50.759.132
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ANALISTI AMERICANI E RUSSI CONCORDANO: L'EUROPA DELL'EURO POTREBBE CROLLARE NEL 2014. (INDIPENDENTEMENTE DALLE ELEZIONI)

giovedì 30 gennaio 2014

MOSCA - Nel 2014 l’Europa potrebbe crollare. Chi lo sostiene e’ il professor Barry Eichengreen, docente di economia e politologia presso l’Universita’ della Califronia, Berkley, che e’ stato intervistato dal settimanale tedesco Der Spiegel. Eichengreen non e’ un professore qualsiasi: nel passato ha lavorato come consigliere del direttore del Fondo Monetario Internazionale.

La sua previsione si basa su dati oggettivi dell’analisi comparativa dell’economia americana e di quella europea. Per ora, infatti, i risultati di questa analisi non incutono ottimismo. Scrive il nostro osservatore Piotr Iskenderov (giornalista de La Voce della Russia)

L’economia statunitense ha gia’ superato le conseguenze degli anni passati e comincia a crescere, mentre di quella europea non si puo’ dire lo stesso. Tale e’ la tesi centrale di Barry Eichengreen. Inoltre, in Europa si mantiene il pericolo di nuove “bolle” finanziarie – causa principale della crisi globale del 2008-2009. Il professore americano ha fatto presente anche che l’Unione Europea non riesce ancora a lanciare in pieno il meccanismo di vigilanza bancaria, le perturbazioni nel settore bancario continuano, mentre la crescita e’ assai insignificante e tra l’altro non riguarda tutti i paesi.

L’instabilita’ finanziaria e le conseguenti speculazioni continuano a determinare le tendenze economiche in Europa. Non a caso negli ultimi giorni i mercati europei sono stati “positivamente scioccati” dalla decisione della Banca di Turchia che ha aumentato i tassi d’interesse.

Secondo alcuni esperti, le azioni della banca turca potrebbbero portare alla stabilizzazione della situazione in Europa. Tuttavia cio’ non risolvera’ i problemi dell’eurozona, ci ha detto il direttore del Centro di studi europei dell’Istituto IMEMO dell’Accademia delle scienze russa, Aleksej Kuznetsov.

I paesi dell’euro continuano ad avere dei seri problemi, per tanto gli speculatori continueranno a sfruttare le oscillazioni dei titoli. L’Unione Europea e l’eurozona certamente sopravviveranno all’anno in corso, perche’ nel settore bancario rimane comunque notevole il ruolo dello Stato che si assume obblighi di stabilizzazione.

Il professor Boris Rubtsov dell’Accademia finanziaria russa ha ricordato che cio’ e’ gia’ accaduto in Spagna.

I problemi riguardano le banche medie e piccole che certamente compongono una determinata parte del sistema bancario nazionale, ma non sono comunque i giocatori principali. Questi ultimi, di solito, vengono aiutati dallo Stato.

Le azioni intraprese dalla Banca di Turchia, paese gia’ diventato 16ma o forse anche 10ma economia del mondo, sono importanti. Tuttavia il fatto che le sue decisioni abbiano tanta influenza sui mercati europei (ricordiamo che la Turchia non fa parte dell’UE e dell’eurozona) dimostra che l’economia europea continua a seguire la strada delle speculazioni piuttosto che quella dello sviluppo dell’economia reale sulla base della produzione.

Articolo scritto da Petr Iskenderov per La Voce della Russia - che ringraziamo. 


ANALISTI AMERICANI E RUSSI CONCORDANO: L'EUROPA DELL'EURO POTREBBE CROLLARE NEL 2014. (INDIPENDENTEMENTE DALLE ELEZIONI)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Russia   Mosca   Voce della Russia   UE   euro   Turchia   banche   Spagna   Stato   BCE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL TELEGRAPH SVELA LA PERICOLOSITA' PER LA DEMOCRAZIA IN EUROPA DELLA ''POLIZIA SEGRETA UE'' (VEDI TRATTATO DI LISBONA)

IL TELEGRAPH SVELA LA PERICOLOSITA' PER LA DEMOCRAZIA IN EUROPA DELLA ''POLIZIA SEGRETA UE'' (VEDI
Continua

 
IL PENSIERO DI PUTIN: ''LA NUOVA MISSIONE DELL'ITALIA: LIBERARE L'EUROPA'' (TITOLO D'APERTURA DE ''LA VOCE DELLA RUSSIA'')

IL PENSIERO DI PUTIN: ''LA NUOVA MISSIONE DELL'ITALIA: LIBERARE L'EUROPA'' (TITOLO D'APERTURA DE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!