50.662.216
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL SEL MOLLA IL PD ALLE ELEZIONI EUROPEE: IL PARTITO DEMOCRATICO E' RIMASTO L'UNICO A FAVORE DEGLI OLIGARCHI UE

domenica 26 gennaio 2014

La legge elettorale frutto dell'accordo Forza Italia - Pd potrebbe costare cara, molto cara, al Partito Democratico: perdere le elezioni prima ancora di andare alle urne. Non è detto che ci arriverà, infatti, alleato del Sel. E senza il Sel, il Pd può anche fare a meno di correre.  Ma prima ancora, con questa divisione interna alla sinistra italiana ressta solo il Pd a favore "dell'Europa", a favore "dell'euro", a favore di questo disastro sotto gli occhi di tutti. Ecco cosa è accaduto al congresso del partito di Vendola.

"Ambasciatore non porta pena". Chissa' se Stefano Bonaccini ha pensato al vecchio adagio, prima di salire sul palco del congresso di Sel in rappresentanza del Pd e del 'grande assente' Matteo Renzi. E, soprattutto, prima di subire una contestazione prevedibile a causa di quella riforma della legge elettorale, firmata Renzi-Cav, che mette a rischio la sopravvivenza dei piccoli partiti. I "buffone' e "vergogna" che accompagnano il suo intervento fin dalla sue prime parole (un "Cari compagne e compagni..." subito interrotto dai fischi) danno il senso dell'accoglienza che i 900 delegati intendevano riservare a Renzi. Sotto accusa c'e' l'intesa con il Cav.

E a poco serve la rassicurazione dello stesso Bonaccini che "Renzi non e' il nuovo Berlusconi". Deve intervenire Nichi Vendola per lasciar parlare l'esponente Dem. Anche se lo stesso governatore pugliese non puo' nascondere le proprie critiche all'accordo per la riforma: "Berlusconi - dice - ha ammesso il suo copyright. Quando la sinistra moderata fa un giro di valzer con lui, pensa di averlo messo nel sacco, e invece..." e' il contrario. I rapporti tra Sel e Pd non sono mai stati cosi' tesi come in questo periodo.

Sono lontani i tempi dell'accordo per le politiche del 2013; ed appare difficile una ricongiunzione in vista delle prossime Europee che pure e' il tema principale del congresso. Vendola si dice "dispiaciuto" per l'assenza di Renzi a Riccione ma ribadisce la propria indipendenza: "L'alleanza con il Pd non e' scritta nelle 'tavole della legge'". Gli interventi si susseguono e la platea di delegati appare sempre piu' tentata dal tagliare drasticamente i ponti con il sindaco di Firenze. Vendola, pur mantenendo un distacco fermo nei confronti del Pd, non vuole arrivare alla rottura. In ballo ci sono le modifiche alla legge elettorale che saranno affrontate in un prossimo incontro: Sel e' pronta "a discutere con la considerazione ed il rispetto che meritiamo" - sottolinea il governatore pugliese - ma "non chiede un 'aiutino' ne' l'elemosina".

Il leader di Sinistra Ecologia e Liberta' non ha perso le speranze e strappa al Pd, per bocca di Bonaccini, la promessa di "non porre preclusioni alle possibilita' di correzioni che riguardino anche la soglia di sbarramento". Sono elementi che difficilmente sposteranno gli equilibri interni ai vendoliani in vista della scelta per le alleanze alle Europee. La platea di delegati non nasconde la sua simpatia per una opzione di rottura con il Pd che porta ad una intesa con Alexis Tsipras, il leader della formazione greca Siryza che punta a federare tutte le forze di sinistra europeiste e della societa' civile in contrapposizione alla 'sinistra di sistema'. Lo si capisce quando i delegati salutano con un lungo applauso (ed un esplicito coro "Tsipras, Tsipras") il messaggio di saluto del giovane leader greco. Tiepida, invece, l'accoglienza per la lettera inviata dal presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz: un appoggio che per Sel significherebbe una automatica alleanza con il Pd. "L'assemblea ha gia' scelto - confida un delegato - Alexis Tsipras sara' il nostro anti-Renzi". (ANSA)


IL SEL MOLLA IL PD ALLE ELEZIONI EUROPEE: IL PARTITO DEMOCRATICO E' RIMASTO L'UNICO A FAVORE DEGLI OLIGARCHI UE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Sel   Vendola   Pd   Forza Italia   elezioni   europee   legge elettorale   Berlusconi   Renzi    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NOAM CHOMSKY DICE QUELLO CHE IL POTERE POLITICO ITALIANO NON VUOLE SENTIRE: LA DEMOCRAZIA E' MORTA DA MARIO MONTI IN POI

NOAM CHOMSKY DICE QUELLO CHE IL POTERE POLITICO ITALIANO NON VUOLE SENTIRE: LA DEMOCRAZIA E' MORTA
Continua

 
RENZI NON HA IDEE CHIARE SULLA ''PATRIMONIALE'' (CHE VUOLE): C'E' GIA' E SE LA INASPRISCE, SCATTERA' LA FUGA DI CAPITALI

RENZI NON HA IDEE CHIARE SULLA ''PATRIMONIALE'' (CHE VUOLE): C'E' GIA' E SE LA INASPRISCE,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!