54.198.104
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'INTERVISTA / MARINE LE PEN A TUTTO CAMPO: PROGRAMMA DELLE EUROPEE, ALLEANZE, SIMPATIE POLITICHE (FRATELLI D'ITALIA)

martedì 8 aprile 2014

Marine Le Pen ha incontrato in una sala riservata al Parlamento europeo una delegazione di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale capitanata dalla presidente Giorgia Meloni. E battezza subito quest’ultima come l’interlocutrice principale in Italia per formare un fronte anti euro. Marine Le Pen in qualità di leader del Front National, soffia sul vento della protesta. E tende la mano a chi vuole cambiare gli attuali equilibri in Europa.

Ecco l'intervista.

Quali sono i partiti italiani con cui intende avviare una collaborazione?

«Seguo con attenzione Fratelli d’Italia perché sostiene la battaglia contro l’euro che ha creato disoccupazione e rafforzato il sistema delle banche. E sono aperta al dialogo anche con la Lega e con il Movimento 5 Stelle».

Eppure ha criticato l’atteggiamento dei grillini. Per quale motivo?

«Ci sono alcuni punti su cui si può anche essere d’accordo con il movimento di Beppe Grillo, come l’uscita dall’euro. Ma c’è un rimprovero che gli faccio: trovo il suo movimento incoerente, senza una vera visione politica, non hanno una strada da indicare al popolo. Accanto alla protesta serve una proposta».

Proseguono i contatti anche con la Lega Nord. Cosa vi accomuna oltre all’euroscetticismo?

«La destra francese ha inquietudini in comune con la Lega Nord. Penso all’euro e al funzionamento anti democratico dell’Unione Europea. Discutiamo per vedere se, partendo da questi punti in comune, potrà uscire un giorno una lotta politica al Parlamento europeo, eventualmente nel quadro di un gruppo parlamentare».

Ritiene che si debba lavorare per rivedere le politiche relative all’immigrazione?

«Certamente. Siamo regolarmente e scandalosamente accusati di razzismo per il motivo che noi ci opponiamo all’immigrazione. Penso che il semplice fatto di essere contrari all’immigrazione non significa che siamo razzisti. Il Front National ha sempre detto che difende i francesi di qualsiasi razza, religione e origine».

Come giudica l’attività del Presidente del Consiglio Matteo Renzi in chiave europea?

«Guardi di Matteo Renzi ne ho visti una cinquantina passare in Francia in questi anni. Un giovane che mi viene e spiegare che l’Unione Europea non è il male… È una delle tante persone che sostiene che l’Unione Europea non funziona, che serve una nuova Europa, una Europa diversa, che bisogna cambiare le cose, che batterà i pugni sul tavolo e si impegnerà in prima persona. Bene. Sa una cosa?»

Cosa?

«Non ho mai visto succedere nulla in Francia e credo sia così anche in Europa. Permettetemi, senza fare un processo alle intenzioni, di essere sospettosa nei confronti di chi non dice chiaramente che vuole rompere con l’Europa, che gli interessi dell’Europa sono contrari a quelli del popolo e che, invece, vogliono ancora negoziare con chi ha interessi opposti perché questa è la dimostrazione che c’è qualche cosa che non funziona».

Come valuta i movimenti secessionisti che si stanno manifestando in Catalogna, in Scozia e anche in Italia con il referendum in Veneto?

«Sono un segnale di delusione verso questa Europa. Ma ho già tanti problemi in Francia che preferisco occuparmi di questo. Non sono aggiornata quotidianamente sugli sviluppi di quello che accade in Veneto».

Come cambieranno gli equilibri tra popolari e socialisti dopo un voto che comunque sarà condizionato da un crescente sentimento anti euro?

«Non si può più parlare di destra e sinistra. Ormai siamo oltre questo concetto. Preferisco fare un’analisi tra alto e basso vale a dire tra burocrati e popolo. E noi siamo dalla parte del popolo. Per questo combattiamo contro l’Unione sovietica europea».

In concreto quali proposte intende portare avanti?

«Credo innanzitutto che sia necessario superare questo attuale centralismo di Bruxelles e restituire la sovranità monetaria ai singoli Paesi. L’euro è stato un fallimento».

Qual è il suo giudizio su Angela Merkel?

«Angela Merkel dirige l’Europa, è divertente che lo consideri il suo reame e noi i suoi sudditi, Capisco che consideri comodo il “trono” ma lei difende solo un interesse».

Quale?

«Quello della Germania».

L'intervista a Marine Le Pen è di Alessandro Usai per Lanotiziagiornale.it - che ringraziamo. 


L'INTERVISTA / MARINE LE PEN A TUTTO CAMPO: PROGRAMMA DELLE EUROPEE, ALLEANZE, SIMPATIE POLITICHE (FRATELLI D'ITALIA)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ANTICIPAZIONI / ECCO I PUNTI PRINCIPALI DEL  PROGRAMMA PER L'ECONOMIA DELLA LEGA. E PORTA LA FIRMA DI MATTEO SALVINI

ANTICIPAZIONI / ECCO I PUNTI PRINCIPALI DEL PROGRAMMA PER L'ECONOMIA DELLA LEGA. E PORTA LA FIRMA

mercoledì 22 novembre 2017
Diffuse oggi anticipazioni del programma per l'economia della Lega, che sarà asse portante della campagna elettorale prima, poi del governo del Paese in caso di vittoria. Il programma porta
Continua
 
REATI SESSUALI RADDOPPIATI IN GERMANIA PER COLPA DELLE ORDE DI ISLAMICI FATTE ENTRARE DALLA MERKEL NELL'ESTATE DEL 2015

REATI SESSUALI RADDOPPIATI IN GERMANIA PER COLPA DELLE ORDE DI ISLAMICI FATTE ENTRARE DALLA MERKEL

mercoledì 22 novembre 2017
BERLINO - La situazione generale della sicurezza in Germania non si e' deteriorata, sostengono le autorita' di governo, ma i fatti danno loro torto. E' vero che la maggior parte delle aggressioni a
Continua
ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A PORTARLA ALLO SFACELO

ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A

martedì 21 novembre 2017
Il vertice del Monte dei Paschi di Siena ha messo in atto "un insieme di attivita' dolose" facendo "di tutto per occultare le operazioni e soprattutto le perdite realizzate". Il direttore generale
Continua
 
PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN CAMBIO? NIENTE!)

PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN

martedì 21 novembre 2017
LONDRA - Tutti coloro che soffrono per le politiche di austerita' imposte dalla UE saranno furiosi di sapere che questa istituzione malefica costa ogni anno 140 miliardi di euro (280mila miliardi
Continua
LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO STIPENDI, AUMENTO TASSE

LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO

sabato 18 novembre 2017
Il “mitico” commissario della UE Katainen ha alzato per l’ennesima volta il ditino contro l’Italia colpevole di “non fare abbastanza” per abbattere il debito
Continua
 
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO

mercoledì 15 novembre 2017
BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GUERRA CIVILE ALLE PORTE: KIEV AMMASSA TRUPPE, RIBELLI RUSSOFONI PROCLAMANO ''L'INDIPENDENZA'' MOSCA PRONTA AD AGIRE

GUERRA CIVILE ALLE PORTE: KIEV AMMASSA TRUPPE, RIBELLI RUSSOFONI PROCLAMANO ''L'INDIPENDENZA''
Continua

 
L'ANALISI / SE LA UE APPLICA AL'UCRAINA LA ''RICETTA GRECA'' LA GUERRA IN EUROPA E' CERTA (JOSEPH HALEVI, ECONOMISTA)

L'ANALISI / SE LA UE APPLICA AL'UCRAINA LA ''RICETTA GRECA'' LA GUERRA IN EUROPA E' CERTA (JOSEPH
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!