71.151.935
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ECONOMISTA FRANCESE JACQUES SAPIR SPIEGA LE RAGIONI DELLA CRIMEA E TORTI DI UE E USA A NON RICONOSCERE IL VOTO DI IERI

lunedì 17 marzo 2014

L'illustre economista francese Jecques Sapir spiega in sette punti perchè è giusto e corretto che la Crimea abbia autodeterminato i proprio futuro, e perchè Europa e Stati Uniti hanno compiuto una gigantesca scemenza a non riconoscere il referendum di ieri votato dalla stragrande maggioranza della popolazione senza minacce o intromissioni e con un risultato schiacciante per la secessione dall'Ucraina e l'unione con la Russia. 

Leggiamo.

"Il risultato del referendum ha confermato la volontà della maggioranza della popolazione della Crimea di unirsi alla Russia. Ha anche confermato l'incapacità dei leader, sia francesi che europei e degli Stati Uniti, di capire la natura di questo voto. Qui di seguito ricordiamo alcuni punti importanti:

1 . La Crimea è stata assegnata amministrativamente dalla Russia all'Ucraina nel quadro dell'Unione Sovietica nel 1954. Questa assegnazione non è stata subordinata al voto della popolazione interessata. Dopo la dissoluzione dell'URSS nel 1991, è stato concordato che la Crimea sarebbe rimasta all'Ucraina, con il riconoscimento del suo status di repubblica autonoma e il rispetto per la Costituzione.

2 . Dopo il 21 febbraio 2014, in Ucraina c'è stata un'interruzione dell'ordine costituzionale. Questo è riconosciuto dai paesi occidentali nel momento in cui qualificano il governo come "rivoluzionario". Ciò deriva principalmente dal fatto che nessuna autorità competente (essendo che la Corte costituzionale è stata sciolta dal nuovo governo) ha constatato il vuoto di potere. Il nuovo governo è ben lungi dal rappresentare tutti gli Ucraini, come logicamente ci si sarebbe potuti aspettare. È quindi un'autorità de facto.

3 . In seguito a ciò, le autorità della Repubblica Autonoma di Crimea hanno considerato che si era creata una nuova situazione in cui i diritti della Crimea non erano più garantiti, e hanno deciso di tenere il referendum il 16 marzo. La loro decisione è stata una reazione alla rottura dell'ordine costituzionale a Kiev. Non è né legale né illegale, in quanto l'ordine costituzionale non esiste più. Qualificare il referendum illegale dal punto di vista della legge Ucraina è una solenne sciocchezza e rivela una totale incomprensione dei principi del diritto da parte dei leader che utilizzano questo argomento.

4 . Dal punto di vista del diritto internazionale sono in conflitto due principi, l'inviolabilità delle frontiere e il diritto dei popoli all'autodeterminazione. Se i paesi che ora si oppongono al referendum avessero fatto pressioni sul governo di Kiev perché cedesse il suo potere a un governo di unità nazionale, che riunisse tutte le parti coinvolte, avrebbero ora dei diritti per far valere il principio di intangibilità. Ma avendo scelto di riconoscere unilateralmente un governo che rappresenta solo una parte della popolazione, non possono utilizzare questo argomento senza violare direttamente il secondo principio, sul diritto dei popoli. L'argomento della illegittimità dal punto di vista del diritto internazionale viene quindi a cadere a causa del fatto che i paesi che lo sollevano non hanno essi stessi fatto valere la necessità di un governo di unità nazionale in Ucraina, il quale soltanto, con un'assemblea costituente, sarebbe stato in grado di offrire una soluzione legittima a questa crisi.

5 . In queste condizioni, l'unica posizione possibile sarebbe stata quella di richiedere per il referendum la presenza di osservatori ufficiali. Questo non sembra essere stato fatto. Gli osservatori (membri del Parlamento europeo) erano presenti a titolo personale. Dicono di non aver visto nulla di scandaloso. Tuttavia, questo fa sorgere un dubbio sulle condizioni del voto, ma dato che questo dubbio deriva dallo stesso atteggiamento dei paesi occidentali, deve andare a vantaggio delle autorità della Repubblica Autonoma di Crimea. Questo voto, nei fatti, sembra essersi svolto secondo le modalità consuete in Ucraina.

6 . Si noterà nel caso della Francia che i leader che oggi contestano il referendum in Ucraina sono gli stessi che non volevano riconoscere i risultati del referendum del 2005 e l'hanno sostituito con un trattato (il Trattato di Lisbona), che non è stato sottoposto al vaglio popolare. Questi stessi leader hanno accettato il referendum che ha separato Mayotte dalle Isole Comore e ricollegato l'isola alla Francia. Questi due fatti indicano che la legittimità della posizione di questi leader sulla questione del referendum in Crimea potrebbe essere facilmente messa in discussione.

7 . Ora dobbiamo guardare al futuro. Non c'è dubbio che la Russia riconoscerà il referendum, anche se - in teoria - può sempre rifiutare l'adesione della Crimea. Il problema che si porrà nelle prossime settimane è quello delle province orientali dell'Ucraina, dove incidenti mortali sono in aumento. Qualsiasi tentativo di imporre una soluzione con la forza potrebbe portare a una guerra civile. E' quindi indispensabile che tutte le parti interessate in questa crisi, e questo vale per i paesi europei come per la Russia, esercitino una pressione congiunta sulle autorità di Kiev perché costituiscano un governo di unità nazionale che riunisca tutti i partiti, disarmi i gruppi estremisti e indica le elezioni per un'assemblea costituente. La firma di un accordo internazionale da parte del governo non impegna che il governo stesso. L'Unione europea andrebbe contro la legge se firmasse col governo un qualsiasi trattato".

Articolo scritto da Jacques Sapir e tradotto da Voci dall'Estero - che ringraziamo.


L'ECONOMISTA FRANCESE JACQUES SAPIR SPIEGA LE RAGIONI DELLA CRIMEA E TORTI DI UE E USA A NON RICONOSCERE IL VOTO DI IERI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Jacques Sapir   Crimea   referendum   voto   secessione   Ucraina   UE   Usa    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IN TUTTE LE REGIONI DEL NORD DEL CENTRODESTRA PIU' LA SARDEGNA REFERENDUM PER IL MAGGIORITARIO PURO (PD FURIOSO)

IN TUTTE LE REGIONI DEL NORD DEL CENTRODESTRA PIU' LA SARDEGNA REFERENDUM PER IL MAGGIORITARIO PURO

giovedì 19 settembre 2019
Primo si' in Lombardia al quesito referendario sulla legge elettorale proposto dalla Lega e diretto ad abrogare ogni riferimento al metodo proporzionale nell' attribuzione dei seggi alla Camera e al
Continua
 
ATTILIO FONTANA A PROVENZANO (PD): ''PERCHE' AUTONOMIA SICILIANA VA BENE E QUELLA CHIESTA DA LOMBARDIA E VENETO NO?''

ATTILIO FONTANA A PROVENZANO (PD): ''PERCHE' AUTONOMIA SICILIANA VA BENE E QUELLA CHIESTA DA

giovedì 19 settembre 2019
"Ci faccia capire il ministro Provenzano perché l'autonomia siciliana va bene e quella chiesta sulla base della Costituzione e con referendum popolari da Lombardia e Veneto, non va bene.
Continua
LA CDU TEDESCA RESPINGE IL ''PIANO RICOLLOCAMENTO MIGRANTI'' ANNUNCIATO DAL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO (ADDIO CONTE)

LA CDU TEDESCA RESPINGE IL ''PIANO RICOLLOCAMENTO MIGRANTI'' ANNUNCIATO DAL MINISTRO DELL'INTERNO

giovedì 19 settembre 2019
BERLINO - A differenza di quanto racconta la stampa italiana, le posizioni "accoglienziste" e "vicine al governo Conte sui migranti" della Germania, sono un falso giornalistico. Le posizioni sono
Continua
 
AL PRIMO VOTO SEGRETO ALLA CAMERA, LA MAGGIORANZA PD-M5S-LEU E' BATTUTA CLAMOROSAMENTE: 309 A 235 (PER LE OPPOSIZIONI)

AL PRIMO VOTO SEGRETO ALLA CAMERA, LA MAGGIORANZA PD-M5S-LEU E' BATTUTA CLAMOROSAMENTE: 309 A 235

mercoledì 18 settembre 2019
Al primo voto segreto in Aula, la maggioranza non c'è più. E non si è trattato di una cossetta da nulla, ma di una autorizzazione a procedere all'arresto di un deputato di Forza
Continua
CONTE DIMEZZATO AL SENATO: GRUPPO RENZIANI SI FARA'. ALLEANZA DI GOVERNO (ANTE SCISSIONE) NON HA PIU' LA MAGGIORANZA

CONTE DIMEZZATO AL SENATO: GRUPPO RENZIANI SI FARA'. ALLEANZA DI GOVERNO (ANTE SCISSIONE) NON HA

martedì 17 settembre 2019
Nella narrazione della stampa, in testa il Corriere della Sera ormai pari all'Unità dei "bei tempi andati", dovevano essere solo un manipolo di senatori, in uscita dal Pd verso il gruppo
Continua
 
RENZI FORMA I GRUPPI AUTONOMI ALLA CAMERA E AL SENATO? CONTE-DI MAIO-M5S E QUEL RESTA DEL PD FINISCONO NEL TRITACARNE

RENZI FORMA I GRUPPI AUTONOMI ALLA CAMERA E AL SENATO? CONTE-DI MAIO-M5S E QUEL RESTA DEL PD

lunedì 16 settembre 2019
Oggi hanno "giurato" i sottosegretari del governo Conte, domani Renzi annuncerà la scissione del Pd. Cornuto e mazziato. Sembra la trama di un filmetto anni Settanta con la Fenech e Pozzetto,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ALTERNATIVA PER LA GERMANIA RADDOPPIA I CONSENSI PER LE EUROPEE: SALITO DAL 4 ALL'8% (VUOLE L'ITALIA FUORI DALL'EURO)

ALTERNATIVA PER LA GERMANIA RADDOPPIA I CONSENSI PER LE EUROPEE: SALITO DAL 4 ALL'8% (VUOLE
Continua

 
PADOAN AL WALL STREET JOURNAL DISSE: ''IL DOLORE STA PRODUCENDO RISULTATI'' LANCET: IL DOLORE UTILE STERMINA BAMBINI GRECI

PADOAN AL WALL STREET JOURNAL DISSE: ''IL DOLORE STA PRODUCENDO RISULTATI'' LANCET: IL DOLORE UTILE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

ALLA CAMERA 25 MOLLANO IL PD E VANNO CON RENZI (GLI ALTRI 50

19 settembre - Nasce il gruppo di Italia Viva, il movimento di Renzi, alla Camera. Al
Continua

IL PD ATTACCA L'M5S: IL GOVERNO RISCHIA DI CADERE PER COLPA

19 settembre - Sempre più duro lo scontro dentro la coalizione Pd-M5s-Leu. Ora, è la
Continua

CONTE SPARA BALLE: FALSO CHE IL GOVERNO TEDESCO VUOLE PIGLIARSI GLI

19 settembre - Dopo ''l'enorme disponibilità'' incassata ieri dal Presidente della
Continua

UNA ''RISORSA'' DEL PD ARRIVATA COI BARCONI ROMPE UNA MANO A UN

19 settembre - MILANO - Un libico di 35 anni e' stato arrestato dalla polizia per
Continua

SINDACA RAGGI DA' CASA POPOLARE A NOMADI, GENTE DEL RIONE SI

19 settembre - ROMA - Ancora proteste nella Capitale per l'assegnazione di una casa
Continua

MESSAGGERO CONFERMA PROGETTO SCISSIONE DENTRO M5S (FONTI INTERNE A

19 settembre - Il MESSAGGERO conferma i contenuti dell'articolo a firma di Mario Ajello
Continua

48% DEGLI ITALIANI NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO CONTE. UN VERO RECORD

19 settembre - Secondo un sondaggio EMG Acqua presentato queasta mattina ad Agorà, il
Continua
PER LA PRIMA VOLTA DOPO UN ANNO E MEZZO, A SETTEMBRE AUMENTANO GLI SBARCHI

PER LA PRIMA VOLTA DOPO UN ANNO E MEZZO, A SETTEMBRE AUMENTANO GLI

19 settembre - SALVINI: INCAPACI E PERICOLOSI, ITALIANI VE LA FARANNO PAGARE PER LA
Continua

52% ITALIANI PENSA CHE COL GOVERNO CONTE L'ITALIA CONTI DI MENO IN

19 settembre - Secondo un sondaggio EMG Acqua presentato questa mattina ad Agorà, il
Continua

GOVERNO CONTE AVEVA 169 VOTI ALLA FIDUCIA AL SENATO, ADESSO NE HA

18 settembre - ''Non ho ancora capito le ragioni di questa scissione: una scissione e'
Continua
Precedenti »