43.419.239
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PORTOGALLO / ''SE LE COSE RIMANGONO COSI', L'EUROPA E' ALLA FINE. CI SARANNO GRANDI SOLLEVAZIONI'' (EX PRESIDENTE SOARES)

martedì 18 febbraio 2014

Lisbona, i ferrovieri bloccano la stazione, è notizia di ora. Da quando la Troika (la delegazione formata dagli emissari di Banca Centrale Europea, Fondo Monetario Internazionale e Unione Europea) si è insediata in Portogallo, era l'aprile 2011, in seguito alla bocciatura della legge finanziaria da parte del parlamento (Assembleia da Republica) dell'allora governo di centro sinistra di José Socrates, il popolo portoghese ne ha viste davvero di tutti i colori. 

Dopo il governo socialista è arrivato quello di centro destra di Passos Coelho, attraverso le elezioni del giugno 2011. Da allora, l'esecutivo, per mantenere gli impegni presi da Socrates al termine del suo mandato, finito anticipatamente per via delle sue dimissioni (il socialista aveva provato a evitare il prestito economico fino all'ultimo) ha cominciato a tagliare la spesa pubblica e i servizi sociali. 

Se infatti tre anni fa, è stato concordato con la comunità internazionale un programma di aiuto da 78 miliardi di euro, il governo di centro destra ha dato il via a quella politica di austerity (dando l’impressione di andare oltre il necessario) che conosciamo molto bene anche in Italia. Sulla sua strada però, ha trovato più volte il Tribunal Constitucional (il tribunale costituzionale portoghese) che ha bocciato in successione: la norma che prevedeva il taglio di tredicesime e quattordicesime (luglio 2012), il taglio della tredicesima, del sussidio di disoccupazione e quello di malattia (aprile 2013). 

Il governo è riuscito invece recentemente ad approvare una nuova norma per le legge di bilancio (in vigore) imponendo un contributo straordinario di solidarietà (Ces) a tutti i pensionati, oltre a ulteriori sforbiciate ai settori già tagliati lo scorso anno. Una mossa essenziale per sostituire un altro stop del Tribunal Constitucional, quest'ultimo aveva infatti dichiarato illegale la proposta di tagliare il 10 % delle pensioni dei funzionari statali. 

Ma il governo di centro destra, “uno ne fa, cento ne pensa” si potrebbe dire, è notizia recente, infatti, quella di un'asta saltata all'ultimo. L'esecutivo del premier Coelho, aveva messo in vendita 85 opere dell’artista catalano Joan Miró. I quadri erano già a Londra, da Christie’s, e dovevano essere venduti fra il 4 e il 5 febbraio. Un gruppo di deputati socialisti aveva pensato di far ricorso prima che venisse svolta la sciagurata vendita per far “cassa” (le opere prima di finire in possesso dello stato, appartenevano in precedenza a una banca privata, il Banco Português de Negócios (BPN), poi nazionalizzata nel 2008 e quindi rivenduta a una società di capitali angolani) ma il Tar di Lisbona, aveva respinto la richiesta, dichiarandosi incompetente. Alla fine però i quadri rimangono dove sono, perchè la casa d'aste Christie’s si è convinta che non c'erano le condizioni per procedere e ora potrebbe chiedere un indennizzo di 5 milioni di euro. 

Morale della favola, i portoghesi si ritrovano una collezione unica nel suo genere (esclusa ovviamente quella della Fondazione Miró, a Barcellona) senza tuttavia averne mai visto un quadro, un disegno o una scultura fra gli 85 pezzi in questione. Passos Coelho ha dichiarato, nonostante tutto, che i quadri alla fine saranno venduti. 

E se il Portogallo è da pochi giorni tornata sul mercato, collocando 3 miliardi di titoli di Stato a 10 anni, ora prova a combattere l'evasione fiscale con un'idea davvero “creativa”. Il Governo di centro destra è pronta infatti a mettere in palio sessanta auto di lusso all’anno, grazie a delle lotterie settimanali a cui potrà partecipare chi si presenterà con uno scontrino ottenuto presso locali pubblici come caffetterie, ristoranti, meccanici, parrucchieri e altre imprese commerciali. 

Lavoratori, operai, sindacati, studenti, disoccupati e pensionati, manifestano e scendono in piazza da oltre due anni. Non si contano ormai più le iniziative popolari contro le manovre di austerity, presenti soprattutto a Lisbona e nelle maggiori città, quasi ogni settimana: venerdì scorso sono scesi in piazza persino i militari. La settimana prima i ferrovieri hanno bloccato le stazioni. Il piano di aiuti da 78 miliardi di euro targato Unione europea e Fondo monetario internazionale scadrà a maggio e già si parla di una una linea precauzionale di credito che il paese potrebbe chiedere. 

Nessuno però si chiede (o fa finta di non sapere) cosa pensa il popolo portoghese. Non è più una questione di “euroscetticismo”, bensì di sfiducia totale se addirittura un politico di spicco nazionale e internazionale (e non certo radicale) come Mário Soares, appartenente al Partito Socialista Portoghese e già ex premier e Presidente della Repubblica ha dichiarato più volte che: “se le cose rimangono così, sarà la fine del progetto europeo. Ci saranno però grandi reazioni e verranno dalle popolazioni. Non è solo nel mondo musulmano che i popoli si sollevano. L'Europa non è questa, deve essere invece uno spazio di dialogo e di benessere sociale” 

Daniele Coltrinari 


PORTOGALLO  / ''SE LE COSE RIMANGONO COSI', L'EUROPA E' ALLA FINE. CI SARANNO GRANDI SOLLEVAZIONI'' (EX PRESIDENTE SOARES)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Portogallo   Europa   Lisbona   stazione occupata   rivolta popolare   UE   pensionati   tassazione    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione
Continua
 
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IN GRECIA LO STATO SI SGRETOLA: MEDICI OCCUPANO SEDI GOVERNATIVE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

IN GRECIA LO STATO SI SGRETOLA: MEDICI OCCUPANO SEDI GOVERNATIVE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

 
''LA UE COME LO SFORTUNATO RE LEAR ESPRIME MINACCE FURIOSE, PERCHE' LE STIAMO PERMETTENDO DI GOVERNARCI? (THE TELEGRAPH)

''LA UE COME LO SFORTUNATO RE LEAR ESPRIME MINACCE FURIOSE, PERCHE' LE STIAMO PERMETTENDO DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!