44.199.243
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL GUARDIAN: ''L'EURO E' INCOMPATIBILE CON LE DEMOCRAZIE COSTITUZIONALI D'EUROPA'' (E' L'ACCUSA VERA E DEFINITIVA)

venerdì 14 febbraio 2014

Come riportato dal Guardian, ancora una volta le Corti supreme dei paesi dell'eurozona rigettano le misure di austerità imposte da Bruxelles tramite la Troika perché incostituzionali. Ciò evidenzia ancora di più l'incompatibilità tra l'euro e le democrazie costituzionali e spinge le finanze greche, nello specifico, di nuovo sull'orlo del baratro.

Ecco l'articolo del Guardian.

"I ministri delle finanze europei nel meeting di lunedì a Bruxelles esprimeranno inquietudine sulla resistenza di Atene ad adottare le riforme, mentre il governo greco valuta gli effetti di una sentenza dell'alta corte che annulla i tagli salariali alle forze di pubblica sicurezza concordati nell'ambito del piano di salvataggio del paese.

Il ministro greco dell'economia, Yannis Stournaras, si sta preparando per una lavata di capo – anche se al momento è il presidente di sessione per conto della Grecia, alla quale spetta attualmente la presidenza dell'Unione europea – visto che emergono evidenze di crescenti tensioni fra la sua nazione indebitata e i relativi creditori internazionali.

L'UE, la BCE e il FMI, che hanno già rinviato il completamento del loro ultimo monitoraggio sull'economia, hanno sottolineato che i fondi di salvataggio non arriveranno se la Grecia non riuscirà ad implementare norme che migliorino la concorrenza. Il governo del primo ministro Antonis Samaras, sempre più sotto assedio, ha dichiarato che non sarà in grado di mettere in pratica tutte le riforme, promettendo di proporre delle alternative per il fine settimana.

Lo stallo si presenta perché il  massimo organo giuridico della Grecia, il Consiglio di Stato, ha sfidato la fragile ripresa economica del paese stabilendo che i militari e la polizia vanno rimborsati per i tagli imposti quando Atene ha raggiunto un accordo per un secondo programma di salvataggio UE-FMI nel 2012. La sentenza, che è trapelata prima di essere annunciata ufficialmente, giudica  incostituzionali le misure di austerità.

Se applicata - e non si vede come possa non esserlo -  la decisione della Corte genererebbe uno strappo nei miglioramenti fiscali compiuti dalla Grecia da quando evitò per un pelo il fallimento, aggiungendo un onere compreso tra 500 milioni e 1 miliardo di € al budget estremamente compresso del governo.

Questo, dicono i funzionari, di fatto cancellerebbe l'avanzo primario di bilancio di 800 milioni di euro – prima degli interessi sul debito – che il governo sperava di ottenere nel 2013, il primo da diversi anni a questa parte. Il dato, che non dovrebbe essere annunciato ufficialmente prima di aprile, è stato accolto come una grande vittoria nel momento in cui la stretta di bilancio senza precedenti che la Grecia ha fatto sta causando un peso sempre maggiore su tutta la società greca. La fragile coalizione bipartitica di Atene aveva promesso che almeno il 70% dell'avanzo sarebbe stato utilizzato per eliminare i tagli e le cancellazioni dei benefici inflitti ai pensionati e ad altri cittadini greci che più erano stati colpiti dalla crisi.

"Il governo ha pochissimo spazio di manovra e la sentenza pone un altro problema, ha detto Paschos Mandravelis, un commentatore politico. "I margini sono così stretti, la situazione è ancora così critica che se la sentenza significa ora ulteriori misure di austerità, il governo potrebbe facilmente cadere."

Nella notte di domenica, mentre i funzionari si precipitavano a cercare altro denaro, la Corte segnalava che stava considerando gli appelli dei fondi di previdenza sociale e quelli di altri funzionari pubblici riguardo a interventi simili a quelli sullo stipendio delle forze armate, tra cui i professori universitari.

"Se sarà confermato e la sentenza sarà estesa ad altri dipendenti del settore pubblico, l’impatto sarà estremamente significativo," ha dichiarato al Guardian Giorgos Stathakis, ministro-ombra per lo sviluppo di Syriza, il principale partito di opposizione di sinistra radicale. "In questo momento i fondi potrebbero essere trovati solo nell'avanzo primario, ma la Grecia dovrebbe anche affrontare un ammanco fiscale nel 2014, il che rende le cose ancora più difficili.

"Il bilancio di previsione del 2014 si basa sul presupposto che l'economia crescerà e quindi molto dipenderà dalla recessione". Con Samaras che tenta disperatamente di evitare l'ulteriore implementazione di misure di austerità, gli addetti ai lavori dicono che il governo potrebbe trovare fondi dal recupero delle tangenti e dei conti bancari sequestrati ai funzionari corrotti.

Anche le tangenti sui contratti di vendita di armi, stimate in almeno 80 milioni di euro, potrebbero essere usate.

Le tensioni generate dal verdetto della Corte si sono ulteriormente aggravate a causa della opinione del  Commissario UE per gli affari monetari Olli Rehn, secondo cui Atene dovrà aspettare fino all'estate per cominciare le trattative per una cancellazione del debito. La Grecia aveva sperato di avviare tali colloqui in primavera quando avrebbe avuto la conferma ufficiale del suo avanzo di bilancio primario.

Articolo del quotidiano britannico "Guardian" tradotto da Voci dall'Estero" - che ringraziamo .


IL GUARDIAN: ''L'EURO E' INCOMPATIBILE CON LE DEMOCRAZIE COSTITUZIONALI D'EUROPA'' (E' L'ACCUSA VERA E DEFINITIVA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

democrazia   costituzione   euro   UE   Troika   default   corte costituzionale   Grecia   Atene   Bruxelles   Guardian    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL FINANCIAL TIMES: ''L'OMICIDIO PUBBLICO D LETTA DA PARTE DI RENZI UN GIORNO POTREBBE TORNARE A TORMENTARLO''

IL FINANCIAL TIMES: ''L'OMICIDIO PUBBLICO D LETTA DA PARTE DI RENZI UN GIORNO POTREBBE TORNARE A
Continua

 
UN CITTADINO SVIZZERO SCRIVE A BARROSO: ''LE LANCIO UNA SFIDA: FACCIA LO STESSO REFERENDUM NELLA UE, E VEDIAMO COME VA!''

UN CITTADINO SVIZZERO SCRIVE A BARROSO: ''LE LANCIO UNA SFIDA: FACCIA LO STESSO REFERENDUM NELLA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!