denunciato il ministero della Difesa di Kiev, assicurando che saranno adottati tutti i provvedimenti necessari per il loro rilascio. I due si erano fermati per riparare un guasto alla propria vettura allorche' sono sopraggiunti alcuni miliziani russofoni che li costretti a salire a bordo del loro veicolo e li hanno quindi portati via con se', verso una destinazione ignota.

L'Ucraina da questa mattina di fatto è caduta nella guerra civile. 

Redazione Milano.

 


UCRAINA / COLONNA CORAZZATA DI KIEV DISERTA E PASSA CON I SECESSIONISTI DELL'EST, SOLDATI PRIGIONIERI, ESERCITI IN CAMPO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Kiev   Odessa   Donetsk   filorussi   Ucraina   regioni ribelli   secessione   Russia    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
JOE BIDEN DA VICE DI OBAMA ''INTERVENNE'' IN UCRAINA PER FAR CACCIARE IL GIUDICE CHE STAVA INDAGANDO SU SUO FIGLIO

JOE BIDEN DA VICE DI OBAMA ''INTERVENNE'' IN UCRAINA PER FAR CACCIARE IL GIUDICE CHE STAVA

martedì 21 maggio 2019
NEW YORK - L'ex vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden, che ha formalizzato la propria candidatura in vista delle elezioni presidenziali 2020, e appare ad oggi il candidato di punta del Partito
Continua
 
NORDAFRICANO CLANDESTINO DA' FUOCO AL COMANDO DEI VIGILI DI MIRANDOLA: DUE MORTI, VENTI FERITI TRA CUI SEI MINORI

NORDAFRICANO CLANDESTINO DA' FUOCO AL COMANDO DEI VIGILI DI MIRANDOLA: DUE MORTI, VENTI FERITI TRA

martedì 21 maggio 2019
MIRANDOLA - Due morti, una signora 84enne italiana costretta a letto per le precarie condizioni di salute e la sua badante ucraina di 74 anni, e 20 feriti, tra cui il marito della vittima e altre tre
Continua
L'ITALIA STA CAMBIANDO PER IL BENE DI TUTTI IL GOVERNO HA DIRITTO DI CONTINUARE ATTACCHI DA OGNI DOVE, MA NON VINCERANNO

L'ITALIA STA CAMBIANDO PER IL BENE DI TUTTI IL GOVERNO HA DIRITTO DI CONTINUARE ATTACCHI DA OGNI

lunedì 20 maggio 2019
MILANO - La bacchetta magica non esiste, e men che meno in mano a chi governa un Paese. Tuttavia, dopo più di un anno dalle elezioni politiche in Italia che hanno decretato la vittoria della
Continua
 
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
 
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SONDAGGIO INGLESE / L'82% DEI CITTADINI E' D'ACCORDO CON NIGEL FARAGE CHE HA DETTO ''PUTIN E' DA AMMIRARE''.

SONDAGGIO INGLESE / L'82% DEI CITTADINI E' D'ACCORDO CON NIGEL FARAGE CHE HA DETTO ''PUTIN E' DA
Continua

 
NIGEL FARAGE: ''GRAZIE A DIO NOI NON SIAMO NELL'EURO. LA ZONA EURO E' UNO SCANDALO CHE SFIDA LA RAGIONE'' (VERISSIMO)

NIGEL FARAGE: ''GRAZIE A DIO NOI NON SIAMO NELL'EURO. LA ZONA EURO E' UNO SCANDALO CHE SFIDA LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!