44.371.454
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

GRILLO SCHIANTA L'ITALIA E IPOTIZZA LA SECESSIONE. MARONI: ''DA NON SOTTOVALUTARE'' (COME DIRE: PARLIAMOCI. ERA ORA!)

sabato 8 marzo 2014

"E se domani, alla fine di questa storia, iniziata nel 1861, funestata dalla partecipazione a due guerre mondiali e a guerre coloniali di ogni tipo, dalla Libia all'Etiopia. Una storia brutale, la cui memoria non ci porta a gonfiare il petto, ma ad abbassare la testa. Percorsa da atti terroristici inauditi per una democrazia assistiti premurosamente dai servizi deviati(?) dello Stato. Quale Stato? La parola "Stato" di fronte alla quale ci si alzava in piedi e si salutava la bandiera è diventata un ignobile raccoglitore di interessi privati gestito dalle maitresse dei partiti.

E se domani, quello che ci ostiniamo a chiamare Italia e che neppure più alle partite della Nazionale ci unisce in un sogno, in una speranza, in una qualunque maledetta cosa che ci spinga a condividere questo territorio che si allunga nel Mediterraneo, ci apparisse per quello che è diventata, un'arlecchinata di popoli, di lingue, di tradizioni che non ha più alcuna ragione di stare insieme?

La Bosnia è appena al di là del mare Adriatico. Gli echi della sua guerra civile non si sono ancora spenti. E se domani i Veneti, i Friulani, i Triestini, i Siciliani, i Sardi, i Lombardi non sentissero più alcuna necessità di rimanere all'interno di un incubo dove la democrazia è scomparsa, un signore di novant'anni decide le sorti della Nazione e un imbarazzante venditore pentole si atteggia a presidente del Consiglio, massacrata di tasse, di burocrazia che ti spinge a fuggire all'estero o a suicidarti, senza sovranità monetaria, territoriale, fiscale, con le imprese che muoiono come mosche.

E se domani, invece di emigrare all'estero come hanno fatto i giovani laureati e diplomati a centinaia di migliaia in questi anni o di "delocalizzare" le imprese a migliaia, qualcuno si stancasse e dicesse "Basta!" con questa Italia, al Sud come al Nord? Ci sarebbe un effetto domino. Il castello di carte costruito su infinite leggi e istituzioni chiamato Italia scomparirebbe.

E' ormai chiaro che l'Italia non può essere gestita da Roma da partiti autoreferenziali e inconcludenti. Le regioni attuali sono solo fumo negli occhi, poltronifici, uso e abuso di soldi pubblici che sfuggono al controllo del cittadino. Una pura rappresentazione senza significato. Per far funzionare l'Italia è necessario decentralizzare poteri e funzioni a livello di macroregioni, recuperando l'identità di Stati millenari, come la Repubblica di Venezia o il Regno delle due Sicilie. E se domani fosse troppo tardi? Se ci fosse un referendum per l'annessione della Lombardia alla Svizzera, dell'autonomia della Sardegna o del congiungimento della Valle d'Aosta e dell'Alto Adige alla Francia e all'Austria? Ci sarebbe un plebiscito per andarsene. E se domani..."

Beppe Grillo.

Reazioni:

"La posizione di Grillo in favore della secessione in macro regioni e' un altro errore gravissimo che il Movimento 5 Stelle sta per compiere. Noi speravamo che la Lega rivedesse queste posizioni proprio nel momento in cui pone il problema dell'uscita dell'Italia dall'Euro e della sovranita' nazionale in Europa. Purtroppo ricadere indietro sul secessionismo significa essere piu' deboli a Bruxelles e tutelare di meno le autonomie locali che devono avere un forte Stato come punto di riferimento. Non si puo' essere contro l'Euro e, contemporaneamente, a favore della secessione". Lo dichiara Gianni Alemanno, a margine del congresso nazionale di Fratelli d'Italia Alleanza Nazionale in corso a Fiuggi.

''Da non sottovalutare, ne rituitto alcune per un utile confronto''. Lo scrive chiedendo un'opinione ai suoi simpatizzanti su Twitter il presidente della Regione Lombardia, il leghista Roberto Maroni, sul post del blog di Beppe Grillo a proposito di un'idea di Italia in futuro non piu' unita. 

"Grillo sposa le idee della Lega. Dio li fa e poi li accoppia". Lo scrive su twitter Andrea Marcucci del Pd. 

"Sul blog di Grillo si arriva a riesumare le macroregioni di Miglio e della Lega, per la felicita' di Salvini e compagnia. Evidentemente i grillini sono in stato confusionale e hanno paura di perdere consenso, altrimenti non raschierebbero il fondo del barile mettendo in discussione l'unita' del Paese". Lo scrive sul suo profilo Facebook il deputato dell'Udc Gianpiero D'Alia.

Nota.

Quando noi de ilNord.it scrivemmo che l'alleanza naturale della Lega non era e non è con Berlusconi & soci, ma con l'M5S che è un grande Movimento di popolo, da ambienti di vertice del Carroccio ci arrivarono giudizi molto negativi. Perchè ci venne fatto sapere che "non avevamo capito che l'M5S è centralista e nazionalista".  Noi lo ripetiamo: se oggi ci fosse il Bossi degli anni Novanta, l'alleanza con Grillo sarebbe già stata siglata da un anno o due. E con questo, si sarebbe già creato un fronte amplissimo contro la UE, l'euro, la tirannia di uno Stato italiano in mano a oligarchie vendute (per quattro monetine, tra l'altro) a Bruxelles. Ma chissà, forse ora è la volta buona. Non è mai troppo tardi, per decidere la cosa giusta.

max parisi


GRILLO SCHIANTA L'ITALIA E IPOTIZZA LA SECESSIONE. MARONI: ''DA NON SOTTOVALUTARE'' (COME DIRE: PARLIAMOCI. ERA ORA!)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Grillo   M5S   macroregioni   secessione   separatismo   fine dello Stato italiano   Salvini   Maroni    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
AL VIA IN OLANDA LA COMMISSIONE PARLAMENTARE PER DECIDERE SE RIMANERE NELL'EURO O ABBANDONARLO (CENSURA GLOBALE)

AL VIA IN OLANDA LA COMMISSIONE PARLAMENTARE PER DECIDERE SE RIMANERE NELL'EURO O ABBANDONARLO

martedì 28 febbraio 2017
E' ormai un dato di fatto che l'euro sia la causa principale di tutti i problemi economici dell'eurozona e adesso c'e' chi discute apertamente se e come uscirne. A tale proposito e' di pochi giorni
Continua
 
DER SPIEGEL: ''ALTRO CHE FINE DELLA CRISI DELL'EUROZONA. PORTOGALLO, ITALIA, GRECIA PRONTE ALLA BANCAROTTA (DA EURO)''

DER SPIEGEL: ''ALTRO CHE FINE DELLA CRISI DELL'EUROZONA. PORTOGALLO, ITALIA, GRECIA PRONTE ALLA

martedì 28 febbraio 2017
BERLINO - "Sono trascorsi sette anni dallo scoppio della crisi greca e dal primo piano di aiuti europei. Oggi la Grecia ha fatto alcuni passi avanti - scrive il settimanale tedesco Der Spiegel - ma
Continua
DJ FABO E' MORTO IN SVIZZERA. AVEVA DECISO DI FARLO, MA IN ITALIA IL SUICIDIO ASSISTITO E' VIETATO

DJ FABO E' MORTO IN SVIZZERA. AVEVA DECISO DI FARLO, MA IN ITALIA IL SUICIDIO ASSISTITO E' VIETATO

lunedì 27 febbraio 2017
Sono 232 le persone che, dal 2015, si sono rivolte all'Associazione Luca Coscioni per chiedere informazioni su come ottenere l'eutanasia all'estero: di queste, 115 si sono poi effettivamente rivolte
Continua
 
GOVERNO SOCIALDEMOCRATICO AUSTRIACO VARA LA LEGGE CHE DA' IL LAVORO PRIMA AI CITTADINI AUSTRIACI, POI AGLI STRANIERI

GOVERNO SOCIALDEMOCRATICO AUSTRIACO VARA LA LEGGE CHE DA' IL LAVORO PRIMA AI CITTADINI AUSTRIACI,

lunedì 27 febbraio 2017
LONDRA - Alcuni mesi fa, il candidato del Freedom Party ha perso le elezioni presidenziali per un soffio ma se qualcuno crede che questo partito abbia perso influenza si sbaglia di grosso visto che
Continua
FRONTEX DENUNCIA: PIU' DI 300.000 AFRICANI GIA' IN LIBIA PRONTI AD ARRIVARE IN ITALIA CON LA COMPLICITA' DELLE ONLUS

FRONTEX DENUNCIA: PIU' DI 300.000 AFRICANI GIA' IN LIBIA PRONTI AD ARRIVARE IN ITALIA CON LA

lunedì 27 febbraio 2017
BRUXELLES - L'agenzia europea Frontex ha avvertito che centinaia di migliaia di migranti, provenienti perlopiu' dall'Africa Occidentale, sono in attesa di imbarcarsi verso l'Italia dalle coste della
Continua
 
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ECONOMISTA BRANCACCIO, EX ALLIEVO DI PADOAN: ''ERA MIO DOCENTE, PER LUI IL DOLORE E' EFFICACE E L'AUSTERITY E' OTTIMA'

L'ECONOMISTA BRANCACCIO, EX ALLIEVO DI PADOAN: ''ERA MIO DOCENTE, PER LUI IL DOLORE E' EFFICACE E
Continua

 
GIORGIA MELONI, NUOVO SEGRETARIO DI FRATELLI D'ITALIA: ''VIA DALL'EURO! SIAMO POPULISTI? MEGLIO POPULISTI CHE SERVI!''

GIORGIA MELONI, NUOVO SEGRETARIO DI FRATELLI D'ITALIA: ''VIA DALL'EURO! SIAMO POPULISTI? MEGLIO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

FORMATO IL GRUPPO AL SENATO DEGLI SCISSIONISTI PD: SONO 14

28 febbraio - PARLAMENTO - SENATO - Sono quattordici i senatori, tutti provenienti dal
Continua

LA BREXIT OTTIENE PRIMI ''VIA LIBERA'' DALLA CAMERA DEI LORD (SARA'

28 febbraio - LONDRA - Il cammino verso la Brexit continua e un nuovo ostacolo è
Continua

IL GOVERNO POLACCO ANNUNCIA CHE NON APPOGGERA' LA RIELEZIONE DEL

28 febbraio - VARSAVIA - Il polacco Donald Tusk, gia capo del governo filo-Ue al
Continua

LA UE IMPONE DAZI TRA IL 65% E IL 75% SULL'ACCIAO CINESE (E CRITICA

28 febbraio - BRUXELLES - La notizia è di per sè rilevante, ma lo diventa ancor di
Continua

LA BREXIT COSTERA' CARA ALLA UE: BUCO DI 9 MILIARDI L'ANNO DA

28 febbraio - La Brexit, la futura uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea
Continua

LUCA ZAIA RINGRAZIA (BERLUSCONI) E AVVERTE: BASTA MANFRINE

27 febbraio - MILANO - ''Basta con sta manfrina. Amministrare una Regione non e' una
Continua

IL PARTITO NO-UE IN TESTA AI SONDAGGI NELLA REPUBBLICA CECA

27 febbraio - PRAGA - Secondo l'ultimo sondaggio elettorale condotto in Repubblica
Continua

120.000 MIGRANTI CLANDESTINI A TUTTI GLI EFFETTI DA RIMPATRIARE,

27 febbraio - MILANO - ''Secondo fonti di stampa la UE sta per proporre, con la
Continua

ITALIA ''SANTUARIO'' DEI TERRORISTI ISLAMICI IN FUGA DA SIRIA, IRAQ

27 febbraio - Oltre a rappresentare un potenziale target di attacchi diretti, il
Continua

THERESA MAY CHIUDERA' LE FRONTIERE BRITANNICHE AI MIGRANTI UE DAL

27 febbraio - LONDRA - La premier britannica Theresa May ha l'intenzione di abolire la
Continua
Precedenti »