46.515.638
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL TELEGRAPH: L'OLANDA HA PRONTA LA VIA PER USCIRE DALL'EURO, ECCO LA RELAZIONE TECNICA E PARTITO ANTI-EURO IN TESTA

martedì 11 febbraio 2014

Bruno Waterfield commenta sul Telegraph un recente studio pubblicato dall'istituto internazionale di ricerca macroeconomica Capital Economics, già vincitore del Premio Wolfson per l'Economia nel 2012 con uno studio sul miglior modo per smantellare la moneta unica.

Secondo Capital Economics gli Olandesi avrebbero grandi vantaggi economici ad abbandonare sia l'euro che l'Unione Europea. Lo studio è stato commissionato dal politico "euroscettico" Geert Wilders, tuttora in testa ai sondaggi in Olanda.

L'articolo del Telegraph:

"Secondo un importante studio, ci sarebbero grandi benefici economici per gli olandesi se lasciassero l'UE. Secondo un recente studio, se l'Olanda abbandonasse euro e Unione Europea la famiglia media olandese starebbe meglio per l'equivalente di oltre 8000 sterline l'anno e il reddito nazionale olandese crescerebbe di oltre mille miliardi.

Lo studio sul Nexit, termine che designa una potenziale uscita dell'Olanda, condotto dalla sezione britannica della rispettabile società di ricerca Capital Economics,  riporta che ci sarebbero significativi benefici durante i prossimi due decenni se il paese cambiasse la sua appartenenza all'UE con uno status simile a quello che hanno Svizzera o Norvegia.

"Un'eventuale decisione di lasciare l'UE è prima di tutto una decisione sociale, culturale e politica. Ruota attorno a questioni che riguardano la sovranità nazionale, la cittadinanza e la libertà di autodeterminarsi," sostiene il report.

"Ci sono comunque anche delle buone ragioni per ritenere che un paese, svincolandosi dalla burocrazia di Bruxelles e diventando capace di prendere decisioni da solo, anziché lasciarsi imporre delle politiche in stile taglia-unica-adatta-a-tutti, trarrebbe dei benefici anche dal punto di vista economico."

La ricerca è stata colta al volo dagli euroscettici per contrastare quelli che essi ritengono degli avvertimenti allarmistici da parte di leaders del mondo delle imprese e politici mainstream sul presunto tracollo economico della Gran Bretagna se lasciasse l'UE.

"Questo report è significativo perché è stato prodotto da un gruppo di ricerca credibile della City. Non può essere liquidato tanto facilmente," ha dichiarato Douglas Carswell, un parlamentare conservatore del collegio elettorale di Clacton. "Dimostra che non siamo più soli. Non siamo solo noi britannici ad avere capito che l'integrazione europea è difettosa fin dalle basi. Noi siamo molto simili agli olandesi, un piccolo paese che ha prosperato commerciando su scala globale. Pensate cosa potrebbero essere paesi come i nostri in un tipo diverso di Europa."

Pur riconoscendo i rischi di un'uscita dall'UE, Capital Economics conclude il report sostenendo che l'Olanda, paese creditore dell'eurozona con rating AAA, starebbe meglio fuori dall'UE a causa della minaccia alla sua ricchezza a lungo termine posta dai problemi strutturali della moneta unica europea. "Ci sono ovviamente dei rischi a lasciare l'unione – e questi devono essere riconosciuti e affrontati da tutti nel momento in cui si considera il Nexit," dice il report.

"Ma ci sono anche dei rischi significativi nel restare dentro il blocco dei paesi che condividono una moneta che ha dei difetti fondamentali. Qui la nostra analisi mostra che l'Olanda farebbe meglio a riprendere il controllo del proprio destino, anzichè mantenere un atteggiamento del tipo 'si vedrà'." Il report conclude che il reddito nazionale olandese potrebbe crescere per un ammontare pari a 1500 miliardi entro il 2035, portando un aumento della ricchezza di circa 9800 euro a famiglia ogni anno.

Anche se l'Olanda non fosse in grado di ottenere accordi come quelli concessi a Svizzera e Norvegia, che sono nel mercato unico europeo pur non essendo membri dell'UE, "l'economia sarebbe in condizioni migliori restando fuori piuttosto che dentro l'unione," sostiene il report.

Lo studio indipendente era stato commissionato da Geert Wilders, leader del partito olandese anti-UE, il Freedom Party, per valutare i costi che l'Olanda dovrebbe affrontare lasciando l'Unione, giacché lui è in testa ai sondaggi nazionali per la corsa alle elezioni europee di questa primavera. "Al contrario di quanto di quanto affermano gli allarmisti, la nostra economia non s'inchioderebbe. Anzi, guadagneremmo miliardi rispetto ad ora," ha detto.

"All'inizio ci sarebbe un periodo di transizione per passare, ad esempio, dall'euro al fiorino. Ma passato quello, l'economia crescerebbe molto più di ora, un dieci percento in più entro il 2024 e un tredici percento entro il 2035." ha concluso.

Sondaggi d'opinione svolti da Maurice de Hond in Olanda hanno rilevato che una maggioranza del 55 percento sarebbe favorevole a lasciare l'UE se si dimostra che ciò porterebbe una maggiore crescita economica e alla creazione di posti di lavoro. Nel 2012 Capital Economics  aveva vinto il prestigioso premio Wolfson  per uno studio su come gestire uno smantellamento ordinato dell'euro, durante il picco della crisi del debito in Europa.

Lo studio, lungo 164 pagine, sdrammatizza i costi e la turbolenza implicati dall'uscita dall'euro. "Ci sono costi economici per lasciare l'UE, specialmente legati al fatto di dover rimpiazzare la moneta unica con una moneta nazionale. Ma questi costi sono modesti e gestibili," afferma.

Molta della crescita economica prevista in caso di abbandono dell'UE, in un paese dominato dal porto di Rotterdam, viene da una "crescita più veloce delle esportazioni verso i mercati non-europei, dovuta alla possibilità di negoziare e commerciare con economie emergenti in rapida crescita senza essere vincolati alle politiche comunitarie europee sul commercio".

Attualmente molti accordi di libero scambio nell'UE sono sospesi o impantanati nei dissensi interni tra paesi più orientati al libero scambio come Gran Bretagna e Olanda e i paesi più protezionisti del blocco latino guidati da Francia e Italia.

Il report sul "Nexit", un'espressione che mescola l'abbreviazione della parola "Netherlands" (cioè "Paesi Bassi", ndt) e la parola "exit" (cioè "uscita", ndt), considera anche che ci sono vantaggi economici nello stare fuori dall'UE, tra cui una riduzione dei costi per le imprese per "un minimo di 20 miliardi all'anno entro il 2034, attraverso il ritorno a una regolamentazione nazionale nelle aree attualmente sotto la giurisdizione delle istituzioni di Bruxelles".

Complessivamente, il rapporto conclude che gli olandesi sarebbero in grado di gestire la propria economia "in modo più efficiente avendo la libertà di stabilire delle politiche monetarie e fiscali su misura per le condizioni del loro paese, e non su misura dell'intera eurozona".

Lo studio riporta anche di una "riduzione della spesa pubblica di  minimo 7,5 miliardi di euro all'anno sino al 2035, per il fatto di non essere più legati alle leggi UE sulla libera circolazione e "attraverso una revisione delle politiche sull'immigrazione per orientarle più strettamente su coloro che possono dare un contributo economico".

Lo studio contraddice un precedente studio ufficiale olandese sui benefici dell'appartenenza all'UE, calcolati in Olanda sui duemila euro all'anno a persona. Jeroen Dijsselbloem, il ministro delle finanze olandese nonché presidente dell'eurogruppo, ha attaccato l'idea del Nexit come "decisamente imprudente", e ha difeso la moneta unica europea.

"Lo leggerò, ma so una cosa per certo: l'Olanda è una potenza economica dell'Europa. Noi guadagnamo la maggior parte della nostra ricchezza commerciando con paesi dell'UE, per cui l'Olanda ha decisamente interesse ad avere un mercato interno in cui il commercio sia facilitato" ha detto.

"C'è anche la moneta unica. Attualmente è molto forte e le condizioni dell'eurozona adesso appaiono molto migliorate  rispetto ad alcuni anni fa. Non c'è motivo di intraprendere nuove avventure. Sarei decisamente contrario."

Articolo scritto da Bruno Waterfield per The Telegraph - Londra e tradotto da Voci dall'Estero - che ringraziamo. 


IL TELEGRAPH: L'OLANDA HA PRONTA LA VIA PER USCIRE DALL'EURO, ECCO LA RELAZIONE TECNICA E PARTITO ANTI-EURO IN TESTA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Telegraph   Bruno Waterfield   Geert Wilders   Capital Economics   Londra   Olanda   sondaggio   euro scettici    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
NOTIZIA BOMBA CENSURATA IN ITALIA: 80 BANCHE CENTRALI (DI TUTTO IL MONDO) IN FUGA DALL'EURO, SOSTITUITO DALLA STERLINA

NOTIZIA BOMBA CENSURATA IN ITALIA: 80 BANCHE CENTRALI (DI TUTTO IL MONDO) IN FUGA DALL'EURO,

giovedì 6 aprile 2017
LONDRA - E' passato quasi un anno da quando gli elettori britannici hanno deciso di uscire dalla UE e tale decisione, lungi dal danneggiare l'economica britannica, l'ha rafforzata enormemente visto
Continua
 
SVEZIA: SVEDEN DEMOCRATS PRIMO PARTITO COL IL 27%, SE VINCERA' LE ELEZIONI DEL 2018 FARA' REFERENDUM PER LASCIARE LA UE!

SVEZIA: SVEDEN DEMOCRATS PRIMO PARTITO COL IL 27%, SE VINCERA' LE ELEZIONI DEL 2018 FARA'

lunedì 3 aprile 2017
Dopo la Gran Bretagna quale paese uscira' dall'Unione Europea? Peter Lundgren non dubbi, il prossimo paese ad uscire sara' la Svezia. L'eurodeputato svedese degli Sveden Democrats, in una
Continua
SEI STATI UE VIETANO ALL'ITALIA PER LA RICOSTRUZIONE DELLE ZONE TERREMOTATE I FONDI DELL'UNIONE EUROPEA (VERGOGNA!)

SEI STATI UE VIETANO ALL'ITALIA PER LA RICOSTRUZIONE DELLE ZONE TERREMOTATE I FONDI DELL'UNIONE

giovedì 30 marzo 2017
Solidarieta' e unita': parole che sono risuonate vuote alla riunione degli ambasciatori dell'Ue, dove sei Paesi - Germania, Finlandia, Danimarca, Austria, Olanda e Svezia - nel giorno della Brexit,
Continua
 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TURCO: ''FACCIAMO SALTARE IN ARIA L'EUROPA, VI MANDIAMO 15.000 MIGRANTI AL MESE''

IL MINISTRO DELL'INTERNO TURCO: ''FACCIAMO SALTARE IN ARIA L'EUROPA, VI MANDIAMO 15.000 MIGRANTI AL

venerdì 17 marzo 2017
ISTANBUL - Il ministro degli Interni turco Suleyman Soylu ha minacciato di "far saltare in aria" l'Europa aprendo le porte della Turchia e inviando 15.000 migranti al mese nel Vecchio continente
Continua
LES ECHOS: ''IL 50% DEGLI ITALIANI PRONTO A VOTARE PARTITI NO-UE NO-EURO E L'80% DEGLI IMPRENDITORI E' CONTRO L'UNIONE''

LES ECHOS: ''IL 50% DEGLI ITALIANI PRONTO A VOTARE PARTITI NO-UE NO-EURO E L'80% DEGLI IMPRENDITORI

martedì 14 marzo 2017
PARIGI - Il tema del rifiuto sempre più vasto e profondo da parte degli italiani nei confronti della Ue è assente dalla stampa nazionale, come fosse una questione marginale.
Continua
 
VISTO DA VICINO / GEERT WILDERS, L'UOMO CHE DOMANI POTREBBE SFERRARE IL COLPO DEL KO ALL'UNIONE EUROPEA

VISTO DA VICINO / GEERT WILDERS, L'UOMO CHE DOMANI POTREBBE SFERRARE IL COLPO DEL KO ALL'UNIONE

martedì 14 marzo 2017
AMSTERDAM - "Il mio idolo - ha detto in un'occasione - è Oriana Fallaci: capì il pericolo musulmano". Classe 1963, cattolico di formazione, nemico dell'immigrazione selvaggia, degli
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA LETTERA INTEGRALE DI NAPOLITANO AL CORRIERE. NAPOLITANO TACE SULL'OFFERTA CHE FECE A LUGLIO A MONTI PER PALAZZO CHIGI

LA LETTERA INTEGRALE DI NAPOLITANO AL CORRIERE. NAPOLITANO TACE SULL'OFFERTA CHE FECE A LUGLIO A
Continua

 
RENZI PRONTO A SOSTITUIRE LETTA OTTENENDO ANCHE LA ''BENEVOLENZA'' DI FORZA ITALIA (PER LA LEGGE ELETTORALE, POI SI VOTA)

RENZI PRONTO A SOSTITUIRE LETTA OTTENENDO ANCHE LA ''BENEVOLENZA'' DI FORZA ITALIA (PER LA LEGGE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!