48.408.706
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INASPETTATO / ANCHE PER DRAGHI, L'EURO COSI' NON VA BENE: E' TROPPO FORTE (MA NON HA VERI STRUMENTI PER INDEBOLIRLO)

martedì 15 aprile 2014

WASHINGTON - L’euro è troppo forte. Mario Draghi, presidente della Banca centrale europea, lo ha convenuto a  Washington durante l’assemblea generale del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale.

Draghi non ha ancora spiegato come intende agire per abbassare il valore dell’euro. Denunciare il prezzo della moneta unica è alla portata di tutti. Sapere far scendere il prezzo senza insultare il futuro delle economie è ben più complicato.

Giovedì, i governatori delle banche centrali che si riuniranno a Francoforte sotto la presidenza di Mario Draghi dovranno decidere di reagire al rischio di deflazione e all’aumento del costo dell’euro. La moneta unica si avvicina a 1.40 dollari. E’ opinione generale che questo prezzo annulla gli sforzi della competitività che i paesi europei cercano di compiere. I margini di guadagno vengono sistematicamente inghiottiti da un rapporto di cambio sfavorevole.

Perchè l’euro è così caro? Il finanziamento della Grecia, dell’Italia e della Spagna ha rinforzato la fiducia degli investitori nel sistema europeo, anche se buona parte dei capitali investiti nei bond di questi Paesi provengono da società finanziarie internazionali speculative. Va inoltre detto che i paesi emergenti sono in crisi. Hanno investito le loro riserve in dollari e ora le rimpatriano in euro. La perennità della congiuntura americana non è sicura. C’è dunque una domanda di euro superiore all’offerta e i prezzi salgono.

Come far scendere l’euro?

Gli esperti del mercato direbbero : aumentando l’offerta di moneta. E’ facile a dirsi ma difficile da attuare, quando si è la banca centrale di un gruppo di paesi che non sono sincronizzati e che non hanno un governo comune.

Peggio ancora, questo gruppo di paesi ha aderenti che non rispettano le regole del gioco. Tra coloro che imbrogliano sulla fiscalità e coloro che lasciano slittare i deficit per guadagnare elettori o la pace sociale, è difficile essere coerenti ed efficienti. In ogni caso, per aumentare l’offerta di moneta e cercare di far scendere il valore dell’euro, la Banca centrale europea ha tre sole opzioni.

Prima opzione : la BCE potrebbe riacquistare titoli portati dalle banche e emettere moneta. Lo ha fatto in diverse occasioni. Il problema è che la BCE ha distribuito i soldi alle banche, ma le banche hanno nuovamente depositato questi soldi presso la BCE. Risultato: i capitali non sono circolati. E l'euro è arrivato ai valori attuali di cambio, insostenibili. La Banca centrale europea è pronta a iniettare molta liquidità, ma le banche non la immettono nell'economia reale.

Seconda opzione : la BCE potrebbe riacquistare i debiti degli Stati. E’ un programma che era stato avviato nel 2010. La banca centrale potrebbe rilanciarlo a condizione di avere garanzie sul comportamento degli Stati, perchè un tale sistema è comunque un incoraggiamento all’indebitamento pubblico. Affinchè funzioni, è necessario rispettare criteri di gestione di bilancio e non tutti gli Stati lo fanno. La Germania, che non si fida, è chiaramente opposta al riacquisto di debito sovrani.

Terza opzione : la BCE potrebbe agire sui tassi, che però sono già bassi. L’idea di far scendere i tassi, magari passando a tassi negativi, viene difesa dal presidente della banca centrale tedesca. In questo caso, quando le banche vengono a piazzare euro alla BCE, non sarebbero più remunerate, ma dovrebbero pagare una sorta di affitto. Così acquisterebbero meno euro sul mercato. La domanda calerebbe e con essa il prezzo dell’euro.

Tutto questo è molto teorico, soprattutto perchè in questa questione tutti fanno politica, a due mesi dalle elezioni europee. Elezioni che rischiano di esser dominate dagli euroscettici. Mario Draghi non si metterà a denunciare coloro che non attuano le riforme per le quali si erano impegnati. Chi si nasconde dietro l’euro ha le proprie debolezze.

Anche Draghi farà politica. Far scendere l’euro significa anche far scendere la febbre euroscettica. Già, ma come?

Fonte notizia: Atlantico.fr - che ringraziamo.

 


INASPETTATO / ANCHE PER DRAGHI, L'EURO COSI' NON VA BENE: E' TROPPO FORTE (MA NON HA VERI STRUMENTI PER INDEBOLIRLO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Draghi   euro   BCE   troppo forte   indebolirlo   elezioni   Italia   Grecia    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI DANNI) A STATO E CLIENTI

SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI

giovedì 22 giugno 2017
Tanto tuonò che… non piovve, o meglio, piovve sostanza organica sulla testa degli obbligazionisti ed azionisti di Popolare di Vicenza e Venetobanca. In un comunicato ufficiale, si
Continua
 
IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,

mercoledì 21 giugno 2017
ROMA - L'aula della Camera ha approvato in via definitiva, dopo il precedente sì del Senato, la proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul
Continua
INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI

lunedì 19 giugno 2017
I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in. Il ministro delle
Continua
 
SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...

lunedì 19 giugno 2017
LONDRA - I parassiti di Bruxelles sono bravissimi a sprecare il denaro da loro estorto ai contribuenti Ue per progetti faraonici e quindi non deve sorprendere se adesso vogliono demolire il palazzo
Continua
MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E

giovedì 15 giugno 2017
PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le
Continua
 
DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI, STATO DI INSOLVENZA

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI,

martedì 13 giugno 2017
NEW YORK - Alitalia ha fatto ricorso presso il tribunale fallimentare di New York, in base alle procedure concorsuali internazionali Usa per il fallimento. Lo riporta il Wall Street Journal,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''L'UNIONE MONETARIA EUROPEA, QUESTA EUROPA DELL'EURO, PURTROPPO E' FALLITA. USCIAMONE'' (BOLKESTEIN, EX COMMISSARIO UE)

''L'UNIONE MONETARIA EUROPEA, QUESTA EUROPA DELL'EURO, PURTROPPO E' FALLITA. USCIAMONE''
Continua

 
DER SPIEGEL: ''L'ATTUALE CAMBIO EURO-DOLLARO PER LA GERMANIA E' PERFINO DEBOLE. MA PER SALVARE L'EURO DEVE CALARE A 1,18''

DER SPIEGEL: ''L'ATTUALE CAMBIO EURO-DOLLARO PER LA GERMANIA E' PERFINO DEBOLE. MA PER SALVARE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!