46.363.068
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL DISCORSO DI LETTA IN PILLOLE. DA DEGLUTIRE SENZ'ACQUA...

lunedì 29 aprile 2013

ROMA - Stop al pagamento dell'Imu di giugno, abolizione del finanziamento pubblico dei partiti, soppressione dello stipendio dei ministri, impegno per il superamento del'emergenza lavoro, reddito minimo per le famiglie in difficolta'. Enrico Letta si presenta alla Camera per chiedere la fiducia al suo ''temporaneo governo di servizio'' con un ricco carniere di annunci, tutti ancorati all'orizzonte europeo. Letta vuole usare la ''fionda di Davide'' per sconfiggere la crisi-Golia. E fa capire che non non intende vivacchiare: il neo premier da' diciotto mesi di tempo per approvare la riforma della Costituzione e cambiare sistema politico o non esitera' a lasciare l'incarico.

L'ULTIMA OPPORTUNITA' Letta esordisce ringraziando pubblicamente il capo dello Stato. Napolitano, ha chiesto a tutti ''di parlare il linguaggio della verita' , e raccogliendo il suo appello mi rivolgo a voi con il linguaggio sovversivo della verita' ''.

SITUAZIONE GRAVE. UE RESTA FARO L'analisi di Letta parte dalla considerazione che ''la situazione economica dell'Italia e' ancora grave''. E come dimostra la sparatoria di ieri di fronte a Palazzo Chigi ''il disagio rischia di trasformarsi in rabbia e conflitto''. Il lavoro di risanamento compiuto da Monti ha rappresentato ''la premessa'' per rendere possibile la crescita. Ma ora bisogna puntare senza indugio alla ripresa dell'economia. ''Di solo risanamento l'Italia muore''. Di piu': ''senza crescita e senza coesione l'Italia e' perduta''. Per farlo, pero', l'Italia deve restare ben agganciata all'Europa. Per dimostrare che il suo governo ''e' europeo ed europeista'', Letta da domani compira' un viaggio a Bruxelles, Berlino e Parigi. ''Pensare a un'Italia senza Europa e' la piu' pericolosa perdita di sovranita' ''

FISCO E IMU. La riduzione fiscale senza provocare nuovo indebitamento sara' ''un obiettivo continuo del governo''. Letta annuncia che a giugno non si paghera' la rata dell'Imu in attesa di ''una riforma complessiva'' delle imposte sulla casa. Il premier si prende anche l'impegno a rinunciare all'inasprimento dell'Iva. Poi Letta promette ''una ferrea lotta all'evasione'' condotta pero' da un ''fisco amico'': ''La parola Equitalia non deve provocare brividi''. LAVORO E

REDDITO MINIMO. La mancanza di lavoro e' ''la grande tragedia di questi tempi''. Ridare lavoro sara' ''la prima priorita' di questo governo''. Letta pensa anche a ''forme di reddito minimo per le famiglie bisognose con figli piccoli''. Per facilitare l'assunzione di giovani, possibili forme di part time per i lavoratori in attesa della pensione. Tra gli altri obiettivi, il rifinanziamento della cassa integrazione in deroga, il superamento del precariato anche nella pubblica amministrazione, la soluzione del problema degli esodati. Porte aperte al confronto con le forze sindacali: ''I sindacati saranno protagonisti''.

POLITICA RECUPERI DECENZA. Letta si mostra severo con i partiti. ''Bisogna recuperare decenza e sobrieta'', dice. ''Nessuno puo' sentirsi assolto dall'accusa di aver contaminato la politica con gesti, parole, opere e omissioni: ci sono stati 11 milioni di astenuti, sono il primo partito d'Italia, se non lo capiamo la politica e' finita'' E annuncia la soppressione dello stipendio dei ministri. Linea dura sul finanziamento pubblico dei partiti: dal '94 in poi si sono succedute ''leggi ipocrite'', ora la legge va abolita. Ma contestualmente va garantita la trasparenza e la democraticita' della vita dei partiti, attuando la Costituzione.

SE SI FALLISCE SCONFITTA DI TUTTI. Letta definisce il suo esecutivo un ''temporaneo governo di servizio''. Numerosi i suoi inviti a non rovinare il difficile equilibrio bipartisan: ''Come italiani o si vince o si perde tutti insieme''. Secondo Letta ''venti anni di attacchi hanno eroso la fiducia di un'opinione pubblica esausta per le troppe risse inconcludenti''.

LA FIONDA DI GOLIA. Letta si appoggia alla storia biblica del giovane Davide che sconfigge Golia. ''Come Davide dobbiamo spogliarci della spada e dell'armatura che abbiamo indossato finora e che ci ha appesantito. Come Davide noi dal torrente delle idee abbiamo scelto i nostri ciottoli: sono le nostre proposte di programma. La fionda l'abbiamo in mano: insieme governo e Parlamento''.

COSTITUZIONE. Letta spinge per una radicale riforma della Costituzione. La fiducia deve essere data da una sola Camera, l'altra puo' diventare una Camera delle autonomie. Le province vanno abolite. Si puo' pensare a una riorganizzazione delle regioni. La legge elettorale va cambiata (a titolo personale dice: meglio di questa anche il ritorno alla legge precedente, il mattarellum). Le riforme vanno appaltate a una convenzione della quale possano far parte anche membri esterni. Letta lega la vita del suo governo al successo di questo tentativo: ''tra 18 mesi verifichero' se il progetto e' avviato verso un porto sicuro. Se sara' cosi' il governo potra' continuare a lavorare, altrimenti non esiterei a trarne le conseguenze''. (ANSA).


IL DISCORSO DI LETTA IN PILLOLE. DA DEGLUTIRE SENZ'ACQUA...




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BOSSI: ''LETTA DOVE PRENDERA' I SOLDI PER FARE TUTTO QUELLO CHE DICE? IL SUO DISCORSO E' SCRITTO NEL LIBRO DEI SOGNI''.

BOSSI: ''LETTA DOVE PRENDERA' I SOLDI PER FARE TUTTO QUELLO CHE DICE? IL SUO DISCORSO E' SCRITTO
Continua

 
IL LIBRO DEI SOGNI DI LETTA? UN INCUBO DA DIECI MILIARDI DI EURO (DA TROVARE, SE NO SONO SOLO CHIACCHIERE)

IL LIBRO DEI SOGNI DI LETTA? UN INCUBO DA DIECI MILIARDI DI EURO (DA TROVARE, SE NO SONO SOLO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!