47.431.188
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FUCILATA DELLA ''VOCE DELLA RUSSIA'' / MATTEO RENZI: SE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO, LA SERA UN TRAMONTO DA INCUBO.

venerdì 21 febbraio 2014

Tu vuoi vendere l’Eni, l’Enel; tu vuoi svendere la nostra sovranità, noi la vogliamo mantenere; tu parli di Europa, ma l’Europa va cambiata perché si cambia in Europa per cambiare l’Italia… Il fatto è che tu non sei più credibile, perché rappresenti De Benedetti, rappresenti gli industriali, rappresenti gente che ha disintegrato questo Paese. Puoi essere giovane, ma non sei giovane… Tu hai detto: risparmiamo un miliardo con il Senato. E non è vero, perché il Senato costa 560 milioni, non un miliardo… L’altra volta ti ho sentito dire, per esempio: basta andare al bar e fare rinfreschi. L’hai detto: non fare rinfreschi… L’hai detto tu. Benissimo. Quando eri Presidente della Provincia hai speso 20 milioni in rinfreschi, in cinque anni. E’ una politica nuova. Tu ci hai messo nel tuo loft insieme a un pregiudicato, insieme a Verdini che è uno della massoneria di Firenze, a fare la legge elettorale. Tu sei una persona buona che rappresenta un potere marcio, che noi vogliamo cambiare totalmente… Sono questi i passaggi salienti del quasi-monologo che mercoledì scorso Grillo ha riservato al sindaco di Firenze, Matteo Renzi. Il papabile nuovo presidente del Consiglio, nell’intento di formare un governo, ha infatti concesso udienza a qualsiasi essere dotato di almeno un voto in Parlamento: l’esito dell’incontro sin dall’inizio era scontato vista l’attitudine isolazionista di Grillo nei confronti del mondo intero - in particolare di chiunque non si chiami Beppe Grillo, o non abbia assistito come spettatore pagante ad almeno dieci dei suoi salati show-comizi o non abbia postato come minimo dieci messaggi nel suo blog. Battute sarcastiche a parte, su una cosa almeno il comico genovese ha incontrovertibilmente ragione: Renzi è un giovane, vecchio.

E lo dimostra proprio il supplizio al quale si è sottoposto in questi giorni, con Grillo in primis, e subito prima incontrando sistematicamente tutti gli altri partiti presenti nel Parlamento italiano per assicurarsi una maggioranza di governo. Una tremenda via crucis dove la liturgia trasfigura troppo facilmente nei connotati delle da lui tanto vituperate Prima e Seconda Repubblica. Una domanda sorge spontanea: quale differenza c’è tra le accuse mosse a Berlusconi sulla presunta compravendita di senatori nel 2008 e il fatto di incontrare privatamente (e solo Grillo ha chiesto che l’incontro fosse ripreso) altre forze partitiche per incassarne il consenso? Perché - sia ben chiaro – è francamente difficile credere che in questi incontri ci si limiti a parlare di programmi…E’ nell’accettare questo tipo di politica che Renzi ha dismesso in un sol colpo gli aggettivi di nuovo, giovane e innovatore. Pippo Civati, uno dei suoi avversari nelle recenti primarie per la guida del Partito Democratico, gli ha chiesto che cosa resta dei suoi slogan: Se vinco le primarie mai più larghe intese ; Io contro Letta? una barzelletta ; Con me segretario del Pd, Letta sarà più forte ; Palazzo Chigi no, no, no , Enrico stai sereno, nessuno vuole il tuo posto . E’ facile immaginare che la stessa domanda se la pongano anche molti tra quei pochi elettori che l’hanno votato durante la consultazione del Pd.

Il problema dell’Italia è tutto qui: se il buongiorno si vede dal mattino, il pomeriggio sarà un tramonto da incubo. Com’è possibile non comprendere che per modificare un sistema asfittico e marcio è necessario prima di tutto non accettare le regole del gioco più odiate, cioè quelle che portano al consociativismo, alla spartizione del bottino, al potere finalizzato al potere. Nelle parole di Grillo ci sono tanti luoghi comuni, tanto odio e tanto pregiudizio. Ma c’è anche la constatazione dei limiti della politica tradizionale, quella che a parole si spaccia per nuova, ma che continua a essere autoreferenziale. Enrico Letta, nei suoi ultimi giorni, è stato scaricato da tutti i “poteri forti” italiani, poi la transumanza si è affrettata a salire sul carro di Renzi. Ed è proprio nell’averli accolti a braccia aperte che sta il peccato originale del giovane vecchio del Pd. Ha accettato di giocare secondo le loro regole, quelle che hanno condotto l’Italia dov’è oggi: in bilico sul dirupo. Magari saremo tutti colpiti da effetti speciali, ma gli italiani sono stufi di fare gli equilibristi e i funamboli su quella corda che da anni i politici italiani hanno teso, ipotecando il loro benessere.

LA VOCE DELLA RUSSIA.


FUCILATA DELLA ''VOCE DELLA RUSSIA'' / MATTEO RENZI: SE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO, LA SERA UN TRAMONTO DA INCUBO.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Renzi   Grillo   La Voce della Russia   attacco frontale   Letta   Berlusconi    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO DEBITO-PIL AL 2,4%)

GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO

mercoledì 24 maggio 2017
LONDRA - In diverse occasioni abbiamo parlato di miracolo economico ungherese perche', al contrario delle nazioni dell'area euro, l'Ungheria ha ridotto le tasse e le bollette di luce, acqua, gas e
Continua
 
VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA LE ALTRE DUE KAPUTT

VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA

mercoledì 24 maggio 2017
La vicenda delle tre banche italiane da salvare, MPS, BPVI e VenetoBanca sembra assumere sempre più i contorni della farsa se non della tragedia. Mentre i tedeschi hanno sistemato le loro
Continua
BCE VUOLE CONDIZIONARE LE SCELTE POLITICHE DEI PAESI DELL'EURO A PARTIRE DALL'ITALIA (CHI LE DA' IL DIRITTO DI FARLO?)

BCE VUOLE CONDIZIONARE LE SCELTE POLITICHE DEI PAESI DELL'EURO A PARTIRE DALL'ITALIA (CHI LE DA' IL

mercoledì 24 maggio 2017
FRANCOFORTE - Ormai, la Bce si comporta non più come una banca, ma come fosse a capo della Ue con il diritto di veto e critica su stati, governi, elezioni. Questa sua invadenza ormai non ha
Continua
 
IL KAMIKAZE ISLAMICO DI MANCHESTER HA UCCISO IN NOME DI ALLAH BAMBINI INNOCENTI ANDATI A SENTIRE UN CONCERTO

IL KAMIKAZE ISLAMICO DI MANCHESTER HA UCCISO IN NOME DI ALLAH BAMBINI INNOCENTI ANDATI A SENTIRE UN

martedì 23 maggio 2017
LONDRA - Un "attacco codardo contro persone innocenti e giovani indifesi". Cosi' la premier britannica Theresa May ha definito l'attentato kamikaze di ieri sera alla Manchester Arena, che ha
Continua
KAMIKAZE ISLAMICO FA STRAGE DI ADOLESCENTI A UN CONCERTO A MANCHESTER (22 MORTI) E SUL WEB ALTRI ISLAMICI LO FESTEGGIANO

KAMIKAZE ISLAMICO FA STRAGE DI ADOLESCENTI A UN CONCERTO A MANCHESTER (22 MORTI) E SUL WEB ALTRI

martedì 23 maggio 2017
MANCHESTER - La "massiccia esplosione" avvenuta la notte scorsa nella MANCHESTER arena, proprio alla fine del concerto di Ariana Grande, sarebbe avvenuta nel foyer dell'Arena, nella zona
Continua
 
LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA'

lunedì 22 maggio 2017
LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ARTICOLO BOMBA DEL DER SPIEGEL: ''L'UNIFICAZIONE EUROPEA E' SEMPRE STATA UN PROGETTO DELLE ELITE CONTRO LE PERSONE''

ARTICOLO BOMBA DEL DER SPIEGEL: ''L'UNIFICAZIONE EUROPEA E' SEMPRE STATA UN PROGETTO DELLE ELITE
Continua

 
DRAGHI FESTEGGIA 437 MILIONI DI EURO LUCRATI SUI BOND DELLA GRECIA, OXFORD E CAMBRIDGE DENUNCIANO CATASTROFE SANITARIA

DRAGHI FESTEGGIA 437 MILIONI DI EURO LUCRATI SUI BOND DELLA GRECIA, OXFORD E CAMBRIDGE DENUNCIANO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!