62.116.393
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RENZI VUOLE TASSARE LE RENDITE FINANZIARIE? ''ERRORE CATASTROFICO, FARA' SCHIZZARE LO SPREAD ALLE STELLE'' (PROF.BORGHI)

venerdì 21 febbraio 2014

MILANO - La più nota delle genialate di Matteo Renzi riguarda la tassazione delle rendite finanziarie, che per altro rappresenta il 1° comandamento della sinistra dagli anni Cinquanta ad oggi.

Il secondo comandamento sinistro riguardava l'indicizzazione degli stipendi all'inflazione, si chiamava "scala mobile" ed era essa stessa il motore dell'inflazione. Fu schiantata da Craxi con una legge poi confermata dal referendum popolare voluto dall'allora Pci e perso dall'allora Pci clamorosamente. Gli italiani si dimostrarono molto più intelligenti dei caporioni del partito comunista italiano.

Oggi Renzi che d'economia pare capirne poco, ci riprova a camminare nel solco della cretineria politica dei suoi antenati di partito. Ma putroppo per lui, in Italia esistono valenti economisti, uno dei quali Claudio Borghi Aquilini, professore d'Economia all'Università Cattolica di Milano. E questa sua "genialata" è subito smascherata

"Tassare i titoli di Stato italiani al 20% come vuole Renzi farà schizzare lo spread alle stelle", denuncia il professore. Infatti, tra le tre riforme cardine annunciate da Matteo Renzi c’è anche quella del Fisco, la cui idea chiave sarebbe un incremento dell’imposizione sulle rendite finanziarie. Attualmente l’aliquota per quanto riguarda le azioni, le obbligazioni e i fondi comuni d’investimento è al 20%, mentre quella sui titoli di Stato è al 12,5%. Gli economisti del premier starebbero però pensando a un inasprimento di entrambe. 

Professor Borghi Aquilini, fino a che punto quella proposta da Renzi è un’idea innovativa? 

Non si tratta di un’idea innovativa, in quanto l’aumento delle tasse sulle rendite finanziarie è già stata voluta da Tremonti con la manovra del 2011. L’imposta sulle rendite finanziare era al 12,5% (salvo che sugli interessi bancari, dove ammontava al 27%) ed è stata portata al 20%. Si è scelto inoltre di introdurre il bollo, portando la tassazione totale a livelli estremamente elevati. In parte l’aumento dello spread è stato innescato proprio da questa nuova tassa voluta da Tremonti. 

In che senso tassare le rendite può fare aumentare lo spread? 

Non appena i risparmiatori si sono visti colpire dalla nuova imposta di bollo, che nella sua formulazione iniziale doveva essere progressiva, hanno subito iniziato a vendere i titoli italiani per mettere i soldi sotto il materasso. Da lì sono iniziate le prime vendite di Btp, che poi si sono alimentate con quelle della Deutsche Bank. 

Insomma, lo spread è iniziato a salire per un errore di politica fiscale? 

Nel momento stesso in cui il governo italiano ha “criminalizzato” i risparmi, quanti avevano investito i loro averi in titoli di Stato hanno subito venduto senza neanche attendere la formulazione definitiva della manovra. In un primo momento si era pensato di aumentare l’imposta al 20% per tutti, in un secondo momento si è deciso di lasciarla al 12,5% solo per i titoli di Stato italiani, ma nel frattempo, per usare una metafora, i buoi erano già scappati dalla stalla. L’imposta di bollo inoltre ha riguardato l’intero stock di risparmio, colpendo quindi gli stessi Btp. 

Il risparmio è un bene che andrebbe tutelato da qualsiasi inasprimento fiscale? 

Sì. Il fatto di tassare il risparmio, o di introdurre delle altre forme di patrimoniale, produce sempre degli shock sui contribuenti. Chiunque possiede una casa o dei risparmi non ha più quella tranquillità che aveva prima, e che un tempo consentiva all’economia italiana di assorbire bene qualsiasi rovescio. Nel momento stesso in cui si aggrediscono i risparmiatori, si producono dei comportamenti irrazionali o controproducenti. 

Questi effetti controproducenti rischiano di ripetersi? 

Adesso si sta parlando nuovamente di alzare la tassazione sui titoli di Stato italiani portandola al 20%. L’effetto sarà quello di alzare nuovamente lo spread, in quanto i risparmiatori del nostro Paese hanno ovviamente molti più titoli di Stato italiani che tedeschi. 

I difensori della nuova tassa affermano che in questo modo si equipara l’imposizione fiscale italiana a quella degli altri Paesi Ue. Lei che cosa ne pensa? 

Affermare che le tasse sulle rendite nel nostro Paese sarebbero più basse che altrove è soltanto una mistificazione. Nei Paesi Bassi, per esempio, sono dello 0%, e quasi tutti gli altri Stati hanno dei sistemi per cui quanto più a lungo un risparmiatore rimane in possesso di un titolo, tanto più si abbassa il prelievo fiscale. 

Il professor Borghi Aquilini non lascia adito a dubbi di sorta: la politica fiscale di Matteo Renzi - sempre ammesso riesca a sopravviere in Parlamento fino al momento in cui se ne discuterà, è una scemenza che produrrà danni definitivi all'Italia.

L'intervista al Professor Borghi Aquilini è di Pietro Vernizzi per ilsussidiario.net - che ringraziamo.

 


RENZI VUOLE TASSARE LE RENDITE FINANZIARIE? ''ERRORE CATASTROFICO, FARA' SCHIZZARE LO SPREAD ALLE STELLE'' (PROF.BORGHI)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Renzi   tassazione   rendite finanziarie   spread   errore   catastrofico   titoli di stato   Btp   Bot    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NEL 2013 SONO STATI COSTRUITI IN ITALIA 26.000 (VENTISEIMILA!) IMMOBILI ABUSIVI SCONOSCIUTI ALLO STATO (ESENTASSE)

NEL 2013 SONO STATI COSTRUITI IN ITALIA 26.000 (VENTISEIMILA!) IMMOBILI ABUSIVI SCONOSCIUTI ALLO
Continua

 
VENETO DISTRUTTO / SOFFERENZE BANCARIE: +337% A VERONA, +303% A PADOVA. +362% A VENEZIA, +420% A TRIESTE, +236% A ROVIGO

VENETO DISTRUTTO / SOFFERENZE BANCARIE: +337% A VERONA, +303% A PADOVA. +362% A VENEZIA, +420% A
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!