73.544.707
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA MINISTRA MADIA HA LA ''SOLUZIONE'' PER DAR LAVORO AI GIOVANI: QUELLA DI DE MITA DEL 1988 (CHE SCASSO' I CONTI PUBBLICI)

mercoledì 26 marzo 2014

La proposta del ministro Madia di prepensionare una parte degli statali per assumerne di nuovi tra i giovani ha il sapore vecchio e stantio delle politiche dei governi di centro sinistra che hanno distrutto questo paese; di quelli, tanto per intenderci, che facevano andare in pensione maestri, infermieri e ferrovieri con 16 anni 6 mesi ed un giorno di contributi per poi assumerne altrettanti se non di più il giorno successivo. I famosi baby pensionati che hanno portato al collasso il sistema previdenziale italiano che oggi, a furia di sforbiciate e riforme, genererà milioni e milioni di anziani in miseria, con pensioni pari a circa il 40% dell’ultimo stipendio.

Calcolando che l’INPS è già al collasso a causa dell’incorporazione dell’INPDAP (la cassa previdenziale dei dipendenti pubblici) che è ricco solo di debiti in quanto lo stato sono anni che non versa i contributi ai propri dipendenti (è singolare che se un datore di lavoro privato si permettesse di fare una cosa del genere, finirebbe dritto in pasto ad Equitalia, lo stato può permettersi di farlo e di accollare le spese a chi i contributi li versa…), la proposta Madia, se venisse applicata, sarebbe il colpo di grazia per le casse dello stato e per le pensioni dei cittadini.

Appare singolare che un governo che è stato presentato dalla stampa compiacente come l’esecutivo della svolta, dell’innovazione, riesca a tirar fuori solo ed esclusivamente soluzioni da vecchio apparato cattomocunista del peggior compromesso storico, come i prepensionamenti, le assunzioni di nuovi statali con l’ovvio e necessario corollario di nuove tasse sotto forma di innalzamento di quelle esistenti. Alla faccia della novità e della gran cassa mediatica che ruota attorno all’ex sindaco di Firenze.

Questo governo appare in tutto e per tutto destinato a fare la fine dei due che l’anno preceduto, ovvero aggravare la crisi delle famiglie e dei consumi, senza più neppure contare sul piccolo spiraglio di ripresa legato alle esportazioni a causa dell’euro sopravvalutato oltre ogni ragionevolezza.

Il disastroso Monti dichiarò alla CNN che stava volutamente distruggendo la domanda interna per favorire le esportazioni: bene, i mercati gli hanno dato torto marcio.

L’unica via che potrebbe praticare l’ex sindaco di Firenze sarebbe quella di sbattere i pugni sul tavolo, far saltare il banco ed iniziare a sforare i vari parametri della commissione UE procedendo ad un drastico taglio della pressione fiscale. Ovviamente non lo farà per due motivi: uno la sudditanza prona e totale ai diktat della cancelliera tedesca (emblematica la sua foto col cappotto male abbottonato a fianco della Merkel, come un “pappagone” qualsiasi); la seconda è che anche qualora lui avesse il coraggio di sfidare gli oligarchi europei, ci penserebbe l’inquilino del Quirinale a riportarlo a più miti consigli.

La sola speranza, a questo punto, è che alle imminenti elezioni europee arrivi alla classe politica italiana un sonoro scappelloto da parte degli elettori, con una netta affermazione dei movimenti anti ue ed anti euro, altrimenti saremo destinati a scivolare sempre più verso il baratro nell’abbraccio mortale della riedizione in salsa moderna del più becero assistenzialismo dei tempi democristiani (sarà forse un caso che il giovane Renzi fosse stato fotografato tra Giulio Andreotti e Rocco Buttiglione?)

Luca Campolongo


LA MINISTRA MADIA HA LA ''SOLUZIONE'' PER DAR LAVORO AI GIOVANI: QUELLA DI DE MITA DEL 1988 (CHE SCASSO' I CONTI PUBBLICI)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MINISTRA   MADIA   PREPENSIONAMENTI   CONTI PUBBLICI   PENSIONI   DEBITO PUBBLICO   DE MITA   1988   GOVERNO   RENZI   FALLIMENTO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE CANCELLARE ISRAELE E' ANTISEMITA

''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE

giovedì 16 gennaio 2020
A dieci giorni dalla ricorrenza del Giorno della Memoria in omaggio alle vittime dell'Olocausto, la Lega ha organizzato a Roma il convegno 'Le nuove forme dell'antisemitismo'. A Palazzo Giustiniani,
Continua
 
UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL BUCO-BREXIT DI 15 MLD/ANNO

UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL

lunedì 13 gennaio 2020
LONDRA - Pochi giorni fa, il parlamento britannico ha approvato a larga maggioranza la legge che stabilisce che la Gran Bretagna lascera' definitivamente l'Unione Europea il 31 Gennaio del 2020. Al
Continua
CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI E FORMARE FAMIGLIE

CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI

martedì 7 gennaio 2020
LONDRA - Negli ultimi anni, in diversi Paesi e' aumentato il numero di coloro che sono contrari al libero movimento delle persone all'interno della UE in quanto questa politica ha visto le nazioni
Continua
 
GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA (CRISI IN ARRIVO)

GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO

martedì 7 gennaio 2020
BERLINO - In vista delle elezioni che si terranno in Germania nel 2021, e' necessario "un rimpasto e un ringiovanimento" del governo federale, attualmente formato dalla Grande coalizione tra Unione
Continua
EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA, GOVERNICCHIO CONTE S'AFFLOSCIA

EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA,

giovedì 2 gennaio 2020
Il dodici dicembre 2019 - archiviato molto in fretta dalla solita stampa serva ue italiana -  sarà festeggiato negli anni a venire come il giorno del trionfo della democrazia sulle elites
Continua
 
LOMBARDIA, APPROVATO IL BILANCIO 2020-2022. FONTANA E CAPARINI: ''TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI IN SANITA' E TRASPORTI''

LOMBARDIA, APPROVATO IL BILANCIO 2020-2022. FONTANA E CAPARINI: ''TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI IN

martedì 17 dicembre 2019
Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, in una nota commenta l'approvazione da parte del Consiglio regionale del bilancio di previsione 2020-2022, della legge di stabilita' e del
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL 30 MARZO ASSEMBLEA COSTITUENTE DELLA REPUBBLICA VENETA. CONVENTION NAZIONALE A MONTEGROTTO TERME (CI SAREMO)

IL 30 MARZO ASSEMBLEA COSTITUENTE DELLA REPUBBLICA VENETA. CONVENTION NAZIONALE A MONTEGROTTO TERME
Continua

 
ALESSANDRO PROFUMO (ORA A CAPO DI MPS) E FEDERICO GHIZZONI (ORA A CAPO DI UNICREDIT) ACCUSATI DI BANCAROTTA!

ALESSANDRO PROFUMO (ORA A CAPO DI MPS) E FEDERICO GHIZZONI (ORA A CAPO DI UNICREDIT) ACCUSATI DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

MELONI: GRAZIE A PLASTIC E SUGAR TAX MESSE DA PD&M5S COCA COLA VA

16 gennaio - ''Grazie alla plastic tax e alla sugar tax lo storico impianto Coca Cola
Continua

MARINE LE PEN ANNUNCIA LA CANDIDATURA ALLE PRESIDENZIALI DEL 2022

16 gennaio - PARIGI - Marine Le Pen, presidente del Rassemblement National (erede
Continua

L'M5S PERDE UN ALTRO SENATORE: DI MARZIO SE NE VA (MAGGIORANZA NON

16 gennaio - ''Di fronte ad un'epurazione di fatto della quale non posso non prendere
Continua

CORTE ERUROPEA DIRITTI UMANI: RENZO MAGOSSO CONDANNATO INGIUSTAMENTE

16 gennaio - STRASBURGO - Renzo Magosso e Umberto Brindani non dovevano essere
Continua

PRECIPITA LA PRODUZIONE INDUSTRIALE NELL'AREA DELL'EURO E MALE

15 gennaio - A novembre 2019 la produzione industriale nella zona euro è salita
Continua

LUCIA BORGONZONI: ''IL PD DOVREBBE CHIEDERE SCUSA PER BIBBIANO''

15 gennaio - ''Chi aveva il dovere di controllare e non lo ha fatto dovrebbe chiedere
Continua

FRANCIA: 60% CITTADINI CONDIVIDE LO SCIOPERO A OLTRANZA SULLE

14 gennaio - PARIGI - Sei francesi su dieci appoggiano senza esitazioni le
Continua

MOODY'S AVVERTE L'EUROZONA: 2020 SARA'' PESSIMO.

14 gennaio - L'agenzia di rating Moody's indica una ''prospettiva negativa'' per il
Continua

SALVINI: ANDIAMO AL VOTO COL IL MATTARELUM LEGGE DEL PRESIDENTE

14 gennaio - Tornare al proporzionale? ''No, significherebbe tornare agli anni ’80.
Continua

AMBIENTALISTI DA SALOTTO CON CASA IN CENTRO...

14 gennaio - ''Qua ci sono gli ambientalisti da salotto radical chic, quelli che
Continua

CONFCOMMERCIO: VENDITE E CONSUMI NEL 2019 IN FORTE CALO (2020

13 gennaio - L'ultimo dato sulle vendite conferma la previsione di una fase finale
Continua

CONTE & PD & M5S VOGLIONO ALZARE ANCORA L'ETA' PENSIONABILE

13 gennaio - ''Il governo, il presidente del consiglio, il Pd, annunciano che faranno
Continua

ECCEZIONALE OPERAZIONE ANTIDROGA DELLE FIAMME GIALLE: 333 KG DI

13 gennaio - GENOVA - Eccezionale operazione anti droga delle Fiamme Gialle. La
Continua

GOVERNO BRITANNICO: MOLTO PREOCCUPANTI NOTIZIE MISSILE CONTRO

9 gennaio - Il governo britannico sta esaminando le notizie ''molto preoccupanti''
Continua

PRESIDENTE ORBAN: PRONTI A LASCIARE IL PPE (ADDIO MAGGIORANZA PER

9 gennaio - BUDAPEST - ''Il Ppe, nella sua forma attuale, non interessa al mio
Continua

LA BCE: UNICA MONETA A CORSO LEGALE E' IL DENARO CONTANTE (DITELO A

9 gennaio - ''La Bce ricorda agli incompetenti del governo Pd-M5S che l'unica moneta
Continua

MATTEO SALVINI: CONTE NON SI AZZARDI A FAR RIPARTIRE LA MISSIONE

8 gennaio - ''L'Ue non tocca palla ne' in Libia ne' in Medio Oriente, ma ora
Continua

CROLLANO GLI ORDINI INDUSTRIALI IN GERMANIA: -6,5% NEL 2019 (MAI

8 gennaio - BERLINO - A novembre gli ordinativi all'industria manifatturiera sono
Continua

LA FAMIGLIA RIVA AVEVA FATTO ENORMI INVESTIMENTI NELL'EX ILVA 1 MLD

7 gennaio - MILANO - Nella gestione dell'Ilva di Taranto da parte della famiglia
Continua

CROLLA L'INFLAZIONE NEL 2019 IN ITALIA (DA 1,2% A 0,6%) STAGNAZIONE

7 gennaio - Il tasso d'inflazione per il 2019 si attesta allo 0,6%, un valore
Continua
Precedenti »