50.733.915
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FINLANDIA (OLLI REHN) STA PER PERDERE LA TRIPLA A, IL PRIMO MINISTRO SI DIMETTE, I ''VERI FINLANDESI'' (NO EURO) IN TESTA

venerdì 11 aprile 2014

La Finlandia di Olli Rehn - il commissario europeo responsabile della vigilanza sui conti pubblici dei vari paesi, attualmente in aspettativa per le elezioni europee - vede vacillare il suo rating a tripla A. L'agenzia standard & Poor's ha infatti ruvisto in peggio le prospettive di valutazione da stabili a negative.

Una mossa che "riflette profondi squilibri economici demografici, che compromettono gli sforzi del governo sui conti pubblici", afferma S&P in un comunicato. "Ci sono rischi sulla crescita e sull'attuazione delle politiche" di bilancio. Negli ultimi anni l'indebitamento della Finlandia è aumentato consistentemente e il governo prevede che superi il limite Maastricht del 60 per cento del Pil sul 2014, dal 49 per cento cui si attestava appena nel 2011.

E così, la cerchia ristretta degli stati dell’Eurozona più affidabili, da un punto di vista creditizio, rischia di restringersi ancora di più, dopo che anche la Francia ha perso la tripla A nel luglio del 2013. Restano con il massimo giudizio solo Germania, Olanda e Lussemburgo.

Eppure, nei mesi scorsi era stato proprio il commissario agli Affari monetari, Olli Rehn, anch’egli finlandese, ad avvertire che Italia e Finlandia hanno forti problemi sul mercato del lavoro. Non tutti sanno, ad esempio, che la Finlandia è stato il paese che ha maggiormente perso competitività dall’introduzione dell’euro ad oggi, a causa di una valuta - l'euro appunto - troppo forte per rappresentare l'economia di questo Paese. 

Inoltre, il paese si trova politicamente instabile, dopo le dimissioni annunciate dal premier "europeista". Sabato 5 aprile la Finlandia è stata sconvolta da un vero e proprio terremoto politico. Il Primo Ministro Jyrki Katainen ha infatti dichiarato che da giugno non sarà più il premier del suo Paese. Katainen, leader del Partito di Coalizione Nazionale, viene da una lunga esperienza istituzionale, nonostante i soli 42 anni di età. È stato prima Ministro delle Finanze e in seguito, nel giugno del 2011, ha formato un governo sostenuto da sei partiti, a testimonianza del precario equilibrio politico presente attualmente nel Paese scandinavo.

Katainen lascia un governo sempre più sul rischio di implodere: la scorsa settimana uno dei sei partiti che lo appoggiava, l’Alleanza di Sinistra, ha abbandonato l’esecutivo in polemica con la decisione di alcune misure di austerità finalizzate a bloccare la crescita del debito.

Gli analisti ritengono probabile che si ritorni alle urne in autunno, con i sondaggi che danno in ascesa i Veri Finlandesi. Il leader Soini, all’indomani delle dimissioni di Katainen, ha ribadito la necessità di uscire dall’euro e dall’Unione Europea. “Il governo deve dichiarare la bancarotta” ha aggiunto Soini.

Nel 2011 i Veri Finlandesi hanno conosciuto un vero e proprio boom, ottenendo il 19% dei consensi con 39 seggi all’interno dell’Edeskunta e risultando il terzo movimento a livello nazionale. Questo risultato ha infranto un equilibrio che durava da decenni, costringendo il premier a creare un esecutivo instabile composto da tanti, forse troppi, movimenti politici diversi tra loro. Alle elezioni europee è probabile - come segnalano tutti gli ultimi sondaggi - che i Veri Finlandesi ottengano un risultato clamoroso: primo partito.

Accadesse, sarebbe la punizione perfetta per l'oligarca della UE Olli Rehn: la "sua" Finlandia uscirebbe dall'euro. E dalla UE. 


FINLANDIA (OLLI REHN) STA PER PERDERE LA TRIPLA A, IL PRIMO MINISTRO SI DIMETTE, I ''VERI FINLANDESI'' (NO EURO) IN TESTA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Finlandia   governo   dimissioni   tripla A   Olli Rehn   via dall'euro   Veri Finlandesi   UE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CLAMOROSO / LA GERMANIA ROMPE IL FRONTE ''EUROPEO'': L'INTELLIGHENZIA TEDESCA SCRIVE A PUTIN ''NO ALLA RUSSO-FOBIA''

CLAMOROSO / LA GERMANIA ROMPE IL FRONTE ''EUROPEO'': L'INTELLIGHENZIA TEDESCA SCRIVE A PUTIN ''NO
Continua

 
REPORTAGE DA CIPRO / CONTI CORRENTI BLOCCATI IMPOSSIBILE RITIRARE SOLDI ASSEGNI NON CAMBIABILI (CORRENTISTI IN TRAPPOLA)

REPORTAGE DA CIPRO / CONTI CORRENTI BLOCCATI IMPOSSIBILE RITIRARE SOLDI ASSEGNI NON CAMBIABILI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!