52.860.958
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RENZI VUOLE TASSARE LE RENDITE FINANZIARIE? ''ERRORE CATASTROFICO, FARA' SCHIZZARE LO SPREAD ALLE STELLE'' (PROF.BORGHI)

venerdì 21 febbraio 2014

MILANO - La più nota delle genialate di Matteo Renzi riguarda la tassazione delle rendite finanziarie, che per altro rappresenta il 1° comandamento della sinistra dagli anni Cinquanta ad oggi.

Il secondo comandamento sinistro riguardava l'indicizzazione degli stipendi all'inflazione, si chiamava "scala mobile" ed era essa stessa il motore dell'inflazione. Fu schiantata da Craxi con una legge poi confermata dal referendum popolare voluto dall'allora Pci e perso dall'allora Pci clamorosamente. Gli italiani si dimostrarono molto più intelligenti dei caporioni del partito comunista italiano.

Oggi Renzi che d'economia pare capirne poco, ci riprova a camminare nel solco della cretineria politica dei suoi antenati di partito. Ma putroppo per lui, in Italia esistono valenti economisti, uno dei quali Claudio Borghi Aquilini, professore d'Economia all'Università Cattolica di Milano. E questa sua "genialata" è subito smascherata

"Tassare i titoli di Stato italiani al 20% come vuole Renzi farà schizzare lo spread alle stelle", denuncia il professore. Infatti, tra le tre riforme cardine annunciate da Matteo Renzi c’è anche quella del Fisco, la cui idea chiave sarebbe un incremento dell’imposizione sulle rendite finanziarie. Attualmente l’aliquota per quanto riguarda le azioni, le obbligazioni e i fondi comuni d’investimento è al 20%, mentre quella sui titoli di Stato è al 12,5%. Gli economisti del premier starebbero però pensando a un inasprimento di entrambe. 

Professor Borghi Aquilini, fino a che punto quella proposta da Renzi è un’idea innovativa? 

Non si tratta di un’idea innovativa, in quanto l’aumento delle tasse sulle rendite finanziarie è già stata voluta da Tremonti con la manovra del 2011. L’imposta sulle rendite finanziare era al 12,5% (salvo che sugli interessi bancari, dove ammontava al 27%) ed è stata portata al 20%. Si è scelto inoltre di introdurre il bollo, portando la tassazione totale a livelli estremamente elevati. In parte l’aumento dello spread è stato innescato proprio da questa nuova tassa voluta da Tremonti. 

In che senso tassare le rendite può fare aumentare lo spread? 

Non appena i risparmiatori si sono visti colpire dalla nuova imposta di bollo, che nella sua formulazione iniziale doveva essere progressiva, hanno subito iniziato a vendere i titoli italiani per mettere i soldi sotto il materasso. Da lì sono iniziate le prime vendite di Btp, che poi si sono alimentate con quelle della Deutsche Bank. 

Insomma, lo spread è iniziato a salire per un errore di politica fiscale? 

Nel momento stesso in cui il governo italiano ha “criminalizzato” i risparmi, quanti avevano investito i loro averi in titoli di Stato hanno subito venduto senza neanche attendere la formulazione definitiva della manovra. In un primo momento si era pensato di aumentare l’imposta al 20% per tutti, in un secondo momento si è deciso di lasciarla al 12,5% solo per i titoli di Stato italiani, ma nel frattempo, per usare una metafora, i buoi erano già scappati dalla stalla. L’imposta di bollo inoltre ha riguardato l’intero stock di risparmio, colpendo quindi gli stessi Btp. 

Il risparmio è un bene che andrebbe tutelato da qualsiasi inasprimento fiscale? 

Sì. Il fatto di tassare il risparmio, o di introdurre delle altre forme di patrimoniale, produce sempre degli shock sui contribuenti. Chiunque possiede una casa o dei risparmi non ha più quella tranquillità che aveva prima, e che un tempo consentiva all’economia italiana di assorbire bene qualsiasi rovescio. Nel momento stesso in cui si aggrediscono i risparmiatori, si producono dei comportamenti irrazionali o controproducenti. 

Questi effetti controproducenti rischiano di ripetersi? 

Adesso si sta parlando nuovamente di alzare la tassazione sui titoli di Stato italiani portandola al 20%. L’effetto sarà quello di alzare nuovamente lo spread, in quanto i risparmiatori del nostro Paese hanno ovviamente molti più titoli di Stato italiani che tedeschi. 

I difensori della nuova tassa affermano che in questo modo si equipara l’imposizione fiscale italiana a quella degli altri Paesi Ue. Lei che cosa ne pensa? 

Affermare che le tasse sulle rendite nel nostro Paese sarebbero più basse che altrove è soltanto una mistificazione. Nei Paesi Bassi, per esempio, sono dello 0%, e quasi tutti gli altri Stati hanno dei sistemi per cui quanto più a lungo un risparmiatore rimane in possesso di un titolo, tanto più si abbassa il prelievo fiscale. 

Il professor Borghi Aquilini non lascia adito a dubbi di sorta: la politica fiscale di Matteo Renzi - sempre ammesso riesca a sopravviere in Parlamento fino al momento in cui se ne discuterà, è una scemenza che produrrà danni definitivi all'Italia.

L'intervista al Professor Borghi Aquilini è di Pietro Vernizzi per ilsussidiario.net - che ringraziamo.

 


RENZI VUOLE TASSARE LE RENDITE FINANZIARIE? ''ERRORE CATASTROFICO, FARA' SCHIZZARE LO SPREAD ALLE STELLE'' (PROF.BORGHI)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Renzi   tassazione   rendite finanziarie   spread   errore   catastrofico   titoli di stato   Btp   Bot    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
 
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua
 
RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO SCHIAVISMO CON L'OK DELLA UE

RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO

sabato 14 ottobre 2017
Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall'ortofrutta sudamericana alle nocciole turche, gli scaffali dei supermercati dell'Unione Europea sono invasi dalle importazioni di prodotti
Continua
''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER, INVENTORE DELLA FLAT TAX

''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER,

mercoledì 11 ottobre 2017
“Sono molto preoccupato per l’unione europea. Francamente quando hai tutti quei paesi gestiti da un governo non eletto, finisci col rimetterci in termini di competizione, oltre che a
Continua
 
IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO DELL'AUSTRIA!'' MA E' UNA CALUNNIA

IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO

mercoledì 11 ottobre 2017
LONDRA - Il prossimo governo austriaco potrebbe avere al suo interno una componente di "estrema destra", quella che il quotidiano laburista britannico The Guardian oggi, in un articolo in prima
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NEL 2013 SONO STATI COSTRUITI IN ITALIA 26.000 (VENTISEIMILA!) IMMOBILI ABUSIVI SCONOSCIUTI ALLO STATO (ESENTASSE)

NEL 2013 SONO STATI COSTRUITI IN ITALIA 26.000 (VENTISEIMILA!) IMMOBILI ABUSIVI SCONOSCIUTI ALLO
Continua

 
VENETO DISTRUTTO / SOFFERENZE BANCARIE: +337% A VERONA, +303% A PADOVA. +362% A VENEZIA, +420% A TRIESTE, +236% A ROVIGO

VENETO DISTRUTTO / SOFFERENZE BANCARIE: +337% A VERONA, +303% A PADOVA. +362% A VENEZIA, +420% A
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!