44.168.926
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL PENSIERO DI PUTIN: ''LA NUOVA MISSIONE DELL'ITALIA: LIBERARE L'EUROPA'' (TITOLO D'APERTURA DE ''LA VOCE DELLA RUSSIA'')

giovedì 30 gennaio 2014

Ogni giorno aumentano l’insofferenza e la frustrazione verso l’Europa. I risultati dell'ultimo sondaggio Demos, commissionato proprio questa settimana dal quotidiano La Repubblica, confermano il drastico calo di fiducia degli italiani verso l'Europa Unita: dal 56,8% del 2000 al 36% di oggi.

Una lenta ma inesorabile discesa “all’inferno” che in pochi avrebbero profetizzato, almeno in tali termini e con questa velocità, per una nazione che era da sempre tra le più convinte sostenitrici del modello federale comunitario.

Il malessere si è diffuso in tutto il continente, ma la tendenza degli elettori “anti-sistema” è quella di fluttuare tra il voto e l’astensione. Prima delle elezioni greche, molti osservatori affermavano che il partito di estrema destra Alba Dorata avrebbe largamente superato il 15%, ma si è fermato a poco più del 7%. In Germania, la formazione anti-euro “Alternative fur Deutschland”, pur ottenendo un buon risultato (quasi il 5%), non è riuscita a entrare nel Bundestag. Ancora da verificare la consistenza del Front National di Marine Le Pen, anche se i sondaggi sono favorevoli.

Proprio in questi giorni in Italia si sta costituendo un’associazione politico-culturale che vuole sostenere con forza “lo smantellamento della sovrastruttura burocratica rappresentata dall’Unione Europea”. Si chiama Libera Europa (http://liberaeuropa.it/) e ha lo scopo di unire tutti gli euro-scettici in un’unica casa. Ad oggi hanno già aderito membri del Tea Party italiano. Il presidente che la guiderà sarà Andrea Benetton, consulente IT e di organizzazione aziendale, divulgatore economico di scuola austriaca, autore presso “The Fielder webmagazine”. “La Voce della Russia” ha deciso di ascoltare dalla sua voce le ragioni di questa scelta.

- A febbraio vi costituirete in associazione. Sappiamo che avete già raccolto un centinaio di adesioni da parte di professionisti e manager italiani. Qual è il vostro obiettivo?

- Libera Europa è un movimento di persone che ritengono che la prospettiva di un’unione politica europea, di un super-stato con capitale Bruxelles, non rappresenti l’ineluttabile destino e nemmeno il compimento più naturale della vicenda continentale. Vediamo che da un lato i cittadini del Sud Europa stanno diventando sempre più ostili alla Germania e ai Paesi del Nord, accusandoli di voler “imporre l’austerità”; dall’altro i cittadini dei Paesi settentrionali stanno diventando insofferenti di fronte al fatto che i loro soldi vengano utilizzati per “salvare” la Grecia e altri Stati dalla finanza “disinvolta”.

- Vede dei pericoli in tali sperequazioni? E che cosa può fare Libera Europa?

- Continuando su questa strada gli attriti rischiano di arrivare a livelli preoccupanti, impensabili tra nazioni occidentali “indipendenti” come Canada e Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda, Svezia e Norvegia. L’Unione Europea non serve gli interessi dell’Italia. Il nostro Paese è uno dei maggiori contribuenti netti al budget europeo: significa che mandiamo a Bruxelles più soldi di quelli che ci tornano indietro. Noi lavoreremo per la prospettiva di un’Europa che riparta dal basso e che ricostruisca forti relazioni economiche e culturali tra gli europei.

- D’altra parte, chi tocca l’Europa si brucia, basti pensare all’Ucraina…

- Ci si lamenta della presunta interferenza russa, mentre invece è evidente che ne esiste una altrettanto forte da parte della UE. Sintomatiche le dichiarazioni di europeisti italiani come l'on. Pittella del PD, che propone sanzioni contro i membri del governo ucraino (governo democratico liberamente eletto e che gode di maggioranza parlamentare) per non avere dato seguito alle trattative con la UE, quando fino al giorno prima gli stessi europeisti lo trattavano da controparte legittima. La situazione ucraina è esacerbata da questo confronto geopolitico che potrebbe essere risolto se non ci fosse la volontà di antagonizzare la Russia.

- Quindi per la vostra associazione, la Russia potrebbe diventare un interlocutore importante della vostra Europa?

- Per i Paesi europei, manifatturieri, la Russia dovrebbe essere un partner strategico. Se in Europa ci fosse soltanto un mercato unico, e non una potenza (la UE) che tenta di creare un nemico esterno per scaricare i suoi problemi interni e di stimolare la necessità di un’unione politica nel campo della difesa, le relazioni con la Russia potrebbero portare a una zona di libero scambio euroasiatica. Una zona di libero scambio non richiede che gli Stati condividano valori etici, ma solo che condividano l'idea generale della libertà di impresa e del libero commercio, le uniche due idee che hanno avuto successo prima che la UE si avviasse (da Maastricht in poi) verso l’ unione politica. D’altronde non si capisce perché si chiede alla Russia convergenza sui valori etici quando si commercia senza problemi con la Cina, che a livello di valori etici è molto più lontana.

La Voce della Russia - scritto da Marco Fontana - che ringraziamo. 


IL PENSIERO DI PUTIN: ''LA NUOVA MISSIONE DELL'ITALIA: LIBERARE L'EUROPA'' (TITOLO D'APERTURA DE ''LA VOCE DELLA RUSSIA'')


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Putin   La Voce della Russia   euro   UE   Andrea Benetton   Libera Europa   Bruxelles   vincoli   Ucraina    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua
LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI, LI USANO GLI OVER 45''

LA STAMPA FRANCESE SCHIANTA IL JOBS ACT DI RENZI: ''HA INTRODOTTO I CONTRATTI-STAGE PER I GIOVANI,

lunedì 20 febbraio 2017
PARIGI - Se in Italia trovare lavoro fisso e' molto difficile, non e' cosi' per i contratti da stagista il cui numero e' letteralmente esploso: e' questo l'aspetto degli ultimi dati sul mercato del
Continua
 
INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1° PERICOLO MIGRANTI ISLAMICI

INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1°

lunedì 20 febbraio 2017
LONDRA - Che l'opposizione all'Unione Europea sia in crescita e' un dato di fatto riconosciuto anche dai parassiti di Bruxelles ma come stanno realmente le cose? Alcuni giorni fa il centro studi
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ANALISTI AMERICANI E RUSSI CONCORDANO: L'EUROPA DELL'EURO POTREBBE CROLLARE NEL 2014. (INDIPENDENTEMENTE DALLE ELEZIONI)

ANALISTI AMERICANI E RUSSI CONCORDANO: L'EUROPA DELL'EURO POTREBBE CROLLARE NEL 2014.
Continua

 
DANIMARCA: IL GOVERNO DI SINISTRA SVENDE SOCIETA' STATALE DELL'ENERGIA A GOLDMAN SACHS! (PEZZO DELLA MAGGIORANZA VA VIA)

DANIMARCA: IL GOVERNO DI SINISTRA SVENDE SOCIETA' STATALE DELL'ENERGIA A GOLDMAN SACHS! (PEZZO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!