43.395.364
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LIRA TURCA IN PICCHIATA: IN DODICI MESI HA PERSO IL 21%, NELLE ULTIME 24 ORE IL 10%. A RISCHIO MOLTE BANCHE EUROPEE.

sabato 25 gennaio 2014

E' servito a ben poco l'intervento d'urgenza della Banca centrale turca che per la prima volta in due anni ha venduto 2,5 miliardi di dollari per cercare di porre un freno al crollo della lira. La valuta turca è scesa oggi a 2,3 per euro e 3,2 rispetto al dollaro toccando un nuovo minimo storico. Lo scandalo corruzione che ha colpito il governo a metà dicembre e il graduale ritiro da parte della Fed americana degli stimoli all'economia che avevano favorito la crescita dei mercati emergenti sta indebolendo l'economia turca alla vigilia delle elezioni amministrative, una scadenza fondamentale per il premier Recep Tayyip Erdogan.

Era leggermente risalita sia rispetto al dollaro che rispetto all'euro dopo che ieri la Banca centrale turca ha emesso bond a 10 anni per oltre due miliardi di dollari per prevenire, ma oggi la lira turca, che ha perso da metà dicembre il 10% del suo valore rispetto al dollaro è tornata a scedere. Secondo gli analisti economici turchi la Banca centrale, per prevenire un'ulteriore svalutazione, dovrebbe alzare i tassi d'interesse, ma la forte contrarietà del primo ministro Erdogan, che teme che una misura simile costringerebbe il governo ad abbassare le stime di crescita per il 2014 e faccia aumentare l'inflazione alla vigilia delle elezioni amministrative del 30 marzo, ha spinto l'istituto a non intervenire.

Una situazione di stallo che preoccupa la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers) che ha rivisto al ribasso (dal 3,7 al 3,3) le stime di crescita della Turchia per il 2014. "La forte incertezza politica attuale e la decisione della Fed di metter fine gradualmente alla politica di allentamento quantitativo a dicembre hanno rinnovato le pressioni sulla divisa e aumentato il premio di rischio associato al paese" recita il rapporto diffuso martedì. La lira turca ha iniziato a perdere valore dopo l'annuncio della Banca centrale americana di un graduale ritiro degli stimoli monetari all'economia Usa iniziato a gennaio che ha comportato una diminuzione dei flussi di denaro speculativo da investire nei mercati emergenti, come quello turco. Se l'annuncio della Fed ha avuto effetti negativi sulle economie di molti altri paesi in via di sviluppo: "Ora la lira turca è la valuta che sta scendendo di più tra quelle dei mercati emergenti e ha perso negli ultimi 12 mesi il 21% del suo valore - scrive Joe Parkinson sul Wall street journal. A rendere la situazione ancora più difficile per Ankara, lo scandalo corruzione emerso a metà dicembre che "ha aumentato le preoccupazioni degli investitori rispetto a una crescita che rallenta e problemi economici irrisolti tra cui un disavanzo della bilancia commerciale che ammonta a circa il 7% del Pil".

Timori condivisi anche dalla principale organizzazione imprenditoriale turca, la Tusiad, che ieri ha criticato con forza il progetto di riforma del sistema giudiziario promosso dal governo. Secondo Erdogan la maxi-indagine che ha portato all'arresto di decine di magnati delle costruzioni, politici di primo piano del suo partito e i figli di tre ministri, il 17 dicembre, farebbe parte di un piano architettato dalla confraternita guidata dal potente predicatore musulmano Fethullah Gulen, che avrebbe molti membri nella magistratura e la polizia, per rovesciarlo. Per sventare quello che lo stesso premier ha definito "golpe giudiziario" neutralizzando i giudici pro-Gulen, il Partito della giustizia e dello sviluppo (Akp) ha elaborato una proposta di riforma dell'Alto consiglio dei giudici e i pubblici ministeri (Hsyk), il Csm turco, che prevede la nomina politica dei suoi membri chiave. "Uno scenario che mostri che la Turchia non è in grado di fare i conti con gravi accuse di corruzione nell'ambito delle leggi spingeranno i paesi che investono qui a chiedersi a che (parte di) mondo appartenga, possiamo accettarlo?" ha dichiarato il leader della Tusiad Muharrem Yilmaz ieri durante il congresso annuale dell'organizzazione. Parole che hanno profondamente irritato il premier: "Il presidente della Tusiad non può usare un'espressione come `gli investitori globali non vengono in un paese come questo' se lo fa allora questo è un atto di tradimento verso il paese" ha dichiarato Erdogan oggi durante un evento pubblico ad Ankara. Tutti aspettano a questo punto la riapertura dei mercati valutari lunedì. 


LIRA TURCA IN PICCHIATA: IN DODICI MESI HA PERSO IL 21%, NELLE ULTIME 24 ORE IL 10%. A RISCHIO MOLTE BANCHE EUROPEE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Turchia   tracollo   lira turca   svalutazione   Erdogan   banca centrale   Fed   BCE   Bers   UE   corruzione   rischio   investimenti    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
 
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
 
IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione
Continua
SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo
Continua
 
L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO A FINE 2014 AVRA' 320 MILIARDI DI SOFFERENZE. DEVE ACCANTONARNE 42 PER EVITARE IL DEFAULT!

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO A FINE 2014 AVRA' 320 MILIARDI DI SOFFERENZE. DEVE ACCANTONARNE 42 PER
Continua

 
LA GRANDE BANCA HSBC IMPEDISCE AI CORRENTISTI DI PRELEVARE I LORO SOLDI! NON HA FONDI! (NOTIZIA DIVULGATA DA BBC E SKY)

LA GRANDE BANCA HSBC IMPEDISCE AI CORRENTISTI DI PRELEVARE I LORO SOLDI! NON HA FONDI! (NOTIZIA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

E IL GOVERNO LA CHIAMA ''RIPRESA'': RALLENTERA' LA CRESCITA DEI

20 gennaio - Rallenta la crescita dei consumi delle famiglie, che si stabilizzerà
Continua

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua
Precedenti »