65.394.582
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA LETTERA / Una dipendente di una Provincia ci scrive, indignata. Abbiamo letto, e rispondiamo.

martedì 1 aprile 2014

Spett.le redazione de Il Nord, sono una vostra lettrice e anche dipendente provinciale.

Ieri è stato pubblicato su Il Nord un articolo che mi ha francamente amareggiata perché colpisce (con un astio direi immotivato) la classe sociale dei dipendenti pubblici, in particolare delle Province. Nell'articolo Max Parisi critica la riforma delle Province che secondo lui non produrrebbe consistenti risparmi, in particolare perché NON colpisce i dipendenti descritti come un fardello a carico dei contribuenti! Ergo: "peccato che non siano previsti licenziamenti, visto che la maggior parte della spesa per le Province, stante la riforma, è quella destinata al pagamento degli stipendi dei dipendenti."

Sono francamente sconcertata, in questo modo si avalla il regime dittatoriale nazista in cui siamo, un regime che ha colonizzato la cultura italiana ed europea, traducendosi in un delirante pensiero unico che coinvolge il modo di vivere e di gestire la società nella quale non c'è più spazio per i valori umani, quindi per politiche sociali che ci consentirebbero di uscire al più presto dalla eurotragedia in cui siamo immersi fino al collo. Trovo che questo pensiero sia direttamente in sintonia con il regime neoliberista di cui l'euro è il culmine della follia distruttiva neoliberista, che vorreste criticare attaccando l'euro e l'UE. La crisi, come immagino saprete, non è stata causata dai dipendenti pubblici, tantomeno da quelli delle Province, ma dall'euro e dalle politiche liberiste attuate per salvare questa non moneta come si evince anche dalle misure che si sono prese per permanere in questa dittatura, il MES ad esempio prevede che il nostro Paese entro il 2017 versi oltre 120 miliardi di euro per salvare le banche che nella crisi hanno avuto un ruolo determinante...però è più comodo alimentare l'astio della gente, già disperata per la crisi e l'emorragia di aziende italiane e di posti di lavoro, nei confronti di chi lavora nel pubblico e che tutti i giorni si sente sul banco degli imputati da questo regime neonazista.

C.C. (Lettera firmata).

Cara C., 

è del tutto evidente che il cancro che sta divorando l'Italia NON sia il pubblico impiego, ma l'euro. Talmente è evidente che - do la notizia, casomai non si sapesse - lo Stato italiano ha un avanzo primario tra i più alti al mondo e certamente tra i primi d'Europa, se non il primo: oltre 80 MILIARDI DI EURO l'anno avanzano allo Stato. Detto più chiaramente: lo Stato incassa dalle tasse 80 miliardi di euro l'anno IN PIU' rispetto quanto spende, tutto compreso.

Quindi, nonostante sprechi, ruberie, soldi spesi male, investimenti sbagliati, e quanto altro di peggio possa venire in mente, lo Stato italiano COMUNQUE risparmia una montagna di soldi ogni anno che Dio manda in terra.

E allora, come mai il debito pubblico continua a crescere? Facile: interessi. Interessi composti, da anatocismo, che lo Stato paga sul debito emettendo titoli di Stato in continuazione. Inoltre, a far aumentare il debito pubblico in questi ultimi 4 anni ci ha pensato la UE: decine di miliardi sono usciti dalle casse statali italiane e sono finiti nelle tasche della UE e gestiti dalla Commissione Europea nel modo tremendo - nazista - che tutti sappiamo: Grecia, Portogallo, Cipro. 

Quanto abbiamo scritto al riguardo del pubblico impiego, cara lettrice, non va letto nel senso della macelleria sociale che deriverebbe da licenziamenti di massa nel pubblico impiego - che Renzi vuole fare - bensì come esempio per spiegare quanto sia falsa e anche stupida la riformetta renziana al riguardo dei tagli delle Province.

Renzi spaccia per "risparmi" quelli che non sono: tagliare i gettoni di presenza dei consiglieri provinciali produce un risparmio risibile, che però Renzi ingigantisce come fosse un risultato epocale. Infatti, questo abbiamo scritto, il costo non sta nei consiglieri, ma nella macchina burocratica, sempre alla luce del fatto - però - che NON è lì che bisogna incidere, per salvare l'Italia.

Per evitare che questo dannato Paese passi dal declino attuale alla catastrofe, deve abbandonare l'euro. Detto ciò, è pur vero che l'architettura amministrativa dello Stato italiano è folle. Ma per razionalizzarla non va usato il plotone d'esecuzione, va usata l'intelligenza, lo studio comparativo con altre architetture europee funzionanti, e quindi accorte modifiche che NON AMMAZZINO nessun lavoratore pubblico. 

Si può fare? Certo che si può fare. In Ungheria quando comandava la Bce e la UE, e la moneta era soggiogata agli oligarchi di Bruxelles e di Francoforte, le pensioni erano miserabili, la disocucpazione alle stelle, il Paese in ginocchio. Cacciati i dittatori e riguadagnata la vera indipendenza monetaria, l'Ungheria è rinata e ora va a gonfie vele. E nessun dipendente pubblico è stato licenziato, come pretendeva "l'Europa".

Esempi ce ne sono, allora. Ma alla base, per salvare l'Italia, serve il coraggio. E Renzi è un codardo.

Max Parisi

Cerca tra gli articoli che parlano di:

Provincia   dipendneti   pubblici   licenziamenti   euro   riforma   Renzi   tagli   risparmi   debito pubblico    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO DI BILANCIO PRESENTATO''

LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO

martedì 11 dicembre 2018
BRUXELLES - Nella sostanza, la Commissione Ue ha dato del "parolaio" e implicitamente del bugiardo al presidente francese Macron.  "La situazione e' questa: in Francia per ora abbiamo un
Continua
 
CROLLATO L'INDICE DI FIDUCIA DEGLI IMPRENDITORI DELL'EUROZONA E' COME SE SI FOSSE TORNATI AL 2014, EPICENTRO DELLA CRISI

CROLLATO L'INDICE DI FIDUCIA DEGLI IMPRENDITORI DELL'EUROZONA E' COME SE SI FOSSE TORNATI AL 2014,

martedì 11 dicembre 2018
LONDRA - L'indice della fiducia degli imprenditori dei paesi dell'Eurozona in questo mese di dicembre e' sceso al livello piu' basso da quattro anni: lo riportano diversi quotidiani britannici,
Continua
DIE WELT: ''MACRON S'E' RIMPICCIOLITO IN UN RENZI ITALIANO. LA FRANCIA POTREBBE  PRENDERE LA STRADA DEL FALLIMENTO''

DIE WELT: ''MACRON S'E' RIMPICCIOLITO IN UN RENZI ITALIANO. LA FRANCIA POTREBBE PRENDERE LA STRADA

martedì 11 dicembre 2018
BERLINO - Sic transit fortuna mundi, si potrebbe dire. Ma di sicuro Macron questa fucilata alle spalle non l'aveva prevista, sparata dal chi l'aveva sempre sostenuto, e cioè la Germania: "La
Continua
 
CARABINIERI SMANTELLANO DUE ORGANIZZAZIONI (ALGERINI E NIGERIANI): IMMIGRAZIONE CLANDESTINA DROGA SPACCIO PROSTITUZIONE

CARABINIERI SMANTELLANO DUE ORGANIZZAZIONI (ALGERINI E NIGERIANI): IMMIGRAZIONE CLANDESTINA DROGA

lunedì 10 dicembre 2018
Due organizzazioni criminali sono state smantellate dai carabinieri della Compagnia di Carbonia a conclusione di una vasta operazione, ribattezzata 'Arruga', contro l'immigrazione clandestina e lo
Continua
LA STRAGE DEL ''LANTERNA AZZURRA CLUB'' PROVOCATA DA UNA BANDA DI RAPINATORI? E' L'IPOTESI PRINCIPALE DEGLI INVESTIGATORI

LA STRAGE DEL ''LANTERNA AZZURRA CLUB'' PROVOCATA DA UNA BANDA DI RAPINATORI? E' L'IPOTESI

lunedì 10 dicembre 2018
Chi e' perche' ha scatenato il panico all'interno del locale, qual era la sostanza che ha reso l'aria irrespirabile, quante erano effettivamente le presenze all'interno della sala dove si sarebbe
Continua
 
L'ECONOMISTA FRANCESE JEAN PAUL FITOUSSI: ''EMMANUEL MACRON E' UN IMBECILLE. HO SBAGLIATO AD APPOGGIARLO ALLE ELEZIONI''

L'ECONOMISTA FRANCESE JEAN PAUL FITOUSSI: ''EMMANUEL MACRON E' UN IMBECILLE. HO SBAGLIATO AD

lunedì 10 dicembre 2018
PARIGI - L'economista francese Jean-Paul Fitoussi, non fatica a trovare in una intervista a "Il Fatto Quotidiano" pubblicata oggi un aggettivo per definire il presidente Emmanuel Macron: "Imbecille".
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ITALIA E' NELL'ABISSO: DISOCCUPAZIONE DA GUERRA MONDIALE E RENZI CHE SI ARRABATTA CON LA RIFORMETTA DEL SENATO.

L'ITALIA E' NELL'ABISSO: DISOCCUPAZIONE DA GUERRA MONDIALE E RENZI CHE SI ARRABATTA CON LA
Continua

 
DIBATTITI / ESATTAMENTE COSA ACCADREBBE SE L'ITALIA TORNASSE ALLA LIRA? ECCO TUTTE LE RISPOSTE PER CHI HA DUBBI O PAURE.

DIBATTITI / ESATTAMENTE COSA ACCADREBBE SE L'ITALIA TORNASSE ALLA LIRA? ECCO TUTTE LE RISPOSTE PER
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

MATTEO SALVINI IN VISITA UFFICIALE IN ISRAELE, DOMANI INCONTRERA'

11 dicembre - GERUSALEMME - Il vicepremier, e ministro dell'interno, Matteo Salvini e'
Continua

ISTAT: L'EXPORT ITALIANO VA BENE, ALCUNI DATI ENTUSIASMANTI: ASTI

11 dicembre - L'Istat segnala come province con le migliori ''performance'' nelle
Continua

SOFFERENZE BANCARIE - 24,3% (LO SEGNALA LA BANCA D'ITALIA)

11 dicembre - ROMA - BANCA D'ITALIA - A ottobre le sofferenze bancarie sono diminuite
Continua

GIORGETTI: ''MACRON MOSTRA CHE LA FILOSOFIA SOCIALE ITALIANA NON E'

11 dicembre - L'emergenza in Francia ''non è ''assimilabile alla situazione italiana,
Continua

GILET GIALLI, LE PAROLE DI MACRON NON FERMANO LA PROTESTA: BLOCCHI

11 dicembre - PARIGI - Continuano i blocchi dei gilet gialli in Francia malgrado gli
Continua

SALVINI: ''SU CENTEMERO NON C'E' NULLA DA TROVARE E DA CERCARE''.

10 dicembre - ''Ognuno faccia il suo lavoro. Non c'è nulla da trovare e da cercare.
Continua

VIKTOR ORBAN SI CONGRATULA CON AKK NUOVO PRESIDENTE DELLA CDU

10 dicembre - BUDAPEST - Viktor Orban si congratula con Annegret-Kramp Karrenbauer,
Continua

PREGIUDICATO MAROCCHINO IN AUTO INVESTE VOLANTE E SI SCHIANTA.

10 dicembre - MILANO - Un pregiudicato nord africano in auto, per evitare il controllo
Continua

DI MAIO: LE PENSIONI D'ORO VANNO TAGLIATE, PUNTO E BASTA.

10 dicembre - ROMA - Le pensioni d'oro ''vanno tagliate, su questo non si discute, il
Continua

SPREAD A 283 PUNTI BASE, BORSA DI MILANO MEGLIO DI FRANCOFORTE E

10 dicembre - MILANO - Milano riduce le perdite a meta' mattina assieme alle altre
Continua
Precedenti »