67.702.071
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ALTA CORTE SPAGNOLA DICHIARA ''INCOSTITUZIONALE'' IL REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA CATALANA (MA RIMANE FISSATO IL 9/11)

mercoledì 26 marzo 2014

L'Alta Corte spagnola ha dichiarato "incostituzionale" il referendum programmato dalla Catalogna per decidere sull'indipendenza della regione dal resto del paese iberico.I giudici del tribunale costituzionale hanno sentenziato che in base alla Costituzione della Spagna una regione "non può unilateralmente indire un referendum sull'auto-determinazione per decidere sulla sua inclusione in Spagna", secondo un riassunto scritto emesso dalla corte.

Il progetto referendario sull'indipendenza, già dichiarato illegale dal governo di Madrid, era stato annunciato a dicembre scorso dal governatore della Catalogna, il nazionalista Artur Mas, che aveva fissato la data della consultazione il 9 novembre 2014, dopo l'accordo tra il suo partito, Convergencia i Uniò (CiU), e le altre forze regionali. Oggi il tribunale costituzionale ha annullato parzialmente la dichiarazione di sovranità approvata dal Parlamento catalano nel gennaio 2013. Il tribunale ha dichiarato "nullo e incostituzionale" il principio secondo il quale "il popolo della Catalogna ha, per delle ragioni di legittimità democratica, un carattere di soggetto politico e giuridico sovrano". In cambio, ha riconosciuto ai catalani "il diritto a decidere" se esercitato nel rispetto della Costituzione. Secondo alcuni sondaggi il referendum è fortemente voluto da più del 75% dei 7,5 milioni di catalani. La richiesta di indipendentismo, molto diffusa nella comunità che ha una forte identità storica, culturale e linguistica, è aumentata notevolmente negli ultimi due-tre anni. 

Le reazioni in Catalogna sono state immediate. Jordi Turull, il portavoce di CiU, che governa la regione con il leader Artur Mas, ha assicurato che per il suo partito "la sentenza non merita alcun rispetto", perche' e' stata pronunciata da "agitatori politici che hanno istigato la catalanofobia". Turull ha ricordato che, questa mattina, la maggioranza dei gruppi del Parliament catalano, avevano deciso di presentare una nuova richiesta di ricusazione del presidente della Corte costituzionale e di vari magistrati, che in precedenza "avevano preso posizione contro il processo indipendentista o per la militanza nel PP, nel caso dello stesso presidente".

"Ora cosa ci suggerisce di fare la Corte costituzionale? - si e' chiesto il portavoce - Perche' con la sentenza indica che hanno piu' liberta' di espressione un'associazione di amici, un club di raccoglitori di funghi o un condominio di proprietari che il Parlamento catalano".

Turull ha tacciato come "semplicemente deplorevole" che l'alto tribunale "torni a dimostrare di non essere un organo giuridico, ma politico, che da' una veste giuridica alle sue sentenze", per cui queste "non meritano alcuna credibilita' e perdono ogni legittimita'".

Il Governo di Mas ha intenzione di convocare il referendum indipendentista il prossimo 9 novembre, in un braccio di ferro con quello centrale di Mariano Rajoy, che ha risposto ripetutamente che la consultazione e' illegale, perche' non e' prevista dalla Costituzione. Il Congresso dei deputati ha anticipato al prossimo 8 aprile l'esame della petizione inviata dal Parlamento catalano, in cui si chiede al governo centrale la delega dei poteri per convocare il referendum una richiesta che si prevede sia bocciata per ampia maggioranza.

In ogni caso, la data del referendum per l'Indipendenza della Catalogna rimane fissata al prossimo 9 novembre 2014.


L'ALTA CORTE SPAGNOLA DICHIARA ''INCOSTITUZIONALE'' IL REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA CATALANA (MA RIMANE FISSATO IL 9/11)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Spagna   Corte costituzionale   Madrid   Barcellona   Mas   indipendenza   referendum   9 novembre   governo Rajoy    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GRECIA: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA INCITA IL POPOLO ALLA RIBELLIONE: ''ROMPIAMO L'ACCERCHIAMENTO DELLA TROIKA!''

GRECIA: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA INCITA IL POPOLO ALLA RIBELLIONE: ''ROMPIAMO
Continua

 
UNGHERIA / IL GOVERNO ORBAN NAZIONALIZZA SOCIETA' DI GAS, LUCE E ACQUA TRASFORMANDOLE IN ''NO PROFIT'' (TAGLIO BOLLETTE!)

UNGHERIA / IL GOVERNO ORBAN NAZIONALIZZA SOCIETA' DI GAS, LUCE E ACQUA TRASFORMANDOLE IN ''NO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »