50.743.079
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

E' UFFICIALE: LA FRANCIA E' IN DEFLAZIONE. UN SECONDO ''GRANDE MALATO'' DELL'EUROPA DELL'EURO SI AFFIANCA ALL'ITALIA.

sabato 22 febbraio 2014

Gli italiani illusi dalle proposte miracolistiche di Renzi appena insediatosi a Palazzo Chigi quanto quelli scettici che non vedono vie d'uscita dal disastro di questo Paese devastato dall'euro e dalle politiche errate della UE improntate all'austerità, se pensano che sia l'Italia il vero malato d'Europa, si sbagliano.

Molto peggio sta la Francia, che grazie a un presidente socialista inetto tanto come uomo quanto come politico, ha imboccato decisa la via della deflazione, stadio finale del tracollo di un'economia.

Ne scrive sul Telegraph l'ottimo Evans Pritchard.

"Il presidente francese François Hollande deve ora pagare il prezzo per essersi piegato alle politiche recessive dell'eurozona. Il suo paese sta entrando in deflazione. In gennaio i prezzi in Francia sono scesi dello 0,6% rispetto al mese precedente e sarebbero scesi anche di più se non ci fosse stato un aumento della tassazione una tantum. I prezzi dei prodotti manifatturieri sono scesi del 3% e il vestiario è sceso del 15,4%, visto che i rivenditori hanno abbassato i prezzi per svuotare i magazzini.

In Francia i prezzi "core" (esclusi alimentari ed energia, ndt) sono in caduta da mesi, anche se l’indice core dei prezzi al Consumo calcolato su base annuale è ancora lievemente positivo, allo 0,1%. Questa situazione è esattamente quella  che un anno fa l’Observatoire Economique aveva previsto  che si sarebbe verificata in seguito alle politiche restrittive dell’eurozona, ossia in presenza di una triplice stretta di austerità fiscale,  politica monetaria passivamente restrittiva, e drastica contrazione dei prestiti bancari.

Molti ridevano delle previsioni dell’Observatoire. Adesso nessuno ha più voglia di ridere. Come ha detto l’IMF la scorsa notte,  manca solo uno shock esterno perché l’Europa sprofondi decisamente in deflazione. Un nuovo rischio per l'attività economica deriva da un’inflazione molto bassa nelle economie avanzate, soprattutto nell'eurozona che, se dovesse rimanere sotto il proprio obiettivo di inflazione per un periodo prolungato, potrebbe compromettere le aspettative di inflazione a lungo termine. Una bassa inflazione comporta il rischio di deflazione in caso di un grave shock negativo dell’economia. Nell'eurozona, la bassa inflazione complica anche il compito della periferia dove il peso reale del debito sia pubblico che privato aumenterebbe in seguito all'aumento dei tassi di interesse reali.

Da dove lo shock potrebbe arrivare, non è un mistero. La Fed e la Banca centrale cinese stanno facendo politiche restrittive, provocando una tempesta nei mercati emergenti che si sta aggravando di giorno in giorno. Una lunga lista di paesi sono obbligati ad alzare i tassi di interesse per difendere le loro valute, creando un ulteriore impulso alla contrazione. Alcuni di questi paesi stanno uscendo fuori dai binari tutti contemporaneamente.

Gli ottimisti hanno una fede commovente nella locomotiva tedesca, che secondo loro dovrebbe tirare l'eurozona fuori dalla palude, ma i dati più recenti dimostrano che i salari tedeschi sono scesi dello 0,2% nel 2013. Anche la Germania è in deflazione salariale. Il che fa sorgere la domanda: come diavolo faranno la Francia, l’Italia, la Spagna, il Portogallo e la Grecia a recuperare la competitività del lavoro perduta nei confronti della Germania tramite delle "svalutazioni interne", se i salari tedeschi sono in calo?

Questo costringe tali paesi ad entrare in una deflazione salariale ancor più profonda per colmare il divario, cosa che a sua volta porta le dinamiche del debito fuori controllo, poiché l'effetto denominatore peggiora la situazione. Esiste una soluzione tecnica per questo. Si chiama Quantitative Easing. La Banca Centrale Europea può allontanare dagli scogli l'intero sistema UEM lanciando un blitz monetario per centrare il proprio target di crescita.

Purtroppo, la Corte costituzionale tedesca ha appena sollevato l'asticella della politica sul QE a un livello così alto che la BCE dovrà attendere l'urto sugli scogli prima di reagire, e allora sarà troppo tardi. Contrariamente a quanto si crede comunemente, nei trattati non c'è nessun divieto contro il QE. Mario Draghi ha detto esplicitamente che "non è illegale" e rimane un'opzione in extremis. Maastricht vieta la monetizzazione del deficit ma non le operazioni di mercato aperto (QE) necessarie per mantenere la stabilità monetaria.

Il presunto vincolo è interamente politico e ideologico, e spinto dal timore che gli euroscettici tedeschi possano contrastarlo nei tribunali. Così abbiamo una situazione di stallo. Cosa succede ora, se le polveri bagnate della ripresa dell’eurozona ancora una volta non prendono fuoco? Il destino del Giappone è dietro l’angolo".

Pritchard prevede, quindi, che l'Europa piombi in uno stato deflazionistico di lunga durata, le cui caratteristiche sono: povertà diffusa, contrazione a zero dei consumi, caduta di prezzi e stipendi tra il 30 e il 50%, declino globale.

E' del tutto prevedibile che i popoli europei reagiranno prima che si materializzi questa catastrofe. Solo che c'è un problema: il tempo rimasto è pochissimo.

max parisi

L'articolo di Evans Pritchard è stato tradotto da Voci dall'Estero - che ringraziamo.


E' UFFICIALE: LA FRANCIA E' IN DEFLAZIONE. UN SECONDO ''GRANDE MALATO'' DELL'EUROPA DELL'EURO SI AFFIANCA ALL'ITALIA.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Renzi   Hollande   Francia   deflazione   povertà   crisi   euro   UE   Germania    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DRAGHI FESTEGGIA 437 MILIONI DI EURO LUCRATI SUI BOND DELLA GRECIA, OXFORD E CAMBRIDGE DENUNCIANO CATASTROFE SANITARIA

DRAGHI FESTEGGIA 437 MILIONI DI EURO LUCRATI SUI BOND DELLA GRECIA, OXFORD E CAMBRIDGE DENUNCIANO
Continua

 
RUSSIA E USA TRATTANO DIRETTAMENTE LA SOLUZIONE DELLA CRISI IN UCRAINA (EUROPA NANO POLITICO, OLTRE CHE ECONOMICO)

RUSSIA E USA TRATTANO DIRETTAMENTE LA SOLUZIONE DELLA CRISI IN UCRAINA (EUROPA NANO POLITICO, OLTRE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!