45.110.433
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''UNA CERTA INFLAZIONE E' POSITIVA PER L'OCCUPAZIONE, IN UN PAESE CON UN FORTE DEBITO (COME L'ITALIA)'' - PAUL KRUGMAN

giovedì 10 aprile 2014

Il premio Nobel per l'Economia Paul Krugman spiega che nel caso tornasse un po' d'inflazione (in Italia) gli unici che perderebbero ricchezza sarebbero gli oligarchi, quello 0,1% (degli italiani) che sono straricchi e condizionano anche la politica. Esattamente com'era negli anni Settanta.

L'articolo. 

"Ho avuto modo di pensare al modo in cui discutiamo – o NON discutiamo – sull’appetibilità dell'obiettivo di una bassa inflazione. Come ho fatto notare l’altro giorno, l’ultimo World Economic Outlook dell’FMI spiana la strada all’innalzamento dell’obiettivo al di sopra del 2% - ma evita di dirlo apertamente, utilizzando invece un eufemismo in codice. Intanto, la paranoia da inflazione è qualcosa molto di parte. Nei miei appunti per la lezione di domani (all'università -ndr) ho elencato i firmatari della lettera degli economisti che metteva in guardia dal deprezzamento del dollaro conseguente al Quantitative Easing; ovviamente tutti i firmatari sono repubblicani convinti e alcuni tra loro hanno le giuste credenziali ideologiche, ma nessuna competenza a riguardo. (William Kristol e Dan Senor sarebbero esperti monetari?)

Qual'è allora il  punto? Lasciatemi pur dire che, di fondo, questa è una questione di classe. La politica monetaria non è neutrale dal punto di vista tecnico e politico; una certa inflazione può essere positiva per l’occupazione, specialmente in presenza di una situazione di rientro da un debito eccessivo, ma è negativa per lo 0,1% più ricco della popolazione. E questo fatto finisce per esercitare un’enorme influenza sulla discussione.

Vorrei iniziare con un piccolo rebus storico, o piuttosto un rebus su come la storia viene raccontata. Durante il recente dibattito sulla politica monetaria ci sono state delle previsioni apocalittiche  che rievocavano Zimbabwe/Weimar e cose simili, ma anche dei costanti richiami agli anni settanta. Quelli che stavano dalla mia parte del dibattito si sono preoccupati di spiegare perché questa situazione non c’entra niente con gli anni '70. Ma facciamo una domanda diversa: perché gli anni '70 vengono sempre dipinti come un periodo così negativo? Certamente non è stato un periodo molto buono, ma i tempi davvero duri per le normali famiglie dei lavoratori sono state le grandi recessioni, che hanno avuto luogo sotto Reagan, e in qualche misura sotto il primo Bush, e soprattutto dopo la crisi finanziaria del 2008.

Pensate come è strano, alla luce di questa storia, che certe persone nel 2010 o nel 2011, in mezzo a un disastro, dicano:  "Attenzione — se non stiamo attenti, potremmo ripiombare negli anni settanta!" (colonna sonora inquietante in sottofondo). Ma in effetti per alcune persone gli anni ' 70 sono stati veramente i  peggiori — ossia, i proprietari di attività finanziarie.  E a chi stanno a cuore le attività finanziarie, anziché i redditi da lavoro? Allo 0,1% più ricco, che secondo il database Piketty-Saez incassa “solo” il 4% dei salari totali, ma possiede più del 20% della ricchezza totale e di sicuro una percentuale ancora superiore degli asset finanziari.

Carmen Reinhart ha efficacemente sostenuto che i paesi fortemente indebitati normalmente alleggeriscono i loro debiti in gran parte attraverso la "repressione finanziaria" — mantengono bassi i tassi d'interesse mentre con l’inflazione sgonfiano il debito. Il fatto è che, anche se questo approccio sembra sbagliato, in realtà per la stragrande maggioranza delle persone non lo è affatto.

La Gran Bretagna ha ottenuto risultati molto migliori attraverso la repressione finanziaria dopo la seconda guerra mondiale di quelli che ha ottenuto con l'ortodossia dopo la prima guerra mondiale. Però esiste un gruppo di persone, piccolo ma molto influente, che in realtà viene penalizzato dalla repressione finanziaria, che è poi quel che ha fatto Hitler nei confronti degli ebrei: ancora una volta, lo 0,1%.

Ora, non credo che lo 0,1% e i suoi difensori si stiano segretamente lisciando i baffi, sghignazzando al pensiero di come stanno sfruttando le illusioni di una politica sana per arricchirsi a spese del 99,9%  delle persone. I Koch non hanno nemmeno i baffi. Ma io effettivamente penso che il conflitto molto reale tra ciò che è positivo per gli oligarchi e ciò che è positivo per l'economia sta, indirettamente, producendo un potente effetto distorsivo sul dibattito economico".

Articolo scritto da Paul Krugman e tradotto da Voci dall'Estero - che ringraziamo. 


''UNA CERTA INFLAZIONE E' POSITIVA PER L'OCCUPAZIONE, IN UN PAESE CON UN FORTE DEBITO (COME L'ITALIA)'' - PAUL KRUGMAN


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Paul Krugman   Nobel   Economia   Italia   inflazione   debito   lavoro   occupazione   Stati Uniti    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BORSA & MERCATI / BORSA ITALIANA: SIAMO NELLA PIU' GRANDE BOLLA SPECULATIVA DEGLI ULTIMI 50 ANNI. FUGGITE. ORA.

BORSA & MERCATI / BORSA ITALIANA: SIAMO NELLA PIU' GRANDE BOLLA SPECULATIVA DEGLI ULTIMI 50 ANNI.
Continua

 
RACCONTI DALL'ORRORE GRECIA / BAMBINI DIABETICI LASCIATI MORIRE, MALATI DI CANCRO SENZA CURE (ECCO LE PROVE: UE NAZISTA)

RACCONTI DALL'ORRORE GRECIA / BAMBINI DIABETICI LASCIATI MORIRE, MALATI DI CANCRO SENZA CURE (ECCO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!