43.230.860
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

NON SOLO LO STATO DELLA RUSSIA, ANCHE I MAGNATI RUSSI HANNO RITIRATO TUTTI I FONDI DALL'OCCIDENTE (SANZIONI? DA RIDERE)

lunedì 17 marzo 2014

Mentre l'Occidente sta ancora elaborando le sue sanzioni dopo l'esito del referendum che annetterà la Crimea alla Russia, Zahyn Wordpress segnala e traduce questo bel pezzo di Zero Hedge, che col suo consueto stile ironico ci avverte che i Russi hanno già preparato la contromossa.

Zero Hedge scrive: secondo i dati settimanali della Fed, una cifra record di Buoni del Tesoro – 105 miliardi di dollari – è stata venduta o semplicemente riallocata (politicamente parlando è la stessa cosa) dai conti di deposito della Federal Reserve, portando il totale delle banconote USA presso la FED ad un livello che non si vedeva dal dicembre 2012. Mentre si pensava che il ritiro dei fondi dal mercato occidentale fosse stato causato dalla Cina, si è scoperto che il merito (o meglio, la colpa) è probabile che sia proprio della Russia, che come è noto ha avuto un leggero scontro con l’Occidente in generale e col suo sistema finanziario in particolare.

Viene fuori che quel che le istituzioni ufficiali russe possono aver fatto con i loro buoni del Tesoro (ma non lo sapremo fino a giugno), è solo l’inizio. Infatti, come riporta il FT, preparandosi in maniera più o meno silenziosa a quello che succederà con l’arrivo delle, quasi certe, sanzioni finanziarie (probabilmente un blocco dei conti correnti e confische patrimoniali, come conseguenza del referendum di Crimea di questa domenica) i russi che contano – gli oligarchi – hanno già fatto rientrare i loro miliardi dalle banche occidentali, rendendo molto discutibile l’effetto del grande sgambetto Occidentale — confiscare la ricchezza dello 0. 0001%. della Russia.

Dal Financial Times: “Secondo i banchieri di Mosca le Società russe stanno ritirando miliardi dalle banche occidentali per via del timore che le eventuali sanzioni statunitensi causate dalla crisi di Crimea possano portare ad un congelamento dei loro beni. Sberbank e VTB, le due banche giganti del sistema russo di proprietà parzialmente statale, come le aziende industriali e il gruppo energetico Lukoil, sono tra le aziende che stanno facendo rientrare i loro capitali investiti nelle operazioni effettuate con gli Stati Uniti. Sempre secondo i banchieri, la VTB ha anche cancellato un vertice, previsto il mese prossimo, con degli investitori americani.

I capitali stanno prendendo il volo, dopo che le trattative diplomatiche tra il Ministro degli Esteri della Russia e il Segretario di Stato americano si sono arenate e concluse senza nessun accordo su come risolvere le tensioni in Ucraina.  

Naturalmente, l’Occidente pensa all’occidentale, e supponendo che la cosa più importante per la Russia sia di vedere come chiuderà il MICEX, crede che far fare un bel botto al valore delle azioni russe scoraggerà  Putin. Dopo tutto, l’unica cosa di cui tutti si preoccupano in America è che lo S&P 500 chiuda sempre al rialzo, giusto?

 Quello che l’Occidente non ha capito, come avevamo previsto un mese fa, è che per Putin il prezzo delle materie prime è centinaia  di volte più importante, soprattutto quello del greggio e del gas,  dell’illusione di una ricchezza di carta (aka “azioni”), anche quando è al massimo storico. Specialmente per il fatto che in Russia solo una parte minima della popolazione si preoccupa delle fluttuazioni quotidiane del mercato azionario. Per quanto riguarda gli oligarchi, se ci sarà qualcuno che sarà felice di vedere che il loro potere, la loro ricchezza e la loro influenza perderà vigore, anche se solo per un breve periodo di tempo, questi è proprio Vladimir Vladimirovich Putin, colui che tutto l’Occidente ancora una volta continua a giudicare in maniera sbagliata. Senza contare che la popolazione russa sarà ancor più felice se vedrà questi compari mega-miliardari soffrire, almeno un po’, per mano dell’Occidente, e tutto questo farà salire ulteriormente le quotazioni di Putin.

Nel frattempo, alcuni degli oligarchi russi stanno effettivamente accettando la sfida. Come riporta Bloomberg: “Alisher Usmanov, l’uomo più ricco del Paese, controlla la preziosa Metalloinvest Holding Co. (il più grande produttore di minerali di ferro della Russia) attraverso tre società sussidiarie, di cui una si trova a Cipro, un paese dell’UE. Questo 60enne possiede anche una villa vittoriana a Londra, comprata nel 2008 per $70 milioni, come scrisse il Sunday Times del 18 maggio 2008. Ha perso 1.5 miliardi di dollari dall’inizio della crisi, secondo la classifica di Bloomberg.

«Siamo preoccupati per le possibili sanzioni contro la Russia, ma non ci aspettiamo ripercussioni drammatiche sui nostri affari» – dice Ivan Streshinsky, CEO della USM Advisors LLC, che gestisce il patrimonio di Usmanov, incluse la sue partecipazioni in OAO Megafon e Mail.Ru Group Ltd., in un’intervista presso gli uffici di Bloomberg a Mosca.  «I profitti di Mail.Ru e Megafon provengono dalla Russia e la gente non smetterà di telefonare o di usare Internet» – e poi ha detto  – «Metalloinvest può essere esposto alla chiusura dei mercati europei e americani, ma può ri-orientare le sue vendite verso la Cina e verso altri mercati»”

Ottimo lavoro Mr. Obama: hai appena spinto la Russia e la Cina a ad avvicinarsi ancor più per necessità! Inoltre, non dovremmo sorprenderci troppo che mentre i russi stavano ritirando i loro soldi dalle banche occidentali, occidentali vengono buttati fuori da Dodgeski, mentre i russi stanno ritirando i loro soldi dall’occidente, le imprese occidentali stavano uscendo da Dodgesky.

“Un anziano banchiere di Mosca ha detto che il 90% cento degli investitori si sta già comportando come se le sanzioni fossero state imposte, e che si tratta solo di una gestione prudente dell’esposizione. Queste mosse rappresentano l'altra faccia della medaglia del più evidente ritiro del denaro occidentale dal mercato russo, cosa che è stata palese nelle ultime due settimane.

Traders e banchieri hanno detto che le banche statunitensi sono quelle che hanno venduto più pesantemente le obbligazioni russe. Secondo i dati della Bank for International Settlements, le banche americane e i gestori patrimoniali hanno nei loro assets circa 75 miliardi di dollari di esposizione verso la Russia. Joseph Dayan, Capo dei mercati a BCS, uno dei più grandi brokers della Russia ha detto: «Le obbligazioni russe se la sono vista brutta, in questi ultimi giorni, e uno dei motivi è stata la riduzione dell’esposizione decisa dalle banche internazionali.»

Anche se le banche estere non hanno ancora cominciato a tagliare massicciamente il credito alle imprese russe, i banchieri hanno detto che  una mezza dozzina di accordi di finanziamento di alcune delle più grandi aziende russe sono in sospeso, nell’attesa di capire quanto saranno pesanti le sanzioni occidentali.”

Quindi; la conclusione è che la Russia, con una certa lungimiranza, ha già ritirato la maggior parte dei suoi investimenti dall'Occidente. Si pensi che un anno fa è venuto fuori che gli stessi russi che avrebbero dovuto essere penalizzati a Cipro avevano già ritirato la maggior parte dei loro fondi prima dell’esproprio: loro generalmente sanno in anticipo cosa succederà. Sono stati i normali cittadini ciprioti, che non avevano fatto niente di male, ad essere i più colpiti.

Così, mentre la risposta dei russi è già chiara, ci viene da domandarci quanto sia vero l’opposto: cioè quanto è preparato l’Occidente, e soprattutto l’Europa, a vivere in un mondo dove un terzo del gas della Germania viene improvvisamente interrotto? Non vediamo l’ora di scoprirlo.

Articolo scritto da Zero Hedge e tradotto da Zahyn Wordpress - che ringraziamo.


NON SOLO LO STATO DELLA RUSSIA, ANCHE I MAGNATI RUSSI HANNO RITIRATO TUTTI I FONDI DALL'OCCIDENTE (SANZIONI? DA RIDERE)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Russia   Europa   sanzioni   Crimea   capitali fuggiti   banche   dollari   FED   USA  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE DAL PESCECANE SOROS

LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE

lunedì 16 gennaio 2017
Mentre gli ultimi giorni della presidenza Obama consegneranno alla storia il peggior presidente che gli U.S.A. abbiano mai avuto, essendo impegnato allo spasimo a creare tensioni in mezzo mondo e
Continua
 
WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO IMMAGINARIO MAI ESISTITO''

WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO

lunedì 16 gennaio 2017
WASHINGTON - "Le elezioni presidenziali statunitensi coincidono assai di rado con una svolta permanente dell'ordine politico in quel paese - scrive l'editorialista John Steel Gordon sul Wall Street
Continua
DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA BIANCA (TENETEVI FORTE)

DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA

lunedì 16 gennaio 2017
La Brexit "una gran cosa" e con la Gran Bretagna Donald Trump vuole firmare un accordo commerciale vantaggioso per entrambi i Paesi, mentre l'Ue perderà altri pezzi e questo principalmente a
Continua
 
IL PARTITO NAZIONALSITA OLANDESE ''FREEDOM PARTY'' IN TESTA A TUTTI I SONDAGGI E IL 15 MARZO 2017 ELEZIONI POLITICHE!

IL PARTITO NAZIONALSITA OLANDESE ''FREEDOM PARTY'' IN TESTA A TUTTI I SONDAGGI E IL 15 MARZO 2017

lunedì 19 dicembre 2016
LONDRA - Come nell'ex Unione Sovietica anche nell'Unione Europea le autorita' si servono della magistratura per perseguitare chi osa opporsi alle loro politiche migratorie e mondialiste e la lista di
Continua
WALL STREET JOURNAL: MPS SARA' NAZIONALIZZATA, MA QUESTO NON RISOLVERA' LA CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO

WALL STREET JOURNAL: MPS SARA' NAZIONALIZZATA, MA QUESTO NON RISOLVERA' LA CRISI DEL SISTEMA

venerdì 16 dicembre 2016
NEW YORK -  Il settore bancario italiano, scrive Giovanni Legorano sul Wall Street Journal, e' oppresso da un'economia stagnante e da un modello di business ultra-tradizionale, e difficilmente,
Continua
 
WALL STREET JOURNAL: ''MA QUALE PERICOLO RUSSIA! IL PERICOLO PER GLI USA SONO LA CRISI DELL'ITALIA E L'EURO'' (BOOM!)

WALL STREET JOURNAL: ''MA QUALE PERICOLO RUSSIA! IL PERICOLO PER GLI USA SONO LA CRISI DELL'ITALIA

mercoledì 14 dicembre 2016
WASHINGTON - "La nomina dell'amministratore delegato di Exxon Mobil, Rex Tillerson, alla guida del dipartimento di Stato Usa, e' forse la miglior risposta del presidente eletto Donald Trump al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA COMMISSIONE EUROPEA STA FINANZIANDO UN PROGETTO DI SPIONAGGIO DEI SOCIAL NETWORK IN EUROPA! (IL GOVERNO RENZI LO SA?)

LA COMMISSIONE EUROPEA STA FINANZIANDO UN PROGETTO DI SPIONAGGIO DEI SOCIAL NETWORK IN EUROPA! (IL
Continua

 
ANCHE IN DANIMARCA E' IN TESTA IL PARTITO ANTI UNIONE EUROPEA, DAVANTI AI SOCIALDEMOCRATICI! (SONDAGGIO GALLUP)

ANCHE IN DANIMARCA E' IN TESTA IL PARTITO ANTI UNIONE EUROPEA, DAVANTI AI SOCIALDEMOCRATICI!
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!