45.171.401
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SCIOPERO GENERALE IN GRECIA CONTRO IL GOVERNO. TAGLI ALLA SANITA' CAUSANO AUMENTO DEL 200% DELL'AIDS.

mercoledì 1 maggio 2013

E' in corso in Grecia uno sciopero generale di 24 ore contro le severe misure di austerita' e l'ondata di tagli imposti al Governo Samaras. A chiedere la 'mobilitazione di massa' sono stati i principali sindacati ellenici, Gsee e Adedy, che rivendicano la fine dei tagli alle spese e l'aumento delle tasse. Lo registra la Bbc.

L'azione di protesta punta a disturbare gravemente i servizi di trasporto pubblico e gli ospedali dove si lavora con personale ridotto. Molti negozi resteranno comunque aperti dal momento che i festeggiamenti per il Primo maggio sono stati spostati a martedi' prossimo dopo le celebrazioni della Pasqua ortodossa.

Centinaia di persone sono gia' radunate davanti al Parlamento sventolando bandiere e striscioni. La polizia e' in allerta. ''Il nostro messaggio oggi e' molto chiaro: basta con queste politiche che danneggiano le persone e rendono i poveri piu' poveri'', ha detto Ilias Iliopoulos, segretario generale di Adedy.

E dagli Stati Uniti arriva una notizia tremenda: David Stuckler e Sanjay Basu, due ricercatori universitari, il primo della Stanford e il secondo di Oxford, denunciano: il taglio del budget per la prevenzione dell'Aids in Grecia ha portato a un aumento dei casi del 200% e c'e' stata la prima epidemia di malaria da decenni dovuta al taglio degli investimenti per le reti antizanzara.

Enrico Eisen - Milano


SCIOPERO GENERALE IN GRECIA CONTRO IL GOVERNO. TAGLI ALLA SANITA' CAUSANO AUMENTO DEL 200% DELL'AIDS.




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CELENTANO: MA QUANDO MAI I TONI ECCESSIVI DI GRILLO PRODUCONO VIOLENZA?

CELENTANO: MA QUANDO MAI I TONI ECCESSIVI DI GRILLO PRODUCONO VIOLENZA?

 
DECIMAZIONE DI LAVORATORI NELLA BERGAMASCA

DECIMAZIONE DI LAVORATORI NELLA BERGAMASCA


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!