75.177.974
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA SVIZZERA DENUNCIA: LA GERMANIA HA PRONTA LA LEGGE CHE ESPELLE GLI IMMIGRATI SENZA LAVORO, E GLI ''XENOFOBI'' SIAMO NOI?

martedì 15 aprile 2014

GERMANIA – Mentre gli eurofalliti sbraitano contro la Svizzera, la Germania espelle gli immigrati. E l’Unione Europea non dice una parola…

L’ipocrisia degli eurofalliti assume proporzioni sempre più monumentali. Ormai è storia nota: all’indomani della consultazione del 9 febbraio, da Bruxelles si è levato il coro di strilli al “voto xenofobo”. E’ chiaro il dise­gno: si vuole denigrare e delegitti­mare una scelta d’autonomia bol­landola come “razzista”. Si raccol­gono i putridi frutti di decenni di egemonia kulturale della $inistra spa­lancatrice di frontiere. Quella che tutto sommato tollera la pedofilia (vedi Cohn Bendit, vedi opposizione all’iniziativa Marche Blanche) ma che ha trasformato il nazionalismo in razzismo e quest’ultimo nel reato più infamante che si possa immaginare. E’ chiaro: la pedofilia non impedisce di spalancare le frontiere, il naziona­lismo sì. Scontato dunque il capovol­gimento della scala delle gravità.

Che un popolo voglia difendere la pro­pria autonomia dall’invasione, agli occhi degli eurofalliti di Bruxelles è un reato. Ma di quelli gravi. Senonché come al solito gli eurofalliti se la pren­dono con la Svizzera – dove sanno di trovare il molle, ossia un Consiglio fe­derale di una debolezza scandalosa, che si comporta come se la Confederazione facesse parte dell’UE – senza rendersi conto di quel che accade in casa pro­pria. O piuttosto: fingendo di non ren­dersene conto. Il presidente tedesco Joachim Gauck (neanche in Germania sanno chi è, e conta come il due di briscola, ma pa­zienza) è venuto di recente a Berna ad ammonire, pur elegantemente, sui ri­schi (sic!) della democrazia diretta. Un europarlamentare della CDU, partito della cancelliera Merkel, ha invece di­chiarato che “su certi temi il popolo non dovrebbe votare”. In sostanza il messaggio è il medesimo. Il popolo non deve decidere. Il popolo, come ha declamato dal pulpito del nostro consi­glio nazionale una deputata $ocialista, oltretutto svizzera naturalizzata, “non comanda”. Il popolo deve quindi venire defraudato del proprio benessere, del proprio lavoro e della propria sicurezza da una manica di biechi burocrati non eletti da nessuno, ma si illudono di poter comandare “per grazia ricevuta”. Facendo solo disastri, perché il pro­getto europeo è completamente fallito.

Ma proprio in Germania, però, ecco che la libera circolazione delle persone viene giustamente arginata. Si pongono paletti. E che paletti.

Il nuovo progetto di legge del governo, reso noto negli scorsi giorni, in buro­cratese si chiama: “Aspetti legali e lotta all’utilizzo dell’assistenza sociale da parte dei cittadini degli Stati membri dell’UE”; in italiano si traduce: “Caro immigrato, se non hai lavoro torni a casa tua”. E ci torni in tempi brevi. L’intenzione di Berlino è infatti quella di far sì che chi non trova un impiego in un periodo tra i 3 ed i 6 mesi venga espulso dalla Germania.

Il problema scatenante sono i flussi migratori dai nuovi stati membri UE Romania e Bulgaria che, in singole re­gioni tedesche, stanno provocando sfracelli economici e sociali. Ma anche i paesi mediterranei non scherzano. Gli immigrati spagnoli in Germania, ad esempio, tra il 2004 ed il 2012 sono esplosi, segnando una crescita del 206%.

Dalla Germania alla Gran Bretagna. Il premier inglese Cameron ha sottoposto agli eurofalliti 7 condizioni. O Bruxel­les si piega all’“ettalogo”, o il Regno Unito prende su e se ne va dall’UE. In prima fila tra i 7 punti di Cameron fi­gura pure, ma tu guarda i casi della vita, il controllo dell’immigrazione. In­somma: Londra non vuole l’immigra­zione di massa. Proprio come gli svizzeri razzisti e xenofobi… Aggiungiamo che anche il Belgio, pur essendo una piccola nazione, è della partita (malgrado abbia un premier $ocialista e di origini italiane): l’immi­grato che costa troppo viene espulso.

L’unica a tenersi i migranti che delin­quono o che sono in assistenza, e – colmo dei colmi – a venire accusata di razzismo ogni volta che fa un “cip” per correggere una situazione che nessun altro accetta, nemmeno nel­l’UE, è proprio la Svizzera. Ad esem­pio, a Lugano il 16% dei casi d’assistenza è composto da permessi B. Quando di permessi B in assi­stenza non ce ne dovrebbe essere nemmeno uno: si tratta infatti di per­sone che ottengono di potersi trasfe­rire da noi per “esercizio di un’attività lavorativa”.

Ecco perché l’iniziativa “contro l’im­migrazione di massa”, che da due mesi è diventata disposto costituzio­nale, va applicata alla lettera, subito e senza mollare un millimetro. Se ce­dessimo, saremmo gli unici a farlo. I soliti svizzerotti fessi di cui, e a que­sto punto è pure comprensibile, tutti si fanno gioco.

Autore dell'articolo: Lorenzo Quadri, pubblicato da mattinonline.ch - che ringraziamo. 


LA SVIZZERA DENUNCIA: LA GERMANIA HA PRONTA LA LEGGE CHE ESPELLE GLI IMMIGRATI SENZA LAVORO, E GLI ''XENOFOBI'' SIAMO NOI?


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Germania   Svizzera   stranieri   espulsioni   legge   xenofobi   Merkel   Berlino   mattinonline.ch  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL TURISMO E' ALLA CATASTROFE, LA PSICOSI GLOBALE DEL CORONAVIRUS FA DELL'ITALIA OGGI IL SECONDO BERSAGLIO DOPO AL CINA

IL TURISMO E' ALLA CATASTROFE, LA PSICOSI GLOBALE DEL CORONAVIRUS FA DELL'ITALIA OGGI IL SECONDO

lunedì 24 febbraio 2020
Quando noi, di questo giornale online, lanciamo l'allarme "panico" per dire che questo sì è il virus che può ammazzare il nostro Paese, magari qualcuno pensa che sbagliamo.
Continua
 
GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA (CRISI IN ARRIVO)

GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO

martedì 7 gennaio 2020
BERLINO - In vista delle elezioni che si terranno in Germania nel 2021, e' necessario "un rimpasto e un ringiovanimento" del governo federale, attualmente formato dalla Grande coalizione tra Unione
Continua
EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA, GOVERNICCHIO CONTE S'AFFLOSCIA

EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA,

giovedì 2 gennaio 2020
Il dodici dicembre 2019 - archiviato molto in fretta dalla solita stampa serva ue italiana -  sarà festeggiato negli anni a venire come il giorno del trionfo della democrazia sulle elites
Continua
 
ALLARME ROSSO DEL QUOTIDIANO HANDELSBLATT: ''BANCHE DELLA GERMANIA IN CATTIVE CONDIZIONI, CONSOLIDAMENTO INEVITABILE''

ALLARME ROSSO DEL QUOTIDIANO HANDELSBLATT: ''BANCHE DELLA GERMANIA IN CATTIVE CONDIZIONI,

martedì 10 dicembre 2019
BERLINO - Nubi di tempesta finanziaria si stanno addensando sulle banche tedesche. Per le banche della Germania, il consolidamento - ovvero una forte ricapitalizzazione - e' "inevitabile" perche' si
Continua
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
 
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CLAMOROSO / 15.132 (QUINDICIMILACENTOTRENTADUE) ITALIANI HANNO DENUNCIATO MONTI E LETTA PER ''ISTIGAZIONE AL SUICIDIO''

CLAMOROSO / 15.132 (QUINDICIMILACENTOTRENTADUE) ITALIANI HANNO DENUNCIATO MONTI E LETTA PER
Continua

 
OGGI A BRUXELLES NEL SILENZIO DEI MEDIA ITALIANI APPROVATA IN VIA DEFINITIVA LA ''CURA CIPRO'' PER LE BANCHE ITALIANE E UE

OGGI A BRUXELLES NEL SILENZIO DEI MEDIA ITALIANI APPROVATA IN VIA DEFINITIVA LA ''CURA CIPRO'' PER
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CAPARINI: IN LOMBARDIA IMPEGNATI A CAMPRARE CIO' CHE PROTEZIONE

2 aprile - MILANO - ''In Lombardia siamo troppo impegnati a lavorare e le polemiche
Continua

LE RSA SONO STRUTTURE SANITARIE SOTTO REPONSABULITA' DEI COMUNI O

2 aprile - Sulle Rsa ''voglio ricordare al sindaco Sala e agli altri, le stesse o
Continua

GALLERA: I SINDACI DEI COMUNI CAPOLUOGO SONO IN COSTANTE CONTATTO

2 aprile - ''I sindaci dei comuni capoluogo sono in contatto costante e diretto con
Continua

GALLERA: MESSAGGIO DEVASTANTE DEL VIMINALE, TENETE CASA I VOSTRI

1 aprile - ''Quello che e' successo ieri e' molto grave. Questa circolare del
Continua

ISTITUTO MARIO NEGRI: TRA POCHISSIMO TROVEREMO UNA CURA PER I

31 marzo - ''Se riusciamo a capire di più di questa polmonite, che non è come le
Continua

IL CORONAVIRUS STA MIETENDO ANZIANI E PERSONE COMUNQUE GIA' MALATE.

31 marzo - ''La fascia di eta' che paga il tributo piu' alto e' quella degli uomini
Continua

CONFINDUSTRIA: ECONOMIA COLPITA AL CUORE. INTERVENTI MASSICCI O E'

31 marzo - MILANO - ''Economia italiana colpita al cuore''. Il Centro studi
Continua

DIRETTORE POLICLINICO: OSPEDALE FIERA HA 200 POSTI, 28 PRONTI NEL

31 marzo - MILANO - L'ospedale realizzato all'interno della Fiera di Milano al
Continua

GALLERA: ABBIAMO CIRCA 250 VENTILATORI PER OSPEDALE IN FIERA, MANCA

31 marzo - L'ospedale destinato ai pazienti con coronavirus alla Fiera di Milano
Continua

MELONI: CRISI METTE IN LUCE LA VERA NATURA DELLE COSE: LA UE NON

31 marzo - Per il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, ''l'Europa sta
Continua

GALLERA: DA LUNEDI' PROSSIMO PRIMI 12-24 RICOVERI NELL'OSPEDALE IN

31 marzo - MILANO - Lunedi' nel nuovo ospedale realizzato alla Fiera di Milano per
Continua

I DATI NAZIONALI CONFERMANO IL CALO DELL'EPIDEMIA (DATI DI OGGI -

30 marzo - Superata la soglia psicologica dei 100 mila casi di coronavirus in
Continua

IN CINA, 31 CASI NUOVI IN TUTTO DI COV-19: 30 ARRIVATI DALL'ESTERO,

30 marzo - In Cina sono stati registrati 31 casi di coronavirus, 30 importati e uno
Continua

ANCHE GENTILONI AMMETTE: SE CON QUESTA CRISI AUMENTANO DIFFERENZE,

30 marzo - ll commissario europeo all'Economia Paolo Gentiloni, ospite di ''Circo
Continua

GALLERA: NEGLI ULTIMI 4 GIORNI E' CAMBIATO MOLTO. MENO CASI E MENO

30 marzo - MILANO - ''In Lombardia stiamo notando una flessione nel numero dei casi
Continua

FALSO VOLANTINO DEL MINISTERO DELL'INTERNO SU PRESUNTI CONTROLLI A

29 marzo - MILANO - Un falso volantino attribuito al Ministero dell'Interno sulla
Continua

GIORGIA MELONI: I 5STELLE SI INDIGNANO PER LA LEYEN? L'HANNO ELETTA

29 marzo - ''I cinquestelle sono indignati per le parole della presidente della
Continua

2.063 MILANESI IMBECILLI A ZONZO PER MILANO FERMATI DALLE FORZE

29 marzo - MILANO - Nella giornata di ieri a Milano sono state controllate 6.434
Continua

SALVINI: LA UE SI PRENDE 15 GIORNI PER DECIDERE CHE FARE? ANDATE A

27 marzo - Il segretario federale della Lega, Matteo Salvini, ha commentato l'esito
Continua

BORIS JOHNSON E' POSITIVO AL COV19 E HA SINTOMI LIEVI

27 marzo - LONDRA - ''Nelle ultime 24 ore ho sviluppato sintomi lievi e sono
Continua
Precedenti »