70.689.837
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA CGIA DI MESTRE: LO STATO HA 100 MILIARDI DI EURO DI DEBITI CHE NON PAGA ALLE AZIENDE ITALIANE. FALLIMENTI: +52% (!)

lunedì 3 febbraio 2014

Nel 2013 il numero dei fallimenti registrati in Italia ha superato quota 14.200: un livello mai raggiunto nel recente passato. Ben il 14,5% in piu' rispetto al 2012 e in aumento del 52% se la comparazione viene eseguita con il 2009.

Lo segnala la Cgia. "Oltre agli effetti della crisi economica - spiega il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi - a dare un contributo all'impennata dei fallimenti hanno sicuramente contribuito anche il ritardo dei pagamenti da parte della Pubblica amministrazione, l'incremento del livello di tassazione e la contrazione nell'erogazione del credito praticata dalle banche.

Nonostante nell'ultimo anno lo Stato abbia erogato oltre 20 miliardi di euro e i tempi di pagamento della nostra Pa siano scesi di 10 giorni - prosegue Bortolussi - rimaniamo i peggiori pagatori d'Europa: in Italia il saldo fattura avviene mediamente dopo 170 giorni, contro una media Ue di 61.

Nel 2013 la pressione fiscale ha raggiunto il suo record storico, 44,3%, un livello mai toccato in passato.

Infine, tra novembre 2012 e lo stesso mese del 2013, i prestiti bancari alle imprese sono diminuiti di 60,5 miliardi di euro, pari ad una contrazione del 6,2%". 

A quanto ammontano i debiti della Pa nei confronti dei propri fornitori?

"Tenendo presente che l'anno scorso lo Stato ha pagato circa 22 miliardi di euro di debiti pregressi, e' verosimile ritenere che i creditori della Pubblica amministrazione italiana vantino circa 100 miliardi di euro, esclusi quelli eventualmente maturati nel frattempo", ribadisce Bortolussi spiegando che si tratta di una stima che risulta essere "molto diversa" dalla cifra emersa dall'indagine campionaria presentata nel marzo scorso dalla Banca d'Italia in un'audizione parlamentare.

Secondo i ricercatori di via Nazionale, il debito della Pubblica amministrazione era pari a 91 miliardi di euro (chiaramente da questo importo vanno stornati i circa 22 miliardi di euro pagati nel 2013). Una cifra che, ormai, viene presa come riferimento da tutti gli osservatori ogni qual volta si dimensiona l'ammontare complessivo dei crediti che le aziende vantano nei confronti del settore pubblico. 

"Si tratta di una foto scattata il 31 dicembre 2011, ovvero piu' di due anni fa - conclude Bortolussi - nella quale non sono comprese le aziende con meno di 20 addetti che, ricordo, costituiscono il 98% del totale delle imprese italiane. In questa ricerca, inoltre, non sono state coinvolte le imprese che operano nei settori della sanita' e dei servizi sociali che, storicamente, sono quelli dove si annidano i ritardi di pagamento piu' eclatanti. Alla luce di questi elementi, riteniamo che l'ammontare dei debiti scaduti stimato dalla Banca d'Italia sia sottodimensionato di circa 30 miliardi di euro". 


LA CGIA DI MESTRE: LO STATO HA 100 MILIARDI DI EURO DI DEBITI CHE NON PAGA ALLE AZIENDE ITALIANE. FALLIMENTI: +52% (!)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CGIA   Mestre   debiti   Stato italiano   aziende private   pubblica amministrazione    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SONDAGGIO IN EUROPA: 56% DEI FRANCESI NON SI FIDA DELLA UE. 66% DEI GRECI LA ODIA. 55% DEGLI ITALIANI NON NE PUO' PIU'.

SONDAGGIO IN EUROPA: 56% DEI FRANCESI NON SI FIDA DELLA UE. 66% DEI GRECI LA ODIA. 55% DEGLI

martedì 13 agosto 2019
LONDRA - Come ogni anno la commissione europea pubblica i risultati del cosiddetto Eurobarometro, un sondaggio fatto a livello europeo per conoscere il livello di popolarita' dell'Unione
Continua
 
SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA E SALVINI PREMIER!

SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA

venerdì 9 agosto 2019
Governo al capolinea, si va verso la parlamentarizzazione della crisi, con il premier Giuseppe Conte che potrebbe andare in Senato, per la fiducia, con un calendario ancora da decidere. Intanto ieri
Continua
CONTADINI FRANCESI IN RIVOLTA CONTRO MACRON CHE FIRMA IL CETA E GILET GIALLI IN PIAZZA: PRESA DELLA BASTIGLIA S'AVVICINA

CONTADINI FRANCESI IN RIVOLTA CONTRO MACRON CHE FIRMA IL CETA E GILET GIALLI IN PIAZZA: PRESA DELLA

lunedì 5 agosto 2019
LONDRA - I guai sembrano non finire mai per il presidente francese Emmanuel Macron. Non bastassero i gilet gialli adesso ci sono anche i contadini che protestano vivamente contro l'inquilino
Continua
 
ANALISI / IL PUNTO SULL'ALLEANZA LEGA-M5S, LE RAGIONI CHE UNISCONO E QUELLE CHE DIVIDONO: MA PRIMA L'ITALIA, SEMPRE!

ANALISI / IL PUNTO SULL'ALLEANZA LEGA-M5S, LE RAGIONI CHE UNISCONO E QUELLE CHE DIVIDONO: MA PRIMA

lunedì 5 agosto 2019
La politica è entrata ufficialmente in vacanza e l’augurio è che sia estremamente vantaggiosa ai 5S per raccogliere le idee ed uscire dal tunnel dell’opposizione interna
Continua
FARAGE PRESENTA A NEW YORK WORLD4BREXIT PER COMBATTERE LE CAMPAGNE DIFFAMATORIE DI SOROS E LANCIARE LA BREXIT NEL MONDO

FARAGE PRESENTA A NEW YORK WORLD4BREXIT PER COMBATTERE LE CAMPAGNE DIFFAMATORIE DI SOROS E LANCIARE

lunedì 29 luglio 2019
LONDRA - Nigel Farage e' veramente determinato a far uscire la Gran Bretagna dalla UE e lo dimostra il fatto che da molti anni sia in politica con questo scopo prima tramile lo UKIP e adesso col
Continua
 
LOMBARDIA: BOOM DELL'EXPORT! IL DATO E' CLAMOROSO: +5,8% RISPETTO IL 2018. MILANO +7,4% BERGAMO +13% CREMONA +13,2%

LOMBARDIA: BOOM DELL'EXPORT! IL DATO E' CLAMOROSO: +5,8% RISPETTO IL 2018. MILANO +7,4% BERGAMO

giovedì 25 luglio 2019
MILANO - Dal cioccolato ai formaggi, dal buon cibo al latte sino alle biciclette, alle barche e agli articoli sportivi. Cresce in maniera esponenziale l'export di prodotti legati al turismo dalla
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ADUSBEF E FEDERCONSUMATORI PRESENTANO DENUNCE A OLTRE 100 PROCURE DELLA REPUBBLICA SUL DECRETO-PORCATA BANKITALIA

ADUSBEF E FEDERCONSUMATORI PRESENTANO DENUNCE A OLTRE 100 PROCURE DELLA REPUBBLICA SUL
Continua

 
SI PUO' SALVARE L'EUROZONA? SE FINISCE L'EURO FINISCE LA UE? RISPONDE JACQUES SAPIR, IL GRANDE ECONOMISTA FRANCESE

SI PUO' SALVARE L'EUROZONA? SE FINISCE L'EURO FINISCE LA UE? RISPONDE JACQUES SAPIR, IL GRANDE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!