51.965.649
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA DEL VENETO ARRIVATO A 1,4 MILIONI DI VOTI. MENO DI 400.000 AL TRAGUARDO DEL 50% +1

giovedì 20 marzo 2014

SILEA (TREVISO) - "Il mondo intero ha capito e sta guardando al Veneto per comprendere cosa sta succedendo". Lo affermano i promotori del referendum per l'indipendenza del popolo veneto, oggi riuniti a Silea per una conferenza stampa alla quale hanno partecipato anche alcune emittenti televisive internazionali, tra le quali, anche televisioni russe.

La consultazione, che sta avvenendo online attraverso circa 200 postazioni distribuite principalmente nelle province centrali della regione, si concludera' domani sera ed il risultato sara' proclamato in Piazza dei Signori, a Treviso. L'obiettivo e' quello di raggiungere e superare i due milioni di votanti.

La sede scelta per l'incontro e' una sala pubblica resa disponibile dal Comune di Silea, il cui sindaco di centrosinistra, Silvano Piazza, si e' detto favorevole allo svolgimento della consultazione ma contrario alla separazione del Veneto dall'Italia perche', ha spiegato, "un mondo migliore non e' un mondo fatto di confini".

Di tutt'altro avviso, invece, il leader del movimento che ha avviato il referendum, Gianluca Busato, esponente dell' organizzazione "Veneto Stato" e creatore della piattaforma web "plebiscito.eu" tramite la quale e' stato possibile effettuare l'espressione del voto per via telematica effettuata ad oggi, sostengono i proponenti, da oltre 1,4 milioni di elettori.

"Chi non riconosce questo processo - ha detto - sta compiendo un grave errore di sottovalutazione, non comprende che la misura e' colma, e che noi veneti siamo vittime di un regime dispotico, che io definisco 'regno del male', il quale ha creato una cappa anche di tipo informativo".

"Non si tratta affatto di una 'rivoluzione polenta e osei', come certa stampa l'ha definita - e' stato anche aggiunto - anche se non andremo in piazza a sfasciare vetrine e non ci saranno carri armati e barricate. Pero' attenzione a guardare la cosa con sufficienza. Nessuno, da domani sera, potra' negare la liberta' di un popolo, altrimenti si' che ci potrebbero essere dei rischi".

Fra i presenti anche Franco Rocchetta, fondatore della Liga Veneta, il quale ha tracciato un parallelismo con i fatti del 9 maggio 1997, quando i "Serenissimi" salirono sul campanile di San Marco, a Venezia. "Anche allora, sia pure con mezzi diversi da quelli digitali di cui oggi disponiamo - ha ricordato - furono mandati dei dispacci a tutte le diplomazie del mondo. Se domani si raggiungera' la maggioranza vi saranno degli atti conseguenti - ha concluso Rocchetta - come la designazione di una commissione formata dai 10 cittadini veneti piu' votati che andra' ad interloquire con i governi stranieri". 


REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA DEL VENETO ARRIVATO A 1,4 MILIONI DI VOTI. MENO DI 400.000 AL TRAGUARDO DEL 50% +1


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Referendum d'indipendenza   Veneto   votazioni   secessione   Italia   Repubblica veneta   referendum    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
E' IN CORSO IL GOLPE SPAGNOLO IN CATALOGNA: GUARDIA CIVIL ARRESTA 12 MEMBRI DEL GOVERNO CATALANO, PIAZZE IN RIVOLTA

E' IN CORSO IL GOLPE SPAGNOLO IN CATALOGNA: GUARDIA CIVIL ARRESTA 12 MEMBRI DEL GOVERNO CATALANO,

mercoledì 20 settembre 2017
BARCELLONA - Il braccio di ferro tra la Catalogna e il governo centrale spagnolo di Mariano Rajoy, pupillo della Ue e fedele servitore della Commissione europea.  e' entrato nella sua fase piu'
Continua
 
LA CATALOGNA DISOBBEDISCE AL GOVERNO SPAGNOLO, MADRID VUOLE USARE LA FORZA PER IMPEDIRE IL REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA

LA CATALOGNA DISOBBEDISCE AL GOVERNO SPAGNOLO, MADRID VUOLE USARE LA FORZA PER IMPEDIRE IL

venerdì 15 settembre 2017
BARCELLONA - "A meno di 20 giorni dal referendum qualcuno crede davvero che non voteremo?". E' la frase con cui il presidente della Catalogna Carles Puigdemnt "sfida" il governo di Madrid,
Continua
CAOS AFRICANI: SPAGNA SCHIERA L'ESERCITO, BARCONI BLOCCATI IN MARE DA MILIZIE, POLONIA MINACCIATA DI ESPULSIONE DALLA UE

CAOS AFRICANI: SPAGNA SCHIERA L'ESERCITO, BARCONI BLOCCATI IN MARE DA MILIZIE, POLONIA MINACCIATA

giovedì 14 settembre 2017
LONDRA - "La Spagna - riferisce il prestigioso quotidiano britannico The Times - sta rafforzando le sue difese alla frontiera per contrastare l'aumento dell'afflusso di migranti dal nord Africa,
Continua
 
CONFINDUSTRIA SCATTA LA FOTO DEL DISASTRO DISOCCUPAZIONE DEI GIOVANI: 260.000 ANDATI ALL'ESTERO (LAUREATI QUASI TUTTI)

CONFINDUSTRIA SCATTA LA FOTO DEL DISASTRO DISOCCUPAZIONE DEI GIOVANI: 260.000 ANDATI ALL'ESTERO

giovedì 14 settembre 2017
La fuga dei giovani all'estero, legata alla mancanza di lavoro, altro che "aumento dell'occupazione" come invece sbandiera il governo Pd, costa all'Italia un punto di Pil all'anno, circa 14 miliardi
Continua
WALL STREET JOURNAL: ''LA UE NON HA IMPARATO NULLA DALLA BREXIT: AVANTI COSI' E ALTRI STATI LASCERANNO L'UNIONE''

WALL STREET JOURNAL: ''LA UE NON HA IMPARATO NULLA DALLA BREXIT: AVANTI COSI' E ALTRI STATI

giovedì 14 settembre 2017
NEW YORK - Il Wall Street Journal, principale quotidiano economico mondiale, dedica un duro editoriale pubblicato oggi in prima pagina al discorso sullo stato dell'Unione europea del presidente della
Continua
 
NORVEGIA VIRA A DESTRA: DOPO 30 ANNI VINCE DI NUOVO IL CENTRODESTRA NAZIONALISTA EUROSCETTICO E ANTI MIGRANTI

NORVEGIA VIRA A DESTRA: DOPO 30 ANNI VINCE DI NUOVO IL CENTRODESTRA NAZIONALISTA EUROSCETTICO E

martedì 12 settembre 2017
OSLO - La coalizione di centrodestra, nazionalista e contraria all'invasione di migranti in Europa, guidata dalla premier uscente Erna Solberg ha vinto le elezioni legislative in Norvegia. A
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TREMONTI INCHIODA RENZI: ''MA QUALI BUROCRATI, LA COLPA DEL DISASTRO UE E' DEI POLITICI, LA UE COSI' E' FINITA''

TREMONTI INCHIODA RENZI: ''MA QUALI BUROCRATI, LA COLPA DEL DISASTRO UE E' DEI POLITICI, LA UE
Continua

 
DIECI ANNI DI USO DEL CELLULARE SENZA AURICOLARI AUMENTA DEL 40% LA PROBABILITA' DI CANCRO AL CERVELLO (ALLARME GLOBALE)

DIECI ANNI DI USO DEL CELLULARE SENZA AURICOLARI AUMENTA DEL 40% LA PROBABILITA' DI CANCRO AL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!