46.391.894
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA / NEL SILENZIO ASSOLUTO DI GOVERNO ITALIANO, GIORNALI E TV LA RUSSIA COMPRA QUOTE ENORMI DI PIRELLI, ENI, ENEL

venerdì 11 aprile 2014

Nel silenzio - imbarazzato - di Palazzo Chigi che ovviamente non può non saperlo, la Russia di Putin si sta comprando pezzi d'Italia. Tutto è iniziato lunedì 17 marzo, quando il colosso statale russo Rosneft, amministrato dall’ex agente del Kgb Igor Sechin, ha acquisito il 13% dell’italiana Pirelli.  

Operazione analoga, venne fatta sempre dal colosso statale Rosneft nel maggio del 2013, quando comprò il 21% della Saras di Massimo Moratti con lo scopo di entrare poderosamente negli organi societari dell’azienda e influenzarne progressivamente gli acquisti, favorendo come materia prima il petrolio estratto dalla Rosneft.

Questa doppia operazione è molto rilevante, sia sul piano economico, sia e ancor di pù su quello geo-politico. L'Italia che Renzi descrive come la nazione che ha quale "stella polare" la NATO, in piena crisi NATO-Russia consente non a una compagnia privata, ma alla compagnia statale russa del petrolio, che è come dire Putin in persona, di comperare una quota strategica di un'azienda strategica qual è la Pirelli.

Insomma, se nei vertici politici europei si parla di una volontà di diversificare le fonti di approvvigionamento energetiche ed importare meno dalla Russia, le imprese di Stato russe cercano di aprirsi un varco attraverso l’acquisizione di imprese chiave. E di società strategiche, che in barba a tutti gli "ultimatum" americani e NATO vengono acquistate dal "nemico" dell'Europa. 

E gli acquisti in Italia di importanti quote di grandi aziende da parte dello Stato della Russia non rappresentano l'unico episodio di questa offensiva finanziaria.

Caso analogo in Germania, dove, il giorno prima del passaggio di consegne in Pirelli, l’oligarca russo Mikhail Fridman ha rilevato per 5,1 miliardi di dollari le attività petrolifere di RWE. Se torniamo al novembre del 2013, invece, potrebbe sembrare che la strategia russa fosse cominciata già alcuni mesi prima della crisi della Crimea.

Allora, infatti, le imprese russe Gazprom e Novatek acquisirono per 2,94 miliardi di dollari la quota dell’italiana ENI nella società Russian Artic. Nello stesso periodo, sempre la stessa Rosneft acquisì per 1,8 miliardi di dollari la quota del 19,6% di ENEL nella società energetica russa SeverEnergia.

Già in autunno, quindi, i russi si erano ricomprati le quote strategiche degli italiani, iniziando ora le acquisizioni in Europa, anche se già in ottobre la Lukoil aveva rilevato il 100% dell’impianto di raffinazione petrolifera di Siracusa.

Oggi, mentre Unione Europea e Stati Uniti paiono disorientati e confusi, il rublo ha ricominciato a guadagnare posizioni insieme all’indice di borsa MICEX.

Detto tutto ciò, è bene che il lettore si ponga una domanda: come mai in Italia nessun telegiornale e nessun quotidiano ha riferito queste notizie? 

max parisi

Fonte notizie: rivastaeuropeae.eu di Fabio Cassinelli  - che ringraziamo e agenzie stampa internazionali. 


INCHIESTA / NEL SILENZIO ASSOLUTO DI GOVERNO ITALIANO, GIORNALI E TV LA RUSSIA COMPRA QUOTE ENORMI DI PIRELLI, ENI, ENEL


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Russia   Italia   governo   Eni   Enel   Pirelli   Moratti   Rosneft   Russia   Siracusa   UE   Stati Uniti    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL DIRETTORE DI FRONTEX DENUNCIA - SULLA STAMPA TEDESCA... - I TRAFFICI DELLE MAFIE LIBICHE IN COMBUTTA CON LE ONG

IL DIRETTORE DI FRONTEX DENUNCIA - SULLA STAMPA TEDESCA... - I TRAFFICI DELLE MAFIE LIBICHE IN

mercoledì 26 aprile 2017
I giornali e l'informazione in Italia ignorano la notizia, ma è di una estrema gravità. Così, ecco che per apprenderla bisogna leggere i quotidiani tedeschi, benchè
Continua
 
PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI DETENZIONE IN FRONTIERA

PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI

lunedì 24 aprile 2017
LONDRA - Nei mesi scorsi l'Ungheria e' stata fortemente criticata per aver creato campi in cui tenere immigrati e richiedenti asilo ma il governo ungherese non si e' fatto intimidire e ha continuato
Continua
E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E PIANI CRIMINALI

E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E

venerdì 21 aprile 2017
Le principali ONG impegnate nel traffico di africani verso l'Italia sono: Moas, Jugend Rettet, Stichting Bootvluchting, Médecins sans frontières, Save the children, Proactiva Open Arms,
Continua
 
FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE OMBRA PANAMENSI.

FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE

venerdì 21 aprile 2017
Gli sbarchi, certo, con i numeri che parlano di "un record senza precedenti" visto che "in poco piu' di 72 ore circa 8mila migranti sono approdati in Sicilia dopo una lunga traversata in mare", ma,
Continua
L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI TEMPORANEI (EUROPEI)

L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI

giovedì 20 aprile 2017
Al contrario dell'Italia l'Australia fa di tutto per proteggere i propri confini tant'e' che e' uno dei pochi se non l'unico paese ad essere riuscito a fermare l'arrivo di barconi carichi di
Continua
 
QUATTRO CARDINALI SI RIBELLANO A PAPA BERGOGLIO, SABATO A ROMA PRENDE FORMA LA RIVOLTA: CONVEGNO PUBBLICO DEI RIBELLI

QUATTRO CARDINALI SI RIBELLANO A PAPA BERGOGLIO, SABATO A ROMA PRENDE FORMA LA RIVOLTA: CONVEGNO

mercoledì 19 aprile 2017
ROMA - Dopo i dubbi (in latino, "dubia") che quattro cardinali gli hanno indirizzato in una lettera - privata ma poi pubblicata - la ribellione a Papa Francesco prende la forma di un convegno a due
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RACCONTI DALL'ORRORE GRECIA / BAMBINI DIABETICI LASCIATI MORIRE, MALATI DI CANCRO SENZA CURE (ECCO LE PROVE: UE NAZISTA)

RACCONTI DALL'ORRORE GRECIA / BAMBINI DIABETICI LASCIATI MORIRE, MALATI DI CANCRO SENZA CURE (ECCO
Continua

 
''LA GERMANIA DEVE DECIDERE SE ACCETTARE GLI EUROBOND O LASCIARE CHE L'EURO VADA ALLA DERIVA'' (ECONOMISTI TEDESCHI)

''LA GERMANIA DEVE DECIDERE SE ACCETTARE GLI EUROBOND O LASCIARE CHE L'EURO VADA ALLA DERIVA''
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!