56.213.553
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA LETTERA / Una dipendente di una Provincia ci scrive, indignata. Abbiamo letto, e rispondiamo.

martedì 1 aprile 2014

Spett.le redazione de Il Nord, sono una vostra lettrice e anche dipendente provinciale.

Ieri è stato pubblicato su Il Nord un articolo che mi ha francamente amareggiata perché colpisce (con un astio direi immotivato) la classe sociale dei dipendenti pubblici, in particolare delle Province. Nell'articolo Max Parisi critica la riforma delle Province che secondo lui non produrrebbe consistenti risparmi, in particolare perché NON colpisce i dipendenti descritti come un fardello a carico dei contribuenti! Ergo: "peccato che non siano previsti licenziamenti, visto che la maggior parte della spesa per le Province, stante la riforma, è quella destinata al pagamento degli stipendi dei dipendenti."

Sono francamente sconcertata, in questo modo si avalla il regime dittatoriale nazista in cui siamo, un regime che ha colonizzato la cultura italiana ed europea, traducendosi in un delirante pensiero unico che coinvolge il modo di vivere e di gestire la società nella quale non c'è più spazio per i valori umani, quindi per politiche sociali che ci consentirebbero di uscire al più presto dalla eurotragedia in cui siamo immersi fino al collo. Trovo che questo pensiero sia direttamente in sintonia con il regime neoliberista di cui l'euro è il culmine della follia distruttiva neoliberista, che vorreste criticare attaccando l'euro e l'UE. La crisi, come immagino saprete, non è stata causata dai dipendenti pubblici, tantomeno da quelli delle Province, ma dall'euro e dalle politiche liberiste attuate per salvare questa non moneta come si evince anche dalle misure che si sono prese per permanere in questa dittatura, il MES ad esempio prevede che il nostro Paese entro il 2017 versi oltre 120 miliardi di euro per salvare le banche che nella crisi hanno avuto un ruolo determinante...però è più comodo alimentare l'astio della gente, già disperata per la crisi e l'emorragia di aziende italiane e di posti di lavoro, nei confronti di chi lavora nel pubblico e che tutti i giorni si sente sul banco degli imputati da questo regime neonazista.

C.C. (Lettera firmata).

Cara C., 

è del tutto evidente che il cancro che sta divorando l'Italia NON sia il pubblico impiego, ma l'euro. Talmente è evidente che - do la notizia, casomai non si sapesse - lo Stato italiano ha un avanzo primario tra i più alti al mondo e certamente tra i primi d'Europa, se non il primo: oltre 80 MILIARDI DI EURO l'anno avanzano allo Stato. Detto più chiaramente: lo Stato incassa dalle tasse 80 miliardi di euro l'anno IN PIU' rispetto quanto spende, tutto compreso.

Quindi, nonostante sprechi, ruberie, soldi spesi male, investimenti sbagliati, e quanto altro di peggio possa venire in mente, lo Stato italiano COMUNQUE risparmia una montagna di soldi ogni anno che Dio manda in terra.

E allora, come mai il debito pubblico continua a crescere? Facile: interessi. Interessi composti, da anatocismo, che lo Stato paga sul debito emettendo titoli di Stato in continuazione. Inoltre, a far aumentare il debito pubblico in questi ultimi 4 anni ci ha pensato la UE: decine di miliardi sono usciti dalle casse statali italiane e sono finiti nelle tasche della UE e gestiti dalla Commissione Europea nel modo tremendo - nazista - che tutti sappiamo: Grecia, Portogallo, Cipro. 

Quanto abbiamo scritto al riguardo del pubblico impiego, cara lettrice, non va letto nel senso della macelleria sociale che deriverebbe da licenziamenti di massa nel pubblico impiego - che Renzi vuole fare - bensì come esempio per spiegare quanto sia falsa e anche stupida la riformetta renziana al riguardo dei tagli delle Province.

Renzi spaccia per "risparmi" quelli che non sono: tagliare i gettoni di presenza dei consiglieri provinciali produce un risparmio risibile, che però Renzi ingigantisce come fosse un risultato epocale. Infatti, questo abbiamo scritto, il costo non sta nei consiglieri, ma nella macchina burocratica, sempre alla luce del fatto - però - che NON è lì che bisogna incidere, per salvare l'Italia.

Per evitare che questo dannato Paese passi dal declino attuale alla catastrofe, deve abbandonare l'euro. Detto ciò, è pur vero che l'architettura amministrativa dello Stato italiano è folle. Ma per razionalizzarla non va usato il plotone d'esecuzione, va usata l'intelligenza, lo studio comparativo con altre architetture europee funzionanti, e quindi accorte modifiche che NON AMMAZZINO nessun lavoratore pubblico. 

Si può fare? Certo che si può fare. In Ungheria quando comandava la Bce e la UE, e la moneta era soggiogata agli oligarchi di Bruxelles e di Francoforte, le pensioni erano miserabili, la disocucpazione alle stelle, il Paese in ginocchio. Cacciati i dittatori e riguadagnata la vera indipendenza monetaria, l'Ungheria è rinata e ora va a gonfie vele. E nessun dipendente pubblico è stato licenziato, come pretendeva "l'Europa".

Esempi ce ne sono, allora. Ma alla base, per salvare l'Italia, serve il coraggio. E Renzi è un codardo.

Max Parisi

Cerca tra gli articoli che parlano di:

Provincia   dipendneti   pubblici   licenziamenti   euro   riforma   Renzi   tagli   risparmi   debito pubblico    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ITALIA E' NELL'ABISSO: DISOCCUPAZIONE DA GUERRA MONDIALE E RENZI CHE SI ARRABATTA CON LA RIFORMETTA DEL SENATO.

L'ITALIA E' NELL'ABISSO: DISOCCUPAZIONE DA GUERRA MONDIALE E RENZI CHE SI ARRABATTA CON LA
Continua

 
DIBATTITI / ESATTAMENTE COSA ACCADREBBE SE L'ITALIA TORNASSE ALLA LIRA? ECCO TUTTE LE RISPOSTE PER CHI HA DUBBI O PAURE.

DIBATTITI / ESATTAMENTE COSA ACCADREBBE SE L'ITALIA TORNASSE ALLA LIRA? ECCO TUTTE LE RISPOSTE PER
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CALDEROLI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO ESPELLEREMO TUTTI I CLANDESTINI

12 gennaio - ''Due immigrati clandestini, un nigeriano e un marocchino, martedi'
Continua

FACEBOOK CENSURA LE NOTIZIE, LE SINISTRE GLOBALI NON RIESCONO A

12 gennaio - Facebook ha introdotto cambiamenti radicali all'algoritmo che ci fa
Continua

TUTTO IL CENTRODESTRA SOSTIENE ATTILIO FONTANA: CONFERENZA STAMPA A

11 gennaio - MILANO - 'Al lavoro!Piu' Lombardia. Fontana presidente' e' la scritta in
Continua

BRUNETTA: ''PRONTO IL PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. LO PRESENTEREMO

11 gennaio - ''Nella giornata di oggi chiuderemo il lavoro, positivo e proficuo, del
Continua

MACRON STA PER PRESENTARE LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE DI STAMPO

11 gennaio - PARIGI - Il presidente francese Emmanuel Macron si prepara alla prova
Continua

MATTEO SALVINI: ''AVREI PREFERITO CHE MARONI SI RICANDIDASSE, MA HA

11 gennaio - MILANO - ''MARONI mi ha detto di avere fatto in Lombardia tutto quello
Continua

BERLUSCONI: ATTILIO FONTANA CANDIDATO PRESIDENTE IN LOMBARDIA VA

10 gennaio - MILANO - ''Non c'è nulla che ci allontana da Salvini che ha indicato un
Continua

LE SOFFERENZE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO CONTINUANO INESORABILI

10 gennaio - A novembre 2017 - ultimo dato disponibile - le sofferenze nette sui
Continua

BERLUSCONI: ''MAI UN GOVERNO DI LARGHE INTESE COL PD. MAI''

9 gennaio - ''Non c'e' mai stata e non ci sara' neanche in futuro'' la possibilita'
Continua

CLAUDIO BORGHI: ''APPENA LA LEGA AL GOVERNO, PREPARERA' LA

9 gennaio - ''Un secondo dopo che la Lega siederà al Governo, metterà in atto
Continua
Precedenti »