43.267.135
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
++++++ La Commissione Ue ha inviato all'Italia la lettera con la richiesta di aggiustamento dei conti ++++++

LA LETTERA / Una dipendente di una Provincia ci scrive, indignata. Abbiamo letto, e rispondiamo.

martedì 1 aprile 2014

Spett.le redazione de Il Nord, sono una vostra lettrice e anche dipendente provinciale.

Ieri è stato pubblicato su Il Nord un articolo che mi ha francamente amareggiata perché colpisce (con un astio direi immotivato) la classe sociale dei dipendenti pubblici, in particolare delle Province. Nell'articolo Max Parisi critica la riforma delle Province che secondo lui non produrrebbe consistenti risparmi, in particolare perché NON colpisce i dipendenti descritti come un fardello a carico dei contribuenti! Ergo: "peccato che non siano previsti licenziamenti, visto che la maggior parte della spesa per le Province, stante la riforma, è quella destinata al pagamento degli stipendi dei dipendenti."

Sono francamente sconcertata, in questo modo si avalla il regime dittatoriale nazista in cui siamo, un regime che ha colonizzato la cultura italiana ed europea, traducendosi in un delirante pensiero unico che coinvolge il modo di vivere e di gestire la società nella quale non c'è più spazio per i valori umani, quindi per politiche sociali che ci consentirebbero di uscire al più presto dalla eurotragedia in cui siamo immersi fino al collo. Trovo che questo pensiero sia direttamente in sintonia con il regime neoliberista di cui l'euro è il culmine della follia distruttiva neoliberista, che vorreste criticare attaccando l'euro e l'UE. La crisi, come immagino saprete, non è stata causata dai dipendenti pubblici, tantomeno da quelli delle Province, ma dall'euro e dalle politiche liberiste attuate per salvare questa non moneta come si evince anche dalle misure che si sono prese per permanere in questa dittatura, il MES ad esempio prevede che il nostro Paese entro il 2017 versi oltre 120 miliardi di euro per salvare le banche che nella crisi hanno avuto un ruolo determinante...però è più comodo alimentare l'astio della gente, già disperata per la crisi e l'emorragia di aziende italiane e di posti di lavoro, nei confronti di chi lavora nel pubblico e che tutti i giorni si sente sul banco degli imputati da questo regime neonazista.

C.C. (Lettera firmata).

Cara C., 

è del tutto evidente che il cancro che sta divorando l'Italia NON sia il pubblico impiego, ma l'euro. Talmente è evidente che - do la notizia, casomai non si sapesse - lo Stato italiano ha un avanzo primario tra i più alti al mondo e certamente tra i primi d'Europa, se non il primo: oltre 80 MILIARDI DI EURO l'anno avanzano allo Stato. Detto più chiaramente: lo Stato incassa dalle tasse 80 miliardi di euro l'anno IN PIU' rispetto quanto spende, tutto compreso.

Quindi, nonostante sprechi, ruberie, soldi spesi male, investimenti sbagliati, e quanto altro di peggio possa venire in mente, lo Stato italiano COMUNQUE risparmia una montagna di soldi ogni anno che Dio manda in terra.

E allora, come mai il debito pubblico continua a crescere? Facile: interessi. Interessi composti, da anatocismo, che lo Stato paga sul debito emettendo titoli di Stato in continuazione. Inoltre, a far aumentare il debito pubblico in questi ultimi 4 anni ci ha pensato la UE: decine di miliardi sono usciti dalle casse statali italiane e sono finiti nelle tasche della UE e gestiti dalla Commissione Europea nel modo tremendo - nazista - che tutti sappiamo: Grecia, Portogallo, Cipro. 

Quanto abbiamo scritto al riguardo del pubblico impiego, cara lettrice, non va letto nel senso della macelleria sociale che deriverebbe da licenziamenti di massa nel pubblico impiego - che Renzi vuole fare - bensì come esempio per spiegare quanto sia falsa e anche stupida la riformetta renziana al riguardo dei tagli delle Province.

Renzi spaccia per "risparmi" quelli che non sono: tagliare i gettoni di presenza dei consiglieri provinciali produce un risparmio risibile, che però Renzi ingigantisce come fosse un risultato epocale. Infatti, questo abbiamo scritto, il costo non sta nei consiglieri, ma nella macchina burocratica, sempre alla luce del fatto - però - che NON è lì che bisogna incidere, per salvare l'Italia.

Per evitare che questo dannato Paese passi dal declino attuale alla catastrofe, deve abbandonare l'euro. Detto ciò, è pur vero che l'architettura amministrativa dello Stato italiano è folle. Ma per razionalizzarla non va usato il plotone d'esecuzione, va usata l'intelligenza, lo studio comparativo con altre architetture europee funzionanti, e quindi accorte modifiche che NON AMMAZZINO nessun lavoratore pubblico. 

Si può fare? Certo che si può fare. In Ungheria quando comandava la Bce e la UE, e la moneta era soggiogata agli oligarchi di Bruxelles e di Francoforte, le pensioni erano miserabili, la disocucpazione alle stelle, il Paese in ginocchio. Cacciati i dittatori e riguadagnata la vera indipendenza monetaria, l'Ungheria è rinata e ora va a gonfie vele. E nessun dipendente pubblico è stato licenziato, come pretendeva "l'Europa".

Esempi ce ne sono, allora. Ma alla base, per salvare l'Italia, serve il coraggio. E Renzi è un codardo.

Max Parisi

Cerca tra gli articoli che parlano di:

Provincia   dipendneti   pubblici   licenziamenti   euro   riforma   Renzi   tagli   risparmi   debito pubblico    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
 
IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione
Continua
IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la
Continua
 
SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo
Continua
L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione
Continua
 
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ITALIA E' NELL'ABISSO: DISOCCUPAZIONE DA GUERRA MONDIALE E RENZI CHE SI ARRABATTA CON LA RIFORMETTA DEL SENATO.

L'ITALIA E' NELL'ABISSO: DISOCCUPAZIONE DA GUERRA MONDIALE E RENZI CHE SI ARRABATTA CON LA
Continua

 
DIBATTITI / ESATTAMENTE COSA ACCADREBBE SE L'ITALIA TORNASSE ALLA LIRA? ECCO TUTTE LE RISPOSTE PER CHI HA DUBBI O PAURE.

DIBATTITI / ESATTAMENTE COSA ACCADREBBE SE L'ITALIA TORNASSE ALLA LIRA? ECCO TUTTE LE RISPOSTE PER
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua

PRIMO MINISTRO BRITANNICO: ''MODELLO UE INCOMPATIBILE CON LA NOSTRA

17 gennaio - LONDRA - Il modello dell'Ue e delle istituzioni sovranazionali ''non era
Continua

THERESA MAY: ''VIA DAL MERCATO UNICO E DA CORTE DI GIUSTIZIA E

17 gennaio - LONDRA - L'atteso di scorso di Theresa May sulla Brexit è arrivato ed
Continua

TAJANI PUO' FARCELA, DOPO LA CAPRIOLA DEI LIBERALI CHE HANNO

17 gennaio - BRUXELLES - ''Da Grillo a Berlusconi in meno di una settimana'': i
Continua

RUSSIA PRONTA A COOPERARE CON USA, UE E NATO CON RISPETTO RECIPROCO

17 gennaio - MOSCA - La Russia e' pronta a cooperazione con gli Stati Uniti, l'Unione
Continua

SCANDALO MOTORI DIESEL SI ALLARGA ANCHE ALLA RENAULT

16 gennaio - PARIGI - Lo scandalo dei motori diesel ''truccati'' si allarga. Oltre a,
Continua

ISTAT: E' UFFICIALE, 2016 L'ANNO DELLA DEFLAZIONE IN ITALIA (DAL

16 gennaio - Italia in deflazione nel 2016. In media d'anno, i prezzi al consumo
Continua

BORIS JOHNSON: ''BREXIT, TRUMP PER UN ACCORDO RAPIDO CON IL REGNO

16 gennaio - BRUXELLES - ''Una gran bella notizia'': così il ministro degli Esteri
Continua

SETTE CLANDESTINI INDIVIDUATI AD ASTI SU UN TRENO PROVENIENTE DALLA

16 gennaio - ASTI - Sette uomini, cinque algerini e due marocchini, sono stati
Continua
Precedenti »