45.244.579
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''LA GERMANIA DEVE DECIDERE SE ACCETTARE GLI EUROBOND O LASCIARE CHE L'EURO VADA ALLA DERIVA'' (ECONOMISTI TEDESCHI)

venerdì 11 aprile 2014

Partecipando alla Conferenza annuale Euromoney in Germania in qualità di osservatore, il noto giornalista economico inglese Evans Pritchard ha poi pubblicato un articolo nel quale spiega che molti economisti tedeschi sanno perfettamente che l'Eurozona è sull'orlo di una nuova grave crisi finanziaria. E ormai lo dicono con chiarezza. 

L'articolo di Pritchard:

"Debiti oltre il 130% del Pil per l'Italia e il 170% per la Grecia sono un recipiente per il disastro una volta che dovremo affrontare la prossima recessione", ha dichiarato Charles Wyplosz dell'Università di Ginevra. "I politici di oggi credono che la crisi sia finita e non vogliono ascoltare altro a proposito, ma non hanno affrontato le questioni centrali del debito pubblico e dell'unione fiscale", ha ribadito il professore.

Ludger Schuknecht, direttore generale del Ministero degli affari economici tedesco, invece, ha ribadito come gli stati altamente indebitati della zona euro sono in piena ripresa, hanno concluso con successo il piano di salvataggio della troika e non c'è la necessità di ulteriori passi politici.  Schuknecht, il principale architetto dell'impianto istituzionale della zona euro ante crisi sostiene Evans-Pritchard, ha ribadito poi come l'Unione bancaria potrebbe essere ritoccata ma nulla di più. 

Questa visione è stata però ampiamente contestata all'evento: Charles Dallara, ex presidente dell'International Instititute for Finance e capo negoziatore per le banche globali in Grecia, ha dichiarato che troppo poco è stato fatto per porre la zona euro sulla giusta e sostenibile via, anche se i bond dei paesi del sud sono oggi ai minimi.  "Non dovremo distrarci da quello che sta accadendo sui mercati finanziari e guardare a quello che accade in economie come quella italiana e spagnola. L'andamento della ripresa è così basso e doloroso che pone una sfida per le democrazie", ha dichiarato. "Il credito sta continuando a diminuire. Quello di cui c'è bisogno oggi è uno sforzo collettivo per rilanciare la fiducia con un nuovo pacchetto di misure fiscali e finire l'austerità. Immaginate quanto potente potrebbe essere", ha dichiarato.  

Nella conferenza in molti hanno sottolineato come ci sia una preoccupazione crescente che le banche iralndesi, portoghesi, spagnole e italiane possano fallire i stress test. "La Germania e i paesi creditori dovranno decidere se accettare i trasferimenti fiscali (eurobobd - ndr) o se è meglio abbandonare il progetto e lasciare che la zona euro vada alla deriva", ha dichiarato Steil dell'European of foreign council di Germania che ha poi comparato la politica della Germania e la sua linea dura verso i paesi europei con l'atteggiamento avuto dagli Usa con il Regno Unito al termine della seconda guerra mondiale, quando una prostrata Inghilterra emerse con tanti debiti e gli Usa gli imponevano l'austerità ricordandogli come la crisi fosse stata tutta colpa dei paesi debitori.  

I surplus di Grecia e Italia sono due vittorie di Pirro per Steil dato che la storia mostra che paesi altamente indebitati sono più inclini a fare default una volta che hanno oltrepassato la linea rossa dei costi giornalieri dalle rendite di tassazione. "Questo è un buon momento per la Grecia per fallire", ha dichiarato.  

Il professore Michael Burda dell'Univeristà di Berlino di Humbolt, infine, ha dichiarato che il principale problema della zona euro è il suprlus della bilancia commerciale della Germania – oltre il 6% del suo Pil –  con salari stagnanti da oltre un decennio. "La Germania deve diventare meno competitiva o la zona euro non potrà sopravvivere". Quello che la Germania deve fare è rendere le persone più felici e aumentare i loro stipendi".

Articolo scritto da Evans Protchard del Telegraph.co.uk - tradotto da L'Antdiplomatico.it - che ringraziamo.


''LA GERMANIA DEVE DECIDERE SE ACCETTARE GLI EUROBOND O LASCIARE CHE L'EURO VADA ALLA DERIVA'' (ECONOMISTI TEDESCHI)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Germania   crisi finanziaria   zona euro   eurobond   Evans Pritchard    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA MACEDONIA SI RIBELLA ALLA UE. DECINE DI MIGLIAIA DI PERSONE SCENDONO IN PIAZZA: ''BASTA INGERENZE NEL NOSTRO STATO!''

LA MACEDONIA SI RIBELLA ALLA UE. DECINE DI MIGLIAIA DI PERSONE SCENDONO IN PIAZZA: ''BASTA

giovedì 30 marzo 2017
Forse nessuno e' al corrente che alcuni giorni fa in Macedonia c'e' stata una grossa manifestazione contro l'Unione Europea e la cosa non deve sorprendere, visto che nessuno in Italia ha riportato
Continua
 
SEI STATI UE VIETANO ALL'ITALIA PER LA RICOSTRUZIONE DELLE ZONE TERREMOTATE I FONDI DELL'UNIONE EUROPEA (VERGOGNA!)

SEI STATI UE VIETANO ALL'ITALIA PER LA RICOSTRUZIONE DELLE ZONE TERREMOTATE I FONDI DELL'UNIONE

giovedì 30 marzo 2017
Solidarieta' e unita': parole che sono risuonate vuote alla riunione degli ambasciatori dell'Ue, dove sei Paesi - Germania, Finlandia, Danimarca, Austria, Olanda e Svezia - nel giorno della Brexit,
Continua
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INCHIESTA / NEL SILENZIO ASSOLUTO DI GOVERNO ITALIANO, GIORNALI E TV LA RUSSIA COMPRA QUOTE ENORMI DI PIRELLI, ENI, ENEL

INCHIESTA / NEL SILENZIO ASSOLUTO DI GOVERNO ITALIANO, GIORNALI E TV LA RUSSIA COMPRA QUOTE ENORMI
Continua

 
GRANDE LEZIONE D'ECONOMIA SUI ''FALSI PERICOLI DELL'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO'' DEL PROFESSOR ALBERTO BAGNAI

GRANDE LEZIONE D'ECONOMIA SUI ''FALSI PERICOLI DELL'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO'' DEL PROFESSOR
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!