50.655.742
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RENZI PRONTO A SOSTITUIRE LETTA OTTENENDO ANCHE LA ''BENEVOLENZA'' DI FORZA ITALIA (PER LA LEGGE ELETTORALE, POI SI VOTA)

martedì 11 febbraio 2014

"La batteria del governo e' scarica, dobbiamo decidere se va ricaricata o cambiata". Matteo Renzi lancia all'assemblea dei deputati del Pd, dedicata sulla carta alla legge elettorale, il suo 'aut aut'. Non a Enrico Letta, ma al suo partito perche' e' proprio sul sostegno compatto del Pd che si basa qualsiasi ipotesi per sciogliere l'impasse.

Il presidente del Consiglio e' salito questa mattina al Quirinale, dove ieri sera si era intrattenuto per due ore il segretario del Pd, per parlare "delle prospettive di governo e delle scelte da fare". Fonti di palazzo Chigi hanno definito "positivo" l'incontro e certo arrivando a Milano per visitare i cantieri dell'Expo il premier e' parso tutt'altro che in procinto di fare quel passo indietro che in Transatlantico questa mattina si dava per scontato, o quasi.

Il patto di governo su cui si sta lavorando, ha spiegato, "sara' convincente e convincera' tutti i partiti, anche il Pd". E convincente dovra' essere perche' il sentimento prevalente tra i parlamentari Pd e' che si debba andare a un incarico a Renzi.

Il segretario avrebbe fatto ieri sera al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, un quadro allarmato della situazione. "Dopo un anno di legislatura, la crisi istituzionale e' ancora piu' profonda", ha spiegato oggi. E avrebbe escluso sia mini-rimpasto sia voto anticipato. La scelta dunque e' ormai circoscritta a Letta-bis o Renzi I e il segretario avrebbe dato la sua disponibilita', in caso maturassero le condizioni, ad accettare quello che i suoi definiscono "un sacrificio per il bene del Paese".

Con una maggioranza solida, magari anche allargata a Sel. Sull'esito del colloquio pero' radio Transatlantico non da' un'unica versione. C'e' chi dice che non sia andato bene per il segretario e che dunque si vada verso una conferma di Letta. E chi invece assicura che "la strada ormai e' segnata" e sara' il segretario ad andare a palazzo Chigi. Indicativo potrebbe essere il no di Maria Elena Boschi alla staffetta, mentre a favore dell'ipotesi giocano diversi fattori, non ultimo il tempo. "Questa legislatura ha utilizzato il 19% della barra vita e ha davanti a se' l'81%. La buttiamo via?", ha chiesto Renzi ai deputati cui certo la prospettiva di terminare il mandato non puo' dispiacere.

Tanto che qualcuno ipotizza, in caso Letta perseveri nel non voler mollare, un 'incidente' parlamentare per obbligarlo al gradne passo. Per Renzi il primo tema sono le riforme, a partire dalla legge elettorale.

"O questo passaggio lo portiamo a casa o salta l'Italia", ha ammonito Renzi.

A riprova della delicatezza del passaggio sul governo, l'esame della riforma slittera' certamente a venerdi' se non addirittura a lunedi'. Si aprono dunque 48 ore cruciali. Giovedi' alle 15 e' convocata la direzione del Pd per decidere. Da qui ad allora andranno avanti i contatti, anche tra Letta e Renzi.

Fonte: agenzie stampa.


RENZI PRONTO A SOSTITUIRE LETTA OTTENENDO ANCHE LA ''BENEVOLENZA'' DI FORZA ITALIA (PER LA LEGGE ELETTORALE, POI SI VOTA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Renzi   Letta   legge elettorale   Forza Italia   elezioni   legislatura   voto   Napolitano    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL TELEGRAPH: L'OLANDA HA PRONTA LA VIA PER USCIRE DALL'EURO, ECCO LA RELAZIONE TECNICA E PARTITO ANTI-EURO IN TESTA

IL TELEGRAPH: L'OLANDA HA PRONTA LA VIA PER USCIRE DALL'EURO, ECCO LA RELAZIONE TECNICA E PARTITO
Continua

 
SONDAGGIO ELETTORALE: IL CENTRODESTRA A UN SOFFIO DALLA VITTORIA AL PRIMO TURNO (CON NUOVA LEGGE ELETTORALE) E' AL 36,8%

SONDAGGIO ELETTORALE: IL CENTRODESTRA A UN SOFFIO DALLA VITTORIA AL PRIMO TURNO (CON NUOVA LEGGE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!