42.266.259
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL LIBRO DEI SOGNI DI LETTA? UN INCUBO DA DIECI MILIARDI DI EURO (DA TROVARE, SE NO SONO SOLO CHIACCHIERE)

lunedì 29 aprile 2013

Roma - Stop al pagamento della rata Imu di giugno sulla prima casa in vista di una riforma complessiva (che potrebbe includere anche la Tares), no all'aumento dell'Iva e priorita' al lavoro, a partire da incentivi per chi assume e dalla riduzione dei costi. E ancora, ammortizzatori sociali, forme di reddito minimo per le famiglie bisognose e una soluzione strutturale per gli esodati. E' questa la road map indicata dal presidente del Consiglio Enrico Letta che secondo alcuni primi calcoli, implicherebbe interventi per circa 10 miliardi. Una prima 'tornata' di misure potrebbe essere presentata nel giro di un mese e mezzo. La partita piu' dura, dal punto di vista delle coperture finanziarie, il governo dovra' giocarla sul fronte fiscale ma la vera emergenza e' quella del lavoro, a partire dalla cig. 

Congelare i pagamenti della rata Imu di giugno richiedera' 4 miliardi su base annua per compensare i mancati incassi. Nel 2012 il gettito Imu e' stato di circa 23,7 miliardi, di cui appunto 4 mld dall'abitazione principale. L'obiettivo e' di bloccare i pagamenti a giugno per prendere tempo e arrivare a una soluzione entro dicembre. Una sorta di moratoria che consenta nel frattempo di trovare le coperture alternative. Una delle strade percorribili per una revisione del sistema potrebbe essere l'aumento della detrazione base attualmente a 200 euro (la vecchia proposta del Pd era di portarla a 400-500 euro, magari compensandola con un intervento sui grandi patrimoni). Un'altra ipotesi potrebbe essere quella di agire sulle esenzioni. Sul fronte fiscale c'e' anche la sterilizzazione dell'aumento dell'Iva dal 21 al 22% che scattera' a luglio. Per evitarlo serviranno circa 2 miliardi. C'e' poi da affrontare il capitolo Tares, la nuova tassa sui rifiuti e servizi che rischia di diventare una vera e propria stangata di fine anno. Un rinvio costerebbe un altro miliardo.

Ma la prima emergenza che il governo Letta dovra' affrontare sara' appunto quella del lavoro, con una disoccupazione in crescita, soprattutto tra i giovani, e il problema del rifinanziamento della cassa integrazione in deroga per l'intero 2013. La cig in deroga e' coperta infatti solo fino a giugno. Secondo i sindacati circa mezzo milione di lavoratori, dopo aver perso il posto, rischia di restare anche senza sostegno al reddito. Per le organizzazioni sindacali servono 1,5 miliardi di euro per poter garantire tutto il 2013 e chiudere l'ultima coda del 2012. Tra i nodi da sciogliere quello degli esodati. In totale sono state salvaguardate circa 130.000 persone ma ne restano fuori ancora parecchie migliaia. Il numero esatto di soggetti interessati e' ancora sconosciuto cosi' come l'ammontare delle risorse necessarie. Sul fronte del pubblico impiego le questioni aperte sono diverse: c'e' da gestire lo smaltimento degli esuberi, il blocco degli aumenti contrattuali e degli scatti d'anzianita', per cui non e' ancora stato firmato il decreto, e soprattutto i contratti dei precari che scadono il 31 luglio.

Secondo i sindacati, se tale scadenza non verra' modificata, almeno 100mila lavoratori rischiano di rimanere senza lavoro. Vanno inoltre trovate subito le risorse (circa 400-500 milioni) sia per il bonus del 55% per l'efficienza energetica sia per quello delle ristrutturazioni edilizie nella versione del 50% che vanno in scadenza il 30 giugno (dal 1 luglio si tornera' al 36%). Servono poi i fondi per rifinanziare i contratti di servizio con Fs, Anas e Poste (circa 400 milioni). Infine le spese indifferibili, ossia il finanziamento delle missioni militari all'estero che si aggirerebbe intorno ai 200-500 milioni. 

Fonte: Agi


IL LIBRO DEI SOGNI DI LETTA? UN INCUBO DA DIECI MILIARDI DI EURO (DA TROVARE, SE NO SONO SOLO CHIACCHIERE)




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL DISCORSO DI LETTA IN PILLOLE. DA DEGLUTIRE SENZ'ACQUA...

IL DISCORSO DI LETTA IN PILLOLE. DA DEGLUTIRE SENZ'ACQUA...

 
SCOOP DEL CORRIERE DELLA SERA: SCOVATA LA BARCA DI RICCARDO BOSSI: E' IN TUNISIA, IN UN PORTICCIOLO VICINO AD HAMMAMET.

SCOOP DEL CORRIERE DELLA SERA: SCOVATA LA BARCA DI RICCARDO BOSSI: E' IN TUNISIA, IN UN PORTICCIOLO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SARDEGNA, LA GIUNTA REGIONALE VA IN PEZZI, TRAVOLTA DAL COLOSSALE

7 dicembre - CAGLIARI - Il Pd si sgretola in Sardegna. ''L'assessora regionale
Continua

IL TESORO SBUGIARDA (BUFALA) DELLA STAMPA DI TORINO: NIENTE FONDO

7 dicembre - ''Smentiamo che sia in preparazione una richiesta di prestiti al Fondo
Continua

LA LEGA CHIEDE UFFICIALMENTE CHE LA CORTE COSTITUZIONALE ANTICIPI

6 dicembre - ROMA - PARLAMENTO - La Lega - riunita con il segretario Matteo Salvini -
Continua

RENZI HA NOMINATO LA COMANDANTE DEI VIGILI DI FIRENZE ''CONSIGLIERE

6 dicembre - Nonostante il crollo del governo, ha una sorta di assicurazione a vita
Continua

CORTE COSTITUZIONALE: UDIENZA SU ITALICUM IL 24 GENNAIO (ADDIO

6 dicembre - La Corte costituzionale ha fissato per l'udienza del 24 gennaio 2017 la
Continua

SALVINI: ANDIAMO A COSTRUIRE UNA GRANDE ALLEANZA PER SCONFIGGERE

6 dicembre - ''Con Forza Italia ci sono stati contatti positivi. Noi andiamo a
Continua

''EFFETTO SCHIANTO RENZI'' COME ''EFFETTO BREXIT'': LA BORSA VOLA,

6 dicembre - MILANO - BORSA - Ora si può parlare apertamente di ''effetto Renzi''
Continua

LO SPREAD NON CRESCE, AL CONTRARIO CROLLA: OGGI A 158 PUNTI (1,92%)

6 dicembre - Altro sbugiardamento delle ''fosche previsioni'' dei soliti ''analisti''
Continua

LA MERKEL: ANCHE IN PROFUGHI VERRANNO RISPEDITI A CASA LORO (IN

6 dicembre - BERLINO - ''Non tutti'' i profughi entrati in Germania potranno
Continua

PROPOSTA M5S: APPLICHIAMO L'ITALICUM ANCHE AL SENATO E POI SUBITO

5 dicembre - ''Ora ci troviamo con due leggi elettorali tra Camera e Senato molto
Continua
Precedenti »