70.648.191
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA TIMOSHENKO PREPARA LA ''GUERRA PARTIGIANA'' SE LA CRIMEA SI STACCHERA' E GLI USA PRONTI ALL'ATTACCO (VOCE DELLA RUSSIA)

lunedì 10 marzo 2014

Manca soltanto una settimana al referendum in Crimea. L'autonomia si prepara a prendere una decisione epocale: entrare a far parte della Russia oppure rimanere comunque a far parte dell'Ucraina, allargando i propri poteri.

Inoltre Sebastopoli dopo il referendum può entrare a far parte della Federazione Russa come un soggetto separato. Intanto l'ex primo ministro dell'Ucraina Yulia Timoshenko è pronta a scatenare sulla penisola la guerra partigiana, mentre le potenze occidentali minacciano di applicare sanzioni contro la Russia.

In Crimea e a Sebastopoli procede a pieno ritmo la preparazione per il referendum: si preparano i seggi per il voto, si verificano gli elenchi degli elettori, si stampano un milione e mezzo di schede di votazione. Il destino della penisola e di una singola città sarà determinato il 16 marzo: se rimangono a far parte dell'Ucraina o se diventano soggetti della Federazione Russa. Questi due quesiti sono in lingua russa, ucraina e quella dei tartari crimeani.

Intanto in Ucraina ora si è scatenata una seria guerra contro la lingua russa pure in rete. Il presidente ad interim Aleksandr Turcinov, nominato dalla Verkhovna Rada, ha ordinato a tutti gli organismi statali dell'Ucraina di bloccare l'accesso alle versioni in lingua russa dei loro siti. La domenica le versioni in russo sono state già rimosse da 14 ministeri del paese, i siti funzionano soltanto in ucraino e in inglese. Nonostante il Sud e l'Est del paese parlino prevalentemente soltanto in russo.

Secondo i sondaggi dell'opinione pubblica, la maggioranza degli abitanti della Crimea e di Sebastopoli vorrebbero l'unificazione con la Federazione Russa. Se il referendum confermerà questo desiderio allora nel giro di un mese sotto la giurisdizione russa passeranno due soggetti, ha comunicato il presidente del Consiglio Supremo della Repubblica Autonoma Vladimir Konstantinov, che ha aggiunto: "Ne sono convinto: noi stiamo conducendo i sondaggi dell'opinione pubblica in questa direzione: gli abitanti della Crimea si sentono già cittadini di un altro paese, di uno stato-patria. Noi, senza partire, siamo tornati in patria. Tutti i 22 anni della permanenza in seno all'Ucraina, è stata lotta per la nostra autonomia, la nostra identità, la lotta per la lingua, per la nostra cultura, per i nostri eroi".

Seguendo le raccomandazioni della Russia, la Repubblica Autonoma ha invitato al referendum osservatori internazionali affinché si accertassero della trasparenza e legittimità della votazione. Tuttavia purtroppo gli osservatori internazionali comunque possono distorcere lo stato reale della situazione in Crimea, ha fatto notare Vladimir Konstantinov.

L'ex premier ucraino Yulia Timoshenko invoca l'Occidente a ostacolare la conduzione del referendum. Lei insiste sul rafforzamento delle pressioni su Mosca e ha già compilato un progetto delle sanzioni economiche che l'UE e gli USA devono, secondo il suo parere, applicare contro la Russia. Inoltre Timoshenko minaccia di scatenare la guerra partigiana in Crimea qualora la regione dovesse votare a favore dell'unificazione alla Federazione Russa.

Secondo la tradizione, Washington aspetta un pretesto per iniziare atti di guerra. John Kerry, segretario di Stato degli USA, in un colloqui telefonico con il ministro degli esteri della Federazione Russa Sergey Lavrov ha dichiarato che l'annessione della Crimea alla Russia chiuderà le porte alla diplomazia. Intanto Martin Dempsey, capo del Comitato unificato dei capi di stati maggiori, in un'intervista a un canale televisivo americano ha dichiarato di non escludere il conflitto armato in Ucraina. "Noi abbiamo - ha detto - degli impegni nei confronti degli alleati della NATO, e li abbiamo rassicurati che se si trattasse di questi impegni, seguirà una risposta da parte nostra".

Il fatto stesso che l'Ucraina non è il membro della NATO e la situazione all'interno del paese è stata inasprita dalle potenze occidentali insieme con nazionalisti oltranzisti, evidentemente non mette in minimo imbarazzo gli Stati Uniti.

Articolo scritto da Ksenia Melnikova per LA VOCE DELLA RUSSIA


LA TIMOSHENKO PREPARA LA ''GUERRA PARTIGIANA'' SE LA CRIMEA SI STACCHERA' E GLI USA PRONTI ALL'ATTACCO (VOCE DELLA RUSSIA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Russia   Crimea   USA   NATO   attacco militare   Ucraina   Timoshenko   guerra    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SONDAGGIO IN EUROPA: 56% DEI FRANCESI NON SI FIDA DELLA UE. 66% DEI GRECI LA ODIA. 55% DEGLI ITALIANI NON NE PUO' PIU'.

SONDAGGIO IN EUROPA: 56% DEI FRANCESI NON SI FIDA DELLA UE. 66% DEI GRECI LA ODIA. 55% DEGLI

martedì 13 agosto 2019
LONDRA - Come ogni anno la commissione europea pubblica i risultati del cosiddetto Eurobarometro, un sondaggio fatto a livello europeo per conoscere il livello di popolarita' dell'Unione
Continua
 
SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA E SALVINI PREMIER!

SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA

venerdì 9 agosto 2019
Governo al capolinea, si va verso la parlamentarizzazione della crisi, con il premier Giuseppe Conte che potrebbe andare in Senato, per la fiducia, con un calendario ancora da decidere. Intanto ieri
Continua
CONTADINI FRANCESI IN RIVOLTA CONTRO MACRON CHE FIRMA IL CETA E GILET GIALLI IN PIAZZA: PRESA DELLA BASTIGLIA S'AVVICINA

CONTADINI FRANCESI IN RIVOLTA CONTRO MACRON CHE FIRMA IL CETA E GILET GIALLI IN PIAZZA: PRESA DELLA

lunedì 5 agosto 2019
LONDRA - I guai sembrano non finire mai per il presidente francese Emmanuel Macron. Non bastassero i gilet gialli adesso ci sono anche i contadini che protestano vivamente contro l'inquilino
Continua
 
ANALISI / IL PUNTO SULL'ALLEANZA LEGA-M5S, LE RAGIONI CHE UNISCONO E QUELLE CHE DIVIDONO: MA PRIMA L'ITALIA, SEMPRE!

ANALISI / IL PUNTO SULL'ALLEANZA LEGA-M5S, LE RAGIONI CHE UNISCONO E QUELLE CHE DIVIDONO: MA PRIMA

lunedì 5 agosto 2019
La politica è entrata ufficialmente in vacanza e l’augurio è che sia estremamente vantaggiosa ai 5S per raccogliere le idee ed uscire dal tunnel dell’opposizione interna
Continua
FARAGE PRESENTA A NEW YORK WORLD4BREXIT PER COMBATTERE LE CAMPAGNE DIFFAMATORIE DI SOROS E LANCIARE LA BREXIT NEL MONDO

FARAGE PRESENTA A NEW YORK WORLD4BREXIT PER COMBATTERE LE CAMPAGNE DIFFAMATORIE DI SOROS E LANCIARE

lunedì 29 luglio 2019
LONDRA - Nigel Farage e' veramente determinato a far uscire la Gran Bretagna dalla UE e lo dimostra il fatto che da molti anni sia in politica con questo scopo prima tramile lo UKIP e adesso col
Continua
 
LOMBARDIA: BOOM DELL'EXPORT! IL DATO E' CLAMOROSO: +5,8% RISPETTO IL 2018. MILANO +7,4% BERGAMO +13% CREMONA +13,2%

LOMBARDIA: BOOM DELL'EXPORT! IL DATO E' CLAMOROSO: +5,8% RISPETTO IL 2018. MILANO +7,4% BERGAMO

giovedì 25 luglio 2019
MILANO - Dal cioccolato ai formaggi, dal buon cibo al latte sino alle biciclette, alle barche e agli articoli sportivi. Cresce in maniera esponenziale l'export di prodotti legati al turismo dalla
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
THE TELEGRAPH: ''LA SINISTRA DIVENTA INCANDESCENTE SE QUALCUNO RICORDA LE RADICI SOCIALISTE DEL NAZISMO'' (ARTICOLO BOMBA)

THE TELEGRAPH: ''LA SINISTRA DIVENTA INCANDESCENTE SE QUALCUNO RICORDA LE RADICI SOCIALISTE DEL
Continua

 
I NAZISTI DELLA TROIKA UE VOGLIONO CHE LA GRECIA RIDUCA GLI STIPENDI CHE SONO GIA' ALLA FAME (586 EURO AL MESE)

I NAZISTI DELLA TROIKA UE VOGLIONO CHE LA GRECIA RIDUCA GLI STIPENDI CHE SONO GIA' ALLA FAME (586
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!