50.712.812
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA LEGGE ELETTORALE PASSA ALLA CAMERA ELEZIONI ANTICIPATE SE PASSERA' AL SENATO (QUINDI S'INCHIODERA' LA CASTA HA PAURA)

mercoledì 12 marzo 2014

La riforma della legge elettorale supera il primo scoglio parlamentare e ottiene con 365 voti favorevoli, 156 contrari e 40 astenuti, il via libera della Camera. Ora sara' Palazzo Madama ad occuparsene e, con ogni probabilita', non lascera' il testo intatto. Sia perche' i senatori hanno gia' preannunciato che non sono disposti a fare i notai di Montecitorio, sia perche' sono tante le norme del provvedimento su cui c'e' tuttora contrasto nella maggioranza trasversale che pure lo ha licenziato in prima battuta. La riforma, in effetti, ha subito parecchie trasformazioni rispetto al testo su cui Matteo Renzi, Silvio Berlusconi e Angelino Alfano avevano trovato un'intesa extraparlamentare. Ecco nello specifico le principali disposizioni del nuovo sistema di voto.

C'e' da dire innanzitutto che la riforma, contrariamente a quanto pattuito prima dell'esame parlamentare, si applichera' solo alla Camera dei Deputati. Per agganciarla in maniera ancora piu' vincolante alla riforma istituzionale che dovra' alla fine abolire il Senato elettivo, si e' deciso di limitare il nuovo sistema all'unica assemblea che a regime verra' votata dai cittadini e a cui il governo chiedera' la fiducia.

Premio di maggioranza o ballottaggio

- Con l'obiettivo rivendicato in ogni occasione da Renzi di "conoscere la sera stessa delle elezioni chi ha vinto e chi ha perso" la nuova legge assegna alla coalizione o al singolo partito che raggiunge almeno il 37 per cento dei consensi nelle urne un "premio" che lo porta a raggiungere la maggioranza assoluta (55%) dei seggi (340) di Montecitorio. Se nessuna forza, o unione di forze politiche, arriva a questa soglia si procede ad un secondo turno di ballottaggio dopo due settimane fra le due coalizioni meglio piazzate per attribuire il suddetto premio di maggioranza. Che pero' scende in questo secondo caso a 327 seggi (52%). Al ballottaggio non sono peraltro possibili apparentamenti con le sigle che sono rimaste fuori da questo "duello". 

Sbarramenti robusti

- Si tratta delle norme su cui tutti i piccoli partiti, senza distinzioni di schieramento (Udc, Pi, Scelta Civica, Sel, Fdi), hanno cercato invano di intervenire. Alla fine e' passato uno schema che impone di ottenere almeno il 4.5% (in origine era il 5%, poi c'e' stato un tenue ammorbidimento) dei consensi nazionali per poter partecipare alla distribuzione dei seggi conseguiti da una coalizione. E la coalizione deve ottenere almeno il 12% dei suffragi per vedersi assegnati posti a Montecitorio. Mente il partito che corre da solo deva arrivare all'8%dei voti, sempre su base nazionale.

Niente sconti ai partiti localistici

- Non sono invece passate, almeno per ora, tutte quelle modifiche che tendevano ad abbassare la soglia di sbarramento nazionale per quei partiti (vedi Lega Nord) che raggiungono comunque percentuali molto alte in poche regioni del Paese. 

Questo, in massima sintesi, è l'impianto approvato alla Camera della legge elettorale. Al Senato, dove obbligatoriamente dovrà essere approvata, pena il decadimento della legge stessa, i numeri su cui può contare Renzi (e Berlusconi) sono molto inferiori di quelli con i quali è stata approvata oggi a Montecitorio. Vero è che Forza Italia, Pd e NCD in teoria dovrebbero avere una maggioranza vastissima anche a Palazzo Madama, ma: l'NCD ha già annunciato che voterà contro se rimarrà così la legge; metà del Pd ha fatto sapere che non voterà mai questa legge al Senato, una parte - non modesta - di Forza Italia potrebbe associarsi al no per far cadere Renzi e il governo, specialmente se tutto ciò avvenisse a ridosso delle elezioni europee.

max parisi


LA LEGGE ELETTORALE PASSA ALLA CAMERA ELEZIONI ANTICIPATE SE PASSERA' AL SENATO (QUINDI S'INCHIODERA' LA CASTA HA PAURA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Legge elettorale   schema approvato   contenuti   Renzi   Berlusconi   Forxza Italia   Pd   NCD    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL FINANCIAL TIMES SBUDELLA RENZI: ''E' COME IL FILM LA GRANDE BELLEZZA, L'ITALIA E' IN DECLINO, FA TRISTEZZA'' (E CHIFO)

IL FINANCIAL TIMES SBUDELLA RENZI: ''E' COME IL FILM LA GRANDE BELLEZZA, L'ITALIA E' IN DECLINO, FA
Continua

 
SONDAGGIO ELETTORALE: CENTRODESTRA SUPERA CENTROSINISTRA, CRESCONO M5S, LEGA E FRATELLI D'ITALIA (3 PARTITI NO EURO)

SONDAGGIO ELETTORALE: CENTRODESTRA SUPERA CENTROSINISTRA, CRESCONO M5S, LEGA E FRATELLI D'ITALIA (3
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!