50.756.019
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PRONTI CONTRO TERMINE E CONTI DEPOSITO: LO SAPETE CHE POTRESTE PERDERE TUTTO SENZA RIMBORSI?

giovedì 20 febbraio 2014

La cosiddetta “finanza ombra”, ovvero la possibilità da parte delle banche di creare denaro dal nulla attraverso la vendita dei finanziamenti erogati ai propri clienti a società di comodo per concederne di nuovi senza avere materialmente denaro in cassa per poterlo fare, non è un affare riservato agli squali della finanza, per cui basterebbe proibirla per ritornare ad un mercato più sano, anzi.

La finanza ombra, con i suoi prodotti strutturati, è penetrata anche nel salvadanaio dei piccoli risparmiatori tradizionalmente poco inclini ad assumersi rischi di perdita di capitale per avere rendimenti alti. E si sono intrufolati con gli strumenti apparentemente più innocui e sicuri per la classica famiglia risparmiatrice.

Stiamo parlando dei conti deposito e dei pronti contro termine.

Sia chiaro, non vogliamo creare inutili allarmismi, ma far comprendere ai lettori come anche strumenti all’apparenza semplici possano nascondere al loro interno strutture estremamente complicate e come il voler semplicemente cancellare i prodotti derivati con un colpo di penna potrebbe avere implicazioni estremamente gravi sul risparmio reale dei cittadini.

I conti deposito sono considerati dei “parcheggi” per la liquidità delle famiglie che in cambio di un vincolo normalmente breve (dai 6 ai 18 mesi), offrono una remunerazione maggiore rispetto al classico conto corrente. Tale vincolo deriva dal fatto che le somme vengono investite in prodotti finanziari da parte della banca che hanno a loro volta una scadenza e che nel corso della loro durata offrono un tasso d’interesse come contropartita. Una parte del tasso viene trattenuta dalla banca ed una parte erogata al cliente del conto deposito. In molti casi, questi investimenti vengono effettuati su strumenti derivati anche ad alto rischio, normalmente su cartolarizzazioni di debiti “ballerini” o su obbligazioni della stessa banca emittente. In caso di fallimento o azzeramento dei titoli sottostanti, il conto deposito è garantito “teoricamente” fino a 100.000 euro. Diciamo teoricamente perché se dovessimo trovarci in presenza di un fallimento sistemico dei prodotti derivati, il fondo di garanzia ben difficilmente sarebbe in grado di coprire tutte le perdite.

Analogo discorso vale per i pronti contro termine, dove il rischio è ancora più elevato perché non esiste alcuna garanzia di restituzione del capitale.

Normalmente l’operazione funziona in questo modo: la banca cede la proprietà di alcuni titoli che ha in portafoglio ad alcuni investitori per un breve arco di tempo (3, 6, 12 mesi), ed alla scadenza li riacquista ad un tasso prefissato, che rappresenta il guadagno per il risparmiatore.

Per lungo periodo i pronti contro termine utilizzavano come sottostante, titoli di stato considerati sicuri per definizione; poi, nel corso del tempo, le banche hanno iniziato ad usare obbligazioni e prodotti strutturati, specie verso fine anno. Per quale motivo? Semplice, cedendo temporaneamente la proprietà del titolo a ridosso del 31/12, le banche hanno così la possibilità di scaricare sui risparmiatori titoli considerati rischiosi, migliorando i propri parametri di qualità e solvibilità in bilancio, dato che quei titoli “per magia” sono scomparsi dal loro patrimonio, per poi ritornarvi tra gennaio e febbraio.

La cosa ancora più sconcertante è che la maggior parte degli interessi di questi prodotti strutturati non viene riconosciuta all’investitore, che si accolla il rischio, ma non il guadagno, se non in parte limitata.

Naturalmente questi prodotti il più delle volte godono delle famose doppie o triple A delle società di rating, quindi considerati assolutamente sicuri, anche se la realtà ha dimostrato l’esatto contrario.

Ribadiamo, non vogliamo scatenare alcun panico ingiustificato, ma evidenziare che alcuni investimenti considerati “sicuri” in realtà lo sono di meno e vanno considerati con maggiore attenzione.

Del pari, dobbiamo necessariamente segnalare che l’opera di bonifica dell’economia dalla finanza ombra e dai suoi prodotti non può essere condotta con repentine cancellazioni ed azzeramenti di titoli, perché questo comporterebbe l’azzeramento del risparmio di milioni di famiglie che tutto possono essere considerate tranne che speculatori incalliti.

L’operazione di “bonifica” dovrebbe partire con gradualità, ponendo divieti a nuove emissioni di strumenti derivati su determinate tipologie di prodotti, passando successivamente per una “emersione” dei veicoli finanziari utilizzati ed infine con la netta separazione tra banche d’investimento e banche generiche, con chiare limitazioni all’uso di strumenti strutturati da parte di queste ultime.

La cancellazione repentina dei vari strumenti derivati, tutto sommato, farebbe più comodo alle banche che ai risparmiatori, in quanto potrebbero eliminare il rischio di insolvenza scaricando l’azzeramento del valore dei prodotti su milioni di piccoli e medi risparmiatori. Infatti le società che emettono i prodotti derivati, pur essendo emanazione delle banche, non compaiono nei loro bilanci, per cui le banche, in caso di azzeramento in forza di legge degli strumenti derivati, non avrebbero obblighi nei confronti dei risparmiatori e le loro società situate nei paradisi fiscali si limiterebbero a chiudere i battenti. Tuttavia, l’azzeramento dei prodotti provocherebbe l’azzeramento del sottostante di molti pronti contro termine (privi di garanzia per i risparmiatori) e di conti depositi (garantiti teoricamente dal fondo di garanzia fino a 100.000), ovvero di strumenti d’investimento prediletti da milioni di piccoli risparmiatori e non certo dai grandi squali della finanza che preferiscono operare su mercati non regolamentati o con transazioni private.

Come sempre, è necessario prestare la massima attenzione  a non gettare il bambino con l’acqua sporca, perché uno simile shock potrebbe rappresentare la fine del mondo occidentale così come lo conosciamo e milioni di persone ridotte alla povertà più assoluta.

Luca Campolongo 

www.sosimprese.info

consulenza@sosimprese.info


PRONTI CONTRO TERMINE E CONTI DEPOSITO: LO SAPETE CHE POTRESTE PERDERE TUTTO SENZA RIMBORSI?




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MILTON FRIEDMAN (PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA) SCRIVE ''L'EURO E' UN SOVIET: BRUXELLES E FRANCOFORTE AL POSTO DEL MERCATO''

MILTON FRIEDMAN (PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA) SCRIVE ''L'EURO E' UN SOVIET: BRUXELLES E FRANCOFORTE
Continua

 
DIBATTITI / IL PREMIO NOBEL STIGLITZ ''CON LE ELEZIONI EUROPEE VA RIDATA AUTONOMIA AI POPOLI, LA UE NON FUNZIONA

DIBATTITI / IL PREMIO NOBEL STIGLITZ ''CON LE ELEZIONI EUROPEE VA RIDATA AUTONOMIA AI POPOLI, LA UE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!