49.958.861
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RIVOLTA SPAGNOLA / LAVORATORI DI 6 OSPEDALI VINCONO: NIENTE PRIVATIZZAZIONE 1.134 NETTURBINI VINCONO: NIENTE LICENZIATI.

lunedì 7 aprile 2014

MADRID - “Resistere è inutile”, sentiamo ripetere all’infinito. “Così tanti anni di proteste ma la crisi continua; perché affannarsi?” insistono altri, instillando in noi apatia e rassegnazione. “Le proteste potrebbero portare a qualcosa di addirittura peggiore”, sussurra la macchina della paura. Ci vogliono sottomessi, a testa china. I sogni di cambiamento sono proibiti. Tuttavia la storia si ribella, indomabile. E ci dimostra, nonostante i pessimisti, che la lotta merita di essere combattuta.

La vittoria contro la privatizzazione del sistema di assistenza sanitaria pubblica di Madrid, del quartiere Gamonal che si è schierato contro gli speculatori e i corrotti, degli addetti alla pulizia nella loro battaglia per il lavoro nella capitale e la lotta contro gli sfratti e le banche sono buoni esempi.

L’inversione a U dell’amministrazione di Madrid riguardo ai suoi piani di privatizzazione di sei ospedali pubblici è una di queste vittorie. L’amministrazione (guidata dal Partito Popolare) è stata costretta a revocare il piano di “esternalizzazione”, dopo quindici mesi di proteste e l’annuncio dell’Alta Corte di Giustizia di Madrid che ha deciso la sospensione provvisoria del processo di privatizzazione, poiché potrebbe determinare “un danno grave e irreparabile”.

Contro tali misure ci sono stati mesi di dimostrazioni, scioperi, un referendum con quasi un milione di votanti, occupazioni di ospedali, cause legali. Il trionfo ha spazzato via il principale promotore, il commissario regionale alla salute Javier Fernàndez-Lasquetty, che è stato costretto a dimettersi. Vale la pena di lottare.

Gamonal: ecco un’altra grande vittoria. A Burgos, dopo poco più di una settimana di intense proteste, dal 10 al 17 gennaio, contro la costruzione di un viale nel quartiere di Gamonal, il sindaco Javier Lacalle non ha avuto altra scelta che bloccare i lavori a tempo indeterminato. Tuttavia il conflitto veniva da lontano. Un progetto da molti milioni di euro, con grandi profitti per le imprese e i politici, in un quartiere della classe operaia privo di investimenti e privo di servizi. Il conflitto “urbano” di Gamonal è diventato la punta di diamante della lotta contro la corruzione, la speculazione fondiaria e la crisi. In tutta la Spagna si sono tenute  dimostrazioni di solidarietà con la comunità. E i tentativi di criminalizzare e diffondere disinformazione sono falliti. Vale la pena di lottare.

Tredici giorni di sciopero e tonnellate di rifiuti attorno a Madrid sono stati necessari per evitare il licenziamento di 1.134 addetti alla pulizia e giardinieri nella città di Madrid. C’è voluto uno sciopero a oltranza per mettere all’angolo appaltatori privati che non solo volevano tagliare centinaia di lavoratori ma anche tagliare le paghe fino al 43%. La vittoria è stata parziale perché i dipendenti hanno dovuto accettare ciascuno 45 giorni di congedo temporaneo (astensioni non remunerate dal lavoro) ogni anno per i prossimi quattro anni, e un congelamento del salario fino al 2017. Tuttavia ciò non cancella il fatto che lo sciopero a oltranza, tristemente senza precedenti di questi tempi, è riuscito a proteggere ogni singolo posto di lavoro. Vale la pena di lottare.

La lotta contro gli sfratti è stata, indubbiamente, l’espressione finale della ribellione collettiva contro questa crisi-truffa. Reagendo all’usura senza limiti delle banche, la gente si è organizzata alla base. In un periodo di più di quattro anni la Piattaforma dei Colpiti da Mutui Ipotecari (PAH) è riuscita a bloccare 936 sfratti, a ridare casa a 712 persone in immobili vuoti di proprietà di istituzioni finanziarie e oggi occupati nell’ambito della campagna Obra Social del PAH.

E ha costretto molte banche a negoziare centinaia di riappropriazioni e affitti sociali. Alcuni diranno che si tratta di un progresso molto piccolo in confronto con l’offensiva complessiva. E’ vero. Tuttavia vorrei farlo giudicare a tutti quelli che grazie al PAH hanno un tetto sopra la testa. Vale la pena di lottare.

Dalla comparsa degli indignados, o Movimento 15M, siamo passati dal “Non ci rappresentano” al “Sì, possiamo farcela”. Abbiamo riguadagnato fiducia in noi stessi. L’offensiva del capitale prosegue, ma la nostra indignazione e la nostra disobbedienza crescono. Le vittorie di oggi sono catalizzatori delle vittorie di domani. La lotta è indispensabile per cambiare le cose. Dobbiamo prenderne atto. E se lo facciamo, possiamo vincere.

 

Articolo scritto da Esther Vivas e pubblicato su Pùblico.es Traduzione di Giuseppe Volpe, ZNET Italy che ringraziamo.


RIVOLTA SPAGNOLA / LAVORATORI DI 6 OSPEDALI VINCONO: NIENTE PRIVATIZZAZIONE 1.134 NETTURBINI VINCONO: NIENTE LICENZIATI.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Spagna   rivolta   lotta   popolare   contro il governo   contro la UE   contro la Troika    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
 
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PRONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PRONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
 
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua
A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU RADDOPPIATA, IVA 25%)

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU

venerdì 21 luglio 2017
In queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare
Continua
 
SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI SACRIFI DEI POLIZIOTTI

SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI

giovedì 20 luglio 2017
"Un sistema in cui la vita di un Servitore dello Stato vale poco o nulla, in cui chi si aggira armato in mezzo alla strada menando fendenti e aggredendo un poliziotto torna tranquillamente in
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MCDONALD'S CHIUDE TUTTI I SUOI RISTORANTI IN CRIMEA E LA RUSSIA FESTEGGIA: VIA ANCHE DA NOI. (COMPRESA LA PEPSI)

MCDONALD'S CHIUDE TUTTI I SUOI RISTORANTI IN CRIMEA E LA RUSSIA FESTEGGIA: VIA ANCHE DA NOI.
Continua

 
CLAMOROSO / DRAGHI SCRIVE: ''GLI EUROPEI SI DEVONO ADATTARE ALL'EURO!'' (E SE NON SI ''ADATTANO'' ARRIVA LA TROIKA NAZISTA)

CLAMOROSO / DRAGHI SCRIVE: ''GLI EUROPEI SI DEVONO ADATTARE ALL'EURO!'' (E SE NON SI ''ADATTANO''
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!