68.248.951
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

VINCE IL SI' AL BLOCCO DELL'INVASIONE STRANIERA IN SVIZZERA! (E' L'ANTICIPO DELL'ONDA CHE TRAVOLGERA' A MAGGIO LA UE)

domenica 9 febbraio 2014

LUGANO - La Svizzera dice sì a introdurre un tetto massimo di stranieri che possano entrare ogni anno sul suo territorio: a favore si è espresso il 50,3%, mentre contro il piano ha votato il 49,7%. La maggior parte dei sì è stata raccolta nei cantoni in cui si parla italiano e tedesco e nelle zone rurali. Il governo federale svizzero - che comunque ha poteri limitati rispetto i governi cantonali - aveva avvertito dei "rischi" che un esito del genere avrebbe comportato conseguenze nei rapporti con l'Unione europea. Gli oligarchi di Bruxelles infatti a poche ore dall'esito hanno già fatto sentire la loro voce rabbiosa: "Esamineremo le implicazioni di questa iniziativa sui rapporti complessivi fra Ue e Svizzera", fa sapere un portavoce.

L'iniziativa referendaria che oggi ha trionfato, denominata 'Contro l'immigrazione di massa', era stata presentata dal partito nazionalista Unione democratica di centro (Udc). Due anni fa la Svizzera aveva introdotto delle quote per gli immigrati provenienti da otto Paesi dell'Europa centrale e orientale, decisione che era stata fortemente criticata dall'Ue, come era facile prevedere. Il risultato del referendum di oggi va oltre, estendendo queste quote anche agli immigrati provenienti dall'Europa occidentale.

Il risultato della consultazione, che è bene sottolineare sia vincolante, implica che il governo dovrà rinegoziare i trattati con l'Ue relativi alla libertà di movimento dei lavoratori. La Svizzera non è membro dell'Unione europea, ma ha firmato diversi accordi di cooperazione bilaterale con Bruxelles, compreso uno che garantisce ai cittadini dell'Ue di vivere e lavorare in Svizzera, e ai cittadini svizzeri di fare lo stesso nei Paesi europei.

Prima del referendum di oggi gruppi di imprenditori - minoritari rispetto le grandi associazioni imprenditoriali svizzere, ma presentati dalla stampa "internazionale", inclusa quella italiana, come fossero la maggioranza, avevano avvertito che molte delle 80mila persone che si sono trasferite in Svizzera l'anno scorso sono "vitali" per l'economia del Paese e che limitare ulteriormente l'immigrazione potrebbe costare posti di lavoro anche ai cittadini elvetici. I cittadini svizzeri che oggi hanno fatto vincere il referendum evidentemente non sono di questo parere.

Come dicevamo, immediata è stata la reazione dell'Unione europea. La Commissione europea è delusa dall'esito della consultazione e, tramite il portavoce Olivier Bailly, ha fatto sapere che Bruxelles "esaminerà le implicazioni di questa iniziativa sui rapporti complessivi fra Ue e Svizzera. Questo va contro il principio della libertà di movimento delle persone nell'Ue e in Svizzera", ha detto il portavoce. 

Da uno studio realizzato lo scorso 21 gennaio - pilotato per influenzare l'elettorato elvetico - era "emerso" che solo il 43% degli intervistati era favorevole all'imposizione di un tetto all'immigrazione, il 50% era contrario e il 7% indeciso. Un mese prima - in un altro "sondaggio" falsificato pur di provare a impedire al vittoria di oggi -  solo il 37% appoggiava il sì, mentre il 55% era per il no e gli indecisi costituivano l'8%. Lo studio era stato condotto da gfs.bern su 1.420 elettori, con un margine di errore del 2,7%. Ovviamente il risutlato di oggi sbugiarda questa pianficata campagna di disinformazione.

Da ricordare che già nel 2009 un altro referendum ha impedito la costruzione per sempre di "nuovi minareti" in Svizzera. Anche in quel caso i disinformatori professionisti - e finanziati da lobbyes economiche della UE - spacciati per opinionisti e sondaggisti dissero che sarebbe stato un gravissimo errore far vincere il no allislam in Svizzera, ma il popolo elvetico non si è dimostrato sensibile a queste campagne tese a terrorizzare i cittadini.

Nelle ultime settimane l'Unione democratica di centro (Udc), che ha oltre un quarto dei seggi nella Camera bassa del Parlamento svizzero, ha lanciato l'allarme per l'arrivo di immigrati in massa. Per le strade sono stati appesi diversi manifesti: alcuni che mostrano un enorme albero che schiaccia una mappa della Svizzera e altri che ritraggono una donna con il velo sovrastata dalla scritta 'Un milione di musulmani presto?' Hanno interpretato perfettamente il pensiero della gente.

Questa grande vittoria elettorale in Svizzera contro la sciagurata politica della UE che vorrebbe devastare l'Europa intera in nome di un mondialismo che globalizza la povertà, la miseria, la violenza e la cancellazione di ogni libertà dei popoli di decidere il proprio destino e le proprie regole di vita, d'economia e d0organizzazione sociale, è solo un gustoso antipasto.

Alle elezioni europee di maggio, la maledizione della UE, la dittatura degli oligarchi di Bruxelles verranno spazzate via da un'onda gigantesca di popoli che diranno basta. E tornerà la libertà in Europa dei popoli di decidere il proprio destino come oggi è tornata in Svizzera.

max parisi


VINCE IL SI' AL BLOCCO DELL'INVASIONE STRANIERA IN SVIZZERA! (E' L'ANTICIPO DELL'ONDA CHE TRAVOLGERA' A MAGGIO LA UE)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

referendum   Svizzera   oligarchie   UE   elettori svizzeri   libertà   no all'immigrazione    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL POPOLO DELLA BOSNIA (ARMATO FINO AI DENTI) SI E' RIBELLATO ALLE CASTE CORROTTE DEL POTERE FINANZIATE DA NATO E UE.

IL POPOLO DELLA BOSNIA (ARMATO FINO AI DENTI) SI E' RIBELLATO ALLE CASTE CORROTTE DEL POTERE
Continua

 
ILLUSTRE CATTEDRATICO TEDESCO ACCUSA: ''I COSIDDETTI SALVATAGGI DELLA TROIKA VIOLANO LA CARTA DEI DIRITTI UMANI DELLA UE''

ILLUSTRE CATTEDRATICO TEDESCO ACCUSA: ''I COSIDDETTI SALVATAGGI DELLA TROIKA VIOLANO LA CARTA DEI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »