42.250.009
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

TUTTO VA BENE NEI MERCATI UE E USA, ANZI VA BENISSIMO! ESATTAMENTE COME ANDAVA BENISSIMO NEL 1928. POI, ARRIVO' IL 29'.

venerdì 7 marzo 2014

Quasi ogni giorno, le borse mondiali, specificatamente quelle statunitensi, aggiornano i massimi storici, arrivando a vette mai toccate, INIMMAGINABILI solo qualche mese fa.

L’indice S&P 500 (le 500 aziende a maggiore capitalizzazione quotate a Wall Street) nel marzo del 2013 era intorno ai 1550 punti e sentivo parlare di un target intorno ai 1670 come di un’eresia. Oggi, a distanza di un anno esatto, siamo ai 1880 punti, bel il 22% in più.  Affermo da un paio di anni che l’economia reale MONDIALE è notevolmente peggiorata a causa della autoflagellazione imposta dalla U€ a trazione teutonica che ha voluto risolvere con una pesantissima PENITENZIAGITE deflattiva la bolla creditizia da loro stessi innescata.

In pratica, dopo averci fatto riempire di DEBITI, propiziati da leggi iperliberiste, garantiti dal cambio fisso della moneta comune €Uro e, infine, dagli Stati medesimi, hanno operato come operarono quegli “astuti” personaggi che IMPOSERO alla sconfitta Germania della prima guerra mondiale delle condizioni IMPOSSIBILI da soddisfare, preparando il terreno al nazismo e al secondo conflitto mondiale.

La deflazione che avrebbero desiderato SOLO per gli “allegri” Paesi GIIPS, atta a far stringere la cinghia a 160 milioni di abitanti per ripagar loro i debiti incastrati nel target2, è SFUGGITA di mano ed ha infettato prima il resto della €Uro-zone e poi si è propagata al resto del globo. Dall’alto di grigi ed austeri palazzi di governo, personaggi fuori dal tempo e dalla realtà ci dicono che va TUTTO BENE, anzi, benissimo!

Ai massimi governanti di questo lurido pianeta sembra sfuggire una cosa fondamentale: se non c’è qualcuno che COMPRA sarà difficile che qualcun altro VENDA. Questi somari incravattati e cravattari hanno dimenticato che i miei consumi sono i redditi di qualcun altro e viceversa, e che, nel mondo globalizzato odierno, la velocità dell’onda di ridondanza è MASSIMA.

Se Europa non compra, Cina non vende; se Cina non vende, Cina non compra; se Cina non compra, “contoterzisti” e “materiaprimisti” non vendono e se non vendono quest’ultimi i 2/3 della popolazione mondiale NON MAGNA. E chi non magna diventa pericoloso, così pericoloso da giocarsi la vita per una ciotola di riso.

Nel corso dell’ultimo anno, se possibile, la situazione si è aggravata ulteriormente: non c’è giorno che non si senta di nuovi tumulti scoppiati in qualche parte del globo che si vanno ad aggiungere a tutti gli altri già in corso. Quella che è prossima ad esplodere sarà la “superbolla” che potrebbe mettere fine alla parola CAPITALISMO.

Sarò un pessimista cosmico, una Cassandra senza baffi, ma …. leggete cosa scrive J.K. Galbraith ne “il grande crollo” a proposito del “va TUTTO BENE” classico di chi la realtà non vuol vederla, o non può vederla, poiché completamente distaccato da essa: "Fino all’inizio del 1928, anche un uomo di mentalità conservatrice poteva credere che i prezzi delle azioni ordinarie stessero mettendosi al passo con l’aumento degli utili societari, con la prospettiva di aumenti ulteriori, con la pace e la tranquillità dell’epoca, e con la certezza che il governo non avrebbe tassato gli utili più del necessario. Con l’inizio del 1928 la natura del boom cambiò. Cominciò sul serio la fuga in massa verso la finzione, elemento essenziale della vera orgia speculativa. Era ancora necessario rassicurare coloro che esigevano un legame, sia pure tenue, con la realtà. Tuttavia, come in TUTTI i periodi di speculazione, era venuto il momento in cui la gente cercava non di convincersi della realtà delle cose, ma di trovare pretesti per evadere verso un nuovo mondo di fantasia".

"Il 4 dicembre 1928 il presidente USA Coolidge al congresso: “Mai un congresso degli USA si è trovato si è trovato di fronte a una prospettiva più gradita di quella che si presenta nel momento attuale” … “bisogna considerare il presente con soddisfazione e prevedere il futuro con ottimismo”:

A Wall Street, come altrove nel 1929, pochi desideravano una seria depressione. A Wall Street, come altrove, c’era una profonda fede nel potere degli scongiuri. Quando il mercato crollò, molto cittadini di Wall Street avvertirono immediatamente il pericolo reale, che era quello di un’influenza nociva sul reddito e sull’occupazione, sulla prosperità in genere. Bisognava evitarlo. La formula magica preventiva prescriveva che il maggior numero di persone importanti ripetessero che il pericolo non si sarebbe verificato. Esse lo ripeterono spiegando che il mercato azionario era semplicemente la schiuma e che la reale sostanza della vita economica era nella produzione, nell’impiego, nella spesa, tutte cose che sarebbero rimaste inalterate. Nessuno aveva la certezza che la realtà fosse questa. Come strumento di politica economica, lo scongiuro non tollera piccoli dubbi o scrupoli".

E allora, di che ci stiamo a preoccupare? Va TUTTO BENE, anzi, benone!

Peccato che #Leviathan si è svegliato.

Roberto Nardella, 07 febbraio 2014 - per Scenari Economici - che ringraziamo. 


TUTTO VA BENE NEI MERCATI UE E USA, ANZI VA BENISSIMO! ESATTAMENTE COME ANDAVA BENISSIMO NEL 1928. POI, ARRIVO' IL 29'.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Borsa di Milano   New York   S&P500   debiti   vendite   materie prime   deflazione   crisi del 29'    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CONTINUA IL BOOM ECONOMICO BRITANNICO, INDICI DELLO SVILUPPO DELLE IMPRESE SALGONO COME MAI PRIMA D'ORA. E' BREXIT BOOM

CONTINUA IL BOOM ECONOMICO BRITANNICO, INDICI DELLO SVILUPPO DELLE IMPRESE SALGONO COME MAI PRIMA

mercoledì 7 dicembre 2016
LONDRA - La verità detta con tre parole è: mai così bene. A sentire i sostenitori della UE la vittoria del Brexit avrebbe causato alla Gran Bretagna poverta' e recessione ma
Continua
 
AGOSTO STA PER FINIRE E LA CATASTROFE MPS STA PER ABBATTERSI SU TUTTI I RISPARMIATORI ITALIANI: PRONTA RAPINA DI STATO

AGOSTO STA PER FINIRE E LA CATASTROFE MPS STA PER ABBATTERSI SU TUTTI I RISPARMIATORI ITALIANI:

lunedì 22 agosto 2016
Mentre  l’Inghilterra celebra il boom di turismo per effetto della Brexit (ma come, non dovevano arrivare le sette piaghe d’Egitto contro la perfida Albione?) e l’Italia
Continua
''LA CRISI DELL'EURO STA TORNANDO QUESTA ESTATE E L'ITALIA RISCHIA. SAREBBE STATA MEGLIO CON LA LIRA'' (NIGEL FARAGE)

''LA CRISI DELL'EURO STA TORNANDO QUESTA ESTATE E L'ITALIA RISCHIA. SAREBBE STATA MEGLIO CON LA

mercoledì 29 giugno 2016
LONDRA - "La crisi dell'euro sta tornando, la rivedremo in estate. Succedera' certamente in Grecia e non e' impossibile che generi sconquassi nel settore bancario italiano. L'Italia rischia. Non c'e'
Continua
 
E SE IL 23 GIUGNO SI VOTASSE ANCHE IN ITALIA PER L'USCITA - IN UN COLPO SOLO - DA UE E EURO, CHE ACCADREBBE? (LEGGERE)

E SE IL 23 GIUGNO SI VOTASSE ANCHE IN ITALIA PER L'USCITA - IN UN COLPO SOLO - DA UE E EURO, CHE

mercoledì 15 giugno 2016
Lunedì scorso, il principale quotidiano economico nazionale, nella sua versione cartacea, riguardo al possibile successo del Brexit al referendum del 23 giugno scriveva testualmente
Continua
CREDITI MARCI DELLE BANCHE ITALIANE SALGONO A 198 MILIARDI DI EURO (+2% DAL 2015) SITUAZIONE ESPLOSIVA, ALTRO CHE BREXIT

CREDITI MARCI DELLE BANCHE ITALIANE SALGONO A 198 MILIARDI DI EURO (+2% DAL 2015) SITUAZIONE

martedì 14 giugno 2016
Inarrestabile ascesa delle sofferenze bancarie, meglio note come "crediti marci" ad aprile: in un anno sono cresciuti di 6,7 miliardi di euro arrivando a 198 miliardi (+2% rispetto il 2015). Il dato
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / GLI ''ECONOMISTI ALLA ZINGALES'' VOGLIONO LA TROIKA IN ITALIA, NOI INVECE VOGLIAMO LA LIRA.

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / GLI ''ECONOMISTI ALLA ZINGALES'' VOGLIONO LA TROIKA IN ITALIA, NOI

lunedì 6 giugno 2016
A distanza di poco più di due anni, torniamo ad occuparci di Luigi Zingales, l’economista che piace alla gente che piace. Due anni fa si lasciò andare a previsioni nerissime in
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GERMANIA SI STA PREPARANDO ALLA FINE DELL'EURO: DRAGHI MANTIENE ALTISSIMO IL CAMBIO (COSI' SARA' IL NUOVO MARCO)

LA GERMANIA SI STA PREPARANDO ALLA FINE DELL'EURO: DRAGHI MANTIENE ALTISSIMO IL CAMBIO (COSI' SARA'
Continua

 
IL PREMIO NOBEL STIGLITZ: ''LA SPAGNA FUORI DALLA CRISI? NO, E' IN UNA DEPRESSIONE ECONOMICA PEGGIO DEL 1929 IN USA''

IL PREMIO NOBEL STIGLITZ: ''LA SPAGNA FUORI DALLA CRISI? NO, E' IN UNA DEPRESSIONE ECONOMICA PEGGIO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SARDEGNA, LA GIUNTA REGIONALE VA IN PEZZI, TRAVOLTA DAL COLOSSALE

7 dicembre - CAGLIARI - Il Pd si sgretola in Sardegna. ''L'assessora regionale
Continua

IL TESORO SBUGIARDA (BUFALA) DELLA STAMPA DI TORINO: NIENTE FONDO

7 dicembre - ''Smentiamo che sia in preparazione una richiesta di prestiti al Fondo
Continua

LA LEGA CHIEDE UFFICIALMENTE CHE LA CORTE COSTITUZIONALE ANTICIPI

6 dicembre - ROMA - PARLAMENTO - La Lega - riunita con il segretario Matteo Salvini -
Continua

RENZI HA NOMINATO LA COMANDANTE DEI VIGILI DI FIRENZE ''CONSIGLIERE

6 dicembre - Nonostante il crollo del governo, ha una sorta di assicurazione a vita
Continua

CORTE COSTITUZIONALE: UDIENZA SU ITALICUM IL 24 GENNAIO (ADDIO

6 dicembre - La Corte costituzionale ha fissato per l'udienza del 24 gennaio 2017 la
Continua

SALVINI: ANDIAMO A COSTRUIRE UNA GRANDE ALLEANZA PER SCONFIGGERE

6 dicembre - ''Con Forza Italia ci sono stati contatti positivi. Noi andiamo a
Continua

''EFFETTO SCHIANTO RENZI'' COME ''EFFETTO BREXIT'': LA BORSA VOLA,

6 dicembre - MILANO - BORSA - Ora si può parlare apertamente di ''effetto Renzi''
Continua

LO SPREAD NON CRESCE, AL CONTRARIO CROLLA: OGGI A 158 PUNTI (1,92%)

6 dicembre - Altro sbugiardamento delle ''fosche previsioni'' dei soliti ''analisti''
Continua

LA MERKEL: ANCHE IN PROFUGHI VERRANNO RISPEDITI A CASA LORO (IN

6 dicembre - BERLINO - ''Non tutti'' i profughi entrati in Germania potranno
Continua

PROPOSTA M5S: APPLICHIAMO L'ITALICUM ANCHE AL SENATO E POI SUBITO

5 dicembre - ''Ora ci troviamo con due leggi elettorali tra Camera e Senato molto
Continua
Precedenti »